A Milano nordafricano getta l'acido sui passanti Due anziani aggrediti

Doppia aggressione con l'acido a Baggio, quartiere periferico a ovest di Milano. Ieri mattina una coppia di anziani - 72 anni lei e 81 anni lui - è stata aggredita da un uomo di origine nordafricana con liquido corrosivo. Nessuno è rimasto ferito, l'aggressore è fuggito. La coppia di anziani stava camminando intorno alle 11 in via Rismondo, angolo via delle Forza Armate, quando è stata avvicinata dall'uomo. Il nordafricano ha lanciato del liquido sulla giacca della donna, che però non si è preoccupata più di tanto. La coppia ha assicurato di non averlo mai visto. Solo una volta giunti in un bar i due anziani si sono accorti dei buchi e dei segni di corrosione sul cappotto. La signora si è sentita male, forse per lo spavento, ed è stata soccorsa dai clienti del locale, ma una volta raggiunta dall'ambulanza ha rifiutato le cure. Il giaccone è stato sequestrato dalla Polizia per le analisi sul liquido. La notizia si è diffusa sui gruppi Facebook della zona, provocando una sorta di psicosi. Nel pomeriggio, verso le 15.30, però un nuovo caso è stato segnalato sui social sempre in via Forze Armate, all'altezza dell'Esselunga. Ieri sera nessuno aveva denunciato l'episodio.

Solo lunedì sempre in via Forze Armate c'è stata una rissa tra nomadi davanti a piazza d'Armi, spazio verde sul retro della caserma Perrucchetti. Il bilancio è di un uomo ferito, non grave. Non è ancora chiara la dinamica dell'aggressione, ma stando a quanto denunciato dal consigliere del Municipio 7, Francesco Giani (Lega), sembra ci sia stata una rissa tra nomadi con i coltelli. Piazza d'Armi in questo periodo è spesso alla ribalta per il problema dei roghi di rifiuti, bruciati giorno e notte. La situazione è piuttosto grave perché i veleni sprigionati dai falò hanno causato l'intossicazione di più di una persona, tra cui alcuni bambini. La baraccopoli, delimitata dai new jersey, infatti, viene utilizzata come discarica abusiva dagli stessi nomadi. Mette l'allarme sulle periferie Marco Bestetti, presidente di Fi del Municipio 7, nato e cresciuto a Baggio: «Non è più come vent'anni fa, tutto sommato è tranquillo». Sono tutte le periferie semmai a soffrire: «I municipi sono stati esclusi dalla gestione della sicurezza, con le conseguenze che vediamo. C'è bisogno di coinvolgerli, sono realtà radicate sul territorio. Altro grave problema: l'assoluta mancanza di presidio. Qui i comandi di polizia locale chiudono alle 20, come la caserma dei carabinieri. Di notte qui è terra di nessuno». Intanto continua la caccia al sudamericano che lunedì sera ha aggredito una coppia di studenti appartati in auto in via Chopin, sempre in periferia. Il ragazzo, 23 anni, è stato picchiato, la ragazza di 20 stuprata. I carabinieri cercano tracce nelle telecamere di sorveglianza.

Commenti

poli

Gio, 15/03/2018 - 09:41

aspettiamo fiduciosi la solidarieta' del primo cittadino.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 15/03/2018 - 09:58

ferdinando45, dove seiiiiiiiii!!! lascia il nicaragua e vieni in patania a mettere a posto le cose!

routier

Gio, 15/03/2018 - 10:10

Se acchiappano il delinquente aggressore, niente denuncia o processo, ma va lasciato libero dopo una sonora e giusta mano di legnate. Sarebbe molto più "educativa"!

istituto

Gio, 15/03/2018 - 10:17

Se i due anziani vogliono la solidarietà del Sindaco si devono tingere la faccia ed il corpo di nero, altrimenti niente solidarietà.

Giorgio5819

Gio, 15/03/2018 - 10:24

@giovinap, --sono sempre tuoi connazionali...

Ritratto di tenaquila---

tenaquila---

Gio, 15/03/2018 - 11:06

sono necessarie misure molto più severe

Italiano_medio

Gio, 15/03/2018 - 11:21

Risorse Boldriniane. Ed è stata pure ripescata ...

steacanessa

Gio, 15/03/2018 - 11:27

Dateci Rudolph Giuliani!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 15/03/2018 - 11:47

quanto ci vorrebbe una bella pulizia, ma proprio bella. Ormai non ho fiducia più nè in Casapound e nè in FN. Ma chi deve nascere per portare la normalità. Ma anche la maggioranza dei giovani se ne strafregano, invece di essere solidali con loro. Anzi molti sono anche dalla parte del degrado ed è questo che mi preoccupa maggiormente.

perseveranza

Gio, 15/03/2018 - 11:53

E quelli del PD fanno riunioni per chiedersi come mai hanno perso le elezioni! Ma cosa e quanto dobbiamo sopportare ancora? A quando i "veri rimpatri" delle centinaia di migliaia di clandestini e non che qui non devono stare? Basta! Sinistra complice.

Una-mattina-mi-...

Gio, 15/03/2018 - 13:15

SCAPPATO DALLA GUERRA IMMAGINARIA, E' VENUTO IN PACE IN QUANTO INVITATO A CONDIVIDERE LA SUA CULTURA

Divoll

Gio, 15/03/2018 - 13:36

@ steacanessa - Duterte ci vuole, altro che Rudolph Giuliani!

venco

Gio, 15/03/2018 - 13:54

Ricordo che gli immigrati vanno espulsi fisicamente al minimo reato.

routier

Gio, 15/03/2018 - 14:53

Poi qualche sprovveduto si chiede come mai il PD filo/immigrazione selvaggia abbia perso le elezioni. Mah! Valli a capire.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Gio, 15/03/2018 - 15:06

In UK il lancio dell'acido è diventato il principale sport nazionale, attenzione che non prenda piede anche qua...

Royfree

Gio, 15/03/2018 - 15:08

Nessuna pietà. Bisogna rompergli le ossa che tanto questa schifosa feccia purulente non fa un solo giorno di carcere.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 15/03/2018 - 15:45

Non ho capito a chi ha scritto il giovinappo delle 09e58, in quanto io NON mi chiamo ferdinando!!! AMEN.

piazzapulita52

Gio, 15/03/2018 - 16:14

BUTTIAMO FUORI TUTTA QUESTA SPAZZATURA UMANA CHE INFETTA IL NOSTRO PAESE INSIEME AI TRADITORI DELLA PATRIA CHE LI HANNO FATTI VENIRE!!! DIMOSTRIAMO AL MONDO INTERO CHE NON SIAMO UN POPOLO DI BUFFONI CHE SI FA SOTTOMETTERE DALL'ELITE!!! RIVOLUZIONE SUBITO!!!

Ritratto di navajo

navajo

Gio, 15/03/2018 - 16:14

Sicuramente i nordafricani residenti a Milano organizzeranno una bella manifestazione per protestare contro l'aggressione ai due anziani.

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Gio, 15/03/2018 - 16:16

Due legnate di quelle giuste,e il "povero" nordafricano rinsavirà completamente.Il dolore fa capire molte cose.