Mattarella: "La solidarietà da sempre nel Dna degli italiani"

Il Capo dello Stato visitando la comunità di San Patrignano ha parlato della solidarietà che da sempre è cifra distintiva degli italiani

Il Capo dello Stato visitando la comunità di San Patrignano ha parlato della solidarietà che da sempre è cifra distintiva degli italiani. Sergio Mattarella nel suo intervento ha sottolineato quanto la solidarietà possa essere importante nel tessuto sociale di un Paese: "Il tessuto solidale di un Paese e al suo interno di ciascuna comunità, è il bene comune prezioso e questo va sempre considerato a partire da chi ha responsabilità pubbliche", ha affermato il Capo dello Stato.

Poi il presidente della Repubblica ha di fatto spiegato l'importanaza di comunità come quella di San Patrignano: "Con i suoi risultati, con tutta la sua storia - ha spiegato ancora il Capo dello Stato - è una prova che la vita di comunità, quando mette al centro la dignità della persona, mette al centro il diritto di ognuno a diventare artefice del proprio futuro ed è capace di sconfiggere l’egoismo, l’indifferenza, la paura, la solitudine". Infine Mattarella ha affermato come il Dna sia al centro del Dna degli italiani: "La nostra cultura, la nostra storia, la bellezza del nostro Paese - ha sottolineato Mattarella rivolgendosi ai ragazzi e alle ragazze presenti nella sala da pranzo - non sarebbero così grandi nè così apprezzati nel mondo senza questo dato, questo valore della solidarietà". E in queste parole del Capo dello Stato qualcuno ha letto un riferimento anche alle vicende che riguardano l'Italia sulla gestione dell'emergenza immigrazione.

Commenti

venco

Mar, 26/06/2018 - 13:25

Certamente, solidarietà con i propri concittadini, Concittadini.

cangurino

Mar, 26/06/2018 - 13:30

mi ero convinto che Mattarella avesse gravissimi problemi di salute. Di fronte alle offese infamanti del suo omologo francese verso l'Italia e gli italiani (quelle verso alcuni politici, invece, poteva farle), ha mantenuto un silenzio assordante, un profilo degno del precedente governo. Invece sembra in ottima salute e loquace. Essendo stato nominato ad inizio 2015, resterà in carica fino ad inizio 2022. Ancora 3 anni e rotti, più di mille giorni.

antonmessina

Mar, 26/06/2018 - 13:31

parli per se non per il popolo italiano

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 26/06/2018 - 13:44

e daje con sti discorsi razzisti del dna

vaigfrido

Mar, 26/06/2018 - 13:46

Presidente rilegga ciò che disse il suo predecessore : immigrazione legale e sostenibile .... !

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 26/06/2018 - 13:47

Non tenga bordone per riconoscenza alla sinistra laica ed ecclesiastico-vaticana, ormai eliminata dal popolo e che l'ha messa là dove si trova. Faccia finta piuttosto, se ci riesce ovviamente, di essere "super partes" come dovrebbe essere e far rispettare e rispettare personalmente la Costituzione e nel contempo significare l'unità della nazione. Se, campa cavallo!

Angelo664

Mar, 26/06/2018 - 13:56

Vero caro MOzzarella ! Solidarieta' con chi ne ha bisogno. Ma questi bingo bongo che arrivano hanno poco a che fare con chi ne ha veramente bisogno. Quindi si ai rimpatri forzati e soprattutto a stretto giro arresto con espulsione per tutti quelli che delinquino. Poi per lo spaccio metterei la pena di morte come esiste in civilissimi paesi come Singapore dove il problema droga e' stato sradicato in questo modo. Poi li aiutiamo a casa loro. Devono sapere bene che qua non si campa a sbaffo ma si lavora. E quelli che arrivano poco hanno a che fare con questo concetto. Bah

Ritratto di Zohan

Zohan

Mar, 26/06/2018 - 14:14

aaah ma allora gi ITALIANi hanno un DNA diverso? Ma tutte ste fregnacce che siamo tutti uguali e volemose bene ? Comunque parli per lui questo tizio. Io sono solidale piuttosto con i miei vicini pensionati che dopo una vita di lavoro si ritrovano a non avere soldi per mangiare

Ritratto di karmine56

karmine56

Mar, 26/06/2018 - 14:31

...di una volta .

dnvniqst

Mar, 26/06/2018 - 14:47

Commento razzista da parte del Presidente. Censurabile in quanto non esiste un DNA italiano. Parlare inoltre di cultura e di razzia, in questa epoca di globalizzazione e di fenomeni migratori epocali è un riferimento ad elementi divisivi da stigmatizzare senza se e senza ma. SONO ANDATO BENE, BOLDRINI?

Maver

Mar, 26/06/2018 - 15:26

Ha detto bene, solidarietà da sempre, la solidarietà di un popolo altamente civile. Ha però scordato di precisare che nessuno per questo ha il diritto di approfittarne.

Popi46

Mar, 26/06/2018 - 15:32

@dnvniqst: “razza” può essere un vocabolo divisivo solo per la povera semianalfabeta ex presidente della camera. Le razze umane esistono, caucasica (visi pallidi,cioè noi),nera,gialla, diverse per tratti somatici come il taglio degli occhi, la pigmentazione cutanea, ecc.... Diverse,appunto. È la “specie” umana, bipede eretto con pollice opponente e capacità di articolare i suoni ecc, che ha, se civilizzata, diritti uguali per tutti. Certo, il DNA italiano è una bestialità,diciamo.....avrebbe dovuto specificare DNA culturale.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mar, 26/06/2018 - 15:34

Si certo pres. mattarella, è sempre bello nobile ed elegante parlare di "solidarietà" a nome del "popolo italiano" quando tu lo puoi fare in qualità di inquilino di quel palazzo dorato chiamato QUIRINALE (con tanto di 5000 dipendenti statali al tuo seguito) così come può farlo qualsiasi benestante di alto livello che abita nei quartieri alti e "bene" di qualsiasi città ITALIANA, dato che voi non potete e non potrete mai toccare con mano diretta cosa significa invece per la gente comune e anonima, più povera di voi ma pur sempre però CITTADINI ITALIANI, avere a che fare da vicino con la microcriminalità e gli inconvenienti che questa massa di migranti clandestini ha portato in ITALIA negli ultimi anni.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 26/06/2018 - 16:06

@cangurino:concordo!Si è risvegliato dal letargo per dire la solita banalità,che oltretutto non rappresenta il pensiero attuale degli attuale degli Italiani,che ne ha piene le scatole dell'"accoglienza"!

Tip74Tap

Mar, 26/06/2018 - 16:16

Il popolo dice e PENSA che: L'ospite è come il pesce, dopo tre giorni puzza! Plauto sosteneva che un ospite diventa odioso dopo tre giorni che vive a casa tua, e dopo dieci inizia a essere un impiccio pure per i servi! La solidarietà c'è eccome ma nessuno vuol essere preso per i fondelli ma soprattutto nessuno vuol finire in malora nel nome della solidarietà "ad capocchiam"