Il governo riscrive la Stabilità La farsa del taglio delle tasse

Gli effetti della Brexit si faranno sentire sui nostri conti. E Renzi fa marcia indietro pure sulle pensioni

Pensioni, tasse e abolizione di Equitalia. Gli effetti della Brexit in Italia andranno oltre le turbolenze della Borsa e si faranno sentire a lungo. Giorno dopo giorno stanno scomparendo tutti i punti qualificanti della legge di Stabilità del 2017. O meglio, sta tramontando la finanziaria che avrebbe voluto Matteo Renzi. Un paio di giorni fa lo stesso premier ha fatto filtrare la notizia che rinuncerà al taglio delle tasse. Ieri altri segnali.

Il sesto incontro tra l'esecutivo e i sindacati sulle pensioni ha fortemente deluso Cgil, Cisl e Uil. Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti avrebbe dovuto illustrare qualche dettaglio e, soprattutto, fare qualche cifra. Invece niente. Il sottosegretario alla presidenza Tommaso Nannicini, economista vicinissimo al premier, l'ha definita «un'utile panoramica generale di ricognizione sui problemi per individuare posizioni e obiettivi». I sindacati hanno subito tradotto: è un melina. Il tentativo di trascinare il confronto «stancamente» fino ad autunno, senza avere sciolto il nodo delle coperture.

I costi stimati per l'introduzione della flessibilità per accedere alla pensione così come l'ha progettata lo stesso Nannicini, sarebbe stato intorno al miliardo all'anno.

Ma la prospettiva di dovere rimettere mano ai conti del prossimo anno per fare fronte alla crisi delle banche e anche a eventuali peggioramenti dei dati macroeconomici, sta facendo scartare tutte le misure di spesa.

Non è solo un problema di coperture. Gli aiuti delle banche non dovrebbero andare a deficit. Ma ottenere un via libera Ue a interventi extra rispetto a quelli già in campo sarà una partita complicata, che lascerà poco spazio ad altre misure poco gradite a Bruxelles. Come la riforma delle pensioni.

Diventa ancora più difficile realizzare l'altro sogno del premier, cioè un taglio alle imposte sui redditi da realizzare riducendo le due aliquote centrali. Nei giorni del consiglio europeo il premier ha fatto filtrare ad alcuni media il messaggio che al governo, al momento, non interessa più tagliare le tasse, ma fare crescere la competitività del Paese. Messaggio molto in linea con le indicazioni specifiche che da anni le istituzioni europee riservano all'Italia. A difenderle nel governo, c'era solo il ministro dell'Economia. Nell'era post Brexit, la posizione di Padoan è diventata quella prevalente.

Tra i progetti che sono stati riposti in un cassetto di Palazzo Chigi a quanto pare c'è anche la riforma della riscossione, annunciata più volte dal premier. La famosa abolizione di Equitalia, con l'accorpamento nell'Agenzia delle entrate, non è più una priorità. Tanto che ieri la società di riscossione ha varato una riorganizzazione.

Qualche buona notizia arriva dai dati macro. Nel primo trimestre 2016 secondo l'Istat il rapporto deficit Pil è stato inferiore a quello dello stesso periodo del 2015: 4,7 contro 5,2%. Bene entrate fiscali e potere di acquisto. Dati, però, che risalgono a prima della Brexit, con la fiducia dei consumatori in salita.

Una mezza sconfitta, invece, la faccenda del seggio del Consiglio di sicurezza dell'Onu. Svezia, Kazakistan, Etiopia e Bolivia l'hanno ottenuto per il prossimo biennio. L'Italia, invece, solo per il 2017, al termine del quale dovrà cederlo, come si è impegnata a fare per non incassare una sconfitta piena, ai Paesi Bassi.

