I veri numeri sulla recessione che spaventano il governo

Fosche le stime non ufficiali per il Pil 2019: +0,4% Un dato che comporterebbe il sicuro aumento dell'Iva

Fa un po' impressione confrontare alcune stime di crescita della Germania uscite negli ultimi giorni con quella ufficiale per l'Italia inserita dal governo nella Legge di Bilancio approvata pochi giorni fa. La locomotiva tedesca nel 2019 potrebbe crescere dell'1,1%. L'Italia secondo il governo dovrebbe mettere a segno un più 1% del Pil. Da fanalino di coda dell'area euro a economia paragonabile al Paese più solido del Continente.

Nella prima versione della manovra la previsione ufficiale era addirittura dell'1,5% poi Bruxelles ha concordato con il governo italiano una linea un po' più realistica, che però rischia di essere ancora troppo ottimistica.

Il 2019 potrebbe segnare una frenata che ci riporterebbe più o meno al 2011. La cifra che circola (anche nella maggioranza) non è il punto percentuale del bilancio ufficiale, ma lo 0,4-0,5%. Meno delle stime ultra prudenziali di Fmi, Ocse e anche Bankitalia che prevede uno 0,9%. Sui livelli di quella decisamente pessimista di Goldman Sachs, che prevede proprio lo 0,4%. Come nel 2011, all'inizio di una delle crisi più profonde del Belpaese.

La gelata dell'economia si è sentita già alla fine dell'anno scorso. Il terzo trimestre del 2018 si è chiuso con un calo del Pil dello 0,1%. La prima stima Istat sul quarto trimestre arriverà tra 20 giorni. Se il Pil segnerà un altro segno meno saremo in recessione tecnica. E sono in molti a pensare che andrà così. «La crescita del Pil per il 2019 dovrebbe collocarsi nell'intervallo +0,5 - 0,7%» prevede Emanuele Canegrati, senior analyst BPPrime. Pesa un contesto internazionale sempre meno favorevole. Brexit, guerra commerciale Cina e Usa condizionano le prospettive della Germania. A Berlino si teme una recessione tecnica visto che il terzo trimestre del 2018 è stato negativo e che la produzione industriale degli ultimi mesi dell'anno scorso è stata negativa. La Germania è il primo partner commerciale dell'Italia.

In questo contesto è molto difficile per noi fare di meglio. Al di la delle dichiarazioni ufficiali, il governo spera veramente che il reddito di cittadinanza dia fiato ai consumi interni limitando il contagio internazionale. Ma proprio ieri Confcommercio ha sottolineato come la mini ripresa delle vendite di novembre sia da ascrivere interamente al Black Friday, mentre le prospettive per l'anno in corso rimangono «deboli».

Il governo si ritrova quindi di fronte un anno molto difficile, con un'economia che quasi sicuramente rallenterà, senza avere conosciuto una vera ripresa dopo il biennio nero 2012 e 2013. Con una crescita dello 0,4% sarà difficile rispettare gli obiettivi concordati con l'Ue sui conti pubblici, con la riduzione del deficit che tenda all'azzeramento e la riduzione del debito.

I margini per correggere in corsa il deficit di quest'anno ci sono. Più difficile la situazione per il 2020 e 2021. Tanto che nella maggioranza si dà per scontato che il prossimo anno scattino gli aumenti dell'Iva previsti dalla manovra. Non così drastici come quelli inseriti nelle clausole di salvaguardia (aliquota ridotta dal 10% al 13% e quella ordinaria dal 22% al 26,5%), ma parziali sì.

Tra le incognite che al momento sembrano tornare sotto controllo c'è la spesa per interessi. Ieri il Tesoro ha fatto il pieno nella prima asta di titoli pubblici del 2019, con un calo di nove punti base dei tassi di interesse rispetto al collocamento dello scorso 12 dicembre e un tasso dello 0,285%. «È la dimostrazione della grande fiducia degli investitori nei confronti del sistema Italia. La nostra è un'economia sana alla faccia dei gufi», ha commentato il vicepremier Matteo Salvini. Vero che il clima sia cambiato. Fitch nei giorni scorsi ha riconosciuto ad esempio un miglioramento inaspettato soprattutto per il miglioramento delle relazioni con l'Ue. Ma la sfida della crescita sarà più complessa.

Commenti

venco

Ven, 11/01/2019 - 22:22

Bloccare quota 100 e reddito gratis, non serve altro.

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 11/01/2019 - 22:24

Lo dico ogni giorno: SALVINI E` UN GENIO, perche' e` riuscito a far credere agli italiani che l'IMMIGRAZIONE fosse il problema principale del Paese. Nel frattempo gli italiani ed il Paese affondano sotto il peso di una DISOCCUPAZIONE imperante, un DEBITO pubblico alle stelle, di INFRASTRUTTURE al collasso, un'ISTRUZIONE senza una lira, una SANITA` povera e assassina, e una CRIMINALITA` organizzata che finalmente tira sospiri di sollievo...Tutti problemi che Salvini sa di non saper risolvere. Ergo, l'IMMIGRAZIONE.

GeoGio

Ven, 11/01/2019 - 22:24

Iva andrebbe diminuita, se si vuole creare ricchezza. Piu soldi intercetti subito e meno ne circolano. Oi, a cosa serve commentare... Come con l'Euro, prima fanno danni mostruosi, poi fanno dietrologia...

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 11/01/2019 - 22:32

Qual'è la "ricetta" !!! Quella della Lega!!! Dare il reddito alle aziende che assumono e quindi PRODUCONO PIL!!! Benas noches Italianos.

Massimo Bernieri

Ven, 11/01/2019 - 22:33

Come saremo realmente messi lo si vedrà più avanti con l'entrate tributarie IVA e IRPEF perché se si spende meno e si guadagna meno....!

Guido123

Ven, 11/01/2019 - 22:35

"... La locomotiva tedesca nel..." Iniziamo subito col dire che la locomotiva NON TRAINA nessuno, quelli fanno surplus ma NON MOLLANO nulla! Stanno impoverendo il 30% dei tedeschi perche non gli scappi un euro! Quelli sono solo degli arraffoni non sono una LOCOMOTIVA!!

Guido123

Ven, 11/01/2019 - 22:38

Fare meglio si può, basta fare i "crediti fiscali" su tutto tranne che sulle importazioni!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 11/01/2019 - 22:59

Le cose non vanno male da un giorn oall'alrto. Qualcuno, irresponsabile che ha governato fino l'alrto ieri, che con boria assurda non si sente responsabile, ha lasciato macerie sul suolo itlico. Io predissi già un anno fa che sarebbe stato impossibile governare dopo i comunisti. Andatevi a leggere i miei commenti. Comunque li posso ritrovare nella mia casella. Qualcuno che scommette?

cgf

Ven, 11/01/2019 - 23:01

blocchiamo anche le grandi opere così tutti a casa ed altro che ripresa economica! non ci saranno veramente di che pagare i redditi di cittadinanza.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 11/01/2019 - 23:12

La recessione è alle porte quale logica conseguenza di quasi un decennio di governo di sinistri incapaci ed ignoranti, con il botto finale di Renzi. Il problema è ripartire, cosa che non sarà mai possibile con i programmi economici predisposti da due ciarlatani quali sono palesemente il pseudo presidente del Consiglio e il mediocre Di Maio, scolasticamente uno zero in profitto. I numeri li spaventano? Spaventano di più noi, che dovremo pagare il conto.