L'emergenza chiede poteri assoluti

Nell'era della concertazione, del franco confronto di idee e della Rete che stimola il dibattito diffuso a oltranza, decidere è diventato un tabù. Bisogna sondare e bilanciare, sentire tutte le campane, ma è come se tutto finisse lì. Agire e dare ordini è secondario e anche un po' volgare. L'autorità è vista con sospetto, dietro ogni comando si intravvede un randello nascosto dietro la schiena. Fino a quando qualcuno muore perché nessuno ha spostato uno spazzaneve o alzato il telefono per far sgombrare una strada. Soltanto allora ci si accorge che decidere è l'essenza dello Stato. E che in emergenza la responsabilità è una e monocratica, perché in emergenza la democrazia non può esistere.

Dittatura di per sé non è una parola brutta. Certo, nella sua accezione attuale è diventata un mostro innominabile, ma per la maggior parte della nostra storia è stata considerata positiva e perfino salvifica. Bisogna solo intendersi bene. Dictator era il magistrato straordinario nominato dai consoli nell'antica Roma in casi eccezionali come una guerra o una rivolta (certo, non per una nevicata, ma la storia è relativa...). I suoi poteri amplissimi - in patria come all'estero, imperium domi militiaeque - erano legittimati dall'emergenza ed erano limitati temporalmente all'emergenza. Il dittatore risolveva problemi, come il Mr. Wolf di Pulp fiction. Perché in duemilacinquecento anni, l'essenza della realpolitik non è cambiata: se il tempo non c'è, serve uno che decida alla svelta.

Per questo non ha senso una Protezione civile con due teste e funzioni separate nelle mani di Errani e Curcio, in ossequio al balance of power. Le catastrofi non sono un libro di Montesquieu, né un gruppo aperto su Facebook. Nell'emergenza occorre più un Principe machiavellico che sappia essere volpe e leone che un utopico Comitato di salute pubblica. Senza alcun rischio di totalitarismo o autoritarismo, perché il suo ruolo è quello di semplice commissario, quello che per Rousseau poteva zittire le leggi, ma non farle parlare. La Grecia classica fu la culla della democrazia, ma anche degli esimneti come Pisistrato, i tiranni elettivi. Gente che non indiceva giri di consultazioni all'Acropoli per capire come opporsi a Serse e ai suoi Persiani.

Fuor di metafora e archiviando la storia, nell'emergenza si deve ragionare verticalmente. Altrimenti ci si perde in rivoli di competenze e commi, nella burocrazia brezneviana per cui il tipo di diserbante da usare in Kazakistan doveva essere discusso al Politburo. Il tempo e la competenza devono essere i giudici e i limiti unici. Chi sbaglia, viene sostituito; chi approfitta del suo potere emergenziale, viene giudicato e punito. Ma serve il coraggio di decidere, perché - come diceva Henry de Montherlant - «i despoti nascono nelle case dove non si osa dare un ordine alla serva». Decidete, gente, decidete.

Commenti

sbrigati

Sab, 21/01/2017 - 23:22

Il pd si affida ancora ai piani quinquennali di sovietica memoria, ma non è colpa loro, sono cresciuti a pane, falce e martello,cosa volete pretendere.

sphinx

Dom, 22/01/2017 - 08:17

Unico appunto ad un articolo che condivido: a Roma era il Senato a nominare un Dictator Reipublicae Servandae, non i Consoli.

Ritratto di manasse

manasse

Dom, 22/01/2017 - 09:29

c'era un Bertolaso ma per i sinistri italioti era troppo bravo e allora per la paura di perdere la cadrega lo hanno fatto fuori e per lo stesso motivo anche BERLUSCONI ha fatto la stessa fine speriamo che si vada a votare in fretta per mandare a casa questa ciurmaglia di incompeteni arraffoni