Jihadisti sui barconi L'allarme per la rete tra Africa e Germania

I nove arrestati all'imbarco per l'Italia: scappavano come gli altri migranti ma c'è un network che organizza la rotta

La pattuglia di estremisti islamici intercettati dai tunisini che si stava imbarcando su un gommone diretto in Italia non puntava ad organizzare attentati ma voleva, come gli altri migranti, raggiungere un inesistente Eldorado europeo. Però l’allarme sulle collusioni fra trafficanti di uomini e terrorismo rimane alto.

Il 2 agosto il ministero dell’Interno tunisino ha rivelato che è stata scoperta una rete criminale, che forniva documenti e organizzava i passaggi via mare non solo per i migranti, ma pure per i terroristi. Nell’operazione sono stati arrestati anche due jihadisti in contatto con Seif Allah H., il tunisino finito in manette a metà giugno a Colonia che stava preparando un devastante attentato biologico in Germania.

In manette erano finiti quattro iracheni ed un mediatore locale che offrivano passaggi sicuri dalla Tunisia verso l’Italia e fornivano passaporti falsi. Il traffico non riguardava solo migranti africani, ma pure persone proveniente dall’Iraq e dalla Turchia. Si sospetta che potevano esserci anche jihadisti in fuga dopo il crollo dello Stato islamico. Della rete facevano parte due ricercati per terrorismo, che sono stati arrestati. Secondo gli investigatori erano "strettamente legati a un terrorista tunisino residente in Germania”. Il portavoce del ministero dell’Interno di Tunisi, Sofiene Zaag, ha fatto capire che si tratta di Seif Allah H., il 29enne tunisino arrestato il 14 giugno a Colonia mentre stava preparando un attentato con la ricina, sostanza biologica seimila volte più potente del cianuro. Uno dei due jihadisti scoperti in Tunisia all’inizio di agosto aveva “già organizzato la fuga del terrorista dalla Germania dopo l’attacco grazie a documenti falsi”.

Ieri le autorità tunisini hanno confermato di aver intercettato 9 estremisti islamici che stavano per imbarcarsi verso l’Italia, ma smentito che fossero terroristi in procinto di colpire. "Volevano fuggire dalla Tunisia in cerca di una vita migliore, come gli altri migranti” ha spiegato Houssem Jebabli, portavoce della Guardia nazionale.

L’Interpol, però, è seriamente preoccupata dei “microsbarchi” non provenienti dalla Libia, che in gergo vengono chiamati n.m.i (non meglio identificati). Dall’inizio dell’anno al 14 agosto sono arrivati con questo sistema in Italia 3958 persone dalla Tunisia. Molti sono tunisini che non hanno diritto d’asilo nel nostro paese. E fra loro potrebbero essersi nascosti dei terroristi grazie alle collusione con i trafficanti di uomini. Fin dal crollo della roccaforte dello Stato islamico a Sirte nel 2016 erano stati scoperti indizi e liste di jihadisti mescolati ai migranti. “Abbiamo trovato una lista di terroristi dello Stato islamico. Accanto ai nomi di sette tunisini è riportato che sono proseguiti per l’Italia sui barconi” spiegava l’ufficiale anti Isis, Susyan Abdulla, che ha consegnato il documento all’intelligence libica.

Frontex, l’agenzia per le frontiere dell’Unione europea ha rivelato in gennaio che nel corso del tempo sarebbero arrivati in Italia sui barconi, con false identità, una cinquantina di terroristi. Il Viminale ha smentito la notizia, ma lo scorso anno nei centri di detenzione libici per i migranti arrivavano spesso i servizi marocchini e tunisini alla ricerca di jihadisti ricercati che stavano cercando di raggiungere l’Europa.

Commenti

tosco1

Mer, 15/08/2018 - 11:00

auguro alla Germania della Merkel di assorbire migliaia di jaidisti, cosi' i tedeschi capiranno cosa hanno lasciato che quella donna politica gli ha combinato.

Ritratto di hardcock

hardcock

Mer, 15/08/2018 - 12:30

Chiedete a un cattolico cosa ne pensa della guardia svizzera? bene avrete la stessa risposta che darebbe un mussulmano riguardo all'isis. Per l'isis è facile mettere il cappello su qualsiasi attentato compiuto da fedeli mussulmani e questo ingenera una falsa sicurezza negli infedeli. Se non ha il distintivo dell'isis è una brava persona. Fino a chè non sarà troppo tardi per scoprire la verità. Ricordate che la parola di qualsiasi imam è legge. Se viene lanciata una fatwa il fedele deve ubbidire pena la morte con disonore e conseguente negazione del paradiso. con latte miele e vergini. Mao Li Ce Linyi Shandong China

agosvac

Mer, 15/08/2018 - 13:33

E' pura follia pensare o sperare che insieme ai migranti fasulli non ci sia anche un gran numero di terroristi. Probabilmente addirittura sono più i terroristi che i migranti fasulli!!! E, comunque, cambia poco perché anche i migranti fasulli sono dannosi come i veri terroristi visto che stanno portando le economie dei paesi che li accolgono alla completa rovina.

Malacappa

Mer, 15/08/2018 - 13:42

Sempre e' stato cosi solo gli imbecilli buonisti e schiavisti non l'hanno voluto vedere

baronemanfredri...

Mer, 15/08/2018 - 14:11

LA COMUNISTA DELL'EST GERMANIA MERKEL E' CONTENTA

Ritratto di stufo

stufo

Mer, 15/08/2018 - 14:23

Rebbekah odia i tedeschi sterminatori di ebrei. Li punisce così. E odia i fascisti italiani, cioè, tutti.

bruco52

Mer, 15/08/2018 - 17:27

Tutto questo va addebitato alle zecche rosse e ai loro complici cattolici adulti; massa di deficienti che con le loro politiche dell'accoglienza suicida, hanno attirato in Italia, la feccia del mondo islamico-africano, che vogliono sterminarci, per sostituirci e far nascere l'Europa islamica.....