Migranti, il governo tira dritto "Sequestreremo la Sea Watch"

Di Maio conferma la linea dura: "Siamo al lavoro perché la nave non possa più ripartire. Spediamo migranti in Olanda"

Sequestrare la nave e spedire tutti i 47 naufraghi ad Amsterdam. È questo il piano del governo per risolvere la questione della Sea Watch 3, la nave dell'omonima ong tedesca che batte bandiera olandese e che ormai 10 giorni fa ha recuperato i migranti nel Mediterraneo per poi far rotta verso l'Italia.

"Le prossime saranno ore decisive a produrre con le autorità, le forze dell'ordine, la Guardia costiera tutte le informazioni per la magistratura, affinché si possa sequestrare questa imbarcazione e non possa ripartire per fare le stesse cose che ha fatto in mare", ha rivelato Luigi Di Maio a Non è l'Arena su La7, "Poi siamo impegnati a fare arrivare in Olanda queste 47 persone. Visto che batte bandiera di quello Stato, quelle persone se le deve prendere Amsterdam".

Anche Alessandro Di Battista aveva proposto al governo di far sbarcare i naufraghi, accudirli e metterli su un aereo diretto in Olanda: "Ci vuole coraggio", ha detto l'ex deputato, "L'Ue se ne frega dell'Italia e finchè non ci sarà un incidente diplomatico non si assumerà le sue responsabilità. Il problema è l'impoverimento dell'Africa. Gli africani devono stare a casa loro ma basta lo sfruttamento della loro ricchezza da parte degli altri Paesi come la Francia".

Commenti
Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Dom, 27/01/2019 - 23:39

Bisogna costringerla a salpare con la forza delle armi, senza necessariamente affondarla, ma essendo disponibili a correre questo rischio. Come obiettivo minimo, impedire l'approdo sulle coste italiane; come obiettivo ottimale, costringerla ad uscire dal Mediterraneo per sbarcare i "crocieristi" nel Nord Europa. Che vi siano a bordo parlamentari non deve impedire che si faccia uso della forza militare; ritorneranno in treno dopo una simpatica vacanza in crociera.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 28/01/2019 - 02:24

In pratica stiamo cancellando l'accordo di Dublino. BEN FATTO!