Migranti, l'Italia non cede: pronto il no al vertice Ue

Il governo pretende una responsabilità condivisa sui migranti, ma da Bruxelles filtra l'impossibilità di riformare Dublino

L'Europa è a un bivio. In vista del Consiglio Ue di domani e dopodomani a Bruxelles, la partita sulla gestione del flusso di migranti rappresenta uno spartiacque. Il principio di responsabilità condivisa per la suddivisione dei migranti e di condivisione di responsabilità per il salvataggio e l'accoglienza è la "linea rossa" che l'Italia intende tracciare. Senza un accordo su questo, il governo non approverà il documento conclusivo del vertice.

"L'Italia continuerà a fare la sua parte perché l'Europa sia all'altezza del suo ruolo", ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, riferendo in Senato sul vertice Ue di domani. Ma da Bruxelles la linea non sembra condivisa.

Sulla riforma delle regole di Dublino non solo non c'è consenso, ma nemmeno "maggioranza qualificata" per il compromesso che prevede di introdurre un meccanismo di ripartizione dei richiedenti asilo in caso di crisi e maggiore responsabilità per i paesi di primo ingresso. A dirlo è stato un alto funzionario Ue. Che poi ha spiegato: "L'intenzione dei leader è di continuare a lavorare al consenso".

Le conclusioni del vertice dovrebbero invitare l'Austria, che il 1 luglio assumerà la presidenza di turno dell'Ue, a continuare i negoziati ma senza fissare "una scadenza" per trovare un accordo, ha spiegato il funzionario. Tra gli scenari in discussione prima del Consiglio europeo di domani e venerdì c'è quello della "chiusura della frontiera tra Germania e Austria e tra Austria e Italia. Questo scenario viene sempre più discusso ed è la nostra motivazione chiave" per cercare una soluzione che "riduca drammaticamente" la pressione migratoria sull'Italia.

Sulla gestione dei flussi migratori, "la posta in gioco è molto alta e c'è poco tempo" per trovare una soluzione. Lo dice il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk nella lettera di invito ai leader dei 28 alla vigilia del vertice di Bruxelles che sarà tutto concentrato sul tema dell'immigrazione. "Il popolo europeo - sottolinea Tusk - si aspetta, e ormai da lungo tempo, che mostriamo determinazione nelle nostre azioni tese a ripristinare il loro senso di sicurezza". E la gente, sostiene il presidente del Consiglio europeo, "vuole questo non perché è improvvisamente diventata xenofoba e vuole erigere muri contro il resto del mondo, ma perché è il compito di ogni autorità politica far rispettare la legge, proteggere il suo territorio ed il confine. E questo era, in fin dei conti, l'obiettivo di creare guardie di frontiera. Ci sono voci in Europa e in tutto il mondo che affermano che la nostra inefficienza nel mantenere la nostra frontiera è una caratteristica intrinseca dell'Unione europea, o - più in generale - della democrazia liberale. Abbiamo assistito alla creazione di nuovi movimenti politici, che offrono risposte semplici alle domande più complicate. Semplice, radicale e attraente. La crisi migratoria fornisce loro un numero crescente di argomenti. Sempre più persone iniziano a credere che solo un'autorità forte, antieuropea e antiliberale, con una tendenza all'autodeterminato autoritarismo, sia capace di fermare l'ondata migratoria illegale. Se le persone le credono che solo loro possono offrire una soluzione efficace alla crisi migratoria, crederanno anche a qualsiasi altra cosa che dicono. La posta in gioco è molto alta. E il tempo è breve".

Tusk poi scrive che la precondizione per una politica Ue credibile sui migranti " è che gli europei decidano effettivamente chi entra nel territorio europeo: se non ciò non avviene sarebbe di fatto una dimostrazione della nostra debolezza e può creare l'impressione che l'Europa non abbia confini esterni". Di qui la proposta di creare una "guardia europea".

Commenti
Ritratto di Civis

Civis

Mer, 27/06/2018 - 20:20

Chi vuole emigrare illegalmente non va salvato, va dissuaso.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 27/06/2018 - 20:25

l'Italia deve accogliere questi ..pellegrini..

