La Milano dell'Expo: donna nuda in Centrale

Nel 2013 la stessa persona fu trovata nello stesso luogo. Due anni dopo nessuno si è mosso per aiutarla

Milano - Stesso luogo, stessa scena, un anno e mezzo dopo. Peccato che in mezzo ci sia stata l'apertura di Expo. Venerdì pomeriggio, via Tonale, Stazione Centrale. Una donna nuda dorme per terra, sdraiata su qualche foglio di giornale accartocciato. La foto riporta con la memoria al novembre 2013 quando la stessa persona era stata immortalata nello stesso identico punto e nelle stesse identiche condizioni. Con l'aggravante del freddo. Peccato che nel frattempo tanto si sia detto e solo qualcosa sia stato fatto per migliorare la situazione del quartiere che gravita attorno alla porta di ingresso in città. La città che dal 1 maggio al 31 ottobre è sotto i riflettori internazionali e su cui il governo si sta giocando la faccia.

La Centrale, per esempio, per arrivare preparata all'appuntamento con i 20 milioni di visitatori da tutto il globo attesi per Expo, ma ancora prima con il semestre italiano di presidenza del consiglio europeo di ottobre, si è rifatta il look. I lavori hanno visto una prima fase di restauro conservativo e di pulizia dell'intero edificio e una seconda fase di completa ridefinizione degli spazi per la creazione di una galleria commerciale da 500 metri quadrati, aperta anche di sera, con tanto di bistrot, e ristoranti, e la sistemazione di accessi e spazi esterni. Un investimento di 50 milioni di euro e una decina di anni di lavori. Il Comune di Milano ha fatto la sua parte: risistemando completamente le piazze adiacenti: IV novembre, Luigi di Savoia e Duca d'Aosta, e ristrutturando la fermata della metropolitana.

Risultato: se la stazione è diventata un vero e proprio gioiello architettonico e un punto di riferimento per lo shopping milanese, così non è per ciò che la circonda. Quello che avrebbe dovuto essere uno dei biglietti da visita della città è diventata la centrale del bivacco. Come la donna immortalata in questa fotografia gira da due anni per le gallerie e i mezzanini della stazione, lo stesso accade per le centinaia di balordi, clochard, tossici, senza tetto, che bivaccano giorno e notte nei giardini appena rifatti. Come se nulla fosse. Aggiungendo al degrado e alla pessima immagine di Milano, insicurezza e microcriminalità.

«Amplieremo le azioni di prevenzione alla microcriminalità - aveva annunciato il prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca predisponendo il piano di sorveglianza speciale per i sei mesi dell'esposizione - l'Expo è un appuntamento importante e dobbiamo far sì che la centrale raggiunga standard di sicurezza e vivibilità degni di Milano». Dopo gli attentati di Parigi, la stazione, insieme al Duomo, alla sinagoga, alla metropolitana e al consolato americano, è stata indicata dal governo tra gli «obiettivi sensibili». Così se nel dispositivo generale di sicurezza è stato previsto un rafforzamento del personale di polizia alla centrale operativa e all'ufficio denunce, e all'esterno un presidio del reparto mobile, la sensazione che se ne ricava è di insicurezza. Al contrario, il piano predisposto dal comando di polizia locale di Milano che prevedeva in origine due pattuglie dei vigili sui primi due turni, più una pattuglia in borghese per il servizio anticontraffazione, ha dimezzato il presidio. Il personale è stato spostato sul sito espositivo e a presidiare la stazione è rimasta una sola pattuglia sui primi due turni.

«La donna era nota ai servizi sociali anche due anni fa, quando venne fotografata per la prima volta - spiegano dall'assessorato al Welfare del Comune di Milano - ma il problema rimane lo stesso: trattandosi di una persona adulta non la si può costringere ad accettare un aiuto. Sappiamo bene che vivere in quelle condizioni mette a rischio la salute e la sicurezza di chiunque, ma non possiamo andare contro la volontà di nessuno». A dormire sui mezzanini, ai piedi delle vetrine luccicanti delle boutique 6.750 di profughi, di cui 2.630 siriani e 2.921 eritrei solo dall'inizio del 2015, cui si stanno aggiungendo già un centinaio di minori non accompagnati. Da ottobre 2013 sono arrivati in città, principalmente in stazione, più di 60mila profughi, di cui 14mila minorenni.

