Meglio un bandito al cimitero

Il problema non è «farsi giustizia da sé» ma impedire sia commessa un'ingiustizia. Se ciò impone l'uso di un'arma, pazienza. Meglio un ladro steso che un cittadino onesto al cimitero

Chi ha scritto la legge sulla legittima difesa, e coloro che l'hanno approvata, non hanno tutte le rotelle a posto. Quantomeno, al momento di elaborare la norma, erano parzialmente incapaci di intendere se non, anche, di volere. Infatti, hanno licenziato una boiata pazzesca in base alla quale se il derubato viene ucciso dal ladro, il caso non suscita grande scalpore; se, viceversa, la vittima del furto reagisce, per difendere se stesso, la famiglia e i propri averi, e stecchisce il delinquente, apriti cielo: succede il finimondo. La prima cosa che fanno i media è quella di deprecare la cosiddetta «giustizia fai da te», giudicata inammissibile, incivile e chi più ne ha più ne metta.

I magistrati poi, applicando il codice alla lettera, perseguono l'uomo (o la donna) che non ha ceduto alla prevaricazione, accusandolo di eccesso di legittima difesa o, peggio, di omicidio volontario. Grane giudiziarie a non finire, spese legali mostruose e il rischio non remoto di essere sbattuto in galera quale assassino. La legge in questione recita alcune assurdità. La più grossa: se l'aggredito è in una situazione di pericolo attuale, è legittimato a ribellarsi. Attenzione, però. Può contrattaccare esclusivamente con mezzi proporzionati a quelli di cui dispone l'aggressore. Un concetto più surreale non esiste.

In sostanza il disgraziato che si trova a tu per tu col farabutto che ha osato entrare in casa sua non per rendergli omaggio, bensì per depredarlo, non ha facoltà di por mano alla pistola, se non dopo essersi accertato che il farabutto stesso sia a propria volta armato di una rivoltella. In questo modo l'aggredito e l'aggressore sono pari, quindi autorizzati a duellare. Ma coma fa l'aggredito a verificare che l'aggressore abbia in tasca un'arma da fuoco o un temperino? Logica vorrebbe che il primo perquisisse il secondo, magari aprendo un estemporaneo dibattito: scusi signor ladro, lei porta un coltello a serramanico o una P38, sia pure fuori moda? Se la risposta è affermativa, la sparatoria inizi pure, altrimenti non se ne fa niente. Se il furfante, nelle more, sferra un cazzottone al proprietario dell'alloggio, questi se ne faccia una ragione. Se non è un buon pugile, anche solo dilettante, sono affari suoi. Al legislatore non gliene importa nulla. Gli preme solo che tra il grassatore e il suo «avversario» si stabilisca un rapporto cavalleresco.

Siamo alla quintessenza della stupidità. Va da sé, un tizio che entra nel tuo appartamento di notte non è un visitatore cortese. Ovvio che tu tremi di paura, non sei lucidissimo e non gli chiedi spiegazioni, ma allontani la minaccia come puoi, anche sparando, giacché sai che in certe circostanze o crepa lui o crepi tu. Lo stato d'animo di chi è in procinto di essere sopraffatto non è sereno quanto quello di un pm che valuta i fatti a freddo, seduto alla scrivania. Le nostre non sono elucubrazioni da esaltati amanti dei film western, ma di persone che si immedesimano in chi subisce un sopruso.

È evidente che una legge così sconsiderata sia da modificare in senso realistico. D'accordo che l'Italia ha ereditato dal cattocomunismo l'idea che la proprietà sia equiparata al furto e, pertanto, indifendibile. Ma sarebbe ora di cambiare mentalità. Proteggere i propri beni non è un delitto. Il problema non è «farsi giustizia da sé» ma impedire sia commessa un'ingiustizia. Se ciò impone l'uso di un'arma, pazienza. Meglio un ladro steso che un cittadino onesto al cimitero.

Commenti

steacanessa

Gio, 22/10/2015 - 22:07

Meraviglioso!!

GVO

Gio, 22/10/2015 - 22:12

d'accordissimo legge idiota fatta da idioti sulla pelle di chi viene aggredito....spero tanto che presto siano aggrediti chi ha fatto , chi ha approvato e chi fa rispettare questa legge folle....!

cgf

Gio, 22/10/2015 - 22:13

meglio un brutto processo [il mio] che un bel [il mio] funerale

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 22/10/2015 - 22:20

Cosa sarebbe successo se non l'avesse ammazzato? E poi come si permette un Renzi di giudicare un'uomo vittima di un delinquente.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Gio, 22/10/2015 - 22:26

Concordo in toto con la valutazione del Dott. FELTRI. Non ho altro da aggiungere.

squalotigre

Gio, 22/10/2015 - 22:27

Feltri sono d'accordissimo con lei e non bisogna essere superdotati per concordare con concetti che nella loro limpidezza risultano essere addirittura banali. C'è gente che dice che bisogna affidare il compito della difesa personale alle forze dell'ordine. Bene, giusto. Mettiamo un poliziotto di fronte a tutte le case e il problema sarebbe risolto. Ho usato il condizionale perché neppure il poliziotto può intervenire perché se lo fa anche se cerca di difendere se stesso viene condannato ed al delinquente potenziale assassinio nel caso muoia per la giusta reazione, viene dedicata un'aula al Parlamento con elezione della madre alla Camera. Elezione meritata per avere ben educato il figlio. Il riferimento al caso Giuliani è voluto.

