Il governo salva i Forestali con 1,7 miliardi

Renzi stanzia più risorse per la Regione Sicilia per evitare una nuova Caporetto elettorale

Roma - Matteo Renzi cerca di evitare una nuova Caporetto elettorale in Sicilia dopo quella di Roma e di Torino e sceglie di inondare l'isola di contributi pubblici. È questa, in fondo, la sostanza del decreto enti locali approvato lunedì in tarda serata dal Consiglio dei ministri. Lo Stato, infatti, riconoscerà alla Regione Sicilia una compartecipazione fissa al gettito Irpef di circa 500 milioni di euro, mentre altri 285 milioni dal gettito Iva. La cifra, unita ai 900 milioni della legge di Stabilità 2016, porta a circa 1,7 miliardi il totale delle risorse assegnate.

Con questi capitali il governo regionale, guidato da Rosario Crocetta e sostenuto dal Pd, potrà innanzitutto confermare i circa 23mila forestali, la cui posizione era in bilico dall'anno scorso, e progressivamente stabilizzare oltre 20mila precari di enti e partecipate regionali. Insomma, quasi 50mila posti di lavoro a carico della fiscalità generale. Basti pensare che l'allegato 1 della Finanziaria siciliana 2016, approvata lo scorso marzo in notevole ritardo, prevede una spesa di circa 1,7 miliardi per tutti questi capitoli. Esattamente la cifra devoluta da Palazzo Chigi. In cambio la Sicilia si impegna a una spending review (fatta eccezione per il settore sanitario) la cui efficacia è ancora tutta da dimostrare.

Esisteva un'alternativa meno dispendiosa? Sì. Lo conferma il fatto che Renzi stesso abbia rimandato l'emanazione del decreto al lunedì successivo alla débâcle elettorale e, soprattutto, una settimana dopo le polemiche legate agli incendi che hanno devastato la Regione. Era volontà del premier limitare i soliti trasferimenti assistenzialistici, ma stringere i cordoni della borsa sarebbe equivalso al de profundis per la giunta Crocetta e per il Pd locale, squassato dalle faide interne. Il rischio di consegnare la Sicilia al centrodestra o all'avanzante M5S, che alle amministrative ha eletto tre sindaci nella Regione, era reale. La soddisfazione espressa dal plenipotenziario renziano sull'isola, il sottosegretario Davide Faraone, e dal ministro dell'Interno Angelino Alfano, che qui ha la sua «ridotta» elettorale, ha mascherato il timore di nuovi rovesci.

Così il governo fa le barricate alla vecchia maniera della sinistra dc: dispensando denaro. Nel decreto, infatti, sono spuntati 600 milioni per le vecchie Province e 400 milioni per i Comuni. Si tratta di multe condonate per lo sforamento del Patto di stabilità interno nel 2015. In particolare, 100 milioni andranno a Roma, 70 a Torino e Napoli e 40 a Milano. Raggi, Appendino, De Magistris e Sala ringraziano.

Commenti
Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mer, 22/06/2016 - 08:55

Paura eh?

giovauriem

Mer, 22/06/2016 - 09:03

egregio gianmaria de francesco , la notizia che da è incompleta , si è dimenticato di dirci quanto ha stanziato per le banche del nord , l'aiuto io ? il quadruplo .

emulmen

Mer, 22/06/2016 - 09:26

il solito "Pinocchio" Renzi non si smentisce mai con le sue balle eh? guarda caso dopo la batosta delle elezioni e poi sovvenziona quello che al sud è un vero e proprio esercito (di raccomandati) ...se non sbaglio fra Calabria e Sicilia ci sono almeno 50 mila forestali! BUFFONE!

geronimo1

Mer, 22/06/2016 - 09:29

I forestali sono un serbatoio elettorale da sempre coccolati..!!! Ci sono piu' forestali in Sicilia che rangers in Canada!!!! Si confrontino qualche arancio o limone siculo (che stranamente sono sempre a fuoco..) con le foreste del Canada!!!! Ma tant'e' i voti si contano...!!!! Ed esce l' animo democristiano di Renzi.... Poveri kompagni, che non capiscono ma si adeguano...!!!! Pensare che criticavano Achille Lauro che a Napoli dava la scrpa sinistra e dopo "a cuonta" (dei voti) quella destra...!!!!

Finalmente

Mer, 22/06/2016 - 09:37

io lavoro 10 ore al giorno per portare a casa il minimo sindacale per la famiglia... mi vedo tassare casa, macchina, accise ovunque e quando leggo queste notizie mi girano parecchio , pensando che il numero di parassiti statali vive alle mie spalle e di quelle di altri milioni d'italiani... mi auguro che quei soldi servano per acquisti di medicinali... e ne avrei altre di maledizioni da mandare a questi soggetti

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 22/06/2016 - 09:56

Dire che fanno sempre più schifo,dovrebbe essere pubblicabile,mentre esodati,disoccupati,precari fanno sempre più la fame!!!

audionova

Mer, 22/06/2016 - 10:09

i forestali vanno salvati e aiutati nel loro lavoro,siamo un paese con molte foreste e con molti piromani,senza i forestali che si fa,bracconaggio,eliminazione delle foreste da parte dei cittadini cosi' non comprano la legna ecc.

giovanni PERINCIOLO

Mer, 22/06/2016 - 10:11

Bravo bischero! Dopo la conferma per i forestali siculi a quando l'assunzione di qualche migliaio di bagnini in trentino e Alto Adige???

Finalmente

Mer, 22/06/2016 - 10:42

indubbiamente sono soldi meritati, infatti nei giorni scorsi ci sono stati incendi ovunque in sicilia, a cosa servono 23 mila forestali se più della metà è in aspettativa (retribuita) e gli altri giocano a carte anziché vigilare ? E' mai possibile che quella regione sia una sanguisuga da decenni ?

giuseppe1951

Mer, 22/06/2016 - 11:05

Dopo la batosta vuole rialzarsi continuando a sbagliare, Ma a cosa serve spendere questi soldi per una categoria di vagabondi lavativi, legalizzati dallo stato? Mettete questi soldi per gli incapienti, per gli invalidi, per i poveri, ai vagabondi forestali dateci un lavoro.

unosolo

Mer, 22/06/2016 - 15:28

rendiamoci conto che non esiste un organo addetto al controllo della spesa dello Stato che chiede le coperture delle elargizioni di denaro nostro , mentre con i governi di CDX prima dovevano trovare le coperture e poi passavano o venivano respinte , governo amico ? PUO' !

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 22/06/2016 - 20:05

bisognerebbe salvare lui..In Sicilia ogni albero ha una guardia forestale.

killkoms

Mer, 22/06/2016 - 22:01

la sicilia,eterna mangiasoldi..!