L'accoglienza costa miliardi, ma non funziona nulla

Sovraffollamento, controlli scarsi, personale non all'altezza che lo Stato paga 4,6 miliardi

La macchina dell'accoglienza italiana dovrebbe avere il primato in fatto di trattamento degli immigrati, dovrebbe essere iperspecializzata in mediazione culturale, adeguatamente preparata in percorsi di integrazione e veloce nella valutazione dei rifugiati. Dovrebbe appunto. Ma i fatti testimoniano che seppure ben oliata da fiumi di denaro la macchina dell'accoglienza si inceppa e va spesso in default. Strutture non a norma, spazi inadeguati, controlli carenti, personale impreparato, sporcizia e scarsa qualità del cibo. Incredibile ma è così: emerge dal rapporto della cooperativa sociale InMigrazione che delinea un quadro a dir poco disarmante. L'84% degli operatori intervistati dalla coop segnala nei centri di accoglienza gravi criticità: nel 10% dei casi sovraffollamento e inadeguatezza, nel 17 strutture decadenti e inadeguate, nel 33 posizioni isolate e carenza di collegamenti pubblici per raggiungere i centri abitati e servizi territoriali.

Inoltre viene evidenziata la carenza di organico rispetto agli ospiti accolti (39%) e operatori scarsamente specializzati (41%). In sostanza il report stima circa il 60% dei servizi offerti come inadeguato e problematico mentre, si supera il 70%, quando si analizzano i percorsi di integrazione successivi per il cosiddetto raggiungimento di vita autonoma dell'immigrato. Infine un operatore su tre denuncia che i controlli e le ispezioni istituzionali sull'operato dei soggetti che gestiscono l'accoglienza è carente o addirittura inesistente. Il 44% degli intervistati lamenta problemi nella fruizione dei servizi degli uffici immigrazione delle questure: «I tempi burocratici spesso lunghissimi, connessi all'iter della domanda d'asilo, che incidono sui tempi di accoglienza e quindi sui costi per le casse dello Stato, sono alla base di questa forte criticità». Si stimano tra i 4,2 e i 4,6 miliardi di euro gli impegni del 2017 mentre nel 2016 sono stati superati i 3,6 solo per la cosiddetta prima accoglienza. Se si vanno a sommare quanto i finanziamenti per i servizi di protezione ai richiedenti asilo (Sprar) sono pesati sul bilancio 2016 si valutano più di 340 mila euro per l'ospitalità di 28 mila immigrati. Quest'ann la cifra verrà di gran lunga superata contando che il numero dei progetti Sprar è quasi raddoppiato.

Ad aprile scorso il ministro dell'Interno Marco Minniti ha emanato una direttiva che riporta voce per voce gli standard minimi per i centri di accoglienza e funzionale a tutti gli operatori: dai prefetti, ai loro delegati fino ai responsabili dei centri. Il vademecum però sembra sia passato nel dimenticatoio. Non funziona il metodo delle gare d'appalto e le manifestazioni di interesse per sondare il mercato che fanno le prefetture (36%), i servizi di interpretariato (30%) altrettanto l'accesso ai corsi di prima alfabetizzazione della lingua italiana. Sarà perché negli ultimi anni, di pari passo con l'incremento dei finanziamenti erogati sono fiorite nuove realtà cooperativistiche, ong e onlus, pronte a spartirsi la gestione dei centri dell'accoglienza sul territorio, quasi a dare l'impressione di una diversa realtà imprenditorialità emergente. Ma non è stato così. Dal report elaborato viene fuori che chi lavora nel settore dei flussi migratori non è una realtà imprenditoriale. Il social business è solo quello delle coop: sommario e improvvisato.

Commenti

magnum357

Sab, 05/08/2017 - 13:55

Non vogliono abbassare le tasse per costringerci a mantenere centinaia di migliaia di parassiti !!!!!

cgf

Sab, 05/08/2017 - 13:56

con 4,6 miliardi in più all'anno potremmo avere una sanità eccellente, potrebbero essere pagati i fornitori entro 60 gg e dare anche un segno a quei 'privati' che invece non pagano prima di 120, + tante altre cose e soprattutto non avremmo tanto degrado.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 05/08/2017 - 14:02

IL MAGNA MAGNA CONTINUAAA!!!! OMBRADELPASSATO, in altro articolo ci spiegava che Lui sta facendo i soldi con questo "lavoro" e chissa quanti altri sono a fare lo stesso. TROPPI INTERESSI, ECONOMICI e POLITICI speculano su questo "TRAFFICO" in Libia prima ed in Italia POI!!!!! Buenos dìas dal Nicaragua.

justic2015

Sab, 05/08/2017 - 14:04

Roba da vomito.