Fermat62

Gio, 22/10/2015 - 22:34

Grande Vittorio fortuna che qualcuno con le rotelle a posto sia ancora sveglio e vigile!

Mano-gialla

Gio, 22/10/2015 - 22:35

PELLE PER PELLE MEGLIO LA TUA CHE LA MIA !!!!!

VittorioMar

Gio, 22/10/2015 - 22:46

..è arrivato il momento di mandare un giusto " MESSAGGIO alla MICROCRIMINALITA'"...è la più fastidiosa con atteggiamenti di arroganza,cattiveria e prepotenza..almeno per arginarla e controllarla da parte di tutti i soggetti preposti..nessuno escluso..

Edmond Dantes

Gio, 22/10/2015 - 22:49

Se mandare i delinquenti al cimitero vuol dire far-west, allora viva il far-west, c'era molta più giustizia che in questa Italia che protegge solo i delinquenti. E viva anche l'ispettore Callaghan.

Mobius

Gio, 22/10/2015 - 22:58

Secondo me ai magistrati non glie ne frega niente di salvaguardare la vera giustizia; quello che vogliono è mantenere intatto il loro status di giudici supremi e incontestabili nei confronti dei sudditi, i quali vanno tenuti costantemente sotto schiaffo affinchè non si mettano in testa la balzana idea di far girare il mondo per il giusto verso.

ROBIN UD

Gio, 22/10/2015 - 23:07

Se potessi, denuncerei chi ha votato per l'approvazione di queste leggi ottuse e prive di senso per "favoreggiamento" e complicità in reato contro la persona ! Grazie Feltri, Lei è l'unico rimasto....!

Aristofane etneo

Gio, 22/10/2015 - 23:31

Pubblicate, vi prego, i nomi dei farabutti che hanno votato la legge che cita Vittorio Feltri per non votarli e mandarli all'inferno. A quando un referendum che ricalchi una volta tanto il sistema vigente negli Stati Uniti d'America che dà il diritto di sparare a chiunque ti entri in casa per delinquere?

pinosan

Gio, 22/10/2015 - 23:45

Il parlamento non ha tempo di parlare di questi fatti e di cercare di porvi rimedio con leggi appropriate.Deve fare la legge sui diritti delle copie ghei e delle adozioni inerenti.Per il bischero toscano l'importanza è anche poter muoversi con aerei ed elicotteri dello stato e se non funzionano bene punire gli addetti al servizio.W l'ITALIA.

dare 54

Gio, 22/10/2015 - 23:47

In alcuni degli USA esiste la "castle doctrine" per cui un invasore di proprietà privata può essere soggetto a reazione anche letale da parte del proprietario. E' così complicato considerare che uno (o più) sconosciuto(i) entrato(i) con la forza nella mia proprietà può costituire grave minaccia alla incolumità mia e della mia famiglia? Sopratutto se non scappa alla mia intimazione, e io non so, al buio, se e come possa(no) essere armati? E comunque la cronaca ci insegna che due o tre di questi figuri non hanno bisogno di armi ... per arrecare danni fisici rilevanti, se non la morte, alle vittime!

Ritratto di vraie55

vraie55

Ven, 23/10/2015 - 00:42

E' pressochè impossibile non sentirsi d'accordo con Feltri. Ha sempre (o 99 volte su cento) "la risposta migliore" .. 100 volte su cento la più convincente. Accadeva anche con Montanelli. Per rientrare nell'un per cento di cui sopra bisognerebbe vivere in un'altra dimensione (surreale e assurda) e alla fine si farebbe ridere ... e ci vorrebbe un'altra voce ineguagliabile, quella di Achille Campanile .. con le vibrazioni di " DELITTO A VILLA ROUNG"

Marcolux

Ven, 23/10/2015 - 00:54

Non ho parole! GRANDE FELTRI! Così parla un uomo, non un politico di sinistra o un Magistrato.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 23/10/2015 - 01:13

MA QUEL TIZIO CHE VAGAVA SUL SACRO SUOLO ITALICO ANZITEMPO ESPULSO DALLO STESSO GIURIDICAMENTE COME SI CONFIGURA LA SUA POSIZIONE: È UN LIBERO CITTADINO IN BARBA AI RIGORI DELLE, (IN)CREDIBILI, LEGGI ITALIANE O SI DEVE CONSIDERARE UN FANTASMA TANT'È CHE NESSUNO È RIUSCITO A BLOCCARLO ALLA FRONTIERA? NON SI POTREBBE CONFIGURARE UNA OMISSIONE DI TUTELA DEI CITTADINI, CONTRIBUENTI E ELETTORI, DA PARTE DELLO STATO? MI SOVVIENE IL DETTO: TANTO VA LA GATTA AL LARDO CHE CI LASCIA LO ZAMPINO.

