I ragazzi cattolici dall'imam a «scuola di moschea»

Invitati nel centro islamico (irregolare). Obiettivo? Convincerli che serve un nuovo luogo di preghiera

Milano Una preghiera insieme, un giorno intero di dialogo, un rinfresco e due incontri dedicati alla moschea: «l'importanza della moschea per una comunità attiva» e «il suo ruolo nella società civile». Giovani musulmani e cristiani si scambiano amicizia e collaborazione. Il problema è che lo fanno in un centro islamico che, secondo la Regione, non è regolare. L'ennesimo caso scoppia a Sesto San Giovanni, cittadina alle porte di Milano che dovrebbe ospitare, in via Luini, la più grande moschea della Lombardia, 2.400 metri quadrati di quella che è già stata ribattezzata «la Mecca del Nord Italia».

Proprio in attesa del grande luogo di culto che è già stato progettato e approvato, in via Luini è sorta una struttura «temporanea» dello stesso Centro islamico di Milano-Sesto. Una struttura prefabbricata che da mesi ospita le preghiere del venerdì e le altre iniziative dei musulmani, sestesi e non solo (visto il bacino di utenza e la comodità dei mezzi pubblici con cui la zona può essere raggiunta). Sul prefabbricato si sono però indirizzate da tempo le attenzioni della Regione Lombardia, in particolare dopo la risposta del Comune al monitoraggio dei luoghi di culto avviato dal Pirellone. La Regione, esattamente un mese fa, ha dichiarato formalmente che la struttura attualmente insediata in via Luini «non è provvisoria come continua a definirla l'amministrazione comunale, bensì irregolare». «Infatti non rispetta i principi sanciti dalla sistema normativo regionale» ha spiegato l'assessore all'Urbanistica Viviana Beccalossi dopo «un dettagliato approfondimento giuridico» degli uffici tecnici. Il sindaco di Sesto, Monica Chittò (Pd) ha ribattuto nel merito e liquidando l'iniziativa della Regione come una mossa «politica ed elettorale». Pochi giorni dopo, però, il candidato sindaco del centrodestra alle imminenti elezioni comunali, Roberto Di Stefano, oggi vicepresidente del Consiglio comunale, ha presentato un esposto in procura, a Monza. E venerdì la Regione ha scritto nuovamente al Comune di Sesto, «ribadendo che la moschea provvisoria non rispetta le normative urbanistiche vigenti in Lombardia in materia di luoghi di culto». La Regione si è dovuta fermare, non avendo poteri sanzionatori, «ma - ha sfidato Beccalossi - siamo sicuri che il sindaco, sempre rispettosa della legalità, saprà cogliere il senso del contenuto espresso dai tecnici regionali».

Ieri, intanto, in questa contestata moschea, «provvisoria» o «irregolare», si sono incontrati i giovani musulmani e i giovani del decanato, pregando insieme e impegnandosi insieme «davanti a Dio il Misericordioso», «affinché si possa giungere a una coesistenza pacifica e solidale fra persone di etnie, di culture e di religioni diverse», «a dialogare con sincerità e pazienza», e «a fare nostro il grido di quanti non si rassegnano alla violenza e al male».

Commenti

ohibò44

Dom, 02/04/2017 - 11:10

Allora vorrei capire qual è il concetto di libertà, VALORE OCCIDENTALE, secondo questo giornale (che leggo da sempre). Le ipotesi sono due: o si permette ai musulmani di costruire i loro luoghi di culto seguendo le leggi italiane o ci si oppone alla loro costruzione e pertanto li si obbliga a pregare in luoghi ‘non regolari’. O forse qualcuno sostiene che il concetto di libertà preveda il divieto di praticare il proprio culto per gli islamici?

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 02/04/2017 - 11:21

La sottomissione è sempre più vicina.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 02/04/2017 - 11:32

Leggo e sbalordisco. A Milano viene lanciato un programma di islamizzazione dei nostri giovani. Per questo viene prevista “una preghiera insieme [quale?”], un giorno intero di dialogo”, con rinfresco in due incontri dedicati alla moschea. E poi verrà spiegata «l'importanza della moschea per una comunità attiva ed il suo ruolo nella società civile». Il tutto a spese dei contribuenti milanesi, o magari a spese dello stato, cioè di tutti. Evidentemente a Milano non sanno che la religione di Maometto non è stata riconosciuta con atto dello stato italiano semplicemente perché incompatibile con la nostra costituzione, in particolare con l’art. 8, in quanto: 1. Ammette la POLIGAMIA. 2. Prevede la PENA DI MORTE per APOSTATI, ADULTERI E OMOSESSUALI. 3. Prevede la SUPERIORITÀ DELL’UOMO sulla donna. 4. Prevede la SUPERIORITÀ DEL MUSSULMANO sul praticante un'altra religione.

