La Lega Nord vira a destra per conquistare i voti del Sud

Immigrazione e no euro i punti-chiave del successo alle europee. Borghezio, fresco vincitore a Roma: "Assonanza con i delusi della destra"

La Lega Nord ha messo la freccia a destra. Nel pieno della riscossa elettorale dopo il tonfo alle politiche dello scorso anno, il Carroccio è riuscito a recuperare il terreno perduto grazie a una doppia strategia elettorale che ha portato allori e seggi al Nord come nelle regioni del Centro e del Sud Italia. Chiave del successo il sostegno di quel popolo della destra in cerca di referenti politici alternativi a quelli tradizionali.

"La mia candidatura è stata sostenuta anche da gruppi ed ambienti delusi dalle precedenti esperienze di partiti di destra e anche della destra radicale", spiega a ilGiornale.it l'eurodeputato Mario Borghezio, eletto per la prima volta nella circoscrizione Centro.

Pur senza rinunciare all'obiettivo della secessione (che nell'ultimo congresso è stata ribadita come primo punto dello statuto del Carroccio), la candidatura dell'europarlamentare torinese è riuscita ad attirare le simpatie di chi allo stato padano è sempre stato allergico. Leggasi gli elettori di formazioni come La Destra e Fdi, oltre ai componenti di gruppi di estrema destra come Casapound, molto attivi nella Capitale.

Immigrazione, sovranità monetaria, opposizione ai deliri mondialisti e finanziari della Ue: è stata la chiarezza su questi punti a premiare le scelte strategiche delle camicie verdi in trasferta a Roma, sottolinea Borghezio. Che poi, parlando del futuro, spiega che "si va configurando un'assonanza tra la Lega e parte rilevante di elettorato di destra."

All'interno del Carroccio, però, si sono levate anche levate voci scettiche verso i troppi ammiccamenti a quell'elettorato nostalgico e nazionalista che non è mai stato troppo amato dai sostenitori dell'indipendenza della Padania: nel congresso federale di Padova di dieci giorni fa il direttore di Radio Padania e fedelissimo di Salvini Alessandro Morelli ha chiesto una "vera riforma della Lega" e ha ribadito la necessità di "più camicie verdi e meno tricolori".

Vedere i leghisti che sventolano il Tricolore "è un po' troppo", conclude Morelli arrigando la platea veneta: un messaggio anche troppo chiaro. L'alleanza tra Lega e destra romana, però, è stata premiata dai numeri: 5800 voti raccolti tra Roma e il centro Italia dal solo Borghezio e altre 1700 preferenze portate a casa da Stefano Schiavi e l'italogreca Rachele Kristalia Papaevangeliu, candidati per la Capitale nelle liste "lumbard" ma provenienti dal movimento "Patriae", che si richiama ad una destra "sociale, identitaria e popolare".

Il movimento "Patriae", che nel marzo scorso era stato presentato in Parlamento alla presenza del segretario federale Salvini, è stato accostato più di una volta accostato al nome di Borghezio, che secondo l'Huffington Post ne sarebbe stato in procinto di diventare il commissario politico.

Una circostanza smentita a ilGiornale.it dallo stesso Borghezio, che ha preso le distanze da "Patriae". Appena prima che, con un comunicato stampa sul sito ufficiale del movimento, la stessa "Patriae" dichiarasse infondata qualsiasi ipotesi di commissariamento. Il presidente nazionale di "Patriae", Alberto Arrighi, ha anzi commentato ironico: "Mi perdoni il giornalista dell'Huffington (Marzio Brusini, ndr) ma francamente troverei difficile essere commissariato dal pur ottimo "camerata" Borghezio, del quale effettivamente avrei difficoltà a tenere a bada alcune simpatiche nonché smodate intemperanze".

Dichiarazioni al curaro, che si infrangono però contro il consenso che l'eurodeputato torinese è riuscito a raccogliere intorno alla propria candidatura, anche su un terreno potenzialmente ostile come quello del centro Italia. Consenso che però ora gli consente di far valere il proprio peso politico in costante ascesa.

Commenti

Gioa

Gio, 31/07/2014 - 12:37

FORZA ITALIA NUOVA E LEGA INSIEME. BASTA CON QUESTI IPOCHITI VERI DI COMUNISTI PIPPI' E VIA SCRIVENDO...

elgar

Gio, 31/07/2014 - 12:42

Cara Lega hai il comune sentire di tanti Italiani. Una solo appunto. Anche se un meridionale la pensasse come te non ti darebbe mai il voto. Perché lo offendi. E cambia dai. "Noi fummo per secoli calpesti derisi perché non siam popolo perché siam divisi" canta il NOSTRO inno nazionale. Salvini, che mi piaci tanto, rifletti.Fa' delle aperture. Vedrai che, uniti, vinciamo. Sù, dai. Sii più nazionale e meno padano.

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 31/07/2014 - 12:53

Quello che resta incomprensibile nella Lega è il suo prendersela con l'Euro la moneta comune die Paesi della UE e che sarà la moneta comune degli USE (Europa Nazione) un giorno. Cosa vuole la Lega? Tornare alla Lira? Preferisce la Lega l'Italia Stato sovrano o l'Italia staterello federale nella USE con un Peso specifico vicino allo Zero?. Pensa che la ipotetica secessione farebbe entrare la Padania nella UE? Scordatevelo. I Leghisti se vogliono essere coerenti con le loro Idee dovrebbero puntare sugli USE sull'Europa Nazione unica soluzione per far tornare l'Talia ad essere una semplice espressione geografica e rimettere in Riga i suoi ridicoli politicanti.

ex d.c.

