Giornata internazionale dei rom, Salvini: "Sarebbe una festa se rubassero meno"

L'appello di Mattarella: "Superare pregiudizi e xenofobie e favorire l'integrazione". Ma Salvini: "Se rubassero meno, sarebbe davvero festa"

L'8 aprile si celebra la Giornata internazionale del popolo rom e sinto. Dalla Fondazione Migrantes alla comunità Sant'Egidio hanno tutti chiesto alla politica italiana un maggiore impegno per favorire l'integrazione dei nomadi. Prima del Regina Coeli, in piazza San Pietro, papa Francesco ha invitato a "favorire la cultura dell'incontro" e a evitare qualsiasi tipo di discriminazione. Anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rivolto il suo augurio "a tutte le persone che hanno radici nella cultura millenaria di questi popoli antichi, e che ne condividono, oggi, i problemi, le difficoltà, le speranze". Durissimo, invece, Matteo Salvini. Che su Facebook ha scandito: "Se rubassero meno, sarebbe davvero festa".

La Giornata internazionale del popolo rom e sinto è stata celebrata in primis da Mattarella. "Ricorrenza del primo storico Congresso mondiale del popolo rom, che si tenne a Londra nel 1971, questo giorno - ha scritto il capo dello Stato in una nota - sottolinea il valore della memoria, linfa preziosa per tenere viva l'identità e la coscienza collettiva, nella partecipazione positiva allo sviluppo delle realtà in cui le famiglie e le comunità rom sono oggi inserite". Il presidente della Repubblica ha ricordato il Porrajmos, l'olocausto dei rom che ha definito "tributo di sangue spaventoso per i numeri e per le sofferenze che la ferocia nazista impose a giovani e anziani, a donne e bambini". "Questa tragedia appartiene a pieno titolo alla comune storia europea e costituisce appello ulteriore alla responsabilità per superare pregiudizi, arbitrarie generalizzazioni e diffidenze residue che alimentano discriminazioni, xenofobie, ostilità - ha continuato - le convenzioni internazionali sottoscritte dal nostro Paese, a partire da quella relativa allo statuto delle persone apolidi del 1954, a quella relativa alla riduzione della apolidia del 1961, impegnano l'Italia a favore della inclusione di persone e culture, per assicurare pari opportunità nell'esercizio dei diritti, compresi quelli economici e sociali". Per Mattarella, infine, "la strada dell'integrazione, nel rispetto della libertà di espressione di ciascuna cultura", deve essere "il punto di forza della comune vicenda europea".

Anche papa Francesco ha ricordato i rom e i sinti prima di recitare il Regina Coeli in piazza San Pietro. "Auguro - ha scandito il Santo Padre - pace e fratellanza ai membri di questi antichi popoli, e auspico che la giornata odierna favorisca la cultura dell'incontro, con la buona volontà di conoscersi e rispettarsi reciprocamente - ha continuato Bergoglio - è questa la strada che porta a una vera integrazione". A questo coro di appelli non si è accodato Salvini. Che su Facebook ha commentato: Oggi è la giornata internazionale di Rom, Sinti e Caminanti. Se molti di loro lavorassero di più e rubassero di meno, se molti di loro mandassero i figli a scuola invece di educarli al furto, sarebbe davvero una festa".

Commenti

VittorioMar

Dom, 08/04/2018 - 13:42

..IN VERITA' SONO LORO CHE CI FANNO "LE FESTE" !!

cecco61

Dom, 08/04/2018 - 13:44

Tante belle parole ma, come sempre, dovrebbero rivolgerle a rom e sinti, non a noi. Sono loro che preferiscono rubare anziché lavorare onestamente, sono loro che non si vogliono integrare e vedono noi altri solo come polli da spennare. Il presidentucolo che ci ritroviamo, oltre a chiedere "il rispetto della libertà di espressione di ciascuna cultura" dovrebbe aggiungere che ciò vale solo se non costituisce violazione di Legge: quindi mandare i bimbi a scuola e non rubare.

aredo

Dom, 08/04/2018 - 13:51

Il Comunista Padano Matteo Salvini del centro sociale Leoncavallo non concepisce il concetto del "NON RUBARE" ma solo quello del "RUBARE DI MENO". D'altronde che altro ci si può aspettare da un comunista leoncavallino ?

venco

Dom, 08/04/2018 - 14:10

Sarebbe una festa se non rubassero e lavorassero per vivere.

caren

Dom, 08/04/2018 - 14:44

Come al solito, i "capi", non spendono una parola per gli italiani, ma parlano sempre e solo di diritti a favore dei rom. Il punto è un altro, cioè che questa gente non intende minimamente rispettare l'ordine e le regole sociali. Bravo Salvini, ma io al suo posto avrei detto: "Se non rubassero proprio, sarebbe una festa". Cordiali Saluti.

