Governo ladro di pensioni

La rapina dell'esecutivo: non vogliono rimborsare chi prende un assegno più alto

Se abbiamo capito bene, e temo proprio di sì, il governo Renzi si rifiuta di applicare la sentenza della Corte costituzionale che impone di restituire i soldi sottratti ai pensionati con la famigerata legge Fornero-Monti. «Rimborsi totali sarebbero immorali», ha spiegato il sottosegretario Zanetti, vice del ministro Padoan. E nessuno lo ha smentito. Io penso che «immorale» sia stato mettere le mani nelle tasche degli italiani che avevano fatto un patto con lo Stato al quale, durante la vita lavorativa, avevano affidato in prestito una consistente parte - i contributi pensionistici - del frutto della loro fatica. Io penso che «immorale» sia un membro del governo che essendo incapace di recuperare le risorse necessarie (cosa per cui è lautamente pagato da noi) dà degli «immorali» a chi ha mandato avanti il Paese negli ultimi trent'anni e oggi si dovrebbe godere il giusto riposo.

Ma soprattutto è «immorale» un governo, quello del duo Renzi-Alfano, che si rifiuta di eseguire una sentenza della massima Corte e poi perseguita con metodi da strozzino di strada chi non paga al centesimo e al minuto una multa per divieto di sosta. Se non avere i soldi per pagare è buon motivo per non pagare, be' allora liberi tutti. Se la fa franca Renzi, devono farla franca anche l'imprenditore che non riesce a pagare le tasse, la pensionata che non arriva a onorare il canone Rai, chi non è in condizione di versare l'Imu sulla casa. Uno Stato evasore (lo è già non pagando i rimborsi dei debiti con le imprese) non ha alcuna autorità morale per pretendere rettitudine dai cittadini. Tantomeno ha il diritto di scatenare loro contro esattori con la bava alla bocca.

Se Renzi vuole fare l'evasore (sia pure all'inverso, non restituendo cioè tasse ingiustamente incamerate) e non rispettare le sentenze della Corte costituzionale, si accomodi. Se il presidente Mattarella (ostaggio del suo grande elettore, come dimostra il silenzio sulla legge elettorale ad personam ) glielo permetterà, faccia pure. Ma nessuno accampi scuse che «i soldi non ci sono». Quando si trattò di comperare il consenso per vincere le elezioni europee con i famosi 80 euro a pioggia, i soldi Renzi li trovò senza tante storie. Dieci miliardi tondi, più o meno quello che servirebbe per onorare la sentenza. Che dice, caro premier, di uno scambio? Dirotti quei soldi «elettorali» sulle pensioni. Se poi perderà voti ce ne faremo una ragione.

servizi da pagina 2 a pagina 7

Commenti

geronimo1

Gio, 07/05/2015 - 15:58

La distinzione tra pensioni "alte" o "basse" non ha alcun senso: nasce solo dalla loro ideologica "equa spalmatura della miseria"!!!! Avrebbe piuttosto senso distinguere tra pensioni "vere", ovvero maturate con i criteri retributivi e/o contributivi vigenti, e quelle "rubate" grazie a vitalizi, prebende, regalie, ecc...... Se facessimo questo repulisti vedreste che i soldi spunterebbero!!!!

scric

Gio, 07/05/2015 - 16:11

Caro Dr. Sallusti, se posso penso anch'io che sia «immorale», che negli anni questi sigg.ri cambiamo le regole per raggiungere la pensione come il diritto alla pensione e al sistema.in democrazia credo che sia corretto che ogni lavoratore vada in pensione con la legge in vigore di quando è stato assunto, e inoltre se ci sono lavoratori che non raggiungno il minimo DEVONO percepire la pensione in ragione di quanto è stato versato, in germania credo che sia così

Rossana Rossi

Gio, 07/05/2015 - 17:50

Caro Sallusti, siamo in mano a questa vergognosa gente incapace pasticciona usurpatrice di potere, tiranna e fascista oltre misura al cui confronto Mussolini era un vero modello di democrazia. Ma agli italioti gli sta bene, sono tutti incantati dalle note del pifferaio magico...........

