Migranti, al Sarraj a Gentiloni: "Navi italiane in acque libiche"

L'incontro a Roma dopo lo "strappo" di Macron. Al Sarraj chiede all'Italia un impegno maggiore contro i trafficanti. E la Merkel si impegna a mandare soldi in Libia

L'Italia viene dopo. Nonostante l'emergenza immigrazione colpisca l'Italia, il primo ministro libico Fayez al Sarraj vede Paolo Gentiloni solo in seconda battuta. L'incontro a Palazzo Chigi arriva, infatti, ventiquattr'ore dopo il faccia a faccia con il presidente francese Emmanuel Macron e il comandante dell'esercito nazionale libico Generale Khalifa Haftar. E serve per chiedere al governo italiano un sostegno tecnico con unità navali italiane nel contrasto al traffico degli immigrati nel Mediterraneo. Un impegno che, se approvato, vedrebbe le nostre forze impegnate direttamente in acque libiche.

Lo strappo di Macron

"L'incontro di oggi è di particolare importanza perchè avviene all'indomani dell'incontro di Parigi che l'Italia si augura produca risultati importanti nelle prossime settimane e nei prossimi mesi". Gentiloni fa buon viso al cattivo gioco di Macron. E, al termine dell'incontro a Palazzo Chigi con al Sarraj, plaude ai cugini d'Oltralpe e ai loro interessi in Libia. "L'obiettivo di fare compiere passi avanti alla stabilizzazione della Libia è sempre stato un nostro obiettivo - aggiunge Gentiloni - il comunicato di ieri ci offre binari su cui lavorare e ci auguriamo che su questi binari si possa costruire. Sappiamo che non sarà un percorso semplice ma siamo fiduciosi che lavorando insieme si possano cogliere risultati". Nonostante lo strappo francese ridimensioni la sfera di influenza italiana nella regione nordafricana e serva ad allungare le mani sul petrolio libico, pubblicamente Gentiloni ringrazia Macron per il suo impegno in Libia. "Se si fanno passi avanti in Libia - dice - il primo dei paesi europei ad esserne felice è l'Italila".

L'impegno in Libia

In realtà, la mossa di Gentiloni di vedere oggi al Sarraj mira a recuperare terreno in una corsa che vede l'Italia troppo indietro. È dalle coste libiche, infatti, che ogni giorno partono migliaia di immigrati (per lo più clandestini) per far rotta verso le nostre coste. Nell'incontro di oggi al Sarraj ha formalmente chiesto al governo italiano "un sostegno tecnico con unità navali italiane nel comune contrasto al traffico di esseri umani da svolgersi in acque libiche". La richiesta sarebbe già all'esame del ministro della Difesa, Roberta Pinotti. "Se valuteremo la possibilità di rispondere positivamente, come credo necessario - ha commentato oggi Gentiloni - può rappresentare un punto di novità molto rilevante per i contrasto al traffico di esseri umani".

Il sostegno della Merkel

Questa mattina Gentiloni ha avuto anche una conversazione telefonica con Angela Merkel. Al centro del colloquio l'emergenza immigrazionwe, il contrasto ai trafficanti e le iniziative europee per la Libia e l'Africa. Come al solito, la cancelliera tedesca ha espresso pieno sostegno all'Italia sul principio di redistribuzione dei richiedenti asilo tra i Paesi dell'Unione europea come segno concreto di solidarietà ai Paesi in prima linea. Non solo. Tra le promesse fatte a Gentiloni anche la volontà di moltiplicare l'impegno economico tedesco in Libia per finanziare le attività di Oim e Unhcr e i progetti delle comunità locali impegnate nel contrasto ai trafficanti di esseri umani.

Commenti

Marcello.508

Mer, 26/07/2017 - 13:10

"Se valuteremo la possibilità di rispondere positivamente, come credo necessario - ha commentato oggi Gentiloni - può rappresentare un punto di novità molto rilevante per i contrasto al traffico di esseri umani". Se ... se ... se ... Sostituirà gli scafisti con le nostre navi?

