La Germania lancia l'allarme: "Volkswagen può rovinarci"

Il viceministro Spahn: "Auto centrale per la nostra economia". Indagato l'ex ad Winterkorn. Sono due milioni le Audi truccate

Berlino lancia l'allarme sull'economia tedesca nel giorno in cui il «dieselgate» contagia anche Audi e Skoda. «L'industria automobilistica è fondamentale per l'economia della Germania - ha detto ieri il viceministro dell'Economia Jens Spahn - e lo scandalo scatenato dai test truccati di Volkswagen può avere un grosso impatto, e ciò dovrebbe preoccuparci». D'altra parte, l'automotive è la colonna portante dell'industria manifatturiera tedesca e in ballo ci potrebbero essere ben 3 punti di Pil. Il giro d'affari, compreso l'indotto, supera i 300 miliardi e ogni anno dalle fabbriche della Germania escono circa 5,5 milioni di veicoli, il 77% dei quali finisce su mercati stranieri.

Tuttavia, l'allarme di Berlino suona più come un avvertimento per l'Europa intera e per chi, dentro e fuori il Vecchio Continente, prepara cause legali. La locomotiva d'Europa lo sa, se va a picco lei, trascina anche gli altri Paesi dell'Unione: la Germania è la prima economia dell'Ue con un Pil che rappresenta il 29% di quello dell'Eurozona e colonna portante della sua economia è proprio l'industria che vale il 25,5% del Pil. «La preoccupazione tedesca è legittima - spiega Gabriele Roghi di Invest Banca - tuttavia credo che se ci sarà un impatto dal caso Volkswagen sui fondamentali, non sarà prima del 2016, e sarà tutto da verificare. Piuttosto, credo che l'esecutivo voglia nascondere dietro il dieselgate le reali ragioni delle proprie preoccupazioni: ovvero un'Europa a trazione tedesca che non riparte e resta in crisi». Insomma, il paradosso è che la crisi generata dallo scoppio (improvviso) dello scandalo Volkswagen confonde le acque di fronte a dati economici che dimostrano il fallimento delle ricette della Cancelliera Angela Merkel: l'austerity prima, interventi a mero supporto del settore finanziario poi e un eccessivo sviluppo dell'export per sopperire alle mancanze interne. «C'è un eccesso d'offerta e di produttività che non puo essere assorbita - spiega Roghi - perchè i redditi non sostengono i consumi e non ci sono politiche di sviluppo. Questo ha già da tempo innescato un rallentamento dell'economia in cui noi però riconosciamo solo le concause esogene che si innescano in un tessuto economico già fragile, da ultime la crisi cinese o lo scandalo delle auto truccate».

Una truffa che si allarga giorno dopo giorno e alla quale ieri si sono agggiunte anche Audi e Skoda. La prima con 2,1 milioni di veicoli coinvolti e la seconda con 1,2 milioni di mezzi. Una situazione caotica che sta mandando in tilt tutto il settore delle quattro ruote (Stoxx auto -3,64%) con Volkswagen che nel giorno in cui risulta indagato l'ex ceo, Martin Winterkorn, perde il 7,44 per cento. Male anche gli altri big del settore: Porsche ha perso il 6,93%, Peugeot il 5,08%, Renault il 4,66% e Fca il 4,95 per cento.

E così, per cercare di rimettere ordine, almeno in casa propria, da Berlino è partito un ultimatum che obbliga Volkswagen a risolvere il problema entro il 7 ottobre. Se il termine non verrà rispettato sarà ritirato il permesso alla circolazione della auto truccate. Così, la casa tedesca al centro dello scandalo, sta preparando un maxi piano di richiamo di 11 milioni di auto. E, per precauzione, ha chiesto di sospendere vendite, immatricolazioni e le consegne di modelli equipaggiati con motori diesel EA 189 omologati Euro 5. Fuori dalla Germania, la Svizzera ha vietato le vendite di 180 mila auto Volkswagen con sistemi di emissione obsoleti, estendendo il divieto a tutte le auto diesel Euro 5.

