Manovra bocciata. Da procedure a sanzioni: che cosa accade adesso

Dopo la bocciatura formale della manovra da parte di Bruxelles si apre ufficialmente il braccio di ferro tra l'Europa e il governo italiano

Dopo la bocciatura formale della manovra da parte di Bruxelles si apre ufficialmente il braccio di ferro tra l'Europa e il governo italiano. La "guerra" era già stata annunciata con il Def col deficit fissato al 2,4 per il 2019. Una mossa che di fatto non è stata gradita dai piani alti di Bruxelles che dopo la lettra di Moscivici a Tria hanno rincarato la dose ufficializzando la bocciatura. Il governo a partire da adesso ha tre settimane di tempo per intervenire sul testo e modificarlo. L'esecutivo comunque ha già fatto sapere che non cambierà la linea della manovra. Il premier Conte ha aperto alla possibilità di una spending review per tagliare alcuni costi. Un timido segnale di apertura che di fatto però non cambia sostanzialmente i fondamentali della manovra. Per l'esecutivo ci sono due strade: la prima porta ad una inversione di rotta assecondando così le richieste dell'Europa, la seconda strada invece porta allo scontro aperto.

Allo scadere delle tre settimane, senza le correzioni attese dall'Europa, Bruxelles potrebbe aprire una procedura per deficit eccessivo e per la violazione della regola del debito. In questo quadro bisogna segnare altre due date: il 5 e il 6 novembre. In questi due giorni si terranno le riunioni dell'Europgruppo e dell'Ecofin. La partita finale sulla manovra si giocherà il 3 e il 4 dicembre quando i ministri delle Finanze dell'Eurogruppo e dell'Ecofin decideranno se confermare o meno le indicazioni arrivate dalla Commissione Europea.

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 23/10/2018 - 16:48

se questi sono i "giudici" che ci dovranno giudicare abbiamo già vinto! nella peggiore delle ipotesi li corrompiamo con qualche bottiglia!

Silvio B Parodi

Mar, 23/10/2018 - 16:54

dopo 7 anni di PD e di europa, ecco i risultati dell'Italia: 5 milioni di poveri, 3 milioni di disoccupati, 4mila imprenditori suicidi 150mila aziende chiuse o traslocate, 40mila pensionati scappati e 150mila ragazzi andati all'estero a lavorare o studiare!! Grazie PD, grazie Junker grazie Renzi, avete cacciato Berlusconi perche si stava male????mah va??ora come si sta'??? meno male che Salvini non e' cosi buono come il Cav, e lui vi mette in riga tutti!!

Silvio B Parodi

Mar, 23/10/2018 - 17:00

Il Cav. era criticato perche trombava belle ragazze??e voi del Pd chi trombate??Luxuria? la Bindi? la Kyenge, o forse la Ascani una racchia fatta scorfano? e criticavate Il Cav perche proteggeva le sue aziende? coi suoi soldi? e voi proteggete le banche coi nostri soldi!!!?? allora La Lega ha **rubato** 49 milioni?? e voi??quanti miliardi???avete rubato agli italiani?? vergognatevi!!!!! SPARITE DALLA CIRCOLAZIONE, banda di farabutti!!!

Ritratto di ocampo

ocampo

Mar, 23/10/2018 - 17:01

non lasciamoci intimidire da ubriaconi e parassiti, il Presidente della Repubblica stia con gli italiani,si ricordi dell'Altare della Patria e di quanti sono morti per una Italia libera, lo dobbiamo a loro ed ai nostri figli.

agosvac

Mar, 23/10/2018 - 17:05

I burocrati dell'UE, messi lì dalla Germania e dalla Francia, dimenticano troppo facilmente che l'UE non è una Confederazione di Stati ma semplicemente un'unione finanziaria e commerciale con pochissimi poteri politici. Basta dire NO ad eventuali sanzioni e non hanno alcun mezzo per costringerci a pagarle.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 23/10/2018 - 17:06

