Legge di Stabilità, un emendamento proroga la sanatoria per le spiagge

Intanto il commissario europeo Valdis Dombrovskis ha ribadito la volontà di accelerare l'esame delle manovre senza però sbilanciarsi sulla data di pubblicazione

Oltre a Forza Italia, è stata anche Area Popolare a presentare un emendamento salvaconcessioni a prima firma Bruno Mancuso. La proposta è di allungare di due anni la sanatoria prevista dalla Legge di Stabilità 2014, facendovi rientrare i procedimenti pendenti fino al 30 novembre di quest'anno.

La stessa proposta stabilisce inoltre che "fino al 31 dicembre 2016 sono sospesi gli eventuali procedimenti amministrativi e i relativi effetti avviati dalle amministrazioni competenti, concernenti il rilascio, la sospensione, la revoca o la decadenza della concessione demaniale marittima derivanti dal mancato versamento del canone".

L'emendamento sposta al 15 settembre 2016 la data di scadenza per il riordino della materia delle concessioni, altrimenti fissata dalla manovra 2014 al termine, ormai ampiamente scaduto, del 15 ottobre di quell'anno.

Inoltre prevede che la definizione agevolata dei contenziosi mediante il versamento di canone e indennizzo - "in un'unica soluzione, di un importo, pari al 30 per cento delle somme dovute" o "rateizzato fino a un massimo di sei rate annuali, di un importo pari al 60 per cento delle somme dovute, oltre agli interessi legali, secondo un piano approvato dall'ente gestore" - riguardi i procedimenti giudiziari pendenti alla nuova data del 30 novembre 2015 (prima la scadenza era il settembre 2013).