Commenti
Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 24/05/2015 - 11:59

scassa Domenica 24 maggio 2015 In buona compagnia con le rimanenti porcherie milanesi questa Lady Godiva fa rifulgere il governo comunale di enorme amore umanitario WWWWWW! Soprattutto non provino i dirigenti a rifilarci la panzana che non possono intervenire contro la sua volontà ,per favore ,non siamo tutti idioti ! Considerando il comportamento della Signora,il sindaco emette un bel T S O ( trattamento sanitario obbligatorio) e tenta ,almeno,di risolvere un minimo problema ,aiutando una persona che non si sa aiutare da sola ! Il resto è FUFFA!!!!!!!!!scassa.

polonio210

Dom, 24/05/2015 - 12:04

La gentile donzella,essendo una persona adulta,non la si può obbligare ad accettare di essere aiutata?Ma fatemi il piacere se,tra 5 minuti,mi mettessi a girare nudo per Milano mi piomberebbero adosso almeno 3/4 volanti e verrei portato in una struttura ospedaliera per essere sottoposto ad un TSO.La fanciulla va presa di peso e messa in una clinica psichiatrica o,in subordine,arrestata per atti osceni in luogo pubblico.

agosvac

Dom, 24/05/2015 - 12:08

"si tratta di una persona adulta, quindi..." cedo che questa sia un vera e propria cretinata: sarà un persona adulta ma è anche completamente fuori di testa pertanto non serve il suo assenso per metterla in un istituto che cura le malattie mentali, anche per il bene della sua salute, fisica perché quella mentale ormai non c'è più da chissà quanto tempo.

pastello

Dom, 24/05/2015 - 12:08

Questo è il mondo di renzi. Vi piace?

Ritratto di vomitino

vomitino

Dom, 24/05/2015 - 12:19

non è "la Milano dell'Expo"...è la Milano di 4P "PoverPirlaoPisaPia" e di tutti i falsi e ipocriti buonisti di sinistra!!!

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 24/05/2015 - 12:30

Una sedicente istituzione statale come il comune di Milano che non può risolvere il problema perché "trattandosi di una persona adulta non la si può costringere ad accettare un aiuto"? Cose da matti, se si tien conto che persino della legge sulla "privacy" lo Stato se n'è impipato pur di guardare nelle nostre tasche, con la scusa di perseguire così gli evasori fiscali. Vergogna per tutte le sedicenti istituzioni italiane e per l'ideologia buonista di sinistra, dominante per la vigliaccheria della destra.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 24/05/2015 - 12:30

Per quanto riguarda il linguaggio giornalistico usato in questo articolo, noto con disgusto che si va adeguando sempre più al pensiero dominante di chiamare tutti gli immigrati "profughi", quanso si sa benissimo che per la stragrande maggioranza sono "clandestini" e basta. Accogliete, accogliete sempre. A queste condizioni, un giorno arriverà senz'altro il "redde rationem" che dovrà essere richiesto dal popolo italiano, e sottolineo italiano, ai politici e loro collaterali, come la chiesa vaticana e le varie parrocchie.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Dom, 24/05/2015 - 12:31

I barboni ci son sempre stati ed anche li, ce n'erano di colti e civili. Oggi c'è la globalizzazione. Neologismo dal significato scuro, ma degno di raffigurare la resa della civiltà. Egitto, Cina, Mesopotamia, Grecia, Roma, per millenni si sono agitate inutilmente per dare ordine alle genti. Oggi c'è la globalizzazione, che annovera i centri sociali, i cortei, la protesta, la dissacrazione. Gode della colpevole cecità del politico, che da questa trae lardo per ingrassarsi, non sapendo o non volendo far qualcosa di più utilmente nobile. Ed è subito notte!

