L'uomo che sussurra ai dittatori: "Dopo Kim tratto con Maduro"

Il senatore di Fi: "Ci parlo io col presidente del Venezuela"

Roma - Lo hanno definito l'uomo che sussurra ai dittatori. E ora, dopo essere diventato una sorta di ambasciatore in Italia di Kim Jong-un, Antonio Razzi vuole fare il bis e incontrare il discusso presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, Paese nel quale anche gli ultimi simulacri di democrazia stanno venendo meno.

Senatore Razzi, ma è vero che lei sta lavorando per incontrare Nicolas Maduro?

«Sì, lo confermo. Se non ci si va a parlare non sappiamo mai quando si fa giorno. Tutti ne dicono, ma chi lo conosce? Io poi lì in Venezuela ho anche mio fratello. Insomma, vado lì a rendermi conto della situazione».

Da quanto vive in Venezuela suo fratello?

«Da 40 anni, io comunque non lo vedo dal '90, da 27 anni».

Perché le sta a cuore la situazione del Venezuela?

«Ci sono 130mila italiani che hanno fatto grande il Venezuela. Molte pensioni che noi mandiamo fanno il cambio che dice il governo. Se mando i soldi a mio fratello vengono cambiati in Bolivar e viene svalutato tutto. Da ex emigrato in Svizzera so come funziona...».

Ma lei è in contatto con le autorità di Caracas?

«Ho mandato una lettera all'ambasciatore a Roma e sto aspettando la risposta. Vado ma con tutta la sicurezza. Non è che vado lì io a farmi far fuori dal primo delinquente comune che gira per Caracas. Se ci devo rimettere la pelle allora sto qua».

Che idea si è fatto della situazione in Venezuela?

«Guardi, se devo parlare della Corea lo faccio senza problemi. Su Maduro devo capire. Perché è così feroce con i suoi connazionali? Perché lui non è che ha fatto guerra con i paesi vicini Ma ci si deve parlare, io sono come San Tommaso, non credo se non vedo».

La situazione in Corea del Nord non sembra volgere al meglio.

«Sulla Corea ho detto la mia, ho anche scritto una lettera in inglese a Trump per parlare con lui, ricevere una delega per andare a tastare il polso».

Cosa direbbe a Kim adesso?

«Gli chiederei: cosa vuoi per fare il bravo guaglione? Inaccettabile è il muro contro muro. Io condanno gli esperimenti, non bisogna sviluppare il nucleare. Ma se si parla solo per sentito dire non si va lontano, bisogna parlare, parlare, parlare. Penso che Kim non uscirà dalla Corea perché ha paura che lo fanno fuori, bisogna trovare il sistema di metterli in contatto. Io ho il coraggio di andare e parlarci».

Vorrebbe un incarico ufficiale da parte del governo?

«Sì, ma Gentiloni non mi darà mai la delega anche se l'ho chiesta. Io ci posso andare perché a me mi riceve. Forse sono l'unico occidentale che ci ha parlato davvero».

Con la delega avrebbe maggiore forza contrattuale?

«Se lo chiedo mi riceverà subito, ma un conto è se vado da amico o da senatore, un conto è se vado a nome del governo. Kim aveva pure mandato una ventina di calciatori vicino Perugia. Gli ho detto: già ci avete battuto una volta con Pak Doo-Ik, se ci battete un'altra volta la colpa è anche un po' nostra che vi abbiamo imparato la tecnica del calcio. Un giovane calciatore voleva ingaggiarlo la Fiorentina, avrebbe guadagnato poco più di mille euro, ma ci si è messo il Pd dicendo che così si finanziava il regime. Assurdo».

Ma a lei cosa viene da questa attività internazionale?

«Del premio non me frega niente. Prima lavoravo per fare il bene della mia ditta, oggi per il Senato. Con quella paga che ricevo lo devo a tutti gli italiani. Potrei andare anche a nome del governo americano. Se c'è la delega di Trump io vado. Non ho paura, lo faccio per il bene di tutto il mondo. Non facciamo come Cappuccetto rosso che poi il lupo viene veramente e noi ne paghiamo le conseguenze».