Valvo Vittorio

Sab, 05/08/2017 - 14:09

L'Italia non è la succursale di una congregazione religiosa cattolica, ma uno stato di diritto con tutte le disfunzioni che altri paesi più civili hanno in ridotta misura: Strade con buche, ponti che crollano, incendiari criminali ecc. Politici che sguazzano nel caos per avere un tornaconto personale ecc. Speriamo che si possa andare al più presto alle elezioni perché è l'unica arma civile per il cambiamento. Se questa soluzione non andasse in porto, saremmo destinati a precipitare nel caos e nell'anarchia!

mstntn

Sab, 05/08/2017 - 14:19

È lo specchio della P.A. intera: solo spesa pubblica , stanziamenti, burocrazia. Turn over non solo in politica (2 mandati) ma in tutto il pubblico impiego, dopo 20 anni max tutti fuori dagli uffici, rimpiazzati da giovani usciti dalle scuole...

Ritratto di ateius

ateius

Sab, 05/08/2017 - 14:24

diciamocelo chiaro.. a questi pseudo benefattori importa nulla aiutare il prossimo.- hanno trovato il modo per campare sfruttando le elargizioni dello Stato, dietro il paravento della solidarietà hanno risolto i loro problemi esistenziali e di sussistenza.- vita avventurosa soldi libertà. Se non ci fossero i migranti.. doversi guadagnare il pane in fabbrica o in ufficio.. vuoi mettere? furbi opportunisti parassiti.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Sab, 05/08/2017 - 14:28

Miliardi di costi e non funziona nulla? Beh, siamo in Italia, o no?

Malacappa

Sab, 05/08/2017 - 14:30

Miliardi che si potrebbero[e dovrebbero] spendere per gli italiani.

manfredog

Sab, 05/08/2017 - 14:39

..ma non è invasione..no..!!..è confusione, si..di teste..!! mg.

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 05/08/2017 - 14:49

più che accoglienza sembra traffico illegale di essere umani. gente che si arricchisce sulla pelle di poveri cristi.

pardinant

Sab, 05/08/2017 - 14:58

.. e ne sono felice! Sarò anche disfattista, ma in un paese dove non funziona nulla a partire dalla sanità ove se non paghi... muori, continuando con i trasporti sempre interessati da atavici ritardi o scioperi e proseguendo con una giustizia dai tempi biblici per non parlare della scuola che non forma al lavoro, sarei incazzatissimo se l'accoglienza funzionasse per chi si intrufola nel nostro Paese per meri motivi di interesse.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 05/08/2017 - 15:33

fare tabula rasa di questo carrozzone

ilbarzo

Sab, 05/08/2017 - 15:33

L'accoglieza ci costa miliardi di euro,ma i nostri governanti comunisti pduini se ne fregano altamente,poichè sono denari di noi cittadini non suoi.Costoro non hanno alcun problema di soldi,ne hanno rubati talmente tanti che non sanno più dove e come gestirli,ne hanno a sufficenza per tutto il resto della loro vita e pure per gli eredi. L'Italia può pure fallire,per costoro e tutta in pianura.Credo sia ora di dire basta, con le buone o con le cattive maniere.

elpaso21

Sab, 05/08/2017 - 15:34

Il Consiglio d'Europa sostiene che non si può respingere, in Italia non funziona più una cippa? Ma chissene frega.

giseppe48

Sab, 05/08/2017 - 15:37

Cosa ti puoi aspettare dalle coop

TitoPullo

Sab, 05/08/2017 - 15:59

FUNZIONA,FUNZIONA PER LE COOPERATIVE KOMUNISTE E KATTOKOMUNISTE !!

agosvac

Sab, 05/08/2017 - 16:52

Credo che se si facesse un referendum più del 90% degli italiani voterebbe no a questa invasione, pardon, i sinistroidi amano chiamarla "accoglienza"!!!