Tuthankamon

Dom, 02/04/2017 - 11:35

Mi pare che sia iniziato "l'ecumenismo dell'anticristo"!

buri

Dom, 02/04/2017 - 11:39

e cisa dice la CEI di questo? abitualmente è così veloce ad interferire negli affari italiani, ecco una buona occasione per farsi viva, almeno sapremp se è pronta a difendere la cristianità p se si è arresa all'islam

venco

Dom, 02/04/2017 - 11:48

I ragazzi cattolici prima di andare dall'imam imparino cosa sta scritto nel corano su noi "infedeli" e sulle donne.

Ritratto di orione1950

orione1950

Dom, 02/04/2017 - 11:53

E nessuno prende l'iniziativa perché ha paura della magistratura!!!!

killkoms

Dom, 02/04/2017 - 12:07

gli "utili i()i" dell'islam!

alkhuwarizmi

Dom, 02/04/2017 - 12:07

I giovani del decanato (?). "Cattolici" adoratori dell'Islam, idolatri. Un suicidio culturale e religioso, una forma di perversione. Prima ancora che all'aggressività dei musulmani, la crescente islamizzazione è dovuta alla compiacenza ideologica di queste generazioni: tutti molto democratici e progressisti fino a tradire la propria identità.

INGVDI

Dom, 02/04/2017 - 12:10

Quanta fretta per costruire moschee. Un po di pazienza islamici, e avrete a disposizione le 40.000 chiese dell'Italia svuotate dai fedeli cristiani.

Giorgio Colomba

Dom, 02/04/2017 - 12:20

Prove tecniche di dissimulo-islamizzazione alle quali i catto-utili-idioti non dovrebbero prestarsi.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 02/04/2017 - 12:21

convincerci? loro si devono convincere prima di tutto di rispettare il luogo in cui sono ospiti! non devono mettersi contro la religione che è già presente ben prima di loro! se faranno cosi, e verranno in pace da noi, li accoglieremo pur rimanendo sempre fedeli alle nostre religioni, ai nostri propositi d'amore, mentre gli islamici non possono pretendere di avere ragione e poi di avallare segretamente gli islamici terroristi!!

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 02/04/2017 - 13:05

Riprovo- Leggo e sbalordisco. A Milano viene lanciato un programma di islamizzazione dei nostri giovani. Per questo viene prevista “una preghiera insieme [quale?], un giorno intero di dialogo”, con rinfresco in due incontri dedicati alla moschea. E poi verrà spiegata «l'importanza della moschea per una comunità attiva ed il suo ruolo nella società civile». Il tutto a spese dei contribuenti milanesi, o magari a spese dello stato, cioè di tutti. Evidentemente a Milano non sanno che la religione di Maometto non è stata riconosciuta con atto dello stato italiano semplicemente perché incompatibile con la nostra costituzione, in particolare con l’art. 8, in quanto: 1. Ammette la POLIGAMIA. 2. Prevede la PENA DI MORTE per APOSTATI, ADULTERI E OMOSESSUALI. 3. Prevede la SUPERIORITÀ DELL’UOMO sulla donna. 4. Prevede la SUPERIORITÀ DEL MUSSULMANO sul praticante un'altra religione. Così è anche se non vi pare.

justic2015

Dom, 02/04/2017 - 13:11

Che schifo questa Italia governata da una razza di vermi della peggiore specie che orrenda fine che aspetta a questo popolo di somari.

Ritratto di tethans

tethans

Dom, 02/04/2017 - 14:18

I politici sono cechi vedono solamente i $$$$€€€

venco

Dom, 02/04/2017 - 14:28

I ragazzi cattolici fanno bene a conoscere il corano a proposito di "infedeli" e donne.

agosvac

Dom, 02/04/2017 - 14:37

Il problema non è la più o meno regolarità di questa pseudo moschea, il problema è diverso. Ai giovani cristiani è stato detto che l'Islam li considera "infedeli" e , pertanto, meritevoli di morte immediata??? E' stato detto che se, malauguratamente, uno di loro si dovesse innamorare di una islamica dovrebbe convertirsi all'Islam per poterla sposare??? L'Islam, tra le altre cose, è subdolo, non dice la verità, dice tantissime bugie per fregare gli incoscienti che ci hanno a che fare!

greg

Dom, 02/04/2017 - 15:00

tutto ciò puzza di bergoglionismo applicato e entusiasticamente applicato dal governo della sinistra che tifa per il prete vestito di bianco (anche se è il papa nero) vaticano comunista, il sincretismo che Bergoglio vuole applicare in vaticano, unendolo con l'Islam, fin che morte del cristianesimo non venga, dopo di che solo allah, tutto allah, viva allah

Pietro2009

Dom, 02/04/2017 - 15:07

Pregare insieme lo stesso Dio o Dei diversi è una buona cosa, se a quelli citati nell'articolo si unissero anche gli ebrei, gli induisti, i buddisti ecc ecc sarebbe anche meglio e se tutti insieme fossero d'accordo che le preghiere sono rivolte alle divinità esclusivamente per invocare il loro aiuto per tutti gli esseri viventi sarebbe anche meglio. Un cosa deve essere chiara questa è una società LAICA in cui alcune libertà e norme sono SACRE quindi come ha scritto 02121940: -segue...

