Mattarella e quel "nein" di Draghi

«Nein!». Dall'Eurotower di Francoforte fanno sapere l'indisponibilità di Mario Draghi, presidente della Bce, a lasciare il suo prestigioso incarico per «scendere» a Palazzo Chigi e pilotare un governo istituzionale in grado di portare l'Italia fuori dalle secche della crisi se il presidente Mattarella non riuscirà a mettere d'accordo i litiganti, i tanti capponi di Renzi (e non solo). Eppure è sufficiente qualche telefonata nel giro degli industriali e dei banchieri che contano, per avere la conferma che Supermario (quello vero) sarebbe più che mai il candidato ideale non solo alla guida di un governo tecnico, ma anche come terzo uomo «super partes» nel caso che Salvini e Di Maio facessero davvero un passo indietro da candidati premier per varare un esecutivo politico. Del resto, non è una novità il fatto che Draghi sia da anni il personaggio più gettonato nella sala dei bottoni, a cominciare proprio da Berlusconi che l'ha indicato più volte come presidente del Consiglio ideale, e anche più su, dopo avergli già tirato, con successo, la volata per la guida della Banca centrale europea.

In effetti, quando la nave affonda, c'è più che mai necessità di un nocchiero di garanzia come l'ex governatore di Bankitalia che negli Stati Uniti viene ancora chiamato «the unitalian», un italiano atipico anche se è romano doc e la rivista Forbes lo ha definito l'uomo più potente del Belpaese. Con l'incertezza politica di queste settimane e con i riflettori puntati di Bruxelles tra Lega e Cinquestelle che prendono le distanze dalla Ue ad ogni piè sospinto, un pilastro europeo come Draghi sarebbe, senza ombra di dubbio, una grande certezza per il nostro futuro nel vecchio continente. Un po' come Antonio Tajani, presidente del Parlamento di Strasburgo, che lo stesso Berlusconi aveva indicato come candidato premier prima del 4 marzo. È, quindi, comprensibile il fatto che molti addetti ai lavori stanno oggi chiedendo un passo indietro a Draghi per «causa di forza maggiore», cioè per l'attuale situazione di incertezza politica in Italia. Il numero uno della Bce ha, però, ancora un anno e mezzo, fino al 31 ottobre 2019, con molti problemi sul tappeto, prima di completare il suo mandato a Francoforte e, a coloro che gli stanno facendo presente la situazione del Paese d'origine, è costretto ad allargare le braccia. Diverso sarebbe, invece, il discorso se, in caso di ingovernabilità, Mattarella fosse in grado di mettere in piedi un esecutivo a tempo con la possibilità di andare poi a votare il prossimo: allora Draghi potrebbe essere sul serio in pista per Palazzo Chigi e poi, nel caso, salire al Colle.

Commenti
Ritratto di Anna 17

Anna 17

Lun, 09/04/2018 - 09:02

Ma questo è solo un tecnico con infarinatura politica molto superficiale. Anche se bravo nel suo lavoro non può ergersi a governare chi non lo ha votato. Sembra chiaro lo scenario politico italiano: i grillini vogliono sfasciare tutto per poi ergersi sulle macerie tanto peggio sarebbe impossibile; i sinistri hanno già fatto quel che potevano per distruggere. Salvini parla di dignità nazionale e posti di lavoro, sicurezza. Se gli italiani vogliono solo farsi mantenere non votino Salvini.

jaguar

Lun, 09/04/2018 - 09:11

Quando si sente "governo tecnico", la memoria torna al famigerato governo Monti, che con i suoi scagnozzi ha massacrato gli italiani. Quindi speriamo che Draghi se ne stia buono nel suo ufficio dorato di Francoforte, e Mattarella continui il suo sonno profondo, l'Italia non ha bisogno di emuli di Napolitano e Monti.

