Ius soli, Salvini: "La cittadinanza è cosa seria, non un biglietto per il Luna Park"

Il ministro dell'Interno stoppa l'incursione della sinistra: "La legge sulla cittadinanza non cambierà mai". E cestina lo ius soli

Matteo Salvini mette una pietra sopra alla demagogia della sinistra che, sfruttando i ragazzini che hanno sventato l'attenato sullo scuolabus, prova a riportare in parlamento il dibattito sullo ius soli. "Non se ne parla nemmeno", taglia corto il ministro dell'Interno rispendendo al mittente le pressioni dei notabili piddì che, in crisi di voti, provano a ricompattare il centrosinistra intorno alla battaglia per riformare le normative che regolano la cittadinanza italiana ai figli degli immigrati.

Da Graziano Del Rio a Nicola Zingaretti, passando per Walter Veltroni a Matteo Orfini, i big dem stanno cavalcando la storia di Ramy, il 13enne egiziano che con una telefonata ha allertato i carabinieri sventando così il folle piano del senegalese Ousseynou Sy, per rimettere al centro del dibattito politico la battaglia sullo ius soli. Una battaglia che, quando Paolo Gentiloni sedeva a Palazzo Chigi, il Partito democratico aveva disertato per mancanza di voti in parlamento e per paura di perdere consensi nel Paese. "Sappiamo benissimo che con i numeri di questa legislatura sarà quasi impossibile portarlo a casa - ammette Orfini in un post su facebook - l'occasione vera l'abbiamo persa in quella precedente". Eppure, al quartier generale del Pd, nessuno vuole guardare in faccia alla realtà. E così corrono a inviare lettere a Repubblica per spronare il popolo di centrosinistra a rimboccarsi le maniche. "Non abbiamo bisogno di odio generato a volte dal rancore e dalla discriminazione - scrive Zingaretti - ma di un'Italia che dia opportunità a tutti e tutte". E Veltroni dietro a fargli l'eco: "Il Pd deve saper declinare i suoi valori in questo tempo della storia - pontifica in una intervista su Repubblica - vengono oggi messi in discussione valori fondamentali, sociali, civili e umani".

Il dibattito, però, è solo interno alla sinistra. In parlamento, infatti, nessuno vuole rimettere mano a una riforma osteggiata dalla maggioranza degli italiani. "L’Italia è già oggi il Paese che concede più cittadinanze ogni anno, non serve una nuova legge", ha tagliato corto Salvini. Che ha poi messo in guardia la sinistra buonista: "La cittadinanza è una cosa seria e arriva alla fine di un percorso di integrazione, non è un biglietto per il Luna Park". Certo, in singoli casi eccezionali, come appunto quello di Ramy, il governo può concederla anche prima del tempo. "Ma - ha messo in chiaro il vice premier leghista - la legge non cambierà".

Anche fuori dalla maggioranza sono in molti a pensarla come Salvini. Da Forza Italia è arrivato un secco "no" allo ius soli. "Se siamo riusciti a bloccare l'assurda proposta dello ius soli in un Parlamento in cui la sinistra era più forte - ha commentato Maurizio Gasparri - figuriamoci che fine farebbe oggi una sortita del genere nell'attuale Parlamento". Per il senatore azzurro è "vergognoso sfruttare fatti di cronaca per alimentare una campagna pro immigrazione. Riemergono registi falliti, come Veltroni che dovrebbe piuttosto parlarci del flop del suo film, non dello ius soli". "Ci si occupi piuttosto di espellere seicentomila stranieri che continuano illegalmente a rimanere in Italia", ha concluso.

Commenti

baronemanfredri...

Dom, 24/03/2019 - 18:55

SEI UN DIO DIFENSORE DELL'ITALIA DELLA MIA PATRIA, SPERIAMO CHE STASERA VINCI DI NUOVO. POI QUELLA BANDIERA VOLUTA DA MORTADELLA NE FAREMO USO E CI SIAMO PULITI IL CUL.......... NON E' APOLOGIA DI REATO E' UNA CANZONE CANTATA IN ITALIA DA TUTTI E IN TUTTE LE OCCASIONI.