amedeov

Gio, 07/05/2015 - 22:58

Togliamo la pensione a chi la percepisce con la legge Mosca. Quanti soldi uscirebbero fuori per darli a chi ha lavorato e versato contributi per una vita

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 08/05/2015 - 00:14

Facciamo il caso di un pensionato che muore dopo pochissimi anni che è andato in pensione (caso non raro). In questo caso, l'INPS smette di erogare la pensione; ma l'importo versato dal lavoratore è ben superiore a quello che l'INPS ha restituito. Perché la differenza se la tiene l'INPS e non viene restituita, per esempio, agli eredi? C'è la pensione di reversibilità nel caso di un coniugato, ma ci sono tantissimi altri casi di persone non coniugate, il cui contributo viene trattenuto (illegalmente, dico io) dall'INPS. Quello che un lavoratore versa all'INPS durante la sua vita lavorativa è suo e gli deve essere restituito tutto. Se il pensionato non riesce a usufruire di tutto l'importo che ha versato, perché l'INPS se lo trattiene? Non sono soldi suoi!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 08/05/2015 - 00:23

Pensione di reversibilità. Perché l'INPS paga solo una quota al coniuge sopravvissuto e non l'importo totale della pensione che il coniuge defunto avrebbe percepito? Il coniuge defunto se fosse in vita percepirebbe una pensione più alta. Dunque, quando l'INPS ne eroga solo una quota, si trattiene il resto, che non è suo! Se poi, per caso, questi governanti famelici toglieranno la pensione di reversibilità, toglieranno anche quella parte che viene erogata adesso, tenendo per sé tutto il bottino. La mentalità degli accattoni ladruncoli ce l'hanno e quindi non bisogna stare tanto sereni.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Ven, 08/05/2015 - 02:49

geronimo@ hai perfettamente rione!! Il patto con lo stato non può essere disatteso così ladrescamente. E certamente il sistema retributivo è "virtuoso" anche difronte ai raggiri di chi ha beneficiato e tuttora riceve pensioni, vitalizi ecc. che truffaldinamente la politica ha riconosciuto a pochi privilegiati figurativamente,e surretiziamente cioè senza l' effettivo versamento di parte della retribuzione. In questo la Consulta non è intervenuta dovendo attenersi alle leggi vigenti, anche a quelle immorali.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Ven, 08/05/2015 - 02:55

scric@ in Germania la pensione- tutte le pensioni- sono erogate col sistema retributivo- cioè tanto hai versato e tanto ricevi. Qui invece- dove il privilegio di caste, mafie, Ordini professionali particolari , ecc. è fatto sistema- chi riesce a FRODARE gli altri è tutelato dallo Stato stesso.

Ritratto di marinogorsini

marinogorsini

Ven, 08/05/2015 - 07:57

ma ke serve più una consulta ad un paese sottomesso a nyc tramite brux??...solo sposando putin saremmo meno skiavi.

superpunk

Ven, 08/05/2015 - 10:12

io penso che sia immorale far pagare a tanti giovani prestazioni che loro non avranno, o i patti servono solo a garantire i privilegi ? è ovvio che le cose fatte da monti-fornero fanno schifo, ma è ora di ancorare le pensioni attuali (tutte) ai contributi versati realmente, come si fa per i giovani adesso

Ritratto di kikina69

kikina69

Ven, 08/05/2015 - 11:14

Sottosegretario Zanetti, ci spieghi gentilmente perche sarebbe immorale rimborsare soldi indebitamente sottratti ai pensionati. con parole semplici, grazie che tutti i lettori possano capire

Ritratto di kikina69

kikina69

Ven, 08/05/2015 - 11:20

Come sottolinea giustamente il dott.Sallusti il governo deve prima di tutto governare. E quindi ad esempio trovare le risorse per effettuare i rimborsi conseguenti alla sentenza della Corte. Per i discorsi moraleggianti rivolgersi qualche strada più avanti, nelle vicinanze di San Pietro, grazie

gesmund@

Ven, 08/05/2015 - 11:50

Rubare non è costituzionale ma, una volta rubato, restituire è immorale. Scemenze comuniste.

rigadritto

Ven, 08/05/2015 - 12:48

io penso che "immorale" è chi scrive articoli sempre a senso unico

acam

Ven, 08/05/2015 - 13:09

rigadritto Ven, 08/05/2015 - 12:48 si vede che hai trovato la maniera di non pagare