Pietro2009

Dom, 02/04/2017 - 15:08

seguito...NO POLIGAMIA-NO PENA DI MORTE O PUNIZIONI PER GLI APOSTATI, ADULTERI E OMOSESSUALI, DONNA E UOMINI HANNO PARI DIGNITA' ECC, NESSUNA RELIGIONE E SUPERIORE ALL'ALTRA TANTO MENO QUELLA DI MINORE TRADIZIONE NEL PAESE OSPITANTE, aggiungo NO INFIBULAZIONE E DIREI ANCHE CIRCONCISIONE PER I MINORI, NO BURQUA E NO NIQAB E PER IL VELO SOLO SE LA DONNA LO VUOLE VERAMENTE, UOMINI E DONNE POSSONO RICOPRIRE QUALUNQUE CARICA E SVOLGERE QUALUNQUE PROFESSIONE, E' PERMESSO L'ABORTO, IL DIVORZIO A ENTRAMBI, UOMINI E DONNE SONO LIBERI E INSOMMA SIAMO UNA SOCIETA' LAICA. Buon giorno a tutti.

Ritratto di Evam

Evam

Dom, 02/04/2017 - 15:22

Verrebbe da dire: "A scuola dallo stregone", per un master sul satanismo e relativa specializzazione. Ottimo e indispensabile complemento per qualsiasi curriculum dei nostri giovani apprendisti.

blackindustry

Dom, 02/04/2017 - 16:26

Poveri illusi, guardassero indietro negli avvenimenti della Storia, quando si e' fatta la leggerezza di abbassare la guardia con i musulmani, come e' finita: sottomessi, schiavizzati, assassinati. E quando i primi complici venduti stanno alle alte gerarchie, si sta freschi...

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Dom, 02/04/2017 - 16:30

qualcuno si dimentica di uno dei comandamenti: non avrai altro Dio fuori di me.

claudio faleri

Dom, 02/04/2017 - 16:35

sono molto furbi è tutto un teatrino con fine di dominio, poveri stupidi quelli che credono a questa gente

claudio faleri

Dom, 02/04/2017 - 16:37

la sinistra stranamente gode di queste cose, ma le femministe cosa dicono, perchè l'islam considera la donna un oggetto per sgravare

Blueray

Dom, 02/04/2017 - 16:54

Questi incontri non hanno senso, non avendo alcuna possibilità di cambiare la posizione dell'islam nei confronti dello Stato italiano e della religione cattolica nei cui confronti vi è palese incompatibilità non dirimibile. Sono manifestazioni di facciata promosse fariseicamente per chi non ha capito e non sa nulla del mondo islamico e abbocca come un pesce lesso all'insegna del cattobuonismo imperante. Temo purtroppo che tutto rientri nella strategia finalizzata alla legittimazione dell'islam come religione che culminerà prima o dopo nel suicidio della Chiesa cattolica, portata avanti con i buoni auspici dell'attuale vescovo di Roma già distintosi in analoghe operazioni.

Tarantasio

Dom, 02/04/2017 - 18:19

VOGLIO PROPRIO VEDERE CHI SARA' IL PRIMO VESCOVO A CONVERTIRSI, FORSE PROPRIO A MILANO...

Divoll

Dom, 02/04/2017 - 19:10

Basta moschee! Siamo in EUROPA. Non solo non ce ne vogliono di piu' perche' gia' ci sono troppi conflitti sociali, ma bisognerebbe anche chiudere quelle che ci sono e rimandare a casa la stragrande maggioranza dei musulmani non provenienti da zone in guerra. Oggi "dialogano" per ottenere quel che vogliono, ma quando lo avranno ottenuto, ci imporranno le loro volonta', come gia' stanno facendo laddove sono in numero schiacciante (Svezia, Olanda, Inghilterra).

salvatore40

Dom, 02/04/2017 - 20:28

Io pensava( da Leopardi !) che questi ragazzi fossero stati mandati a Parigi a scuola di Voltaire per un ripasso su fanatismo libri sacri intolleranza uccisione di infedeli idolatri...ecc.ecc...