Ma i nuovi azzurri sono di colore

«Non mi ero accorto che fossero di colore». Ecco. Nello sport, quello vero, quello del sudore, delle scarpe sporche, degli allenamenti solitari nella nebbia, nei campi, nelle palestre puzzolenti, quello dei pochi soldi, quello che ruba tempo al lavoro o allo studio dei giovani, in questo sport bisognerebbe rispondere tutti così quando, in qualsiasi modo esso venga declinato, si pone il problema della pelle, del colore, della diversità, dell'integrazione. Perché lo sport è molto più della vita, è ultra vita, e perché in esso ogni gesto e ogni pensiero vengono enfatizzati, assumendo significati che a volte diventano messaggi. Solo che se poi i messaggi suonano subito stonati, è lo sport con tutta la sua gente a farsi del male. «Non mi ero accorto che le mie compagne fossero di colore». In questo modo, semplice, pulito, schietto, un giorno dell'estate scorsa quello splendido ragazzo di nome Filippo Tortu, fresco ventenne e soprattutto fresco primatista italiano dei 100 metri con 9''99, aveva stoppato chi lo incalzava sul tema del colore della pelle e dell'integrazione dopo l'oro conquistato dalla staffetta femminile 4x400 ai Giochi del Mediterraneo (nella foto, ndr). Una cubana naturalizzata, due ragazze di origini nigeriane, una con genitori sudanesi avevano dominato e regalato all'Italia il trionfo. Un successo per la nostra atletica, per la Federazione che da anni lavora e investe tempo e risorse per accelerare l'integrazione di centinaia di giovani atleti. Un successo che vede i suoi appassionati allenatori in giro per le scuole del Paese, dispersi in piccoli comuni a cercare talenti senza fare distinzione, setacciando le nostre famiglie come quelle degli immigrati che cercano l'integrazione, di più, che vogliono l'immersione nella nostra cultura e l'emersione sociale attraverso lo sport. Perché non se ne abbiano altre discipline più ricche, più celebrate, più mediaticamente presenti: non c'è nulla come l'atletica ad avere la forza di sintetizzare in sé il senso vero dello sport. Per questo la decisione inizialmente presa dagli organizzatori della mezza maratona di Trieste resta stonata e disgraziata nonostante in serata sia stata poi ritirata. Perché lo sport è ultra vita, perché i suoi messaggi fanno il giro del mondo, perché gli organizzatori avevano ripetuto per tutto il giorno che si trattava di una scelta contro «il mercimonio di atleti africani e a tutela di quelli italiani ed europei», perché invece la sensazione grande era ed è che avessero provato a tenere lontani i più forti e perché tutti dovrebbero imparare a sgranare gli occhi e dire «non mi ero accorto che fossero di colore».

Commenti
Ritratto di FraBru

FraBru

Dom, 28/04/2019 - 10:45

Dagli "azzurri" ai "nerazzurri"... forza Inter!

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Dom, 28/04/2019 - 11:33

Sono da sempre interista, non posso che apprezzare...

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 28/04/2019 - 11:54

Non riesco a capire perchè nello sport italiano sono tutti finanziati o dall'esercito o fiamme gialle o carabinieri,ma i soldi che guadagnano se li tengono loro??????????

Ritratto di Sniper

Sniper

Dom, 28/04/2019 - 12:04

Redazione, smettetela di fare i buonisti tolleranti aperti al multietnico. Sapete benissimo che la linea del Giornale non e` questa, e il tono degli articoli, nonche' dei commenti che attirate e tollerate, nemmeno. Meno iposcrisia. Ma Berlusconi, il vostro proprietario, e i maggiorenti di FI non vi dicono mai nulla? Eppure FI e` un partito moderato e tollerante...

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Dom, 28/04/2019 - 12:35

Di colore?? Quale colore ? Nero, verde, blu, giallo ? Siete capaci di chiamare le cose con il loro nome ? Africani, asiatici oppure vi rifugiate nel politicamente corretto?

Ritratto di armandoesse

armandoesse

Dom, 28/04/2019 - 12:51

Benny Casadei Lucchi , se non si accorto che sono di colore cambi occhiali se non è cieco , ma di certo lei è uno di quelli che vorrebbero porti aperti , che tutti gli africani possano venire da noi , evidentemente lei è uno a cui piace una società meticcia , e magari anche se gli italiani scompaiono non ha importanza . Io non vedo azzurri , vedo solo persone africane con la maglia dell'Italia . Ma questo non basta a farli italiani e meno che meno azzurri .

jav2

Dom, 28/04/2019 - 12:54

saranno italiani per voi...

Marco.Zais

Dom, 28/04/2019 - 19:00

Che dire, non ho nulla contro gli immigrati di qualsiasi colore a patto che.......a patto che siano regolari, che lavorino e contribuiscano allo sviluppo della nazione, conseguenza a tutto ciò che non delinquano e portino degrado