Italia Viva, Renzi: "Noi apriamo a tutti, a destra e a sinistra"

Matteo Renzi, intervistato dal giornale livesicilia.it nel giorno della presentazione del suo partito a Catania, ha ribadito la sua aspirazione di sfondare nell'elettorato di Forza Italia. E spera nell'arrivo della Carfagna

Continua la 'campagna acquisti' di Italia Viva. "Noi apriamo a tutti, a destra e a sinistra, purché si parli di persone perbene, fresche, innovative”, ha ribadito anche oggi Matteo Renzi, intervistato dal giornale livesicilia.it nel giorno della presentazione del suo partito a Catania.

Renzi, sin dalla Leopolda, non ha fatto mistero di puntare all’elettorato di Forza Italia, nella speranza che Mara Carfagna e i parlamentari a lei vicini seguano il suo nuovo progetto politico che "in qualche modo" si rifà al movimento del presidente francese Emmanuel Macron, En Marche. Una missione ribadita anche nell'intervista di oggi: "Noi siamo pronti a dialogare con tutti, senza esclusione. A patto che a unirci non sia una tessera o una schema mentale. Siamo pronti a parlare con chi si sintonizza con noi sulle cose da fare, e sono tante”, si legge.

Su questo tema è intervenuta anche Teresa Bellanova, ministro dell’Agricoltura, che, nel corso L’Intervista su Sky Tg24 condotta da Maria Latella, a proposito del possibile arrivo della Carfagna e della deputata ed ex presidente del Lazio, Renata Polverini, dice: “Italia Viva è una startup della politica che vuole attrarre quelli che vogliono contribuire a migliorare le condizioni di questo Paese, se vorranno venire saranno le benvenute". Secondo Bellanova, Italia Viva può diventare "il luogo in cui le persone vogliono contribuire a dare un futuro positivo ai ragazzi e alle ragazze e vogliono assumersi la responsabilità di dare legittimità alla politica”. Intanto, l'unica parlamentare che da Forza Italia è passata a Italia Viva è la senatrice Donatella Conzatti, mentre tutte le altre manovre e i possibili nuovi 'cambi di casacca' restano confinati tra i 'rumors' di Palazzo. Renzi, finora, è riuscito a pescare perlopiù dalla sinistra e dai pentastellati. La maggior parte dei parlamentari renziani provengono dal Pd, fatta eccezione per la già citata Conzatti, l'ex alfaniano Gabriele Toccafondi, l'ex LeU Giuseppina Occhionero e gli ex grillini Vono Gelsomino e Catello Vitiello.

Le speranze di Renzi di 'sfondare' nel centrodestra sono appese a "una suggestione". Quella lanciata qualche giorno fa dalla Carfagna nel corso di un suo intervento a Linkiesta Festival, in cui la capogruppo dei deputati azzurri ha lanciato una provocazione:"Se Renzi dichiarasse di non voler sostenere più il governo di sinistra ma di avere altre ambizioni, Forza Italia Viva potrebbe essere una suggestione". Una frase che ha destato molti sospetti sul futuro dell'ex ministro azzurro, ma nulla di più e, prendendo per vere le sue parole, pare assai improbabile che Renzi accetti di far cadere ora il governo Conte-bis. Ora che i sondaggi lo danno ancora tra il 3 e il 6%.