Hanno speculato su di noi riversandoci addosso il peso dell'immigrazione clandestina, alla cui origine non ci sono solo le condizioni di povertà di ampie popolazioni africane (come del resto vediamo accadere anche altrove). Dopo averci "strizzato" abbondantemente ora ci vogliono mettere in castigo. Personalmente sono d'accordo con quanti propongono la strada indicata dall'Inghilterra: fuori dalla UE, fuori dall'Euro e ripartiamo da soli. Un vecchio detto insegna: "meglio soli che male accompagnati". E poi soldi a chi lavora, non a chi sta a casa o lavora in nero, come vogliono fare i seguaci di Grillo, colui che presto essi abbandoneranno.

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mar, 23/10/2018 - 17:07

E se ci rifiutiamo di riscrivere il Def perché a noi sta bene così ed omettiamo pure di pagare multe, penali e contributi vari a questa Europa Comuni(s)taria che cosa succede, ci bombardano?

gcf48

Mar, 23/10/2018 - 17:20

appunto il lussemburgo ci invade? Finora nessuno ha spiegato cosa sono queste sanzioni

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 23/10/2018 - 17:27

@agosvac, hanno tanti mezzi per costringerci a pagarle, si informi meglio. Bisogna fare riferimento all'art. 126 del Trattato UE, nonché alle procedure per disavanzo eccessivo allegate ai trattati. Con il 2° debito più alto dell'Eurozona, l'Italia rischia dal 2015 di finire sotto la nuova procedura introdotta dal Two Pack, annesso del Fiscal Compact. Finora l'Italia l'ha sempre scampata, grazie alla flessibilità e ad una benevola interpretazione delle regole da parte della Commissione, soddisfatta che il rapporto deficit/PIL è sceso negli ultimi anni. Ma se dovesse aumentare, a maggio 2019 potrebbero scattare le sanzioni previste: un deposito dello 0,2% del pil (c.ca 8 miliardi) e la riduzione obbligatoria del debito di un ventesimo all'anno. E vedrà che pagheremo tutto, fino all’ultimo euro, come già stiamo pagando le sanzioni per altre infrazioni commesse.

antonioarezzo

Mar, 23/10/2018 - 17:38

vediamo se mozzarella si schiera col governo o se ( come credo ) si mette a 90 °

Ritratto di cape code

cape code

Mar, 23/10/2018 - 17:50

LiberoPensiero77, se hanno i mezzi li hanno anche per colpire Francia e Spagna che di flessibilita' ne hanno avuta anche piu' di noi. Non diciamo idiozie. Non hanno le palle per mettere l'Italia in ginocchio e non gli conviene nemmeno a loro.

cir

Mar, 23/10/2018 - 18:02

hanno nessun mezzo per spaventarci . devono farci una guerra , e la perderebbero immediatamente.

Ritratto di BM1883

BM1883

Mar, 23/10/2018 - 18:03

liberopensiero, ammesso sia come dici tu, non voglio contestarti, e dovessero arrivare a questo, comunque i tempi non saranno stretti stretti, ma gli 8 miliardi non sono poi un enormità, mentre più dura potrebbe essere la riduzione annuale di 1/20 del debito, ma visto che si tratta di circa 120 miliardi, basti vedere che tra luglio ed agosto 2018 è già sceso di circa 15 miliardi, vero, il trend dovrebbe continuare; ma metti caso che la manovra porti effettivamente ad un riprendersi positivo dell'economia, la cosa non sarebbe impossibile da sostenere; il problema sarebbe : che figura ci fanno al Bar Bruxelles ?