Pigi

Ven, 08/05/2015 - 14:43

Pensioni ladre del futuro del paese L'Italia spende in pensioni il 15,4% del PIL, quasi il doppio della media dell'OCSE. Questo vuol dire che il resto del paese, i lavoratori, i professionisti, gli imprenditori, devono farsi carico di questo fardello. Vuol dire minor competitività, minor crescita, più tasse. Le cause di questa voragine sono tante e note: dalle pensioni di "anzianità" a 56 anni, alle pensioni doppie o triple dei burocrati e politici, alle pensioni calcolate su stipendi pubblici doppi di quelli esteri. Secondo certi commenti bisogna dar seguito alla sentenza della corte costituzionale aumentando le pensioni dei benestanti, abolire la legge Fornero, tornando a quando si poteva andare in pensione a 56 anni, e magari diminuire le tasse. Insomma, i soldi che piovono dal cielo.

morello

Ven, 08/05/2015 - 21:06

Caro Dr Sallusti cio' che piu' mi meraviglia è il silenzio di coloro che si professano liberisti e come tali dovrebbero difendere a spada tratta e con indignazione le uscite del governo e del sottosegretario contrari al rispetto completo della sentenza. Mi riferisco in particolare a Berlusconi e colleghi di F.I. Forse si sveglieranno quando 6 milioni di pensionati voteranno per Salvini

Giuseppe Borroni

Ven, 08/05/2015 - 21:17

Zanetti ha detto una sacrosanta verita' . I rimborsi in toto sarebbero immorali per le pensioni piu' elevate, per il semplice motivo, caro Sallustio, che piu' e' elevata la pensione e piu' e' elevato lo sbilancio fra contributi versati e prebende percepite. In parole povere, stile Giornale, rendere di piu' sarebbe come premiare chi frega di piu'. CHIARO???? anche se li chiamano DIRITTI ACQUISITI

morello

Ven, 08/05/2015 - 23:33

Errata Corrige nel mio precedente commento:sostituire " difendere " con " condannare" Al Sig Borroni non so dove legga le sue cavolate ma quando andra' in pensione si accorgera' che lo "sbilancio " tra i suoi versamenti e la sua pensione sara' tutto a vantaggio dell' INPS naturalmente a meno che lei non viva fino all'eta' di 110 anni

Giuseppe Borroni

Sab, 09/05/2015 - 02:02

non sono solito entrare in diatriba con altri commentatori, ma quando si parla di cavolate bisogna sapere di che cavoli si parla, caro Morello, e lei mi sembra ne sappia molto poco. Le pensioni piu' elevate AD OGGI, sono generalmente percepite da coloro che ""beneficiano" di pensioni liquidate col sistema retributivo. Questi signori, non pochi, oltre agli scandalosi baby pensionati della pubblica amministrazione e politically related, sulla base di ""diritti acquisiti = abusi acquisiti"" succhiano pensioni che vanno ben oltre quello che hanno pagato in contribuzione. Mai sentito parlare della formula 15 anni, sei mesi ed un giorno e poi a casa in pensione, da subito, magari a 45 anni? E lei ci viene a dire che l'INPS e' in vantaggio? ma se ne torni a Disneyland a giocare con Topolino!!

fcf

Sab, 09/05/2015 - 11:07

Da un governo di sinistri comunistoidi ci si deve aspettare di tutto, incluso la mancata restituzione del maltolto organizzato dal nefasto governo Monti nato sotto la guida del comunista Napolitano.

robytopy

Sab, 09/05/2015 - 15:54

mi sembra di capire che Rossana Rossi sia stata (ma forse lo è ancora) molto innamorata dell' altro pifferaio magico.

mariolino50

Sab, 09/05/2015 - 16:29

Giuseppe Borroni Giusto prima di parlare bisognerebbe sapere tutte le cose, io sono un ricco con la pensione bloccata, ma ho pagato sempre tanti contributi, montagne di tasse, due anni interi di soldato, dopo la pensione ho fatto dei contratti capestro, ma pagando i contributi, circa 4 anni, che non mi verranno sommati. Mia moglie non raggiungerà i 20 anni che qui sono necessari per prendere qualcosa, quanti soldi rubano alla mia famiglia, almeno 20 anni di contributi regalati, per dare pensioni a chi non ha mai pagato niente, quelle non dovrebbero venire dai conti inps, ma solo dalle tasse, e le cose sarebbero parecchio diverse.

eloi

Sab, 09/05/2015 - 17:41

CALMA GENTE. Il sindacato pensionati italiani aderente alla CGIL ha detto: CALMA GENTE.