Calgues

Dom, 24/03/2019 - 18:58

Ringrazio Il Giornale per mantenere salda una posizione minoritaria tra i media mondialisti-arcobaleno occidentali. Ieri ho beccato due di Save The Children davanti a un supermercato di Roma. Ho ricordato a chi era con me che nel CdA partecipano o siedono rappresentanti di Poste Italiane e di Ikea, oppure investitori istituzionali (SICAV!) o BULGARI GROUP! Dunque Save The Children a mio avviso non necessita di contributi del semplice cittadino. Se li facciano dare dalle corporations. Hanno un bilancio da 90 mln di euro, se non ricordo male.

Ritratto di mailaico

mailaico

Dom, 24/03/2019 - 19:02

Ci si occupi piuttosto di espellere seicentomila stranieri che continuano illegalmente a rimanere in Italia... E PERCHE' SONO ANCORA QUI ? FELPINO ALLORA ? SEI UN SUPERUOMO O UN SUPER PAGLIACCIO ?

venco

Dom, 24/03/2019 - 19:08

Siamo tutti con Salvini, siamo tutti italiani come Salvini.

maurizio-macold

Dom, 24/03/2019 - 19:08

La cittadinanza e' una cosa seria ed importante, ed e' per questo motivo che Salvini meno se ne occupa meglio e'. Lui sa creare solo odio.

Cheyenne

Dom, 24/03/2019 - 19:11

IL PD (PARTITO DELINQUENZIALE) NON SOLO ODIA E SPARGE ODIO CONTRO GLI ITALIANI, MA SPERA NELLA DISTRUZIONE DEL PAESE CON LO IUS SOLI (CHE COMUNQUE UN REFERENDUM ABROGHEREBBE SUBITO). SAREMO ASSALTATI E INVASI DA DONNE INCINTE SAREBBE LA FINE DELL'ITALIA COME STATO ANCORA (SEMI)CIVILE E INDUSTRIALE. BASTA TRADITORI, BASTA NxxxI, BASTA FANKAZZISTI, BASTA ONG, BASTA PRETI

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 24/03/2019 - 19:13

Ottima risposta. Bravo Salvini,sotterrali nel ridicolo.

vaigfrido

Dom, 24/03/2019 - 19:20

Ma lo stato italiano nega qualcosa a questi ragazzi ? nega di frequentare scuole , nega assistenza medica , nega accesso a strutture pubbliche ? Direi proprio di no , la cittadinanza deve essere un a scelta consapevole che si può prendere all'età che la legge stabilisce , Lo ius aoli è solo propaganda delle sinistra che non sanno più dove pescare consensi

APPARENZINGANNA

Dom, 24/03/2019 - 19:20

Dare un premio a TUTII i ragazzini (italiani e non) che sul bus si sono adoperati per salvare la vita propria e degli altri a bordo. La cittadinanza però è altra cosa, da concedere a chi compie un certo percorso (studia l'italiano, si impegna nel tempo per il bene dell'Italia, acquisisce e arricchisce la cultura degli italiani, rispettandoli). Non basta nascere in territorio italiano per essere italiani.

DRAGONI

Dom, 24/03/2019 - 19:24

Non usare il cestino ma il WC e tirare lo scaquone.Ritornano alla carica perche' hanno bisogno dei voti dei NUOVI italiani perche' stanno rischiando l'estinzione.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Dom, 24/03/2019 - 19:27

Stanno strumentalizzando il tredicenne Ramy in un modo che a definirlo disgustoso è ancora poco.

lonesomewolf

Dom, 24/03/2019 - 19:29

Giusto, Salvini!!

