L'arbitro Mattarella dà il rigore: alla Casellati il primo tiro

Forse già domani l'incarico esplorativo alla seconda carica: così il capo dello Stato spera di superare lo stallo

Per bere, sì che hanno bevuto e anche bene visto la qualità dei prodotti del Vinitaly. Ma niente brindisi e soprattutto niente accordo tra Salvini e Di Maio: nessun passo avanti, nessuna apertura. Nemmeno dai canali riservati sono arrivati al Colle segnali concreti da Lega e M5s. E così sta per scattare l'ora della negoziatrice. Oggi è in programma l'informativa di Gentiloni sulla Siria a Camera e Senato e forse già domani, salvo sorprese o cambi di strategia, il capo dello Stato passerà all'azione. Lo farà, pare, scegliendo l'opzione B, un mandato esplorativo a Elisabetta Casellati.

Il presidente del Senato al momento ha più possibilità del suo collega della Camera: un incarico a Roberto Fico potrebbe infatti essere visto come un tentativo di destabilizzare il gruppo dirigente grillino. Da incaricata, la Casellati non avrà il compito di cercare una maggioranza per se stessa, ma solo quello di mediare per conto di Sergio Mattarella. Organizzerà delle sue consultazioni, sonderà gli umori, proverà a smussare, verificherà l'esistenza di spiragli poi, nel giro di pochi giorni, tornerà al Quirinale a fare il punto della situazione. Così facendo si allungherà un po' il brodo e forse matureranno le «condizioni politiche» che al momento non ci sono. Sicuramente si scapolerebbe la tappa delle elezioni in Molise, che Matteo Salvini considera cruciali: «Se vinceremo le Regionali, dopo faremo il governo in quindici giorni».

Si vedrà. La mossa del capo dello Stato però non serve soltanto a guadagnare qualche settimana. Anzi, Mattarella è convinto che il tempo stia per scadere. L'incarico esplorativo, spiegano dal Colle, non è un escamotage barocco, ma al contrario va letto come una forma di garbata pressione sui partiti, come un tentativo di «forzare il blocco» di veti e condizioni che finora hanno bloccato sul nascere ogni intesa tra i due vincitori del 4 marzo. Il Paese - come ha detto il presidente durante le consultazioni - non può aspettare all'infinito, ha tante «urgenze» e ha bisogno subito di un governo «nella pienezza dei suoi poteri»: Def, vertice europeo di fine giugno, crisi siriana. Se le forze che hanno prevalso non riusciranno a chiudere in fretta, si dovrà cambiare copione e tornerà in ballo il governo di emergenza.

Mattarella ha ovviamente a disposizione pure l'opzione A, un preincarico politico a uno dei due leader vincitori. In questo caso la scelta dovrebbe cadere sul segretario della Lega, in quanto candidato dalla coalizione più numerosa, quella di centrodestra. Ma il rischio di bruciarlo è ancora altissimo e il capo dello Stato non vuole che si ripeta un caso Bersani, nel 2013 mandato a sbattere contro un muro di gomma.

Cominciano così, con poche certezze, le ultime ore di riflessione. Ieri Mattarella è volato a Forlì per il trentennale della morte di Roberto Ruffilli, senatore dc ucciso dalle Br. Una tappa significativa sui luoghi dell'uomo che fu il braccio destro di De Mita, con molti richiami espliciti allo stallo di oggi. C'è infatti un richiamo ai partiti perché «la politica la fanno anche i cittadini», e un invito a rispettare le esigenze e le attese del Paese, facendo propria l'eredità di Ruffilli. E cioè, dice, bisogna sempre seguire la lezione sul «senso di comunità che lega tutti i cittadini della nostra Repubblica», ricercando punti di convergenza e di alleanza senza mai restare arroccati. E è proprio questo, conclude, che «rappresenta in dinamismo di una democrazia».

Commenti
Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Mar, 17/04/2018 - 09:11

se è vero a di maio verrà l'infarto

umberto nordio

Mar, 17/04/2018 - 09:32

Poi toccherà a Fico e poi... ,e poi... ,e poi...Questo "stato" é una indegna buffonata.

Happy1937

Mar, 17/04/2018 - 09:38

Ci mancherebbe altro che richiamarsi agli esempi di De Mita e di Moro, due fra i maggiori responsabili dell’attuale sfascio del nostro Paese.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 17/04/2018 - 09:42

Ci sarà un'inciucio che avrà la donzella PD contesa. A pagare il conto saremo tutti noi.nopecoroni

abocca55

Mar, 17/04/2018 - 10:15

Certo, avendone l'occasione Elisabetta cercherà di difendere il Cavaliere, ma oltre a questo o a parte questo, è la persona, per cultura e competenza, migliore per fare un lavoro del genere, cioè svolgere un mandato esplorativo. E' una donna colta, equilibrata, esperta, e potrebbe ottenere un qualche risultato che andasse bene a tutti. Vedremo, per ora c'è l'esposizione di Gentiloni al Parlamento sulla politica estera italiana in merito alle aggressioni in Siria., e dalle varie dichiarazioni conseguenti potremo capire lo stato di pericolosità o meno dei baldi giovanotti, che con feluca sgargiante e pennacchi, si accingono a governare le sorti del Paese. Una parola di più e ci troveremmo i maggiori dazi applicati da Trump e lo spread ai massimi storici.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 17/04/2018 - 10:16

Chissà che uscendo dallo stallo si entri al governo con i "five stars".

elpaso21

Mar, 17/04/2018 - 10:31

Il presidente del Senato è la Prima carica non la seconda.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 17/04/2018 - 10:42

La Casellati? In quanto espressione di FI non potrà che adeguarsi ai desiderata del Capo...Idest: proporre l'ennesimo grosso, grasso matrimonio col PD.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 17/04/2018 - 12:03

elpaso21: la prima carica è il presidente della Repubblica...

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 17/04/2018 - 12:19

Chissà se uscendo dallo stallo si entri nella stalla delle stelle.

agosvac

Mar, 17/04/2018 - 12:40

La signora Casellati neanche la conoscevo prima che fosse designata come Presidente del Senato. Dubito che sia in grado di fare ragionare di maio anche perché, se non ricordo male, fa parte proprio di quel partito, FI, che di maio odia con tutte le sue forze e la sua intelligenza alquanto labile!!! Un Governo serio si potrebbe fare in pochi minuti qualora i 5 stelle, guidati da di maio, rinunciassero alla follia di non volere colloquiare con un partito che ha il 14% di consensi e rappresenta, quindi, milioni di italiani.

necken

Mar, 17/04/2018 - 13:01

perche la Casellati non potrebbe andare fino in fondo e formare un governo CDX magari con qualche ministro dell' attuale governo tipo Calenda e Padoan (di fatto sono neutri) oppure qualcuno fra i ministri proposti dal M5S cosi si avrebbero gli appoggi neutri per governare?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 17/04/2018 - 16:02

Tempo perso. Sbatterà contro un muro di gomma come Bersani. Dall'altra parte ci sono teste di condominio, inutile trattare. Se non ci sarà l'accordo sottobanco 5S + PD già premeditato, o non ci saranno voltagabbana, altrimenti sarebbe il quinto governo farlocco e abusivo consecutivo, sia andrà a votare.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 17/04/2018 - 16:06

Inutile, tempo perso. O faranno 5S + PD o si andrà al voto.

Ritratto di jasper

jasper

Mar, 17/04/2018 - 20:59

Se fanno 5S e PD, Salvini la prossima volta supererà il 50% da solo.