Opposizione immobile. Così le riforme passano e il premier si rafforza

Il via libera al testo sulla scuola parla di un governo un po' in affanno. Ma dall'altra parte tutto è fermo

Il via libera della Camera alla riforma della scuola è la fotografia di un governo che qualche affanno lo sta continuando a patire con una opposizione che resta però del tutto inerte. Ieri, infatti, il disegno di legge è passato con soli 316 sì - oltre 80 voti in meno rispetto a quelli su cui può contare la maggioranza - facendone la riforma meno votata dell'era Renzi insieme al Jobs Act. Anche in quel caso - era lo scorso novembre - soltanto 316 favorevoli, con il solito, ormai usurato dissenso della minoranza Pd.

Da una parte, dunque, c'è una maggioranza che continua ad essere sfilacciata, con la fronda dem che non perde occasione per guadagnare un po' di ribalta e minacciare rotture che non sembrano destinate ad arrivare (salvo singole fuoriuscite). Dall'altra, un'opposizione che mette a nudo tutta la sua incapacità di avere un vero ruolo d'interdizione parlamentare. L'altra faccia della medaglia di due riforme fondamentali come quella del lavoro e quella della scuola che passano con il minimo sindacale di 316 voti (appena la metà più uno dei componenti della Camera) è infatti la totale assenza di una proposta alternativa da parte di chi non siede nei banchi della maggioranza.

E a ben vedere è proprio questa la vera forza su cui può contare un Renzi che continua a non vedere nessuno in grado di mettersi sulla sua strada. Un discorso che vale per la Camera ma in buona parte anche per il Senato, nonostante i numeri della maggioranza siano a Palazzo Madama decisamente più risicati.

Sarà questa, forse, la ragione per cui Silvio Berlusconi non sembra nutrire troppa preoccupazione per le voci secondo le quali sarebbe imminente l'uscita della componente fittiana dai gruppi parlamentari di Forza Italia. Raffaele Fitto, in verità, smentisce perché - è il suo ragionamento - non vuole che la sua sia vista come un'operazione di Palazzo mentre il progetto è di lungo periodo. Comunque stiano le cose, anche se la scissione avvenisse oggi, cambierebbe poco negli equilibri interni al Parlamento e Forza Italia continuerebbe a restare alla finestra. Magari perché non ha del tutto torto Umberto Bossi quando dice che «per ricostruire il centrodestra ci vorranno almeno 5 anni».

Si vedrà. Di certo, un primo importante segnale arriverà dal voto amministrativo del 31 maggio. Se Renzi portasse a casa il 6-1 non farebbe che rafforzare la sua leadership, con una opposizione che ne uscirebbe ancora più è indebolita di quanto non lo sia già oggi in Parlamento.

Commenti

Duka

Gio, 21/05/2015 - 08:20

E già escono dall'aula per far vedere al popolo che loro sono contro. In realtà uscire dall'aula significa approvare ogni schifezza.

MONDO_NUOVO

Gio, 21/05/2015 - 08:56

SEMBRA CHE "RIFORME" SIA UNA PAROLA MAGICA CHE RENZI USA COME IL PANE, QUASI FOSSE AUTOMATICO ACCOSTARLA AD EFFICACIA E MIGLIORAMENTO SOCIALE! PURTROPPO, LO SPERIMENTIAMO LA MAGGIOR PARTE DEGLI ITALIANI, LE RIFORME SIN QUI APPROVATE A COLPI DI MAGGIORANZA DIMOSTRANO IL CLIMA DITTATORIALE CHE IL PD HA IMPOSTO AL PAESE, E CHE SOLO QUEI POCHI INCOSCIENTI CHE NON GUARDANO OLTRE LE FETTE DI SALAME IDEOLOGICO SUI LORO OCCHI RITENGONO BEN FATTE. PURTROPPO LA DEVASTAZIONE NON FINISCE QUI E SONO PRONTE ALTRE LEGGI LIBERTICIDE CHE APRIRANNO LA STRADA ALLO SCONTRO SOCIALE, PERCHE' CHI AMA LA LIBERTA' E LA DEMOCRAZIA NON POTRA' TACERE DAVANTI AI SOPRUSI DI COTANTA ARROGANZA!

SanSilvioDaArcore

Gio, 21/05/2015 - 09:01

Chi c'è all'opposizione? Ah si, il cav...

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 21/05/2015 - 09:20

Finalmente un Titolo vero! Le cosiddette "opposizioni" in Italia si limitano soltanto ad emettere flebili guaiti, Salvini compreso. Fosse all’opposizione la Sinistra nelle piazze e strade italiane scorrerebbe il sangue a fiumi visto che, pur minoranza nel Paese, fa SEMPRE valere la sua natura "violenta", al contrario del Centro-Destra che si è lascia, invece, intimidire. Infatti, ora che è a supporto della RABBIA generale degli Italiani, umiliati e calpestati nella loro dignità da un GOVERNO oltretutto ABUSIVO. Dimettetevi tutti, farete una figura migliore e darete la possibilità agli Italiani di trovarsi rappresentanti con le PALLE. Quelle che VOI ogni giorno dimostrate di non avere!

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Gio, 21/05/2015 - 09:38

Taluni stanno fermi perché sono tanto moderati.

Rossana Rossi

Gio, 21/05/2015 - 09:55

E più si va avanti e più ci sarà dittatura visto che la democrazia oramai è cancellata. E lo dimostrano i 3 malefici governi NON ELETTI. L'opposizione che democraticamente avrebbe dovuto funzionare è stata svilita di tutte le sue competenze e messa in condizioni di non nuocere usando tutti i mezzi possibili e immaginabili, soprattutto illeciti (vedi Berlusconi)........e adesso ?

linoalo1

Gio, 21/05/2015 - 10:49

Ed intanto,lo Sceneggiato continua!Renzi fa tutto quello che vuole,d'accordo con tutto il Partito ed anche con le Fronde che si fingono,e sottolineo:fingono,contrarie a Renzi!Una cosa è certa:Renzi ed il suo Partito,l'hanno studiata bene!Voi,Minoranza,fatevi vedere sempre contrari anche con veemenza ed intanto ,io,faccio tutte le Leggi che voglio!La realtà dei fatti,mi sembra che lo dimostri ampiamente e senza ombre di dubbi!Vi siete mai chiesti perché,finora,Renzi,abbia fatto ed ottenuto tutto quello che ha voluto?Un Esempio recente?Il Presidente Della Repubblica,la Legge sulla Scuola,la Legge sulle Elezioni ed anche tutte le altre meno publicizzate!

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Gio, 21/05/2015 - 10:56

Così, con maggioranze ridicole, questi si preparano a rovinarci la vita in ogni settore: dalla scuola alle tasse, ai nostri redditi, al lavoro dei giovani fino alla famiglia. Se penso che potrebbero approvare con 300 voti il matrimonio tra sodomiti, sconvolgendo 5000 anni di storia e di antropologia umana, oppure dar a questi pervertiti la possibilità di adottare un povero bambino, mi viene una rabbia feroce, impotente e pervasiva. FERMATE RENZI FINCHE' SIAMO IN TEMPO

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 21/05/2015 - 11:02

#Rossana Rossi Ma non era proprio il Berlusca a parlare della necessità di un' "opposizione responsabile". Bene, l'avete realizzata pienamente. Di che vi lamentate ora?

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 21/05/2015 - 15:06

Opposizione? Perché esiste un'opposizione? Gli unici oppositori di Renzi mangiano nel piatto del PD. Poi ci sono Salvini e la Lega, ma tra poco li faranno arrestare tutti, in stile moscovita.