I prof frenano la scuola: bocciata la meritocrazia

No della maggioranza degli insegnanti ai premi a chi lavora meglio e alla chiamata dal preside

Roma - La Buona Scuola targata Matteo Renzi? Bocciata senza appello dagli insegnanti che dicono no prima di tutto alla cancellazione degli scatti di anzianità per passare esclusivamente agli scatti conseguenti al merito. Scatti che, va precisato, riguarderebbero al massimo il 66 per cento dei docenti ogni tre anni. Il sindacato Gilda ha raccolto l'opinione di 2.734 docenti sulle proposte del governo ed il quadro che emerge è decisamente negativo. Ancora una volta dunque si registrano le pesanti resistenze del corpo docente nei confronti di una ipotesi di progressione di carriera non più legata soltanto all'anzianità ma alla quantità ed alla qualità dell'impegno.

Questa volta però occorre riconoscere che i docenti hanno anche delle buone ragioni dalla loro parte. Se la riforma della Buona Scuola puntasse davvero a ripartire dal merito non dovrebbe prevedere come primo atto l'assunzione di 150.000 precari dei quali non conosce neppure i profili professionali e non è chiaro l'impiego visto che le cattedre da coprire per il turn over saranno al massimo 50.000. Tra loro potrebbero esserci persone che hanno smesso di insegnare da anni. Non solo. Pianificare una carriera sulla base del merito è sacrosanto ma non si può pensare di dare i primi aumenti dopo tre anni cancellando invece da subito quelli di anzianità. Francamente non è equo. Proprio ieri è stato pubblicato un rapporto della Commissione Europea che mette i docenti italiani in fondo alla classifica dei Paesi Ue per qualità ed efficacia nell'insegnamento a tutti i livelli. Nello stesso Rapporto della Commissione Ue però si sottolinea pure che la spesa pubblica per l'educazione in Italia è tra le più basse in Europa. Insomma sacrosanto introdurre il principio del merito che però poi va anche pagato quanto c'è.

Si presenta tutto in salita il cammino della riforma annunciata dal governo all'inizio di settembre. Una rivoluzione sulla carta che però aveva da subito suscitato forti perplessità prima di tutto per le coperture di spesa necessarie per procedere all'assunzione dei circa 150.000 docenti precari entro settembre 2015. La promessa di cancellare le graduatorie ad esaurimento e con esse la piaga del precariato è stata concretizzata nella Legge di Stabilità (ancora non approvata) ed è stato trovato il miliardo necessario per garantire il contratto a tempo indeterminato ai 149.000 docenti in attesa.

Ma a che prezzo? Corposa parte dei risparmi deriva anche dal blocco degli aumenti di stipendio per tutti i docenti fino al 2019 anno in cui arriverebbero i primi aumenti legati alla riforma che vuole premiare il merito. Sembra però che Renzi abbia fatto i conti senza l'oste. Quella degli stipendi è materia di contrattazione ed i sindacati hanno già fatto sapere di ritenere inaccettabile un blocco degli aumenti. Ora il sondaggio di Gilda conferma che l'84,32 per cento dei docenti è contrario all'abolizione degli scatti di anzianità. Non solo. Una percentuale analoga, l'81,41 per cento, giudica «pessima» l'idea di istituire un percorso di carriera che premi soltanto il 66 per cento degli insegnanti ogni tre anni. Altro punto dolente è il rifiuto dell'ipotesi di dare ai dirigenti scolastici la possibilità della chiamata diretta degli insegnanti. Dicono no nel 76,88 per cento dei casi.

I sindacati promettono battaglia. «È assurdo pensare ad una buona scuola tenendo bloccati contratti e retribuzioni fino al 2019», dice Massimo di Menna segretario generale Uil scuola.

Commenti

zeuss

Ven, 14/11/2014 - 09:23

QUESTI INSEGNANTI, SONO QUELLI DEL 1968 CHE HANNO VOLUTO IL SEI POLITICO, COME I DOTTORI,I GIUDICI DI OGGI. TUTTI STUDENTI DI QUELLA DATA. ECCO I RISULTATI.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 14/11/2014 - 09:37

Sono anni che scrivo che la meritocrazia,è osteggiata,perchè chiamata "discriminazione".La Società,per LORO,deve essere PIATTA,tutti uguali,tutto puntando al basso,al mediocre,tutti asini,niente cavalli,tutti "recuperati",avanti,a scaldare i banchi(per non mandarli a lavorare al posto dei "migranti"),avanti,così servono altri insegnanti,altri "posti",altri voti sicuri,avanti con il "melt pot"(ammucchiate etniche),per UGUALIZZARE,senza stimoli,senza incentivi,accettando però con estrema generosità,fughe verso l'omosessualità,le "famiglie sorridenti omosessuali"(vedi spot VODAFONE...).Con questa MENTALITA',si sono formati,si formano gli allievi che,oggi,un domani diventeranno insegnanti....

marinaio

Ven, 14/11/2014 - 09:40

E' ormai dimostrato che quando agli impiegati statali si parla di meritocrazia, gli viene subito la pelle d'oca!!

frabelli1

Ven, 14/11/2014 - 09:59

Se sono gli stessi insegnanti a decidere come ottenere gli aumenti è ovvio che sceglieranno sempre la strada più facile, quella dell'anzianità. Così come per i magistrati che decidono su come aumentarsi o diminuirsi lo stipendio. Sarà sempre scelta la strada più proficua e meno dannosa

Ritratto di Aulin

Aulin

Ven, 14/11/2014 - 10:05

Perchè? Abbiamo dei docenti in Italia? Io vedo solo analfabeti tesserati PD.

buri

Ven, 14/11/2014 - 10:22

meritocrazia! che brutta parola! per essere premiato, uno se lo deve meritare, non è democratico, tutti devono essere uguali, molto probabilmente molti hanno la nostalgia del 6 politico del 1968, voto preso quando si sono laureati, povera Italia!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 14/11/2014 - 15:16

Questo tema,interessa a poca gente:solo 6 commenti!Peccato!

titina

Ven, 14/11/2014 - 16:47

Gli insegnanti sanno benissimo che con la chiamata diretta sarebbero chiamati amici e parenti. Un tempo succedeva spesso, se non si stava attenti alle graduatorie. E sanno anche a chi darebbero gli aumenti, la meritocrazia non c'entrerebbe nulla. In fondo gli scatti di anzianità sono miseri, vogliono togliere anche quelli al già misero stipendio?

titina

Ven, 14/11/2014 - 16:49

x Zagovian. Chi è entrato nella scuola si è laureato, abilitato e vinto un concorso. Io sarei per il licenziamento dei pochi incapaci e lavativi e ti garantisco che nella scuola si sa chi è.

Giorgio5819

Ven, 14/11/2014 - 18:30

Questi sono i gerenti delle madrasse comuniste che stanno devastando l'Italia .

Giorgio5819

Ven, 14/11/2014 - 18:33

All'italia serve una rivoluzione o una guerra. E soprattutto serve che qualcuno ci liberi dai comunisti.

angelomaria

Ven, 13/03/2015 - 00:31

MA PERCHE PER MERITO ECOSI COMODO IL SOLITO GIOCO DEI BARONI INTELLETTALMENTE PLAGIATI MACH PARENTI DI AMICI DIECC...ECC....

angelomaria

Ven, 13/03/2015 - 00:32

COME SUCCHIARE UN CHIODO O I CHIODI!!!