Il fustigatore del Papa ha truffato il fratello per due milioni di euro

Chiese a Bergoglio di dimettersi: ora Viganò deve restituire il maltolto al congiunto prete

Voleva moralizzare la Chiesa, ma si era dimenticato di vigilare sui propri conti. Ora Carlo Maria Viganò, il potente arcivescovo che nei mesi scorsi aveva chiesto addirittura le dimissioni di papa Bergoglio, viene sconfessato dalla magistratura di Milano. Nessun passo avanti, ma anzi una scivolata molto imbarazzante: il tribunale civile del capoluogo lombardo gli ordina infatti di restituire al fratello Lorenzo, pure sacerdote, una cifra che sfiora i 2 milioni di euro. Per l'uomo che voleva rinnovare il Vaticano una pagina nera, l'epilogo inglorioso di una guerra fratricida sullo sfondo di proclami altisonanti.

Nel 1961, alla morte del padre, un imprenditore dell'alta borghesia lombarda, i due sacerdoti avevano mantenuto la cointestazione dei beni e formato una comunione ereditaria. In pratica Carlo Maria amministrava anche le proprietà di Lorenzo, completamente assorbito dallo studio delle Sacre Scritture.

Cosi per decenni, poi qualcosa si è rotto. Lorenzo si era accorto che i conti non tornavano e aveva chiesto spiegazioni al fratello, intanto arrivato ai piani alti del Governatorato del Vaticano. E a un passo dal cardinalato. Ma il rendiconto non è mai arrivato e Lorenzo ha preso la strada della carta bollata per far valere i propri diritti.

L'arcivescovo aveva risposto con una mossa degna di una tenebrosa saga rinascimentale: aveva controdenunciato la sorella Rosanna, accusandola, nientemeno, di circonvenzione d'incapace. In pratica avrebbe manipolato l'innocuo Lorenzo, colpito da un grave ictus, per screditare l'altro fratello e le sue fiammeggianti battaglie per lavare i panni sporchi della Chiesa. Cosi, in un clima surreale, Lorenzo era stato costretto a lasciare i suoi amati testi sulle lingue dell'antichità e a presentarsi a Palazzo di giustizia per dimostrare di essere ancora presente a se stesso. Umiliazioni e intrighi familiari, nella cornice di Watileaks, dei corvi e di un vorticoso movimento di denari.

La comunione fra i Viganò comprendeva al 30 settembre 2010, secondo le stime di Lorenzo, beni immobili per circa 20 milioni di euro, più quasi 7 milioni di euro parcheggiati sui conti correnti. Un patrimonio ingente che Carlo Maria avrebbe gestito senza trasparenza e, anzi, senza rispettare gli interessi del fratello.

Eppure, in questa situazione di scontro violentissimo, con la famiglia dilaniata da una mortificante faida, Carlo Maria aveva strattonato papa Ratzinger: il 7 luglio 2011 infatti aveva scritto a Benedetto spiegandogli con un certo ardimento di non poter accettare l'incarico, peraltro strategico, di nunzio negli Usa per rimanere vicino al fratello infermo. Che ancora una volta aveva smentito e protestato, mentre Rosanna, in una telefonata registrata, svelata dal Giornale nei mesi scorsi, aveva definito Carlo Maria un «farabutto», abilissimo come un prestigiatore nell'ingannarla e portarle via una casa in Svizzera.

Ora Lorenzo e Rosanna, assistiti in tutti questi tortuosi anni dagli avvocati Francesco e Biagio Giancola, vedono finalmente riconosciute le proprie ragioni. L'ammanco c'è stato, come sostenuto con tenacia dai due legali: Carlo Maria deve restituire a Lorenzo 1,8 milioni di euro. Più di due milioni con gli interessi. Probabile che, come in tutte le dinasty che si rispettano, ci sia un secondo round in corte d'appello. Per ora però c'è questo verdetto. Pesantissimo: la tonaca che voleva rendere pure le finanze del Vaticano gestiva in modo «impuro» le finanze dei Viganò.

