Salvini sulla Giornata della Memoria: "Lezioni di bontà dai kompagni non sono credibili"

Il leader della Lega Nord su Twitter: "Mai più violenza di nessun colore, senza retorica, senza ipocrisia". Ma non accetta lezioni da sinistra

Giornata intensa per il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini. Iniziata con le consultazioni per l’elezione del nuovo capo dello Stato, proseguita con la manifestazione a Roma davanti al ministero per le Politiche Agricole in via XX Settembre "a difesa dei pescatori di vongole penalizzati dalle norme europee che fissano una misura minima per la pesca di questi molluschi", passando per la conferma del flirt con la conduttrice di Uno Mattina Elisa Isoardi.

Ma Matteo Salvini (anche lui twittatore incallino. Sarà mica il nome?) non poteva ritirarsi dal dare una sua opinione sulla particolare ricorrenza di oggi: "Giornata della Memoria, che la storia sia maestra. Mai più violenza di nessun colore, senza retorica, senza ipocrisia. Lezioni di 'bontà' dai kompagni non sono credibili", ha comunicato dal suo profilo Twitter (e poi anche da quello Facebook) il segretario della Lega.

Commenti
Ritratto di mina2612

mina2612

Mar, 27/01/2015 - 18:09

I kompagni si son messi tutti in prima fila per portare avanti l'orrore dello sterminio dei nazisti. Ma non si vergognano a mostrare la loro faccia tosta dopo che il comunismo ha sterminato almeno 100 milioni di persone nel mondo? E delle foibe? E dei crimini dei partigiani togliattiani non dicono nulla? Hanno persino proibito agli storici che scrivessero la storia così come è stata veramente.

angelomaria

Mar, 27/01/2015 - 18:11

E PURTROPPO ULTIMANTE VEDIAMO GRUPPI ANTISEMITI CHE SI FORMANO UN PO'OVUNQUE COME SI PUO'SCORDARE!!!!

19gig50

Mar, 27/01/2015 - 18:11

L'olocausto è stata una tragedia che speriamo non si ripeta mai più, però prendere lezione dai sinistri con quello che ha fatto, ed è tenuto nascosto, il comunismo non si può accettare. Un giorno la storia lo dirà.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mar, 27/01/2015 - 18:12

Le sta sparando grosse, un leghista può avere lezioni da chiunque

Ritratto di frank.

frank.

Mar, 27/01/2015 - 18:13

Cioè Salvini, il difensore della famiglia tradizionale è divorziato, convivente con una donna da cui ha avuto un figlio (al di fuori del matrimonio) e ora si frequenta con la Isoardi!! AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!! Mi raccomando eh, legaioli, fate un bel family day!!! Ridicoli!

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Mar, 27/01/2015 - 18:18

Pericoloso fomentare odio verso il prossimo, si sa da dove si parte, non si sa dove si potrebbe arrivare.

ORCHIDEABLU

Mar, 27/01/2015 - 18:25

BRAVO SALVINI DIVERTITI E' NON FARE PIU' IL RAZZISTA.BRAVA ISOARDI RENDILO FELICE

Miraldo

Mar, 27/01/2015 - 18:40

Vai Salvini sei l'unico che può fare le scarpe al Pinocchio Renzi.

vince50

Mar, 27/01/2015 - 18:40

Non è affatto il giorno della memoria,ma dell'ipocrisia all'ennesima potenza e della disonestà.La memoria(se onesta) non dovrebbe dimenticare nessuno,i morti sono morti e tutti meriterebbero rispetto.Però dalle persone marce non ci si può aspettare niente di onesto e rispettabile,ma soltanto mezze verità di comodo e disonestà assoluta.

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 27/01/2015 - 20:25

Con il massimo rispetto ed amore per il popolo ebraico, devo aggiungere che Salvini ha solo ragione! I kompagni si sono già dimenticati delle foibe e degli assassini compiuti negli anni 1943-1946, fu una vera e propria guerra civile italiana, con migliaia di morti, tra cui molti innocenti. Le fosse comuni, le foibe e buona parte degli omicidi portati brutalmente a termine dalle brigate di partigiani comunisti avevano lo scopo ben preciso di eliminare fisicamente i possibili avversari del comunismo di stampo sovietico che si voleva instaurare a guerra finita. Il komunismo è la feccia del mondo!

Giorgio5819

Mer, 28/01/2015 - 10:40

#luigipiso, è vero, un leghista può prendere lezioni da chiunque. Un comunista invece non può prendere lezioni da nessuno perché è troppo ignorante, limitato e cerebroleso per capire qualunque lingua.