Ritratto di menomalechemuionoancheloro

menomalechemuio...

Dom, 24/05/2015 - 12:33

articolo demente...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 24/05/2015 - 12:36

Più che EXPO siamo all'esposizione delle vergogne italiche di cui tutti a parole risolvono i problemi ma nei fatti i responsabili in carica palesemente se ne fregano.

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Dom, 24/05/2015 - 12:37

La scena riflette il bassissimo livello di civiltà in cui è stato ridotto oggi il nostro Paese. Indignati e imbarazzati di essere italiani. I nostri corrotti, opportunisti politici ci hanno ridotto a questo vergognoso stato.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Dom, 24/05/2015 - 12:50

è un'opera d'arte, come la moschea nella chiesa...?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 24/05/2015 - 12:56

È forse peggio, grazie a certi sinistri che la governano.

WSINGSING

Dom, 24/05/2015 - 13:03

Chi ha scritto l'articolo si vergogni. Sembra che viva al Polo Nord. SONO ANNI che a Milano ci sono persone che vivono sotto i portici. Non sono di Milano ma mi reco a Milano diverse volte l'anno. Prendo il bus a Orio al Serio e scendo in Stazione Centrale. Vi devo contare i poveri che vivono sotto i portici e che incontro nel tragitto? Una volta rimasi sconvolto: vi era pioggia da tre giorni e questi poveretti avevano allestito delle corde tra due punti fissi, a modello "stendini" per far asciugare i loro stracci inzuppati di acqua. Occorreva in effetti il 24 maggio 2015 per scrivere un articolo del genere!|

@ollel63

Dom, 24/05/2015 - 13:08

qui si tratta di invasioni barbariche non di emigranti: una volta arrivati qui non ci si può far più niente. Come si può mai provvedere a sistemare, sfamare, alloggiare, vestire, istruire, dar lavoro, mantenere civilmente decine o centinaia di migliaia di invasori! NON SI PUO' in alcun modo, pena il degrado, la distruzione del nostro tessuto abitativo, sociale, economico, ... la trasformazione vandalica del nostro suolo INVASO da moltitudini di esseri umani incontrollati, incontrollabili .... In definitiva son esseri umani "disperati" (!!) che non han potuto (o voluto) difendere le loro terre ... che ne sarà delle nostre?

Alessio2012

Dom, 24/05/2015 - 13:13

E' matta?

linoalo1

Dom, 24/05/2015 - 13:37

Povera!Ma è taliana?Non è stato specificato!Ovviamente è Italiana,perchè se fosse una immigrata,non avrebbe problemi perché,con questo Governo,gli Immigrati prevalgono,su tutti i fronti,sugli Italiani e vengono anche pagati!E questa poverina,che assistenza ha dalla sua città e dal suo Sindaco Comunista?Forse,qualche buona parola e qualche cartone asciutto per dormirci sopra!Qualsiasi sia la verità,questa poverina andrebbe gestita nella maniera opportuna!Soprattutto per evitare un ulteriore sputtanamento dell'Italia,perchè c'è già chi ci ha pensato e ci pensa tuttora!

moshe

Dom, 24/05/2015 - 13:41

No, non è la Milano di Expo, è la Milano di pisciapippa!

acam

Dom, 24/05/2015 - 13:51

vergogna, di Cosa? questa é la domanda che si fanno i mediatori cultorali daggli stipendi non conosciuti, é scappata da una Guerra...

Gyro

Dom, 24/05/2015 - 13:53

Non è cosi male, potrebbe sfruttare il suo corpo per nudi artistici.

pinux3

Dom, 24/05/2015 - 13:56

Ma che cavolo c'entra Expo? Siete diventati "no expo" pure voi?

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 24/05/2015 - 14:10

Questo è un Paese di mxxxa!