Commenti
Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 01/07/2016 - 08:35

Fosse solo questa la farsa in Italia (ed Europa). Sarebbe il caso di far presente come, un po' alla volta, abbiamo trasferito intere sovranità nazionali ai tecnocrati dell'Europa.

paolonardi

Ven, 01/07/2016 - 08:44

E' arrivata l'ora che gli italiani mandino a casa questo incompetente parolaio che ha parlato tanto e non ha fatto niente di veramente efficace. Ha fatto il paio col suo mentore napaletano.

Ritratto di Situation

Situation

Ven, 01/07/2016 - 08:50

con la brexit, l'immondo Pifferaio Magico del Granducato avrà una nuova spinta per alzare il livello delle sue balle&fregnacce.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 01/07/2016 - 08:59

bisogna responsabilizzare di più gli italiani. Basta con lo sciaccallaggio a favore di quelle famiglie e giovani che hanno unico scopo dellavita, quello difarsi mantenere. Ma lo sanno quanti sacrifici ed anni per farsi una casa con il proprio lavoro? Bene questi vogliono tutto gratis, con la scusa ce il lavoro non c'è. Una parte del patrimonio che dovrebbe far diminuire il forte debito pubblico che il terzo Paese dopo USA e Giappone ad averlo più grande, se ne va per assistere unaparte d'Italia nullafacente. Solo limitarlo già si avrebbe un beneficio ma se quella parte si trasforma da assistiti a produttori, sì che ci sarebbe una buona crescita, senza tanti fronzoli che stanno cianciando da anni. Abbassiamo il welfare.

Ernestinho

Ven, 01/07/2016 - 09:04

Sono i soliti "politicanti". Promesse a vuoto e fuorvianti. Come il sindaco della mia città: prometteva una diminuzione della tassa sulla spazzatura nell'anno 2016. C'è stata si una diminuzione, ma di ben (!)) €. 10 su €. 600 rispetto all'anno scorso. Una vera e propria "presa in giro"!

orso bruno

Ven, 01/07/2016 - 09:05

Balle, balle, sempre balle dal pinocchietto !

Blueray

Ven, 01/07/2016 - 09:43

Un giorno è tutta colpa dell'euro, il giorno dopo è colpa di Schauble, ora e colpa della Brexit. Diciamolo chiaro che quelle di renzi & Co. sono sempre state solo chiacchiere cui ben pochi, spero, hanno creduto. Parole al vento. Basta documentarsi sulle proposte di abbassamento delle aliquote irpef per capire che quanto ventilato provocherebbe uno tsunami sui conti pubblici senza una corrispondente adeguata copertura. La brexit c'entra come i cavoli a merenda. Un merito però va riconosciuto al premier, quello di far si che i suoi accoliti (ma solo quelli) possano vivere sperando e morire cantando.

Aegnor

Ven, 01/07/2016 - 09:52

Guardate quelle due facce sopra e chiedetevi se è possibile che due figuri simili possano decidere per una nazione...

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 01/07/2016 - 09:58

FARLOCCO

ILpiciul

Ven, 01/07/2016 - 10:02

Renzi, basta ora hai stufato, riempi gli scatoloni e vai a casa! Portati dietro i tristi (e porta jella) ministri. Trovi sempre scuse per non tagliare le tasse, ormai non ti credono neanche i tuoi seguaci.Non vuoi tagliare le tasse è evidente anche ai tordi ed allora non servi a niente. Qua è la trovo scritto che riceveresti ordini dall'alto, mi pareva impossibile ma inizio a crederlo altrimenti non mi spiego tante azioni in sfavore del tuo popolo.