levy

Ven, 23/10/2015 - 02:19

La legge dice che bisogna difendersi con mezzi proporzionati a quelli dell'aggressore, mi sembra una idiozia, io spero di poter difendermi con mezzi ben superiori a quelli dell'aggressore se voglio salvare la pelle. Ma i nostri politici non le capiscono queste cose?

levy

Ven, 23/10/2015 - 02:21

Feltri dice cose sensate non perchè è un genio, ma solo perchè ha buon senso, che di questi tempi è una cosa più preziosa della genialità.

Uanni1974

Ven, 23/10/2015 - 02:22

Davvero bravo. Concordo su tutto il ragionamento.

roberto.morici

Ven, 23/10/2015 - 05:41

Talmente ovvio da sembrare irreale. Perfetto!

fisis

Ven, 23/10/2015 - 07:09

Finalmente un parere, non vorrei dire di destra, ma lucido e cartesiano, in una marea di idiozie cattocomuniste dette da altri commentatori, giornalisti o politici.

centeni romani guido

Ven, 23/10/2015 - 07:31

Carissimo Feltri, grazie per le tue parole !

sorciverdi

Ven, 23/10/2015 - 07:40

Se quello che dice di essere lo stato degli Italiani non riesce a difendere i propri cittadini, non dovrebbe neppure sentirsi in diritto di giudicare chi, proprio a causa di quella mancanza, è costretto a difendersi anche nei modi più estremi. Provi questo "stato" a difendere i "suoi" cittadini, magari evitando di togliere risorse alle Forze dell'Ordine per destinarle a far invadere il Paese del quale ingiustamente si ritiene padrone...provi a garantire oltre alla sicurezza anche una vera Giustizia e non la barzelletta che c'impone e vedrà che ci sarà meno necessità di difendersi! Bravo Feltri!

Ritratto di centocinque

centocinque

Ven, 23/10/2015 - 09:08

Come si chiamano i geniali autori della legge?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 23/10/2015 - 09:09

Grandissimo Feltri. Peccato che le persone come lei siano in via di estinzione.

Giorgio5819

Ven, 23/10/2015 - 09:43

"Meglio un bandito al cimitero"... sempre, comunque ! Troppe volte ci finiscono persone indifese che non hanno la possibilità di reagire, troppe volte i delinquenti vengono tutelati,difesi,salvati dai cavilli della ridicola "giustizia" e da magistrati troppo schierati.

piertrim

Ven, 23/10/2015 - 10:41

Ma se quel povero rapinatore di 22 anni non fosse andato di notte a casa d'altri e non fosse morto, causa sua prepotenza, per quanti anni e quanti e quali danni avrebbe fatto ancora a scapito degli italiani?

buri

Ven, 23/10/2015 - 11:03

come ga detto il pensionato di Vaprio d'Adda "quella massa di idioti che sta a Roma"

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 23/10/2015 - 12:35

Il violatore di domicilio aveva appena 22 anni: scaglio un anatema: non si doveva ammazzare un giovane che avrebbe prodotto ricchezza per almeno 40 anni ai pensionati contribuendo con il suo qualificato lavoro, a cui si dedicava anima e corpo, elargendo così risorse contributive e sostenendo il carrozzone INPS.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 23/10/2015 - 13:03

Il posto del “bandito” è il carcere, ma la gran parte dei delinquenti sta a spasso, in attesa dei molti lunghissimi processi. Però è certamente meglio un bandito al cimitero che una donna stuprata e dei bambini terrorizzati, come è già accaduto; di recente è andata anche peggio ai 2 coniugi di Palagonia: uccisi in casa per essere derubati. Però la sinistra ha la sindrome dello "Stato", lo o stato dei Renzi, dei Marino, dei Meduri, persone che ci fanno rimpiangere la politica degli anni 50; altri tempi ed altra gente. Fossi nei panni dell’uomo inquisito per aver difeso la sua casa e la sua famiglia, non avrei dubbi: di notte avrei sparato, senza perdere tempo prezioso nel riscontro dei presupposti di fatto che piacciono ai sinistri, ma in base ad una intelligente ed a mio avviso corretta interpretazione dell’art. 52, c. 2, CP. Ma noi siamo nelle mani di Renzi, Alfano e Orlando: non c’è speranza.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 23/10/2015 - 16:18

Feltri ha espresso un conceto semplice e realistico, mettendo in rilievo l'idiozia di chi ha ha fatto quella legge.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 23/10/2015 - 19:38

@stock47, infatti la legge l'ha fatta il PDL e la Lega, non lo sapeva?