Ritratto di marystip

marystip

Dom, 24/03/2019 - 19:32

Giusto. Sto ragazzo perchè ha fatto una telefonata che cxxxxxxi!!!!!!!!!! 51 ragazzi anche se tredicenni un uomo solo lo buttano fuori dell'autobus, a calci e pugni. Com'è fanno tanto i bulli poi si ca...no sotto per un solo uomo. Fosse stato un bus di ragazzi romeni o albanesi bukunga usciva con le ossa rotte.

Ritratto di saggezza

saggezza

Dom, 24/03/2019 - 19:33

In Francia non la acquisisce anche se i genitori sono cittadini della comunità europea.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 24/03/2019 - 19:36

Direi che è meglio andar con i piedi di piombo, visti i precedenti, compreso l'ultimo.

vincentvalentster

Dom, 24/03/2019 - 19:54

Su un fatto come quello accaduto sullo scuolabus non si scherza con "il biglietto per il luna park", soprattutto quando il protagonista in positivo, molto positivo della vicenda è un ragazzino che ha evitato una strage

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Dom, 24/03/2019 - 19:56

grande matteo!! alla facciaccia dei bievhi di sx

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Dom, 24/03/2019 - 19:58

Ma si,dai, facciamo contenti i compagnucci! Diamo la cittadinanza ai bambini nati in Italia e, per non creare discriminazioni, anche ai genitori, agli zii ed ai nonni. Agli altri parenti, anche alla lontana, riconosciamo lo stato di "italiani all'estero". L'importante è che possano votare. Magari, per garantire il risultato, inseriamo la clausola che la cittadinanza può essere revocata se non votano PD.

pilandi

Dom, 24/03/2019 - 23:24

Anche fare il ministro dell'interno dovrebbe essere una cosa seria...

pilandi

Dom, 24/03/2019 - 23:26

@baronemanfredri... ma i congiuntivi li hai imparati da Filini?

istituto

Lun, 25/03/2019 - 00:12

Mica siamo nel paese della cuccagna dove tutto è aggratis.....Ma qualcuno questo glielo ha fatto credere...

ziobeppe1951

Lun, 25/03/2019 - 00:47

pirlandi...non è cosa seria votare la sinistra

Marguerite

Lun, 25/03/2019 - 07:22

In Svizzera....non se ne parla proprio di dare la cittadinanza alla nascita!!! Prima devi provare che sei INTEGRATO (test sulle conoscenze generali + livello d’integrazione) + il costo secondo il reddito ! Mi ricordo che era stata rifiutata la cittadinanza a una famiglia Portoghese...perché il figlio di 16 anni aveva detto....non amare il servizio militare! Una cittadinanza si merita....non si regala! Come puoi dirti integrato se tua moglie porta il velo e non sa cucinare le specialità svizzere ?

rossini

Lun, 25/03/2019 - 08:10

Fate sapere ai sostenitori dello ius soli che se un sorcio nasce in una stalla non per questo diventa un cavallo.

APG

Lun, 25/03/2019 - 10:08

Forza, avanti sinistra tutta e catto-comunisti, date battaglia per lo “jus soli”.... e presto sarete voi ad averne bisogno, perché gli Italiani vi stanno togliendo il “solum italicum” da sotto i piedi!

APG

Lun, 25/03/2019 - 10:09

Bene, bene, sinistra e catto-comunisti tutti d'accordo. Più delinquenti ci sono, più cittadinanze regaliamo! Algoritmo perfetto! La sinistra ha proprio capito tutto, l'importante è tacere sui criminali e ... parlare solo degli eroi!!!!!! Ma che eroi ????? Hanno solo fatto quello che avrebbe fatto chiunque altro in quella situazione, senza peraltro essere un eroe! Buffoni ipocriti catto-comunisti!!!!!

chiara63

Lun, 25/03/2019 - 10:51

Salvini è come al solito arrogante dote di quegli uomini poco intelligenti e pagliacci che vive il suo momento di gloria grazie a degli argomenti falsi (invasione di stranieri, ma dove?) per far presa su un popolo rancoroso e pieno di odio che il felpato sa gestire in modo eccellente visto la nullità di argomenti seri su cui trattare.