Diciamo che lei studia da mediatore internazionale.

«Nella mia esperienza di capo operaio parlavo con uomini di trentacinque nazionalità diverse. Il direttore dei lavori dell'azienda svizzera di filati dove lavoravo mi chiedeva: ma come fa a mettere tutti d'accordo? Io sono bravo a colloquiare, riporto una torre di babele sotto una campana sola».

Commenti
Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 24/09/2017 - 09:13

Beh si. Un matto se la può intendere con altri due matti.

LostileFurio

Dom, 24/09/2017 - 09:28

Ma non parlare più a nessuno... Tanto Kim 'Bimbominkia' i missili li lancia ugualmente...

dot-benito

Dom, 24/09/2017 - 10:05

PER QUEL CHE MI RIGUARDA QUESTO NULLAFACENTE POTREBBE ANDARE A VIVERE IN MODO DEFINITIVO SIA IN COREA CHE IN VENEZUELA

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 24/09/2017 - 10:11

Bravo Razzi, ritorna in Korea e dirgli di non fare lo stupidino, non si gioca a soldatini, sei diventato gr(osso)ande. Per Maduro, non è urgente e pericoloso, puoi aspettare, mi sa che imploderà da solo, da buon comunista non sa amministrare neppure un paese ricchissimo come il suo, ma solo portarlo alla fame. Questo lo sanno fare benissimo e in tutto il mondo.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 24/09/2017 - 10:55

...per l'amor del cielo... resta a casa tua, non fare danni.

demetrio_tirinnante

Dom, 24/09/2017 - 11:16

T.S.O. urgente

rino biricchino

Dom, 24/09/2017 - 12:28

E' una barzelleta spero!

Ritratto di sempreforzasilvio#

sempreforzasilvio#

Dom, 24/09/2017 - 13:14

BRAVISSIMO RAZZI! Finalmente un illustre esponente di Forza Italia dimostra al Mondo che tutto sommato Kim-Jong-Un non e' cosi' male. Spero che Il Cav (sempre sia lodato) lo mandi in Corea per scongiurare la terza guerra mondiale. Il fiuto del Berlusca non tradisce mai! Ha voluto Razzi al suo fianco fin dall'inizio ed ora il suo pupillo rischia di salvare il Mondo! Grazie di esistere, Silvio!

uberalles

Dom, 24/09/2017 - 16:59

Si è montata la testa, vuole subentrare alla Fedeli alla Pubblica Istruzione...

Anonimo (non verificato)

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 24/09/2017 - 18:43

Ha scritto una lettera in ingese a Trump, ha detto. Ma se non sa scrivere neppure in italiano......ma va ciapá i ratt, Razzi, va. Vattene in Corea da cicciobello e restaci.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 25/09/2017 - 07:43

Fatelo smettere é un pericolo per se e per gli altri. Un TSO sarebbe da prendere da considerazione. Sarebbe anche interessante vedere se il giovane KIM fa dei regali al nostro razzi locale ...

un_infiltrato

Lun, 25/09/2017 - 07:54

E'semplicemente vergognoso che un elemento di così basso profilo sia senatore della Repubblica. Mi ricorda un po' Di Maio. Entrambi leccati (non eleganti) nell'abbigliamento, ambedue incolti. Tutt'e due, dilettanti allo sbaraglio senza meta: come il marinaio di Seneca.

ILpiciul

Lun, 25/09/2017 - 08:23

Il personaggio diverte anche me ma..........sarei prudente nel definirlo (diciamo) un sempliciotto per non dire altro. Il fatto che, pur essendo privo di importanti titoli di studio, sia arrivato ad essere ELETTO senatore, mi fa pensare che tanto sempliciotto non sia perché quantomeno ha doti di persuasione e tenacia, e non è poco se si guarda quanta flemma c'è in giro. Non mi stupisce che possa interloquire con certi personaggi ai vertici di Nazioni e certo non è impresentabile come certi falsi presentabili. Per chiudere sostengo che istruzione non corrisponde sempre è necessariamente ad intelligenza, uno può essere capace ed arrivare lontano anche colla "cuinta" elementare.