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mar, 23/10/2018 - 18:09

@cape code, Francia e Spagna non hanno il debito pubblico che abbiamo noi. Non dica lei le idiozie, e studi il diritto dell'UE. Con la Grecia le palle le hanno avute, con noi finora hanno lasciato fare, ma non credo che faranno finta di nulla con un atteggiamento apertamente di sfida come quello di Salvini e Di Maio. Io, al posto loro, sarei più cauto ...

gcf48

Mar, 23/10/2018 - 18:13

liberopensiero77 e se non paghiamo? cosa c'è dopo?

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 23/10/2018 - 18:14

Silvio B Parodi - Son daccordo ma non se la prenda, tanto non ci cava un ragno dal buco. Le procedure d'infrazione hanno tempi lunghi, arriveremo alle elezioni che gran parte di questa "masnadadi" andrà a fare altro. Altri stati hanno violato regole e a Bruxelles hanno fatto orecchie da mercante, se lo facciamo noi italiani, seppur in minima parte, ci mettono alla sbarra in anticipo. Il tempo dirà cosa avverrà, altrimenti a che serve andare al voto se poi le manovre le scrivono a Bruxelles senza darci spazio? E' vero che abbiamo accettato le regole Ue, ma è vero che abbiamo la sovranità e dobbiamo dare decoro alla vita dei nostri poveri, abbassare le tasse etc. Ci vuole tempo, il governo (che non ho votato) può farcela nel quinquennio in questa difficile impresa.

rudyger

Mar, 23/10/2018 - 18:27

solo dopo l'approvazione da parte del Parlamento italiano la Commissione poteva dire la sua. Il documento inviato non è quello definitivo perchè in Italia vige ancora la democrazia (anche se imperfetta).

uberalles

Mar, 23/10/2018 - 18:50

Ok, abbiamo capita l'antifona: quanti bag in box dobbiamo mandare allo Stukas Ju 87, in arte Juncker, per ammorbidirlo?

bremen600

Mar, 23/10/2018 - 21:11

NULLA e non ce ne frega NULLA.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 23/10/2018 - 22:06

@liberopensiero77 - e chi l'ha prodotto questo eniorme debito pubblico in 70 anni? No, non mi dire, proprio i kattokomunsiti che voti tu? Incredibile. Senti, ritirati va che è meglio.

nonnoaf

Mer, 24/10/2018 - 01:10

Questa prima rivolta contro Bruxelles e' solo il primo passo. Il prossimo obiettivo dovra' essere quel famoso eurobond che non riusci' a Tremonti e Berlusconi. Non ce lo faranno fare? Meglio andare via!

Popi46

Mer, 24/10/2018 - 06:36

La situazione è seria, drammaticamente seria. Mettiamo che si giunga ad una Italexit, poi che si fa? Con la nostra abbondanza di materie prime? Con il nostro territorio per metà privo di vie di comunicazione degne di questo nome? Senza le 150mila aziende che hanno delocalizzato o sono state vendute? Con la nostra PA alla canna del gas quanto ad efficienza? Con una Giustizia che non funziona? Potrei continuare, ma mi sono stufata...

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Mer, 24/10/2018 - 08:09

ma quale braccio di ferro, ci sono patti firmati, il governo ha solo 2 strade o piegarsi o uscire, i tedeschi non ci hanno mai voluto, brinderanno: le periodiche svalutazioni della liretta non li ha mai minimamente toccati, figuriamoci adesso! e così si realizza il piano del bibitaro e del felpato che da bravi vigliacchi non se la sentivano di assumersene direttamente la responsabilità e stanno facendo in modo che sia l'europa a cacciarci via a calci.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 24/10/2018 - 10:16

@gcf48, se uno Stato membro commette violazioni gravi del Trattato UE, scatta l'art. 7 del Trattato stesso, che prevede anche la sospensione dei diritti dello Stato membro, compreso il diritto di voto. @leonida55, preferisco non discutere con te, ma con persone dotate di cervello e non faziose. A parte il fatto che non sono né catto, e neanche comunista, sono decenni che il debito pubblico italiano si è formato e consolidato, ed è chiaramente una responsabilità di tutti i partiti che hanno governato.