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 26/07/2017 - 13:11

azz una fregatura per il PD e ora? il traffico come lo gestiscono???

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mer, 26/07/2017 - 13:12

Ma perché questo impegno maggiore contro i trafficanti non lo chiede al suo compare d'affari Macron?

Ritratto di Blent

Blent

Mer, 26/07/2017 - 13:14

ma questo non ha ancora capito che i trafficanti di esseri umani sono proprio nel suo governo , non servono le navi basta farli smettere di lucrare e il flusso termina subito.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 26/07/2017 - 13:15

sentite, con le buone non abbiamo ottenuto niente, non sarebbe bene passare ora alle maiere forti? Ma che soldi e soldi, ma cos'è un ricatto? Già, noi italiani siamo abituati.

Fjr

Mer, 26/07/2017 - 13:17

Gentilone sveglia i francesi fanno contratti per il petrolio e noi facciamo da balia ai clandestini e addirittura schieriamo le nostre navi che dovrebbero fermarli e invece.Che mezze cartucce che siamo

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mer, 26/07/2017 - 13:21

Sarraj stia tranquillo: le navi italiane ci sono già. Provi a guardar meglio, sono quegli strani traghetti con i cannoni che imbarcano africani senza biglietto e senza controllo per scaricarli sulle nostre coste dove saranno accolti in hotel di lusso e trattati con i guanti bianchi nella totale impunità di fronte alle nostre leggi (nostre nel senso che valgono solo per noi italiani). I trafficanti? Se Lei fosse interessato ne abbiamo uno (uno dei capi, mica un picciotto qualunque...) proprio a Roma. Vive in Vaticano e dice di essere il Papa... fa così con tutti, ma non gli dia retta, è solo uno spregiudicato impostore trafficante di essere umani.

agosvac

Mer, 26/07/2017 - 13:24

Mi sorge un dubbio: e se macron avesse detto ad Al Sarraj " amico mio, tu hai il mio sostegno, ma il lavoro sporco fallo fare a quei sempliciotti degli italiani, a me interessa solo che gli accordi economici li farai con me".

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Mer, 26/07/2017 - 13:24

Coraggioso è coraggioso. E’ andato in Libia da solo. Ha girato senza scorta in lungo e in largo. Ha incontrato le personalità libiche del governo, il ministro degli Esteri, il ministro della Salute, il presidente del Parlamento libico. E il leggendario generale Khalifa Haftar, appena nominato capo dell’esercito regolare libico. Ma, soprattutto, Gianluca Buonanno, inarrestabile europarlamentare della Lega, ha visto con i suoi occhi qual’è la situazione in Libia, la popolazione stremata, il caos totale, pezzi del paese in mano all’Isis. Che da lì, dalla Libia, vorrebbe spiccare il volo verso l’Italia e l’Europa. Marzo 2015, Buonanno era arrivato prima di Macron e dei nostri governanti.....

TreeOfLife

Mer, 26/07/2017 - 13:25

Gentiloni fa CO2 come tutti i suoi accoliti. Votazioni immediatamente.

i-taglianibravagente

Mer, 26/07/2017 - 13:30

Come se la ride il libico...buffetto sulla guancia al conte camomillo.... e via, che tanto noi rappresentiamo solo la servitu' d'europa. Perche' Gentiloni in tutta sta storia ha squittito una volta sola...e mica contro i libici, Macron, o gli austriaci....No...solo quando aperto bocca ORBAN...Perche' Orban e' un po' il Trump Europeo...su di lui possono dire tutti qualsiasi cosa...persino gl'invertebrati come Gentiloni...che tanto non ti succede nulla e anzi fai bella figura con quelli che comandano e di cui nentiloni fa lo scendiletto. VERGOGNOSO/I.