Nonmimandanessuno

Dom, 24/05/2015 - 14:12

#WSINGSING- visto che lei va spesso a Milano e s'è potuto rendere conto del problema, e anche che posta qui i suoi commenti, ha mai inviato un esposto, una mail, o una raccomandata al sindaco, alla Polizia municipale, alla Asur di zona, ai Carabinieri o ad altri per denunciare queste sconcezze? E si deve secondo lei vergognare un giornalista (che si difenderà bene da solo) perchè denuncia questi fatti solo oggi? Mi faccia il piacere...

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 24/05/2015 - 14:13

Questa negra non ha bisogno di essere aiutata, deve solo essere rispedita da dove proviene, con le buone o con le maniere ENERGICHE. Immondizia non ne vogliamo, ad ognuno la sua.

Triatec

Dom, 24/05/2015 - 14:20

WSINGSING@ Deve vergognarsi chi ha scritto l'articolo o chi non riesce a dare un minimo di sostegno a questi poveracci? Si dichiarano sempre pronti a dare accoglienza a tutti, ma questa è accoglienza? Continuando ad accogliere tutti, senza nessuno programma di accoglienza, i poveri che vivono sotto i portici possono solo aumentare.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 24/05/2015 - 15:01

IN; ITALIA I COMUNISTRONZI SONO TUTTI DALLA PARTE DEI POVERI; ANZI LORO AMANO TALMENTE I POVERI CHE NEGLI xxTIMI 4 ANNI DOPO LA CADUTA DI BERLUSCONI NE HANNO CREATO ALTRI 5 MILIONI; AVANTI POVERI IDIOTI COMUNISTRONZI! VOTATE ANCORA CHI VI VUOLE VEDERE SENZA LE MUTANDE É CON IL CxxO AL VENTO!!!.

roberto.morici

Dom, 24/05/2015 - 15:34

Signor WSingSing. Quante volte l'anno Le è capitato di segnalare ai giornalisti ed alle strutture comunali milanesi il numero di poveri che vivono sotto i portici e che incontra lungo il tragitto?

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 24/05/2015 - 15:59

pasquale.esposito,commento perfetto! purtroppo i c.....i che votano sx non hanno ancora capito che la sx ha bisogni di poveri per esistere e, quindi per sopravvivere li crea o li importa!

Ritratto di semovente

semovente

Dom, 24/05/2015 - 16:02

Non hanno fatto in tempo a costruire il suo stand. Se ne parla alla prossima expo assegnata a Milano.

VittorioMar

Dom, 24/05/2015 - 18:02

La Milano delle case vuote,dei senza tetto,degli immigrati, dei centri sociali,delle ONG,della Caritas nessuno se ne occupa!Deve essere un giornale a farlo?

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 24/05/2015 - 18:38

Che gli frega a pisapippa e alla sua cricca, e' italiana, mica è una migrante, una rom, un islamica, che si fotta.

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 24/05/2015 - 19:02

Il capitalismo rende QUALCUNO ricco...mentre il COMUNISMO rende TUTTI poveri!

guardiano

Dom, 24/05/2015 - 19:27

W SING SING,l'ipocrita scrive, sono anni che in stazione ci sono poveracci, lei li ha visti vero, quindi con la sua ipocrisia per coprire il governo insinua che era gia cosi anche anni prima,si legga fino in fondo l'articolo dove dice che da ottobre 2013 sono arrivati in citta e principalmente in stazione circa 60.000 immigrati, le sembra che la situazione sia uguale? la smetta di arrampicarsi sugli specchi che un giorno o l'altro può scivolare e farsi male.

pastello

Dom, 24/05/2015 - 19:33

La sinistra sfrutta i poveri sino al midollo, come la chiesa del resto, e nel contempo li odia. Ricordate la moretti? " I clandestini a casa mia? Sarebbe paradossale. "

angelomaria

Lun, 25/05/2015 - 00:50

USA E BUTTA!!!MARINO ILCONTO E'IL TUO!!!

Joe Larius

Lun, 25/05/2015 - 11:11

Gente! C'è l'EXPO. È giusto che si espongano le migliori risorse che offre il paese.