Ritratto di nordest

nordest

Mer, 27/06/2018 - 20:26

Consiglio :se i burocrati con accolgono le nostre legittime richieste ,diciamo loro che inizieremo organizzarci con una nostra legittima valuta tutta nostra ,vedrete che non rideranno più di noi .

giottin

Mer, 27/06/2018 - 20:28

Impossibile riformare Dublino' E dov'è il problema? Basta dire che è impossibile accogliere et voilà!

Ritratto di nordest

nordest

Mer, 27/06/2018 - 20:29

Fate rientrare tutti i nostri soldati :che sono fuori dell’Italia per proteggere le nostre frontiere.

fifaus

Mer, 27/06/2018 - 20:31

Beh, è l'ennesima occasione per uscire da questa europa di burocrati e di banchieri!

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 27/06/2018 - 20:38

Procedere di conserva con l'Austria ed il gruppo di Visegrad, prendendo anche iniziative nazionali verso la Libia, senza attendere il beneplacito di chi, lo si e` visto da un pezzo, si fa i fatti suoi A NOSTRO DANNO.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 27/06/2018 - 20:45

NESSUNA GUARDIA EUROPEA! Gli Stati confinanti DECIDONO LORO le misure di controllo e pattugliamento piu` opportune NELLE PROPRIE ACQUE TERRITORIALI. Nel caso di qualche attivita` in contrasto col Diritto del Mare ACQUISITO, SI TRATTINO DA PIRATI I CONTRAVVENTORI e si usi naviglio militare anche al difuori dslle acque territoriali per contrastare QUESTA NUOVA PIRATERIA. Il naviglio, soprattutto militare, di altri Paesi non limitrofi, interviene SOLO DOPO ACCORDI MOMENTANEI con la marina del paese limitrofo piu` vicino.

Ritratto di jasper

jasper

Mer, 27/06/2018 - 20:51

Intanto per cominciare, visto con chi abbiamo a che fare, Salvini fará bebe a chiudere tutti i porti e vietare alle navi ONG o a qualsiasi altro tipo di nave o Cargo o battello di attraccare ai porti Italiani per scaricarvi il loro carico di 'pseudo-naufraghi'.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Mer, 27/06/2018 - 21:11

Dublino non fa riformato, va CESTINATO. E' mai possibile che l'Italia non possa ritirare la sua firma da un documento che la danneggia palesemente ? Così come ha fatto Malta che non ha firmato TUTTI gli accordi ?

Una-mattina-mi-...

Mer, 27/06/2018 - 21:47

UNA TRUFFA NON SI RIFORMA: SI CANCELLA DEL TUTTO!!!!!!

killkoms

Mer, 27/06/2018 - 21:53

prendiamo il toro per le corna!

Ritratto di tangarone

tangarone

Mer, 27/06/2018 - 22:41

Non esiste discutere dei flussi migratori! Stop invasione e clandestini a casa. Se uno non ottiene lo status di rifugiato, nessun ricorso, che la nostra giustizia è già intasata

Ritratto di combirio

combirio

Mer, 27/06/2018 - 22:50

Visto che finalmente abbiamo la prima nave sequestrata a Malta a quel sprovveduto del comandante adoperarsi per emettere un mandato di cattura per chi regge le fila del traffico e cioè il famoso miliardario che con le sue azioni mina le Democrazie occidentali e promuove schiavismo e scafismo oltre a crearci danni materiali per miliardi. Di questi traffici gli unici a guadagnarci sono la Chiesa e i compagni.

stopbuonismopeloso

Gio, 28/06/2018 - 07:04

la Germania ci ha imposto di pagare 6 miliardi alla Turchia per fermare i flussi di veri profughi, mentre finanzia pseudo ONG che, in combutta con gli scafisti, ci riempiono di clandestini, e poi si rifiutano pure di accettarne alcune decine vedi lifeline ...monti, letta, ma sopratutto renzi, e gentiloni andavano in europa a fare gli scendiletto di chiunque

Reip

Gio, 28/06/2018 - 08:07

Presto gli italiani capiranno se il nuovo governo tutela gli interessi dei cittadini italiani oppire no!