Commenti
Ritratto di cokieIII

cokieIII

Mar, 29/09/2015 - 09:02

esattamente il contrario: sbattendo fuori chi ha barato (la kulona), rimangono nell'ue quegli stati che il deficit si sono sforzati di pagarlo; cosi' l'eu si riassesta e guadagna credibilita'

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mar, 29/09/2015 - 09:11

È kwello ke speriamo Kulona!

antipifferaio

Mar, 29/09/2015 - 09:16

Tranquilli, io come molti miei amici ormai compriamo solo prodotti dove NON c'è la scritta "made in germany". Anzi, proprio se c'è la evitiamo volutamente. Il motivo reale è che ho scoperto da poco che sulle VW & affini l'unica cosa veramente di qualità sono le strumentazioni di bordo le quali, guarda caso, sono prodotte in Italia e poi ovviamente rimarchiate dai Krukki pataccari. Mai come adesso mi rende felice un sano nazionalismo a cominciare dal cibo (quello tedesco fa davvero schifo) agli oggetti in genere prodotti in patria.

Ritratto di Overdrive

Overdrive

Mar, 29/09/2015 - 09:21

Ottimo... hai visto mai che vendiamo qualche macchina italiana in più?

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mar, 29/09/2015 - 09:21

Finisce che gli declassano il debito...

gneo58

Mar, 29/09/2015 - 09:43

tutto programmato a tavolino, come del resto tutti i casini mondiali.

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 29/09/2015 - 09:58

Volgiamo andre a fondo del bilancio di Deutsche Bank?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 29/09/2015 - 10:06

E all'"AD",dopo tutto questo,gli hanno dato pure una liquidazione faraonica,e gli daranno una pensione faraonica!!!....Anche la "germania" è messa bene!!

Ritratto di gianky53

gianky53

Mar, 29/09/2015 - 10:31

"Volkswagen può rovinarci": speriamo avvenga, così gli altri Paesi europei saranno liberi di vivere e prosperare senza l'egemonia teutonica.

Jimisong007

Mar, 29/09/2015 - 10:39

Avete barato su tutto, spread incluso, l'inestà non è il vostro forte

Paolino Pierino

Mar, 29/09/2015 - 10:45

Obama è l'artefice della porcata ?? Aiuta alcune case costruttrici di auto elettriche? Il Giappone pure? Non sono trucchi è la classificazione assurda e gli ambientalisti che ci sguazzano la rovina . Credono che fermando le auto si fermerà l'inquinamento? E tutti gli altri mezzi di trasporto, di lavoro, i trattori le macchine movimento terra le stalle le acciaierie le centrali nucleari gli aerei il riscaldamento con la legna e tante altre fonti che utilizzano energia Forse se si ritornasse allo stato primordiale poi moriremo per malattie di fatica e di fame.

DeZena

Mar, 29/09/2015 - 10:48

MAGARI!! cosi' capiscono anche loro cosa vuol dire stare nella polvere Dall' unificazione in avanti han solo fregato i partner europei

Anonimo (non verificato)

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 29/09/2015 - 11:14

I peggiori nemici dei tedeschi sono I tedeschi stessi.

Mr Blonde

Mar, 29/09/2015 - 11:15

da apprezzare che non gridano al complotto ma piano ammettono e credo ne verranno fuori come azienda e come paese. Da noi minimo ce la saremmo presa con tutti i poteri del mondo e magari qualcuno scendeva anche in campo per tutelarsi meglio

vince50_19

Mar, 29/09/2015 - 11:19

Naturalmente la cotoletta amburghese nulla sapeva e così salva il suo poderoso lato "b"! Lei immagina.. Ah .. non ci sono più i teutonici di una volta, quelli che, essendone per giunta a conoscenza, si assumevano responsabilità per sfaceli intra moenia come questo. Si è quasi quasi "italianizzata .. ahahahaha .. Intanto ho la sensazione che certi plenipotenziari "filantropici" Usa stiano iniziando una lenta demolizione anche degli uber alles..

