L'ultimo balzello al volante. Paghi se guidi auto non tue

Dal 3 novembre scatta l'obbligo di registrare sul libretto i conducenti abituali che non sono titolari del veicolo. Operazione che costa 25 euro. O 700 di multa

Cambiano i personaggi deputati a varare nuove norme, ma non muta la cattiva abitudine di creare il panico a pochi giorni dall'entrata in vigore dei provvedimenti. L'ultimo in ordine di tempo è quello che ha seminato il panico tra gli automobilisti: l'obbligo di comunicare all'archivio nazionale della Motorizzazione Civile i dati della persona che per più di 30 giorni si trovi alla guida di un veicolo intestato a una terza persona. Un'aggiunta introdotta da una circolare della Motorizzazione del 10 luglio.Una novità della quale nessun utente sentiva la mancanza, che ancora una volta lascia in bocca un retrogusto indefinibile. Se infatti è mancata da subito la chiarezza, dal primo momento sono stati chiari gli importi da versare. Ogni trascrizione infatti dovrebbe costare 25 euro, 16 dei quali come imposta di bollo e 9 per i diritti degli uffici della Motorizzazione, mentre la sanzione è fissata in 705 euro (con l'aggiunta del ritiro della carta di circolazione) in caso di non coincidenza delle generalità riportate su patente e carta di circolazione. Dopo il clima di terrore generato dalla diffusione di notizie non complete, le informazioni disponibili oggi consentono di analizzare con maggiore chiarezza ciò che accadrà dal 3 novembre. L'obiettivo del provvedimento non dovrebbe essere l'automobilista già spremuto da più parti, ma soprattutto le società di autonoleggio, visto che difficilmente un privato che presta la sua auto a un amico o a un parente stila un documento che consenta di risalire con precisione alla data di inizio dell'utilizzo. Documento che invece è necessario per il calcolo dei 30 giorni. Ma analizziamo nel dettaglio le situazioni che si possono verificare.

Un familiare convivente deve provvedere alla registrazione?

No, questo è il caso che esclude senza ombra di dubbio l'obbligo di registrazione, visto che se un padre concede l'uso dell'auto ai figli questi hanno lo stesso cognome, e risiedono al medesimo indirizzo.

E se l'auto è prestata da un parente non convivente o da un conoscente?

L'obbligo potrebbe essere preso in considerazione se è stilato un contratto per definire alcune clausole, per esempio in caso di incidente o di infrazioni al Codice della Strada. Senza una data certa, infatti, è impossibile stabilire se si guida il veicolo da più o meno di un mese.

L'utilizzo occasionale è sempre escluso?

Sì, in nessun caso potrà essere richiesta la registrazione se il veicolo è utilizzato per brevi periodi, anche più volte durante l'anno.

Come sono considerati i casi in cui l'auto rappresenta un'eredità?

L'obbligo di coincidenza tra intestatario del veicolo e utilizzatore vale per gli eredi se desiderano continuare a guidare il veicolo dopo la morte del proprietario, in attesa della conclusione delle pratiche di successione.

Quali altre categorie risultano escluse?

Non rientrano nel provvedimento i taxi e i noleggi con conducente, ma anche gli autobus e comunque le persone che risultano iscritte all'Albo degli Autosportatori. Si possono considerare escluse anche le auto aziendali. Sarà sufficiente una dichiarazione dell'azienda ma non sarà richiesta la trascrizione.

Quindi quali sono i soggetti interessati?

In primo luogo le società di autonoleggio, e i veicoli il cui uso è concesso in comodato, ma anche quelli che risultano in carico alla pubblica amministrazione a seguito di una provvedimento giudiziario e quelli di proprietà di minorenni non emancipati e interdetti.

L'effetto di questa norma è retroattivo?

No, per tutti i casi in cui l'utilizzo del veicolo è iniziato prima del prossimo 3 novembre non è previsto il vincolo di provvedere alla registrazione.

Quale dovrebbe essere l'obiettivo di questa circolare?

Secondo il direttore generale della Motorizzazione Maurizio Vitelli si tratta di una soluzione necessaria per consentire l'identificazione certa del soggetto responsabile della vettura circolante e di eventuali violazioni al Codice della Strada. Inoltre si è voluto contrastare un altro fenomeno molto diffuso, quello delle intestazioni fittizie.

Come si effettua la registrazione?

È sempre a carico del proprietario; alla comunicazione deve essere allegata la fotocopia del documento con la ricevuta del versamento di 16 euro per l'imposta di bollo e 9 euro per i diritti di motorizzazione. In seguito il Ministero invierà un tagliando da incollare sul libretto di circolazione con i dati relativi all'utilizzatore diverso dal proprietario o intestatario.

Rappresenta una delle norme introdotte con il nuovo Codice della Strada?

No, non fa parte del pacchetto del testo approvato dalla Camera, ma è una semplice riforma del Codice del 2010, attuata con regolamento del 2012 e operativa da lunedì prossimo.

