Ilva e Fincantieri, il governo sblocca gli impianti e blocca la magistratura

Il decreto stabilisce che, nei casi di provvedimenti cautelari da parte della magistratura, il provvedimento non impedisca la prosecuzione dell’attività d’impresa

Il governo in aiuto dello stabilimento Fincantieri di Monfalcone e dell’Ilva di Taranto, fermi da lunedì scorso per decisione della magistratura, con un decreto approvato dal consiglio dei ministri per sbloccare gli impianti. Il premier Renzi, su Facebook, sottolinea: "Continuiamo a dare priorità al salvataggio dei posti di lavoro in tutta Italia da Monfalcone a Taranto fino all’intero Casertano". E twitta: "Passo dopo passo, un mattone alla volta, non solo salvataggi di aziende, ma anche costruzione di futuro. Avanti tutta, è la volta buona".

Soddisfatta Fincantieri, secondo cui il provvedimento fornisce l’interpretazione autentica della normativa in materia ambientale, chiarendo che i depositi temporanei di scarti di lavorazione fatti sulla banchina del cantiere di Monfalcone anziché sulla nave sono legittimi. Verrebbe così superata l’interpretazione della Cassazione all’istanza della Procura per il sequestro delle aree, nell’ambito di un’indagine aperta dal 2013. L’azienda aveva ritenuto obbligato chiudere tutta la produzione, giudicando "strategiche" le zone interdette. Per Taranto, invece, c’è voluta una lunga valutazione tecnica che ha fatto slittare di parecchie ore la riunione del governo.

Il decreto stabilisce che, nei casi di aziende di rilevanza strategica nazionale sottoposti a provvedimenti cautelari da parte della magistratura, il provvedimento non impedisca la prosecuzione dell’attività d’impresa purché l’azienda presenti in termini "stringenti" (probabilmente 30 giorni) un piano per l’adozione di misure aggiuntive sulla sicurezza del lavoro. Non viene così leso il motivo per il quale il magistrato ha disposto il sequestro - l’indagine sulla morte di un operaio - ma l’Ilva potrà presentare istanza alla magistratura, con un piano integrativo di sicurezza, il dissequestro dell’altoforno e la prosecuzione delle proprie attività.

Per la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, che si era attivata con il Mise e il Ministero dell’Ambiente per Monfalcone, "l’intervento del Governo è stato tempestivo e ha offerto una soluzione immediatamente praticabile a una situazione potenzialmente esplosiva". Il provvedimento arriva nel giorno in cui Fincantieri si è aggiudicata un nuovo contratto internazionale per la fornitura di quattro corvette della classe Minerva alla Guardia Costiera del Bangladesh.

Commenti

gstrazz46

Ven, 03/07/2015 - 22:10

Ma i provvedimenti giudiziari sono strettamente obbligatori o legati alla discrezionalità del magistrato? Nel secondo caso, ci sono giudici così irresponsabili(in tutti i sensi) da mettere sul lastrico migliaia di famiglie e da danneggiare in modo grave settori strategici per il Paese? ma allora è proprio vero che i candidati alla carriera di magistrato debbono essere sottoposti a severo test psicoattitudinale e a controlli psichiatrici periodici; e da uno bravo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 03/07/2015 - 22:29

E cosi finalmente dopo "secoli" il S/governo del "fare" decide di mettere il BAVAGLIO alla magistratura !!! FIN CHE DURA"!!!! Nel senso fin che la magistratura SEGHERÀ come è prossima a fare qualcuno di NCD, poi vedremo il CONTABALLE cosa sara capace di INVENTARSI!!! MAH chi vivra vedra. Saludos dal Nicaragua.

Ritratto di Balamata

Balamata

Ven, 03/07/2015 - 23:10

Gstrazz46, quoto al 100%

Ritratto di Balamata

Balamata

Ven, 03/07/2015 - 23:11

È come sempre, se non si parla di Berlusconi, i compagni non intervengono, queste notizie sono poco importanti, importante e Ruby... Vergognatevi

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 03/07/2015 - 23:45

Nessuno muove una giusta reprimenda al comportamento di magistrati che infischiandosene di migliaia di lavoratori e dei contratti delle aziende SI MUOVONO CIECAMENTE E IRRESPONSABILMENTE DANNEGGIANDO GRAVEMENTE TESSUTO SOCIALE DEL NOSTRO PAESE? Ma chi si credono queste persone che vestono la toga di magistrato? BASTA CON QUESTA VERGOGNOSA IMPUNITÀ.

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 04/07/2015 - 00:29

Finalmente ne hanno fatta una buona. Quello che non capisco, però, è perché il decreto si possa applicare solo alle "aziende di rilevanza strategica". Le piccole e medie aziende, che costituiscono la vera ossatura della nostra economia, devono morire?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 04/07/2015 - 07:15

Si è sempre detto che la magistratura doveva essere indipendente,mentre invece a quanto sembra a volte segue le direttive del governo.Anzi quando al governo c'è il CDX allora vuole essere indipendente,mentre col CSX va d'amore e d'accordo.Salvo i trinariciuti col paraocchi gli altri lo hanno capito da tanto tempo,è una storia vecchia delle toghe rosse.

linoalo1

Sab, 04/07/2015 - 08:08

Finalmente ho visto fare una Cosa Positiva a questo Governo di Incapaci!!!Con quali conseguenze??Terremoti,Tornado ed Alluvioni????

ferraccio

Sab, 04/07/2015 - 08:46

Ancora slogan da regime da parte di Renzi. Ma si occupasse di mettere in riga i magistrati, gente per lo più inutile e dannosa che, a quanto pare, non ha contatti con la vita reale e sa solo disperarsi se qualcuno pensa di ridurgli le ferie. Migliaia di lavoratori rischiano il posto? E chi se ne frega, loro un lauto stipendio ce l'hanno, pagato anche da chi perde il lavoro, gli altri si arrangino. Purtroppo la magistratura è ancora la stampella indispensabile alla sinistra che governa, anche se senza alcun mandato popolare.

27Adriano

Sab, 04/07/2015 - 09:55

Ci vorrebbe il Tribunale del Popolo per giudicare i Magistrati come facevano i Compagni ai bei tempi!

unosolo

Sab, 04/07/2015 - 11:21

è il caso di fare una legge che impedisca in prio approccio il fermo produttivo creando una via accelerata per messa a norma dove esiste pecca o mancanza di sicurezza non si può fermare a priori la produzione che serve a portare soldi a famiglie e Stato che quei soldi deve pagare i servizi , e stipendi per chi è in quei servizi.