semprecontrario

Ven, 01/07/2016 - 10:05

dobbiamo mandare a casa questo bugiardo pallonaro

eolo121

Ven, 01/07/2016 - 10:12

Governaccioo l unico cosa che fa è importate dal africa migranti clandestini da mantenere a sbafo.. giovani che quando gli passi davanti ridono a crepapelle , tutta l africa in guerra .. perfino il recupero del relitto costato milioni di euro nessun stato africano ha sganciato un centesimo.. il nostro governo orgoglioso di questa operazione è , al ONU neanche i stati africani lo votano per il seggio , RIDICOLI manteniamo le loro genti gratiss... è i nostri pensionati alla fame è senza soldi per curarsi... che governaccioooo votate PDDDDD

unosolo

Ven, 01/07/2016 - 10:28

due falsi e ipocriti. la sentenza della corte sul furto Fornero ? mai rispettata e i sindacati ? complici e sottomessi , questo governo amico ha fatto perdere potere alle pensioni mai rivalutate e mai risarcite del danno , danno causato e voluto dal PD con il pèieno appoggio dell'ex CDS, ladri al potere ma correi e complici i sindacati tutti che non hanno difeso e non difendono i diritti dei pensionati , sicuramente se la DX al governo non avesse rispettato la sentenza erano in galera per non aver rispettato il verdetto della Corte Costituzionale. ladri e falsi. per il prossimo anno le pensioni continueranno a scendere mentre stipendi di politici , sindacati e dipendenti delle Camere saliranno come sempre , ladri.

blackindustry

Ven, 01/07/2016 - 10:55

La vera farsa e' l'intelligenza degli italiani, che pare non piu' presente. Il PD ha ancora il 30%...

unosolo

Ven, 01/07/2016 - 10:58

il governo non crea lavoro ma prende solo soldi fermi , con APE prenderà soldi accantonati dai lavoratori ( la IRPEF sul TFR ovviamente ) e le casse delle aziende che usano quei soldi per dare lavoro si svuoteranno se i dipendenti accederanno a quella forma di APE , lo stesso per i statali chi guadagna è solo il governo che con quei soldi falserà il PIL e il bilancio dello Stato , capito che fregatura per le aziende private ? ladro , governo ladro.le sentenze ? non le rispetta. può.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 01/07/2016 - 12:09

Ridurre le spese faraoniche dello stato no vero?? Tagliare tutte le sacche di mala gestione e spesa incontrollata, no vero?? eliminare tutte le "partecipate" deficitarie, no vero?? sopprimere tutti gli enti inutili, no vero?? tagliare le unghie a Sicilia, Trentino/Alto Adige e Valle d'Aosta, no vero?? far pagare tutte le tasse su immobili e liquidi ai sindacati, no vero?? tassare a pieno regime come qualsiasi altra impresa tutte le coop, no vero?? eliminare o almeno ridurre tutti i vitalizi statali, regionali o comunali, no vero?? licenziare tutti i fancazzisti della macchina statale, no vero?? Meglio dare la colpa all'euro, a Bruxelles (sicuramente alcune colpe le ha) o alla semplice malasorte, vero bischero??

unosolo

Ven, 01/07/2016 - 15:00

x giovanni Perinciolo , sicuramente per quello scritto ci vorrebbe un governo vero , abbiamo solo un governo che vuole galleggiare e annaspa barcollando , per farlo regala soldi alle LOBBY e banche sotto forma di investimenti , come se non sappiamo chi ha in carico quei cantieri , speriamo di avere un governo vero e voluto con regolari elezioni. nel mentre le pensioni sono scese e di molto , come le paghe dei lavoratori dipendenti.

conviene

Ven, 01/07/2016 - 21:29

AVETE TIFATO BREXIT ORA SARETE CONTENTI DELLE CONSEGUENZE

Duka

Lun, 04/07/2016 - 06:56

Le tasse a questo livello nel bel mezzo di una crisi economica lunga, difficile e non certo terminata sono IDIOZIA PURA. Lasciamo perdere il bullo ma il sig. Padoan di economia reale NON capisce niente.

Duka

Mar, 05/07/2016 - 07:12

Abbiamo un governo ( si fa per dire) di ballisti e truffatori eppure, al colle, pare che nessuno ci faccia caso.