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 26/07/2017 - 13:31

“Impegno maggiore contro i trafficanti?”. Al Serray, guardi che sta sbagliando bersaglio. Gentiloni & C. non solo non combattono i trafficanti, ma da anni si fanno vanto di “salvare vite umane”, perché è nostro dovere andare a soccorrere i migranti in acque libiche; tanto è vero che hanno inventato ad hoc l’operazione “Mare nostrum”, che ci costa 300.000€ al giorno solo di spese vive. Sono questi cattocomunisti terzomondisti che fanno di tutto per favorire ed incentivare le partenze dei clandestini verso l’Italia. Adesso dovrebbero fermare i trafficanti? Non solo ci prendono per i fondelli Gentiloni, Minniti & C. fingendo, ripeto “fingendo”, di voler fermare l’invasione (quella che giustificano e finanziano da anni), adesso ci prendono per i fondelli anche i libici. Si vede che siamo proprio dei peracottari.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mer, 26/07/2017 - 13:35

Se il cosiddetto "primo ministro" libico avesse voluto fermare le partenze, l'avrebbe già fatto da mesi, se non da anni. Tranquilli che in Libia non ci sono politicamente corretti o cattocomunisti imbelli, quando serve usano le armi, pertanto il cosiddetto "primo ministro" o non può perché è ostaggio di poteri più forti, probabilmente militari, o non vuole. I suoi "accordi" con il sagace Gentiloni sono aria fritta, probabilmente fatti in modo da truffare in mezzi o denaro la povera itaglia.

Ritratto di Pippo1949

Pippo1949

Mer, 26/07/2017 - 13:47

""Al Serraj chiede all'Italia un impegno maggiore contro i trafficanti "" E perchè non lo chiede alla Francia,alla Spagna e a Malta ??????????

lavieenrose

Mer, 26/07/2017 - 13:53

Ma come mai non lo ha chiesto a macron le cojon? Aveva paura che gli mqandava le cacciatorpediniere con le mitraglia? Noi invece mandiamo le navi da crociera superlusso, vero Gentiloni?

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 26/07/2017 - 13:54

Piu navi militari Italiane nelle acque Libiche sigbnifica piu PARTENZE dato che i TRAFFICANTI sanno che quegli STUPIDOTTI di Italiani CARICHERANNO per portarseli in Italia TUTTI!!! Bisogna invece agire diversamente, i CARICATI dalle navi Italiane dovranno essere RISBARCATI in Libiaaa !!!! Ma sto s/governo di IDIOTI continua a FINGERE di NON CAPIRE, perchè??? Perche altrimenti il BUSINESS dei loro amici ed anche LORO elettori FINISCE!!! AMEN.

diesonne

Mer, 26/07/2017 - 13:56

diesonne di parole e promesse sono piene le fosse-

Ritratto di hardcock

hardcock

Mer, 26/07/2017 - 13:58

E l'ebete ride come se gli avessero fatto un complimento. Molice Linyi Shandong China

jenab

Mer, 26/07/2017 - 14:03

ridicoli, il parlamento di buonisti, bloccherà l'invio delle navi..anzi le useranno per traghettare ancor più "migranti"

rasna

Mer, 26/07/2017 - 14:16

Ridicola corsa a chi ormai arriva ultimo. Comunque adesso a noi resteranno le spese per l'intervento militare mentre alla Francia andrà il petrolio. Benissimo. Continuiamo così da bravi pecoroni.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 26/07/2017 - 14:19

"Se valuteremo la possibilità di rispondere positivamente, come credo necessario - ha commentato oggi Gentiloni - può rappresentare un punto di novità molto rilevante per i contrasto al traffico di esseri umani". No Gentilò fammi capire ... ti consentono di entrare in acque libiche e bloccare i gommoni sulla spiaggia e ci stai anche a pensare? E la cosa comica è che dovremo dire grazie al toy boy di Brigitte se ciò si concretizzerà ...

elpaso21

Mer, 26/07/2017 - 14:21

"Un impegno che, se approvato..": ma la prossima riunione è fissata tra sei mesi.

