"Mai stato amico di Matteo" L'abiura che non salva Di Maio

Il vicepremier rinnega alleanza e rapporto umano Ma Casaleggio ha deciso: il nuovo leader M5s è Conte

Nella convulsa giornata che chiude l'era gialloverde, c'è una notazione personale che appare più simbolica dei tanti, pur importanti, fatti politici. Di Maio, dopo mesi in cui la sua intesa umana con Salvini, ancor prima che politica, è stata il motore che ha fatto marciare il «contratto di governo», rinnega non solo l'alleanza, ma l'amicizia. Sui social, ricordando le tante volte che Salvini lo ha definito «l'amico Di Maio», il leader grillino tenta la presa di distanza: «Non mi sono mai piaciute quelle persone che fanno gli amici di tutti. Per me l'amicizia è una cosa seria, è un valore fondamentale nella vita, straordinario. E soprattutto, i veri amici sono sempre leali...».

Ma è troppo tardi per salvare una leadership che il giovane di Pomigliano rischia di perdere con la stessa rapidità con cui l'aveva conquistata. Ieri Di Maio ostentava come un successo l'ultimo duello con Salvini: «Voglio darvi una buona notizia, dopo le proteste dei cittadini nelle piazze e sui social la Lega ha ceduto sul taglio dei parlamentari, una riforma del Movimento 5 Stelle e che il Paese aspetta da anni. Settimana prossima tagliamo 345 parlamentari». In realtà, la «capitolazione» della Lega è stato solo il tentativo di Salvini di sminare un tema di propaganda grillina, accettando di votare una riforma che, in caso di voto immediato, non sarebbe mai entrata in vigore.

Solo l'ultima scaramuccia di una complessa battaglia che ha riordinato il quadro della politica italiana in pochi giorni di agosto. Il «lodo Bettini», la proposta di un governo di legislatura con i 5 Stelle, portato avanti con decisione da Renzi, è stato accolto dai vertici del M5s, quelli che decidono davvero, scavalcando la resistenza di Di Maio. Il segnale mandato da Casaleggio è stato il post di Grillo contrario al voto immediato. Difficilmente nel governo «giallorosso» ci sarà spazio per Di Maio che, contestato dai parlamentari e inviso ai renziani, dovrà fare un passo di lato, come tutti i grillini troppo esposti in attacchi al Pd. Casaleggio ha già il suo nuovo leader fabbricato in laboratorio: Giuseppe Conte, avvocato degli italiani, quelli del Pd inclusi, ritenuto più adatto di Roberto Fico, nonostante le posizioni di sinistra del presidente della Camera, a impersonare il nuovo corso.

Nel frattempo nel Movimento è scattata l'ultima paranoia, la caccia al grillino di centrodestra. Anzi, al «grillino positivo», come Salvini ha definito, in un'intervista al Giornale, i parlamentari M5s «contrari all'ipotesi di un'alleanza con Renzi», quelli che «al momento giusto lo dimostreranno». Con un invito così esplicito a saltare a bordo messo sul tavolo dalla Lega, non ci è voluto molto perché nel mondo grillino, dominato dalla paranoia delle espulsioni facili, si scatenassero i sospetti reciproci.

Ieri ad esempio, quando Gianluigi Paragone ha sparato su Facebook una bordata contro l'alleanza «giallorossa» («E magari poi alla Commissione d'inchiesta sulle banche dovrei essere votato dalla Boschi? Sì, vabbè...»), in molti si sono ricordati dei trascorsi alla Padania del giornalista. Nella lista dei sospetti anche Emilio Carelli, visto il passato in Mediaset. Ma a essere passati al setaccio sono soprattutto i comportamenti tenuti in questo anno di governo gialloverde. Per sollevare dubbi basta poco, anche solo aver fraternizzato troppo con i leghisti, come i deputati Angela Ianaro e Davide Tripiedi. O aver scritto post anti migranti, come la collega Sabrina De Carlo (che lo ha poi cancellato). Per non parlare di Tiziana Drago che è salita sul palco del Forum delle famiglie a Verona. Ma davvero ci saranno defezioni verso destra? «Penso - dice Davide Galantino, deputato uscito dal M5s - che ci sia tanta ipocrisia e pochi valori. E che ci si accontenterà di salvare il posto».

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 14/08/2019 - 09:23

chissà come ragioneranno ora, quel 32% di babbei che hanno votato inutilmente per il M5S :-)

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 14/08/2019 - 09:27

Un papà, giornalista Direttore di una Radio potrà anche essere amico del cameriere che gli porta le bibite dal bar dell'angolo, ma l' ambulante "ragazzo" che vende le bibite allo stadio, potrà mai contraccambiare amicizia?

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 14/08/2019 - 13:35

Che non sia mai stato "amico" di Matteo non é né un merito né un demerito. Però per lungo tempo ha voluto dare l'impressione che tra loro un'amicizia, magari anche soltanto a fini politici. Un ragazzotto andato oltre le sue possibilità! Come ciò sia stato di fatto possibile lo si chieda a Grillo.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 14/08/2019 - 13:54

Un ragazzotto arrivato al massimo della politica senza titoli di studio e senza aver mai lavorato. Il Grillo parlante che lo ha lanciato ha fatto un miracolo, ma anche un guaio al bel Paese. Passerà e tornerà alla porta del babbo e del fratello, anche se il solo fatto di essere stato in Parlamento sarà per lui un pozzo dove attingere.

Ritratto di alejob

alejob

Mer, 14/08/2019 - 15:01

Di Maio sei un bravo ragazzo, ma prima di fare certe cose bisogna avere gli Attributi. Dico questo, perché hai promesso SI, hai tuoi elettori il Reddito di Cittadinanza, ma prima di metterlo in calendario dovevi avere i SOLDINI. Per avere questi, dovevi parlare con gli Italiani e fargli capire, di aspettare almeno un anno, per recuperare i SOLDONI delle EVASIONI FISCALI che sono proprio al SUD. Il modo esiste, ma tu sei INCAPONITO, ed hai voluto fare tutto, subito e male.