Il governo Renzi taglia pure le borse di studio all'università

Il premier rottama i giovani: dimezzati anche i fondi per i corsi estivi delle superiori. E la Giannini valuta misure su valutazione e docenti

Una studentessa all'esame di maturità al liceo

Altro che generazione Erasmus. Altro che investimenti sui giovani. Il rottamatore rottama l'istruzione. In tempi di spending review dura, il governo sta tagliando tutto il tagliabile. Anche le borse di studio per l'università e i fondi per i corsi estivi delle superiori. In un momento di profonda crisi economica, in cui le famiglie a stento riescono a sostenere un'iscrizione all'università (le immatricolazione hanno subito un calo di almeno 30mila iscritti), il governo scommette sui tagli lineari anziché puntare tutto sui giovani.

I numeri non lasciano vie di fuga. E, se il premier Matteo Renzi non dovesse cambiare la rotta, a settembre molte famiglie indigenti non riusciranno a iscrivere il figlio all'università. Le prime avvisaglie stanno arrivando già in queste settimane. Come denuncia il Messaggero, infatti, il Miur non è in grado di sostenere i corsi di recupero per i liceali con uno o più debiti da "saldare" a settembre. "Negli ultimi quattro anni - spiega Camilla Mozzetti - i fondi necessari ai corsi di recupero estivi sono crollati del 50%, con una sottrazione di oltre 180 milioni di euro". E questo è solo l'inizio. Perché la mannaia di Renzi calerà soprattutto sulle università. Il ministero di viale Trastevere sta, infatti, mettendo a punto un piano per inasprire le regole per l'assegnazione degli assegni. Per esempio, nella bozza del decreto, vengono esclusi "gli studenti che entro 25 anni non siano iscritti al primo anno di un corso di laurea" e quelli che "al compimento del 32° anno non abbiano presentato l'iscrizione a un corso di laurea magistrale". E ancora: saranno aumentati i crediti formativi necessari a ottenere la borsa di studio. In questo modo, quindi, gli assegni verrebbero ridotti del 30% e la borsa negata ad almeno 50mila studenti. "Una proposta inaccettabile - spiega il coordinatore nazionale dell'Udu, Gianluca Scuccimarra, al Messaggero - in un contesto già gravissimo, in cui si garantisce una borsa solo a pochi iscritti".

Al Miur, intanto, il ministro Stefania Giannini lavora al Piano scuola. Sul tavolo anche una stretta sul lavoro degli insegnanti (autovalutazione e formazione del corpo docente e ispezione del lavoro svolto). Ma, come fa notare la stessa Giannini, bisognerà prima "capire quante risorse il governo potrà mettere".

Commenti

@ollel63

Ven, 11/07/2014 - 09:26

le solite pseudoideee dei hoglioni sinistrati.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 11/07/2014 - 09:28

Dopo Prodi, l' "Economista", ora abbiamo Renzino, il Chiacchierone. Risolve tutto con la chiacchiera. E pensa pure che la chiacchiera serva anche con la Merkel. Una pena! Tragico dover assistere agli spettacoli offerti dal furbetto e dalla sua banda, con la "ridente" in testa (Maria Elena Boschi), tragico soprattutto perché il popolo bue, beneficato dagli incostituzionali 80 euro e speranzoso di veder crescere la platea dei beneficati, sembra perfino contento, forse perché spera nei miracoli, quelli che tragicamente si aspettava da Silvio.

MEFEL68

Ven, 11/07/2014 - 10:23

Ricordate gli affondi della sinistra contro i TAGLI (in realtà scalfitture)del governo Berlusconi? Ricordate i numerosi cortei organizzati dal mondo sinistro(partiti e sindacati)? Perchè ora che i tagli sono squarci, nessuno si ribella, ma accetta tutto supinamente? Questo non vi fa pensare che tutte quelle opposizioni erano solo pretestuosi e figlie di una politica di bassa lega che non si è mai curata dell'Italia e degli italiani? Sinistrati, quando andrete a votare( se sarà ancora permesso-vedi Senato)riflettete prima di mettere la croce su uno di quei simboli. Quella croce diventerà la nostra.