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Lun, 09/04/2018 - 09:17

UN ALTRO MONTI MOLTIPLICATO PER DIECI,SE NE STIA A BRUXELLS

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 09/04/2018 - 09:31

Altro buono,per non cambiare niente!

jenab

Lun, 09/04/2018 - 10:35

come dire, i politici appena votati sono degli incapaci, cerchiamo uno con un po di cervello

idleproc

Lun, 09/04/2018 - 10:38

jaguar. All'epoca gli italiani vivevano su di un altro pianeta e credevano ancora di essere sovrani e in grado di farsi una politica economica avendo ancora gli strumenti per farla. Credevano ancora che il sistema finanziario nonostante le magagne non fosse del tutto la fantasy creativa d'importazione che ha devastato tutti gli stati europei insieme alla corporatecracy. Pensavano che l'europa non fosse un sistema neocoloniale globalizzato e locale in mano a quattro finanzieri e che esistesse un controllo della rappresentanza eletta sull'europa. Oggi come oggi si son mangiati antipasto, pasto e contorno, non solo la foglia. Aspettanno l'ammazzacaffé. La propaganda funzionale a nascondere che l'europa non ha nemmeno uno straccio di costituzione e di conseguenza non ha legittimità e quindi anche una bandiera fasulla oltre al resto, è sfiatata nonostante l'ipmpegno anche finanzairio. Tutto si può pensare di Grisù ma non che sia scemo.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 09/04/2018 - 10:41

Un affiliato a ben 5 logge massoniche (Edmund Burke - Pan Europa - Compass Star Rose - Three Eyes - Der Ring il cui maestro venerabile è un certo Schaeuble.. Così sostiene il massone Magaldi) a capo del governo? Già ne abbiamo avuto uno affiliato a due logge, ha fatto danni a non finire e ce ne stiamo accorgendo sulla lunga distanza. Perseverare autem diabolicum..

flip

Lun, 09/04/2018 - 10:43

draghi? abbimo già avuto un monti che ci ha distrutto. draghi è peggio.il suo posto è solo in mezzo ai soldi!

flip

Lun, 09/04/2018 - 10:50

ci vuole uno "statis5ta vero" non un bancario, anche se è sopra le righe, e neanche un cacciaballe alla renzi.o un distruttore alla monti o prodi. In Italia però ce nè uno SOLO.

Pluto 2012

Lun, 09/04/2018 - 10:51

Un altro tecnico alla Monti non votato dal popolo Anzicche andare avanti torniamo indietro Bella soluzione Complimenti a che l'ha avuta!!!!!

GioZ

Lun, 09/04/2018 - 10:53

Ottimo contabile e amministratore, ma l'Italia non è un'azienda; è una nazione, è l'ultima cosa che ci serve è un europeista che ci comanda attraverso Bruxelles.

DRAGONI

Lun, 09/04/2018 - 11:15

CHE DIFFERENZA DI CONTENUTI E COMPORTAMENTI TRA IL DOTT.DRAGHI ED IL PROF.MONTI!QUEST'ULTIMO PRIMA DI ACCETARE L'INCARICO SI FECE "PAGARE" ANTICIPATAMENTE CON LA NOMINA A SENATORE A VITA DA NAPOLITANO CHE GIOCAVA E CONTEMPORANEAMENTE DISTRIBUIVA LA CARTE A MODO SUO E CON UN TRASCORSO DA COMUNISTA VERACE!!MONTI CHE , CON UN MODO DI AGIRE DI UN "CATTIVO RAGIONIERE",HA "FRENATO" L'ECONOMIA ITALIANA CON RELATIVI SACRIFICI DA PARTE DEGLI ITALIANI SENZA AFFRONTARE I GRAVI PROBLEMI ECONOMICI REALI O FATTI APPARIRE COME TALI PER SILURARE IL CAVALIERE. MONTI CHE HA POI FONDATO UN SUO PARTITO CHE E' ANCHE ESSO FALLITO EVENTO CHE NON TOCCA IL SEGGIO DEL SENATORE A VITA CON RELATIVO ELEVATO E NON GIUSTICATO COMPENSO!!

scapiddatu

Lun, 09/04/2018 - 11:26

Sarebbe come passare dalla padella alla brace. Lucas Papadémos, Mario Draghi, e Mario Monti - Chi li amalgama e li tiene uniti??? The Goldman Sachs Group..... Povera patria! dominata dall'egemonia di talune élites politico-finanziarie al servizio di intoccabili tornaconti personali.