Ora

Dom, 08/04/2018 - 14:45

Hai ragione Salvini,ma quando restituite i 50 milioni di euro che avete rubato agli italiani?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 08/04/2018 - 14:57

se rubassero meno!!!!!???? Se rubassero affatto! Aggià, come disse quel comico, chi non ha mai rubato le matite e le gomme alla Standa. Quindi dovremmo essere chi più e chi meno tutti ladri!

Gianni11

Dom, 08/04/2018 - 15:18

Non esistono "rom" o "sinti". Sono zingari provenienti dall'India e li' devono tornare.

Alessio2012

Dom, 08/04/2018 - 15:36

SALVINI NON SE NE RENDE CONTO MA ATTACCANDO I ROM FAVORISCE L'INVASIONE AFROISLAMICA...

Malacappa

Dom, 08/04/2018 - 15:58

Sarebbe davvero una festa se li cacciassero

routier

Dom, 08/04/2018 - 16:10

"Se rubassero meno, sarebbe davvero festa". E se non rubassero affatto non sarebbe meglio?

tormalinaner

Dom, 08/04/2018 - 16:26

La solita giornata demagogica buonista di chi vive nei quartieri senza zingari. Ma davvero pensano che di zingari vogliano integrarsi quando sono liberi di rubare e di non pagare le tasse senza conseguenze penali!

Anonimo (non verificato)

giovanni235

Dom, 08/04/2018 - 17:49

Mattarella dice di mettere da parte i pregiudizi per poterli integrare.Perchè non se ne porta un centinaio nelle innumerevoli stanza del Quirinale???Scommetto che entro una settimana le stanze che occuperebbero si troverebbero completamente spoglie di ogni mobile o suppellettili dal soffitto alle pareti e magari anche di pavimenti se trovano gli acquirenti.Provi, Presidente,e vedrà come si troverà Lei integrato.

manson

Dom, 08/04/2018 - 18:02

ci mancava la festa dei rom... ovviamente il pampero e l'inutile mummia non hanno perso l'occasione di blaterare a vuoto.. I rom non si integrano sono ladri parassiti delinquenti che maltrattano i loro figli non mandandoli a scuola e insegnando loro ad essere delinquenti

jaguar

Dom, 08/04/2018 - 18:05

Ora 14:45, quando qualcun altro restituirà i miliardi rubati alle banche.

caren

Dom, 08/04/2018 - 18:13

Perché non avete pubblicato l'altro mio commento? Li tirate a sorte come le palline della lotteria?

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Dom, 08/04/2018 - 18:25

"Se rubassero meno, sarebbe davvero festa"? E che cavolo di frase ambigua è questa? Non è certo un’anfibologia ma una frase che si presta a essere interpretata in tanti modi: per questo debole in partenza. Insomma niente di apoditticamente enunciativo e rigoroso come solo un vero statista o dittatore del pensiero sa imporre rispettivamente per il bene della comunità nel suo insieme e per sostenere il principio della coerenza a fondamento di un sistema. Vedendo il miraggio di un potenziale incarico di governo, anche Salvini sta umanamente 'ammosciandosi'? Che l'Italia sia destinata a sprofondare sul serio? Sembra proprio di sì.

Miraldo

Dom, 08/04/2018 - 18:28

Giuste parole quelle di Salvini. I rom rubano ne più ne meno quanto i componenti del Pd,M5s e Forza Italia................

Una-mattina-mi-...

Dom, 08/04/2018 - 18:51

I PREGIUDIZI LI HANNO QUELLI CHE LI FESTEGGIANO

ARGO92

Lun, 09/04/2018 - 02:29

NON SAPEVO CHE C E UNA FESTIVITA PER I DELINQUENTI ZINGARI EVVIVA MA COME SON FELICE