Gio, 31/07/2014 - 12:55

La Lega sta lavorando bene, in Italia manca la dx. Se puntano su riduzione drastica delle imposte ed eliminazione sui limiti dell'uso del contante possono fare incetta di voti. Tra i contribuenti c'è già un silenzioso accordo per boicottare l'IMU. F.I. feve muoversi velocemente, altrimenti gli elettori passano alla Lega

vivaitaly

Gio, 31/07/2014 - 13:13

Forza Lega, anche io sono del sud, alle prossime elezioni votero' la Lega, ma nel frattempo dobbiamo mandare via tutti I clandestini e stranieri che delinquono in Italia. Questa e' una priorieta' perche' e' in ballo la nostra cultura, identita', religione Cristiana e le nostre tradizioni. NOn vogliamo essere multetnici perche' sarebbe la distruzione del nostro popolo. Gente di terzo mondno, cultura di terzo mondo.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 31/07/2014 - 13:40

Quante parole inutili per una seggiola, il passato insegna.

GMfederal

Gio, 31/07/2014 - 13:48

salvini se diventi piu nazionale e meno padano renzi lo prenderesti di tacco alle prossime elezioni. segui le orme di marine le pen

Il giusto

Gio, 31/07/2014 - 13:53

Scusate ma il 6,5 % alle europee me lo chiamate successo?Allora anche il 4,5 di Alfano,ottenuto nonostante la nomea di traditore che gli avete affibbiato in ogni trasmissione e su ogni vostro giornale,è da ritenersi un successo strabiliante!Vi adoro....

Ritratto di frank60

frank60

Gio, 31/07/2014 - 13:53

La Lega sta lavorando bene in Italia!!

GIOBBE

Gio, 31/07/2014 - 14:27

x Ilgiusto, condivido. ma se ha preso il 6,5% senza fare una sola proposta concreta e realizzabile, dopo tutto quello che hanno combinato, c'e da preoccuparsi.... o forse no

comase

Gio, 31/07/2014 - 15:11

Fuori tutti i clandestini e gli islamici che rompono i coglioni!

Miraldo

Gio, 31/07/2014 - 15:13

è evidente a tutti che attualmente la Lega Nord è l'unico partito che rappresenta il Centrodestra dietro c'è il vuoto.

GGuerrieri

Gio, 31/07/2014 - 15:34

Non mi sembra un connubio così impossibile. Secondo me i problemi atavici dell'Italia nascono dal sistema giacobino-centralistico imposto brutalmente a tutti dai Savoia ai tempi dell'unità. l'ideale era invece il modello imperiale germanico-prussiano, adottato dal Bismarck, basato su un forte potere centrale dove serviva (esteri, difesa, politiche macroeconomiche e monetarie, grandi infrastrutture strategiche), lasciando però le restanti competenze e risorse agli Enti locali (cioè i vecchi Stati della Confederazione Germanica). In definitiva oggi significherebbe un presidenzialismo alla francese con delle regioni dotate delle prerogative dei Lander tedeschi. Così forse avrebbe anche senso quel papocchio di Senato che si sta delineando (un Bundesrat senza però tutto il resto....)

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 31/07/2014 - 15:35

Tenersi alla larga da FI e da chi la monopolizza a suo uso e consumo. Avanti da soli. La destra fa solo l'interesse di un pregiudicato .A scapito degli italiani.

Libertà75

Gio, 31/07/2014 - 16:19

in certi paesi siciliani la Lega ha sbancato più che al nord... ormai non è più una questione di sicurezza del nord, ma di sicurezza di tutto il Paese e la Lega purtroppo è rimasto l'unico partito contro l'incentivazione della micro e macro criminalità

rasiera

Gio, 31/07/2014 - 16:20

per jasper 12,53 è incomprensibile se pensi che la Lega sia per l'indipendenza del Nord. Diventa comprensibilissimo se pensi (come si è visto) che la Lega sia lì per ciapar su voti e magnare. La Lega cavalca il populismo, il malcontento (e anche l'ignoranza), ma un po' di voti glieli ha tolti Grillo, soprattutto tra i giovani, sarà dura tornare alle percentuali a due cifre di qualche anno fa.

gianni59

Gio, 31/07/2014 - 16:25

Vivaitaly... si dice priorità e multietnici...se la cultura che vuol preservare (dal terzo mondo) è quella che scrive!....

denteavvelenato

Gio, 31/07/2014 - 16:59

Sicuramente le frasi della leghista su facebook dell'altro giorno andavano in quella direzione

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 01/08/2014 - 13:01

Per coerenza la Lega dovrebbe essere per l'Euro e per gli USE (Stati Uniti d'Europa) unica possibilità per uscire dall'Italia che negli USE tornerebbe ad essere un'espressione geografica perdendo tutta la sua sovranità e sarebbe governata da Bruxelles e non più da Roma.

hector51

Ven, 01/08/2014 - 14:57

E' l'unico partito che ha il coraggio di ribellarsi a quest'invasione selvaggia che ci sta portando alla malora.Siamo costretti a convivere con gente che ci aggredisce continuamente senza che le forze dell'ordine facciano qualcosa.Le regole vengono imposte solo ai cittadini italiani, agli stranieri è concesso tutto.Non può continuare così.Se non fosse per i suoi disegni seccessionisti, l'avrei già votata.