restinga84

Mer, 26/07/2017 - 14:21

I nostri politici non hanno ancora compreso che Al Serraj, per le kabile libiche non conta nulla e,continuano a dialogare con lui.Il generale Haftar e`l`uomo giusto con cui trattare,il quale,e`ben visto da quasi tutte le kabile,e sono una cinquantina,e in particolare da quella del Fezzan,la piu`importante,che controlla il 60 e piu` percento del sud della Libia, passaggio obbligato degli emigranti.Ma,il SI(servizio informazioni italiano)funziona o dorme come tutto l`apparato governativo?Il generale Khalifa ha anche l`appoggio dello Egitto,in quanto,l`attuale sua giurisdizione si spinge dalla Cirenaica,Bengasi,sino ai confini egiziani.Il,Al Serraj,puo` essere considerato come una specie di sindaco della citta di Tripoli,oltre ha un netto disconoscimento.

petra

Mer, 26/07/2017 - 14:27

Attenzione ai trabocchetti. Sarebbe interessante sapere in cosa consiste esattamente questo "contrasto" ai trafficanti.

dagoleo

Mer, 26/07/2017 - 14:37

Dato che io non riesco pensateci voi a levarmi le castagne dal fuoco. Solo che le castagne dal fuoco dovremo comunque levarcele noi , loro gli altri ci hanno solo abbassato un pò la fiamma, ma a noi delle castagne resteranno solo le bucce, la polpa se la gusterà la Francia. Ottimo risultato Gentilò, continua così con la tua signorilità da nobless romana decaduta e senza portafoglio. Ora senza portafoglio ci saremo anche tutti noi. I sinistrati pensano che gli euro crescano sugli alberi come le foglie. Come quel direttore dell'Espresso o di qualche altra rivista sinistrata, che tuonava che per salvare le banche i soldi si trovavano per aiutare i migranti no. Poi Sallusti gli fece notare che se non salviamo le banche tra poco sui barconi, ma in senso contrario, ci saremmo saliti noi italiani. Se ne è stato zitto perchè dall'applauso clamoroso del pubblico aveva capito d'aver detto una colossale cazzata. Che geni che sono!!!!! Che geniiiiii!!!!!!! Ridicoli!!!!!!!

CharlesVinson

Mer, 26/07/2017 - 14:38

navi italiane in acque libiche? Si, certo, le useranno per imbarcare altri disgraziati

lavieenrose

Mer, 26/07/2017 - 14:40

scusate, ma quando merkel e sarkozy hanno fatto il sorrissino idiotas su berlusconi si sono sprecati fiumi di parole e oceani di pagine. Gentiloni ha preso una badilata in faccia e a mala pena si usa un kleenex? Ipocfriti sia politici sia giornalisti, dovìè la vostra dignità di italiani così invocata con berlusca?

rmazzol

Mer, 26/07/2017 - 14:59

Le dichiarazioni di Gentiloni mi ricordano tanto quelle della Pinotti che poi se le rimangiava nascondendosi dietro le autorizzazioni dell'ONU o le richieste di un governo libico "unitario"!!! Solo chiacchere....... siamo ridicoli!! Tra l'altro ricordo che gentiloni menti sul pagamento del riscatto delle vue vispe terese quando era ministro degli esteri!!!!

Tarantasio

Mer, 26/07/2017 - 15:01

AFFIDARE LA DIFESA DELLA COSTE ITALIANE ALLA MARINA LIBICA...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 26/07/2017 - 15:04

buffone

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 26/07/2017 - 15:16

Su imbeccata di le macro. lavoro sporco e pericoloso per l'itaglia!

lorenzovan

Mer, 26/07/2017 - 15:22

e' la prima picconata all'incontro di ieri a Parigi...lol..Al Serraj decide di giocarsi il tutto per tutto pur di non essere mollato anche dagli italiani a favore di Haftar..gia' appoggiato da Egitto..USraele...Francia ..Russia...vediamo cosa si intende per "entrare nelle acque libiche " e "contrastare i trafficanti"..la formula e' per ora troppo vaga e dice tutto e il contrario di tutto

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 26/07/2017 - 15:49

Faccia da muppet!