Ritratto di mbferno

Anonimo (non verificato)

Ritratto di skizzonet

skizzonet

Sab, 05/08/2017 - 17:51

Siamo un popolo che nel suo DNA ha la visione solo del proprio orticello (ad un palmo dal c..o fo..e chi può)e si adegua secondo le circostanze,fra breve sia l'orticello che non renderà che la distanza dal c..o si ridurrà, sentiranno dolore e si sveglieranno, allora saranno guai. saranno guai

zen39

Sab, 05/08/2017 - 18:01

Il termine "accoglienza" mi sta diventando di giorno in giorno più odioso specie dopo che i sospetti sul business da esso prodotto si è rivelato reale.Considerata la situazione del Paese, con questa "invasione" ,progettata da tempo dal NWO, stiamo creando i presupposti di una futura ghettizzazione con conseguente produzione di fenomeni di radicalismo. In pratica stiamo producendo al nostro interno potenziali terroristi come in Francia e altri paesi nordici. I recenti fenomeni di intolleranza da parte della popolazione e quelli di violenza da parte degli immigrati ci stannno dando solo un assaggio di quello che succederà fra qualche anno. Questo pericolo dovrebbe indurre tutte le forze politiche a agire all'unisono

Gius1

Sab, 05/08/2017 - 18:08

da aggiungere che questi per soldi PAGATI DALLO STATO(cioe´dal popolo) le cooperative non pagano un tubo di tasse.

Ritratto di Starbuck

Starbuck

Sab, 05/08/2017 - 18:13

Benvenuti nella repubblica delle banane!

venco

Sab, 05/08/2017 - 19:20

I migranti dovrebbero essere gestiti dall'Onu, mandar cibo ai popoli che soffrono la fame, e accogliere nei paesi confinanti i profughi di guerre, noi non siamo confinanti con nessun paese in guerra.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 05/08/2017 - 19:23

ma siete ricchi.Non vedete la RAI quanti milioni sborsa per pagare elementi come vari presentatori di trasmissioni come Fazio, Gilletti ed altri premi quiz. Ditemi in che hanno Colombo scoprì la America e avrete vinto 10000 euro, mentre un operaio si rompe il kulo per un anno per guadagnare questi soldi.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 05/08/2017 - 19:26

in foto tutte donne che scappano dai bombardamenti mentre gli uomini giovani sono rimasti in Africa a combattere.Non le vedete in foto? Così ci dice il PD o ce lo fa capire...

investigator13

Sab, 05/08/2017 - 19:29

li andiamo a prendere per far guadagnare le coop rosse, il famoso mondo di mezzo necessario, tra il legal, e l'illegale questo è lo scopo della mafia accogliente. Funziona così ai rossi politici i soldi a noi popolo le tasse e la miseria. Questo è politica criminale e basta.

wrights

Sab, 05/08/2017 - 19:34

Accoglienza ed integrazione, definizioni alquanto soggettive. Le cose sono volutamente fatte a ca... di cane, altrimenti non potrebbero lucrare i partiti, i media, le ONLUS, le ONG e le altre mafie che sfruttano questo affare. Se si volesse dopo massimo un mese, chi non ha diritto, rispedito a casa con restituzione di spese. Tutto il resto è fuffa.

Frank90

Dom, 06/08/2017 - 01:41

Stucchevole il termine "accoglienza". Detto ciò vorrei sollevare una riflessione che pochi affrontano: cosa faranno queste persone in futuro? I catastrofisti risponderebbero "bruceranno chiese, sgozzeranno e ruberanno". Può essere ma prima che tutto ciò accada, questi individui avranno contribuito a distruggere la classe operaia autoctona. Tra non molto infatti il governo della prossima legislatura, farà in modo di dare una falsa risposta al malcontento degli autoctoni facendo in modo di "integrare" nel mondo del lavoro queste persone. In molte città rosse questo già inizia a verificarsi; i comuni assumono questa gente per svolgere diverse mansioni. Tra poco però i lavoretti al comune non saranno più sufficienti ed assisteremo ad una nuova riforma del lavoro. Sarà la fine per i nostri giovani, i quali dovranno competere con questi "raccomandati".