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 10/05/2015 - 09:26

@geronimo1 Ottima osservazione ! Se pensiamo che chi è andato in pensione non moltissimo tempo addietro con le pensioni baby, ad esempio con 16 anni ed un giorno oggi percepiscono una pensione di € 1200. Uno dei tantissimi motivi per cui avercela con con i cari CATTO – COMUNISTI nome e cognome DC e PCI che ci hanno trascinato in questo baratro e la solfa continua con nomi diversi ma disastri sempre più grossi.

VittorioMar

Dom, 10/05/2015 - 09:35

Questa è una proposta indecente!SE tutti i dipendenti Statali e Parastatali accettassero per qualche mese di ricevere una retribuzione pari a7000/euro mese e il restante in BOT a scadenza trimestrale ,i soldi si troverebbero subito.Non moriranno di fame qualche pensionato SI.I sacrifici per il Paese li dobbiamo fare tutti non solo i pensionati!!!

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 10/05/2015 - 09:56

…...Oggi Tanti lavoratori autonomi e non, oppure piccoli imprenditori sono costretti a lavorare quasi 43 anni per poter arrivare ad un sussidio di € 900 o € 1000 al mese grazie ai disastri di politici miopi che oggi accampano diritti per le loro scelte scellerate. Per cominciare toglierei i diritti acqusiti ha chi ha permesso questo scempio e chi ne ha giovuto a piene mani.

steali

Lun, 11/05/2015 - 11:41

Governo ladro di pensioni? Ma il governo monti appoggiato dal pd, pdl, scelta civica come lo dobbiamo chiamare? Prima hanno votato per l'abolizione dell'indicizzazione delle pensioni ora sbraitano contro la decisione della corte che, giustamente, ripristina la legalità.....

steali

Lun, 11/05/2015 - 11:43

x fcf "Da un governo di sinistri comunistoidi ci si deve aspettare di tutto, incluso la mancata restituzione del maltolto organizzato dal nefasto governo Monti nato sotto la guida del comunista Napolitano." E appoggiato dal grande liberista b. e tutto il pdl.....

ex d.c.

Lun, 11/05/2015 - 12:50

Cosa sarebbe successo se FI non avesse rispettato le sentenze della Corte Costituzionale? Sono state tante le bocciature e tante le correzione che hanno di fatto invalidato riforme indispensabili per il Paese. Siamo in dittatura, lo negano solo i beneficiari della situazione e gli sprovveduti

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 11/05/2015 - 14:01

In quale Paese del Mondo esiste uno Stato dove vige l'aurea regola che: IN CASA DI LADRI NON SI RUBA?

Giorgio1952

Lun, 11/05/2015 - 14:58

Le risulta Sallusti che il governo italiano abbia restituito i soldi dell'Imu reintrodotta da Monti, il quale si fece carico del lavoro sporco sulle pensioni, di cui Berlusconi voleva lavarsene le mani salvo poi votarne la riforma, così come votò in Senato l'Italicum salvo fare il triplo salto mortale all'indietro alla Camera! Infine sono molto più immorali le pensioni percepite senza versamento di contributi, i vitalizi di certi parlamentari che sono stati in carica un giorno, dicasi uno! I vitalizi di consiglieri regionali o di qualche sindacalista, che moltiplicano per enne volte l’ultimo mese di stipendio in modo che la pensione sia “indicizzata”! Chi cumula più pensioni e più vitalizi (Amato), chi cumula più incarichi e quindi stipendi (Mastrapasqua), chi ruba i soldi pubblici (Lusi, Belsito, Fiorito), chi specula sulla salute (dal “Celeste” Formigoni alla buonanima di Don Verzè) e si potrebbe continuare all’infinito!