Marcolux

Mer, 26/07/2017 - 16:01

Navi italiane davanti alla Libia? A far che? A fare concorrenza alle ONG, per caricarli tutti ancora prima?

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 26/07/2017 - 16:11

Per governare una Nazione occorrono i colioni... e noi che li abbiamo...

Popi46

Mer, 26/07/2017 - 16:21

Della serie che Gentiloni è un maggiordomo perfetto

Ritratto di Civis

Civis

Mer, 26/07/2017 - 16:33

Con regole d'ingaggio per cui scapperanno alla prima mitragliata dei barchini delle milizie libiche.

nomen-omen

Mer, 26/07/2017 - 16:40

Cioè abbiamo l'autorizzazione dei libici per andare a traghettare i clandestini direttamente dalle acque libiche, senza aspettare che arrivino fino alle acque internazionali? Così potremo salvare i naufraghi preventivamente, magari direttamente dalla banchina del porto... importeremo altre centinaia di migliaia di migranti senza prospettive ed il governo spaccerà l'operazione come una grande vittoria che ha permesso di arrestare 10 scafisti(che magari erano solo profughi come gli altri che si pagavano il viaggio tenendo la barra del gommone ferma)

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mer, 26/07/2017 - 16:43

Ma bene! Adesso andiamo a prenderli in acque libiche. Ne arriveranno molti di più.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 26/07/2017 - 16:52

Due personaggi di ultima fila. Il top dell'inconcludenza.

GAP51

Mer, 26/07/2017 - 16:58

Ma due litri di greggio in cambio, oltre ai soliti ringraziamenti che non costano nulla? O si frega tutto la Francia, come al solito? Sveglia, Gentiloni! GAP51

VittorioMar

Mer, 26/07/2017 - 17:00

...EVIDENTEMENTE NON SI "FIDANO" DEI FRANCESI.!!...E VOGLIONO UNA SPALLA AMICA ALLA QUALE APPOGGIARSI !!!!

Stefano Matera

Mer, 26/07/2017 - 17:08

gentiloni, comunista, nella vita fai una sola volta il primo ministro italiano e non, come fai sempre, quello israeliano

mstntn

Mer, 26/07/2017 - 17:17

Contrasto al traffico degli immigrati.... Signor Sarraj da mo è che lo facciamo......se vuoi li veniamo a prendere, gli alberghi sono vuoti..ma che ci narrate tutti quanti?

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 26/07/2017 - 17:22

Invece di arrestare gli scafisti, bisognerebbe arrestare i nostri S/governanti!!! AMEN.

nonnoaldo

Mer, 26/07/2017 - 17:50

L'uomo forte in Libia è il generale Haftar, che si è ben guardato dal venire a Roma. L'Italia lo aveva snobbato ed ora ricambia.

Stefano Matera

Mer, 26/07/2017 - 18:02

vedi se riesci a farti dimenticare

lorenzovan

Mer, 26/07/2017 - 18:17

"L'uomo forte in Libia è il generale Haftar.." solite fantasie da politologi pantofolai...tanto forte che malgradi l'appoggio di egiziani...dei russi ..dei francesi e dell'Usraele...non era riuscito a debellare l'Isis e ci son volute le bande di Misurata per sloggiarli...

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 26/07/2017 - 19:23

Più mg meno ong

Ritratto di Quasar

Quasar

Gio, 27/07/2017 - 07:28

Tutte balle da dare in pasto ai mass media e ri-condizionare gli italioti. Bisogna occupare militarmente i porti libici e attuare un colpo di stato per abbattere questo criminalgoverno.

Ritratto di nando49

nando49

Gio, 27/07/2017 - 08:34

Una volta al mese o Minniti o Gentilini si incontra con il governo libico per fermare gli sbarchi. Ogni volta ne sbarcano di più. Sembra una infinita presa in giro. La GErmania per bloccare gli arrivi dalla "rotta balcanica" ha fatto intervenire la UE che ha dato una barca di soldi alla Turchia.