Commenti
Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 15/11/2018 - 09:00

Il più sano di questa masnada di truffatori, ha la rogna.

simone64

Gio, 15/11/2018 - 09:14

Hai capito il Brianza.......grazie alla redazione per la gentile pubblicazione

Ritratto di navajo

navajo

Gio, 15/11/2018 - 09:51

Questi "Signori" al momento di diventare sacerdoti pronunciano i voti di Obbedienza, Castità, POVERTA'. Capito? POVERTA'!! Poi hanno attici, fuoriserie, hotel e ristoranti di lusso, compagne/compagni, mentre quelli veri operano nei lebbrosari dei paesi del terzo mondo.

Kino

Gio, 15/11/2018 - 10:03

Chi tocca il pampero muore.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 15/11/2018 - 11:07

Quanta bella gente in Vaticano!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 15/11/2018 - 11:10

Scusate e questo cosa c'ente con le accuse a Bergoglio di protegger ela lobby gay del Vaticano ? Sono fatti privati che nulla tolgono alla coraggiosa denuncia di Viganò.

antonio54

Gio, 15/11/2018 - 12:02

Anna 17: analisi perfetta. Bravissima...

PaoloPan

Gio, 15/11/2018 - 12:04

e allora??? Bergolio DEVE comunque RISPONDERE alle GRAVISSIME ACCUSE di mons. Viganò. Perché non risponde? ... ma stiamo scherzando? Bergolio è accusato di aver protetto e promosso pedofili e predatori sessuali di giovani seminaristi.

agiuliani

Gio, 15/11/2018 - 13:31

vabbè l'accusa (va fatto il processo..o avete già giudicato a prescindere..?), però resta il fatto che BERGOGLIO NON HA MAI RISPOSTO ALLA DOMANDA:

Pierluigi64

Gio, 15/11/2018 - 13:44

Dottor Zurlo, occorrerebbe aspettare la fine della vicenda giudiziaria perché una persona è innocente fino alla sentenza definitiva. O il garantismo deve valere solo per Berlusconi? Inoltre, come qualcuno ha già evidenziato, non si capisce cosa centri questa vicenda personale con la richiesta di chiarimenti da parte di Viganò al papa. Il giudizio sulle idee deve essere distinto da quello sulle persone.

Ritratto di navigatore

navigatore

Gio, 15/11/2018 - 13:46

anche in VATICANO, i soldi sono soldi e tali danno il POTERE, al clero, non ai miserabili cristiani

birillo67

Gio, 15/11/2018 - 13:48

I fratelli dell'arcivescovo hanno smentito con un comunicato di 4 pagine che ricostruisce tutta la vicenda!

Ritratto di QuoVadis

QuoVadis

Gio, 15/11/2018 - 14:08

Stefano Zurlo: Fervidi complimenti per il fango telecomandato. Come hanno già scritto altri, questo aspetto della vita privata di mons. Viganò, poco ha a che vedere con le risposte, e non solo queste, che tutti i cattolici svegli stanno ancora aspettando, a partire dalle domande relative all'Amoris Letitiae. La Chiesa Cattolica sta correndo un grave pericolo, ma il Vero Nocchiero non permetterà a questa nave di andare a sbattere. State tutti sereni!

luber47

Gio, 15/11/2018 - 16:04

Caro Zurlo hai toppato alla grande. Non interessano le beghe familiari di Viganò, interessa il fatto che la sua precisa domanda non abbia avuto risposta. Il famoso "giudicate voi" non è una risposta è, oltretutto, un'apologia del relativismo più sfrenato a fronte di un fatto oggettivo (si o no). Mt 21,37 "Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno".

corivorivo

Gio, 15/11/2018 - 16:31

Zurlo...ci sei o ci fai?!

Happy1937

Gio, 15/11/2018 - 17:11

E’ una cosa nota da tempo secondo testimonianza di fratello e sorella del Vigano’. Comunque i suoi avversari non sono migliori di lui. Una bella lotta fra posseduti da Satana, che esiste e lavora alacremente all’interno delle mura leonine.