Vero_liberista

Ven, 11/07/2014 - 11:23

Che pena. Ma la cosa che mi fa più trispezza è vedere che qui, sul nostro giornale liberale, a commentare le notizie sulla polita politicante (battute e controbattute, strategie politiche,polemiche sulle vicende giudiziarie di Berlusconi e del centrodestra ecc. ecc.) ci si buttano a centinaia. Quando si parla delle cose pratiche e che contano, ossia imprese, scuola, fiscalità, famiglia ecc.) si cimentano poche decine di eroi... Credo che fin che non cambieremo testa e modo di pensare, i risultati delle azioni politiche fatti da coloro che abbiamo eletto siano solo la logica conseguenza.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 11/07/2014 - 12:06

Nel 70, abbiamo avuto le BRIGATE ROSSE, ora il malcontento degli studenti sta preparando qualcosa. Mi auguro che la nuova generazione faccia saltare quei MAGNACCI AL GOVERNO E LI CASTIGHI PER LE LORO MALEFATTE.

Massimo Bocci

Ven, 11/07/2014 - 13:39

Erasmus, per i ragazzi Italiani e un.....ACRONIMO, di nuovo schiavo UE, cioè fatto che ormai ASSODATO e COMPROVATO dai FATTI, che siamo un popolo di ASSERVITI IRREVERSIBILI, i NEW padroni UE-Euro,come al tempo dei Romani (bei Tempi quando PISCIAVAMO da PADRONI in testa ai barbari teutonici), i nuovi servitori li vogliono ERUDITI, PULITORI DI CESSI,PIZZAIOLI,ecc.ecc., dunque in giro conto (cioè con i NOSTRI SOLDI!!!) li istruiscono ai mestieri di.................SERVO, una carriera non disprezzabile per chi nasce, e viene ADDOMESTICATO,servo COMUNISTA, ma una squallida esistenza da PEONES perchì pensava truffato alle pari opportunità degli STATI UNITI d'EUROPA, e si ritrova a pagare e subire COATTAMENTE PIZZI, e ORDINI DI MAFIA CRUCCA,d'altra parte ci sono TRADITORI ANTI ITALIANI, che per salvare il loro REGIME DA PEZZENTI COMUNISTI,...LADRI, non hanno esitato a svendere anche i propri e altrui figli..........ERASMUS ACRONIMO DI SERVO, un diplomino UE-EURO, con cui i pargoli potranno TROVARE UN MIGLIOR IMPIEGO TRA GLI SCHIAVI,Turchi,Filippini,Rumeni,Polacchi,ecc.ecc. UNA VERA OPPORTUNITÀ PER SCEGLIERE CONVINTAMENTE......di espatriare in USA,Canada,Australia,Giappone,Russia, ecc.ecc.cioè lontano dall'EUROPA CRUCCA!!! Il IV REICH.

Duka

Ven, 11/07/2014 - 13:46

Vi siete fatti abbindolare dagli 80 Euro (non dimenticate temporanei), avete dato al Renzi come ringraziamento un semi plebiscito alle consultazioni Europa: ORA PAGATE IL FIO, così gira il mondo tra chi imbroglia e l'imbrogliato.

ghorio

Ven, 11/07/2014 - 16:39

Non so se Renzi ha a suo tempo usufruito dell'iniziativa Erasmus, magari per il corso d'inglese che invece ha fatto la Mogherini, ma non è che il mondo dei, nella stragrande maggioranza, abbia usufruito di Erasmus. Di conseguenza il taglio delle borse di studio e l'incoerenza di Renzi. Quanto alle tasse universitarie, Renzi dovrebbe andare a lezione dai polacchi o magari dal suo compagno Hollande.

Ritratto di mausuria

mausuria

Mar, 15/07/2014 - 14:12

si vanta troppo di erasmus il caro renzi ma adesso con questi tagli non permetterà a nessun studente italiano di andare all'estero,la ministra deve occuparsi della scuola dal basso cioè dalle strutture gerarchiche e organizzative no del taglio delle borse di studio

curatola

Mar, 15/07/2014 - 17:22

il nostro sistema scolastico-educativo è autoblindato e non può essere riformato (come pure quello previdenziale). Meglio istituire un nuovo sistema alternativo basato sulle concessioni ai privati noprofit in concorrenza fra loro per fornire un servizio pubblico aperto alla società ed integrato al mondo dell'impresa ma in dimensione europea. Si estenda l'Erasmus a partire dalla fine della scuola dell'obbligo ma si eviti di riutilizzare il personale docente attuale senza prima selezionarlo e convertirlo adeguatamente. Alé !