Ritratto di orcocan

orcocan

Mar, 29/09/2015 - 11:30

Dicono che la storia non si ripete, ma mi sembra invece che continui. In qualsiasi frangente quando la Germania va male trascina tutta l'Europa, quando va bene è la sola ad arricchirsi.

Ritratto di Chichi

Chichi

Mar, 29/09/2015 - 12:26

Sa di ricatto: «se affondiamo noi, affondate anche voi». É vero, forse, il contrario. La «locomotiva europea» si sta rivelando una locomotiva spompata, che, barando praticamente su tutto, ha cercato di sistemare se stessa a scapito degli altri paesi UE. Se affonda la Germania, in Italia, come in tanti altri paesi europei, c’è abbastanza capacità e voglia di intraprendere e know how per riprenderci anche quello che i tedeschi si sono comprati a prezzi di svendita. Triste storia, quella tedesca: quando rialzano la testa dopo aver cominciato una guerra devastante, subito ricominciano ha insolentire con i paesi vicini. Forse stiamo assistendo alla fine della terza guerra mondiale, tutta commerciale e industriale questa volta. Distruzione ce n’è stata molta anche in Italia, grazie agli impensabili alleati della Merkel, ma a fondo ci andrà solo la Germania.

antipifferaio

Mar, 29/09/2015 - 16:20

Negli States la Tesla, ormai famoso marchio di auto elettriche, sta facendo grandi investimenti per passare dalla produzione di fuoriserie a quella di massa. Beh...che c'entra tutto questo? C'entra...c'entra! Comuque sia, come si suol dire con la truffa VW si prendono 2 piccioni con una fava. Ovvero, per primo si mettono da parte le puzzolenti "auto a petrolio" e finalmente si va sulla locomzione pulita, ossia elettrica. Secondo, si mette kaput la kulona vista la presunzione di superiorità a voler dettar legge in un Europa, peraltro ormai sgangherata, anche senza averne i requisiti.

vince50_19

Mar, 29/09/2015 - 16:27

Mr Blonde - Ottimista ma solo in casa d'altri, noto.. Potrebbe, volendo, considerare di andare "colà" a vivere, così potrebbe trarne profitto personale. Chi ha ridotto l'Italia in questo stato penoso? Il Silvio naturalmente.. Prima della sua discesa era tutto perfetto, no? Basta dare un'occhiata a quello che avvenne il 2.6.92 sullo Yacht Britannia, quali furono gli ospiti e chi decise di iniziare a sfasciare l'Italia allora, iniziando con una finanziaria da 92mila miliardi, chi svendette l'Iri agli amici banchieri americani etc. etc. mentre, per tenere occupata l'attenzione della gente, chissà perché in quel periodo morirono due valenti magistrati a Palermo. Queste cose le suggerisce un certo Imposimato..

freud1970

Mar, 29/09/2015 - 17:21

Io credo che auguraci che le cose vadano male agli altri non porta nessun risultato a noi. Dobbiamo unirci per mettere al governo del nostro paese, persone serie e capaci, con la volonta' di tirarci fuori da questa melma nelle quale viviamo da 20 anni. Il mio e' un pensiero apolitico, non me ne frega niente dei vari partiti e partitini che vivono del sudore della nostra pelle, tanto ormai non esistono piu' i partiti, esistono gli opportunisti. con relativa compravendita dei politici. Il sistema E' MARCIO, BISOGNA AZZERARE, RESETTARE, E RIPARTIRE.

ghibli10

Mar, 29/09/2015 - 19:18

ma loro fino ad ora cosa hanno fatto hanno voluto le aranciate senza succo di arancia i formaggi senza latte fresco, ecc. rovinando l'economia italiana questo è il minimo che si sono meritati da imbroglioni quali sono