d_amod1

Lun, 09/04/2018 - 11:46

Allora prepariamoci a votarlo alle prossime elezioni ma dopo il 31 ottobre 2019 (in politica è alle porte). Per intanto penserà a non farci fallire.

greg

Lun, 09/04/2018 - 11:53

Dai fenomeni, alla Grillo e Di Maio (di Pejo), mi guardi Iddio, che dai tecnici mi guardo io. Mettere un banchiere a capo di un governo significa semplicemente fare ancora di più un favore alle banche che vogliono avere sempre più potere di interdizione e imposizione sui cittadini- A parte ciò, Draghi detiene un potere enorme, che gli deriva proprio dall'essere un banchiere: Meglio che se ne stia ancora dentro la sua torre e, nel 2019, che vada a godersi la sua straricchissima pensione

forzanoi

Lun, 09/04/2018 - 12:37

ci sarebbe soltanto da augurarsi che cotanto nome fossa premier! Ma 1/3 degli italiani che hanno votato soprattutto al sud e che cercano soltanto rendite statali mensili senza produrre un piffero, potrebbero mai capire e apprezzare cotanto nome? sono solo dei robotizzati che parlano con frasi fatte , suggerite e senza nessun contenuto! Un Draghi non lo meriterebbero di certo! cosi come gli altri 2/3 di italiani non meritano certamente di essere governati dal loro supponente candidato e da chi gli sta dietro!

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 09/04/2018 - 12:43

Quando la nave affonda non c'è più bisogno di un nocchiero, ma semmai di scialuppe e salvagenti. Il nocchiero andrà a fondo con la nave.

Ritratto di TreeOfLife

TreeOfLife

Lun, 09/04/2018 - 13:47

Secondo me, quando uscirà dalla BCE si metterà a disposizione nel caso l'Italia necessiti di un...governo tecnico!!!

Ritratto di mircea69

mircea69

Lun, 09/04/2018 - 14:17

Con il doppio turno alla francese non si perderebbe tempo con queste chiacchiere. L'ingovernabilità della nazione ha dei responsabili: sono quelli che hanno votato il rosatellum.

Libertà75

Lun, 09/04/2018 - 14:33

ma chi volete che voti Draghi come premier? ma non vi siete resi conto che l'elettorato medio ha abbandonato FI proprio per la figura di Tajani? Non se ne può più di gente che ti dice che devi morire di fame perché ce lo chiede l'Europa.

peter46

Lun, 09/04/2018 - 15:33

Mazzucca...ca...volo.Ecco il perchè di tutta quella 'montagna' di pannoloni consegnata a grill(ini),legh(ini),fratell(ini),senza la cui maggioranza,il Draghi,avrebbe la possibilità di...neanche scaldare la poltrona con quei rimasugli di soli pddini e 'nani e ballerine' dimoranti a fi.Vuol farci comprendere che erano per l'eventuale 'trasbordo' causa 'contentezza' di dare,anche loro,la fiducia,a cotanto meritevole?Ma è stato previsto il sito dove 'differenziarli',dopo l'imbevuta?Non è che,essendo fi in 1° fila a sostegno del personaggio,'sovranista italiano' come nessun altro, si era prevista la riapertura della ex discarica di Cerro Maggiore ,vero?Nei punti Salmoiraghi&.. sta in bella mostra sulle vetrine la 'decalcomania'..."per non eletti dal 'popolo',niente 'trippa per gatto',pena 'sput........ dei dichiaratisi 'fuori casta':fosse anche berlù a 'concorrere'.NB:Perchè in quei negozi?Per comprare le lenti se non si riesce a leggere,causa vista...corta o 'interessata'

Ritratto di max2006

max2006

Lun, 09/04/2018 - 15:52

Draghi chi? Quello che sul panfilo Britannia nel 1992 pose le basi per la squartazione aortica dell' Italia mentre era sottosegretario al Tesoro? Grazie ma tra Monti e Fornero abbiamo gia' dato. Si torni alle elezioni e poi vedremo chi mette voti e a chi.