 

Commenti

Sonia51

Gio, 30/10/2014 - 10:00

Vale anche per rom, africani, romeni ecc.? Ah, no: loro guidano senza patente, quindi il problema non sussiste, gli unici controllati saremo sempre noi italiani e coglioni.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 30/10/2014 - 10:02

"No, non fa parte del pacchetto del testo approvato dalla Camera, ma è una semplice riforma del Codice del 2010, attuata con regolamento del 2012 e operativa da lunedì prossimo." ............ 2010 ............ Ma non c'ra "quello che abbassava le tasse" nel 2010?

Beaufou

Gio, 30/10/2014 - 10:24

Chi si è inventato un'idiozia del genere o è minus habens di suo, o lo è diventato dopo una lunga carriera da burocrate. Di certo non è una persona normale. Credo che il provvedimento procurerà più contenziosi che utili.

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Gio, 30/10/2014 - 10:26

Alla faccia dei presunti tagli all'asfissiante burocrazia. COMPLIMENTI!!

freeride

Gio, 30/10/2014 - 10:28

Ormai le famose risorse hanno mezzi con targa non italiana ed i vigili hanno il suggerimento di non fermare certe auto, come mi ha confessato un ferroviere che alle risorse non chiedono più il biglietto ma se è già stato controllato ... tra un po viaggeranno a nostre spese anche in salottino business

Mechwarrior

Gio, 30/10/2014 - 10:31

Proibire l'uso di mezzi privati sul territorio italiano. Meno inquinamento e zero incidenti stradali. Solo mezzi pubblici, costosissimi pero' ;-)

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Gio, 30/10/2014 - 11:43

Per ritrovare una norma più cervellotica di questa bisogna ricorrere alle leggi marziali vigenti durante i periodi bellici!

Ritratto di matteo844

matteo844

Gio, 30/10/2014 - 12:26

Ma perche vogliamo parlare invece del bollo auto,tassa mascherata dal problema ambientale. Non sanno piu cosa inventarsi per spillare i soldi alla gente. Basta tasse. Rivogliamo il cavaliere!!!

Ritratto di vomitino

vomitino

Gio, 30/10/2014 - 12:44

carissimo Boni..."il retrogusto indefinibile" al quale lei accenna è il sapore di escrementi che sentiamo ogni volta che i nostri "governanti" si muovono ed hanno pensate cosi' intelligenti...stessero fermi, almeno non muoverebbero la cacca in cui ci hanno infilato!!!...preferirei mi dicessero : cittadino coglione voglio 25 euro da te! cosi' perchè mi va!!! senza inventare puttanate come questa ed altre... mi sentirei meno preso per il culo!

External

Gio, 30/10/2014 - 12:49

Deburocratizzazione, adesso ci sarà, solo per gli interessati, un altro tagliando da incollare sul libretto a fianco di quelli della revisione e degli eventuali cambiamenti di residenza. Nel 2014 "TAGLIANDO DA INCOLLARE"????? Se proprio necessario dovrebbe essere una pratica, gratuita, da effettuare online.

Vagabondomarino

Gio, 30/10/2014 - 12:58

E si ostinano a non voler assegnare un numero di targa ad ogni patente e ognuno guida qualsiasi auto con la propria targa. In tal modo si evitano di promulgare leggi del... leggi inapplicabili.

GVO

Gio, 30/10/2014 - 13:17

e vogliono combattere la burocrazia...! e invece continuano a prenderci x il c...lo!

giottin

Gio, 30/10/2014 - 14:03

Se codeste norme le avesse fatte un "vitello" sicuramente non avrebbe pensato a simili demenzialità, invece le ha fatte un vitelli e allora è giusto così!!! Burocrati del caxxo impiccatevi!!!

luigi.muzzi

Gio, 30/10/2014 - 14:14

L'ufficio complicazioni norme semplici colpisce ancora !

PaK8.8

Gio, 30/10/2014 - 14:19

El Presidente, lasciamo perdere per dieci secondi che tu hai proprio il paraocchi, e che vedi Berlusca anche nel tuo vaterclò. A parte questo, dicevo, tu hai capito bene cosa significa qui l'espressione "una riforma del codice del 2010"? Io onestamente (onestamente, davvero) no. Quel "del codice" è genitivo soggettivo oppure oggettivo? E quel "del 2012" Cioè, è una riforma contenuta già nel codice 2010, e attuata nel 2012, o una riforma impattante il codice del 2010 ma appunto irrogata solo nel 2012? Non è scritto in modo univoco. Poi magari uno interpreta subito come preferisce.

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Gio, 30/10/2014 - 14:54

"il retrogusto indefinibile" chiamiamolo pure retrogusto di merda, tipico di ogni cosa facciano i ciarlatani che comandano questo letamaio di paese.

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 30/10/2014 - 14:58

gli italiani coglioni son ben lieti di pagare anche questo balzello. 25 euro però son pochi. dai renzie impegnati, mettila a 100 euro tanto siamo tutti pirla che paghiamo e stiamo zitti

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 18/09/2015 - 19:17

Avete visto per caso immigrati, rom ex zingari, "sostituti di imposta" alias prestanome, che fanno la fila allo sportello PT per pagare tributi sulla circolazione automobilistica?