L'Italia presa d'assalto: 200mila profughi con il governo Renzi

I dati parlano di 62mila immigrati nel 2011, 13mila con Monti, 43mila con Letta e 170mila fino ad oggi con Renzi: nel 2015 chiuderà con 200 mila immigrati.

"La situazione dei profughi per noi è molto chiara: abbiamo avuto 62 mila immigrati con il governo Berlusconi, nel 2011. L'allora ministro Maroni mise in piedi tutta una serie di relazioni. Poi arrivarono 13 mila immigrati con Monti, che assa il testimone a Letta: nel 2013, Letta chiude la contabilità con 43 mila immigrati. Letta non si interessa del problema, passa il testimone a Renzi. Siamo nel 2014 e Renzi chiude la contabilità con 170 mila immigrati. Renzi non si interessa del problema, passa il testimone a sé stesso e nel 2015 chiuderà con 200 mila immigrati. Qui non bisogna farli arrivare, bisogna aiutarli a casa loro". A sostenerlo, con forza, è oggi il governatore del Veneto, Luca Zaia.

"Su 579 comuni nel Veneto solo 5 hanno dichiarato disponibilità ad accoglierli, il che vuol dire che noi diciamo di no. Anche perché questi non sono profughi- polemizza Zaia - Le avete viste le immagini di Eraclea. .. Non venitemi a raccontare che gente che ha i muscoli così sviluppati, e che sono così tonici ed in carne, scappano dalla fame, non esiste questa pantomima qui.... Prova ne sia che lo stesso Governo ci dice che su 3 immigrati, 2 non avranno mai il riconoscimento dello status di profugo. Questa è la statistica".

"Noi stiamo portando a casa in due casi su tre persone che non hanno nessun diritto ad essere ospitati come rifugiati o profughi, cioè non scappano dalla fame- conclude Zaia - Il 22% di quelli che arrivano in Veneto sono senegalesi. In Senegal noi andiamo a comprare le settimane per andare in vacanza. Questa è la dimensione del Senegal. Non sta né in cielo né in terra.... I veri profughi qui siamo noi. Noi veneti cioè quelli che hanno avuto il tornado, che hanno difficoltà, che non hanno il lavoro, i pensionati con la pensione minima. Questi sono i profughi".

Commenti

OttavioM.

Mar, 14/07/2015 - 13:32

Ha ragione Zaia,basta con questa farsa a spese nostre che tutti questi giovani forti e muscolosi di paesi come Senegal,Ghana,Gambia e Nigeria dove non ci sono guerre e alcuni sono pure in forte crescita economica PRETENDONO di stare in Italia a fare i profughi mantenuti a spese nostre e serviti di tutto punto.L'asilo politico è per i rifugiati politici o donne e bambini che scappano dalle bombe.Io invece vedo solo giovani vigorosi che potrebbero lavorare le terre incolte dei loro paesi o costruire case e strade in Africa,invece di venire qui a pretendere il mantenimento a spese di anziani pensionati,padri disoccupati che vivono in macchina e imprenditori ipertartassati.E'una vergogna che la sinistra ci propina questi clandestini come profughi di guerra.

Tuthankamon

Mar, 14/07/2015 - 13:57

Interrompere gli arrivi con qualsiasi mezzo, scoraggiare le partenze dai Paesi di origine e rimpatriare senza esitazione!!!!!!!!

vince50

Mar, 14/07/2015 - 14:12

In passato le invasioni si facevano con le armi,e in qualche modo ci si poteva difendere e per quanto possibile ostacolarle.Nel terzo millennio è cambiato tutto ne offesa ne difesa,tacita remissione e incapacità di meritare rispetto.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 14/07/2015 - 14:18

I nostri discount presi d'assalto da bande di "profughi" sempre più chiassosi, maleducati ed isolenti. A loro tutto è dovuto e quindi, alle casse, passano disinvoltamente,in testa alla coda dei clienti. E guai a far loro osservazione...sei, automaticamente, un "rassista". W l'I-taglia democratica ed antifassista!

pascoll1

Mar, 14/07/2015 - 14:20

I nostri bisnonni sono morti per difendere o gli singolo metro di territorio della Patria, i sinistri la stanno letteralmente regalando a questi nuovi barbari, i problemi li avranno i nostri nipoti, quando saranno minoranza in Italia.

LiberoDiPensare

Mar, 14/07/2015 - 14:38

Ma nel 2011 chi c'era al Governo? No perchè ha fatto peggio di Monti e Letta... di sicuro c'era qualche genio.

paco51

Mar, 14/07/2015 - 14:52

non c'è nulla da fare! la gente li vuole. Adolfo è morto e un'altro non c'è ancora!

magnum357

Mar, 14/07/2015 - 15:21

Il messaggio che i sinistri danno dell'Italia è quello di un paese dove puoi rubare, rapinare, stuprare, uccidere senza fare un giorno in galera e farti assolvere da qls tribunale rosso!!!

rosa52

Mar, 14/07/2015 - 15:40

e' inutile, se ce lo impone l'europa dobbiamo eseguire gli ordini e tacere cosi' come fa Renzi del resto....

killkoms

Mar, 14/07/2015 - 19:34

plus niger omnibus..!

killkoms

Mar, 14/07/2015 - 19:36

@libero di pensare nonché minkione,ma nel 2011 c'erano la guerra in libia e le primavere arabe,o sbaglio..?

swiller

Mer, 15/07/2015 - 09:52

Eliminare tutte le sinistre sono parassite deleterie delle calamità per il paese.