Mps in caduta libera fa gola solo a Serra: "Investo sul debito"

L'ad Viola: "Supereremo questa fase". Ma il titolo ieri ha perso il 22%

Il finanziere Davide Serra

Milano Un tracollo mai visto in Borsa. Il titolo del Monte dei Paschi ieri ha perso il 22,2% toccando il nuovo minimo a 0,51 euro dopo un congelamento al ribasso che si è protratto per gran parte della seduta. Da inizio anno le azioni non sono riuscite a chiudere per una volta in terreno positivo: nell'ultimo mese il calo è stato di quasi il 58 per cento. La capitalizzazione è scivolata sotto 1,5 miliardi, esattamente a 1,495 miliardi di euro, meno della metà dall'aumento di capitale da 3 miliardi realizzato solamente sei mesi fa. L'istituto ora vale meno della metà di Bpm (3,3 miliardi) e del Banco Popolare (3,1 miliardi), vale molto nettamente meno della Popolare Emilia Romagna (2,5 miliardi), nonostante rimanga la terza banca del Paese. A nulla sono servite le rassicurazioni dell'ad, Fabrizio Viola, sulla solidità della banca: «Le prime evidenze relative al 2015 confermano che l'attuale andamento del tutto anomalo del titolo non ha alcun riscontro nei fondamentali della banca», ha scritto in una nota diffusa ieri mattina prima dell'apertura di Borsa. Sottolineando una «carenza di compratori piuttosto che la presenza di grandi venditori».Né hanno avuto effetti le parole arrivate nel pomeriggio dal fondatore di Algebris, nonché finanziatore delle Leopolde renziane, Davide Serra: «Per la prima volta sto guardando e iniziando ad investire sul credito del Monte dei Paschi, sui subordinati e sul debito senior», ha detto da Davos a margine del World Economic Forum. Quanto al sistema in generale, «è solido, manca un po' di capitale di 2-3 banche che sono già state identificate e comunque bisogna ragionare sui numeri», rileva Serra. Ma anche nel peggiore dei casi, per Veneto Banca la carenza di capitale è di «meno di un miliardo, per la Pop Vicenza un miliardo, un miliardo e mezzo. Sarà, ma la discesa libera del Monte fa tremare eccome il governo. Tanto che il vertice convocato ieri mattina sulle turbolenze finanziarie fra Matteo Renzi, il ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, e il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, si sarebbe concentrato proprio sulla crisi borsistica di Rocca Salimbeni. Fonti di Palazzo Chigi sottolineano che saranno messe in campo tutte le iniziative necessarie per completare il processo di consolidamento iniziato con la riforma delle banche popolari. Compreso un matrimonio per Siena? Di certo, non scenderanno in campo le big: «Intesa Sanpaolo punta a creare valore per gli azionisti, non può comprare Mps o qualche altra banca», ha detto ieri il consigliere delegato, Carlo Messina, aggiungendo che il governo non sta facendo pressioni affinché acquisti l'istituto senese. Idem per Unicredit con l'ad Federico Ghizzoni che ha negato sollecitazioni da parte del governo ed escluso un intervento sul Monte. Nel frattempo, più va giù il titolo e più si allontanano i possibili compratori.

Annunci

Commenti

fantomas

Gio, 21/01/2016 - 08:25

Questi finanzieri conoscono i fondamentali per cui sanno quando comprare. Ieri diceva che vedendo i volumi ha capito che chi vendeva erano i piccoli risparmiatori (retail) che hanno una paura fottuta che MPS fallisca,lui no per cui ha comprato.

g-perri

Gio, 21/01/2016 - 08:55

Renzi teme i gufi ma il suo entourage é pieno zeppo di avvoltoi, che volteggiano nei cieli europei in attesa di tuffarsi sulle varie prede italiane. Questo ulteriore suo amico finanziatore Davide Serra, dal suo rifugio estero manovra affari (non tutti alla luce del sole) e poi al momento giusto piomba in Italia ad acquistare banche con l'acqua alla gola. E' sempre più palese che questo governo è stato "studiato e deciso" attorno ad un tavolo da soggetti ai quali nulla importava del popolo italiano, ma badava solo agli affari.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Gio, 21/01/2016 - 09:02

Già si può intravedere la soluzione del problema: creazione di una bad e di una good bank. La prima implicherà la perdita di tutti i denari depositati dai risparmiatori,la seconda tornerà sotto il controllo dei cialtroni piccirilli (scorie del PCI) che hanno distrutto la vecchia MPS arricchendo se stessi e i loro compagni di merende.

paolonardi

Gio, 21/01/2016 - 11:20

Vedere il secondo articolo. Il nostro Sto arrivando! benissimo che, siccome il MPS e' una costola importante nonche' rossa del PD, arriveranno altri miliardi come all'epoca del genio bocconiano che ringraziava il napoletano per grazia ricevuta.

paolonardi

Gio, 21/01/2016 - 11:32

Questo vuol dire che sapeve in un recupero a breve del titolo. Qualche minuto fa alla radio hanno annunciato il titolo sta recuperando. Guarda caso!

agosvac

Gio, 21/01/2016 - 12:05

Che Mps dovesse fare una brutta fine, era logico. Non c'è banca in Italia che sia politicizzata ai livelli estremi di Mps. Ormai da decenni è guidata dalla sinistra. I politici di sinistra a mala pena capiscono qualcosa di politica, pensate un po' se possano capire qualcosa di finanza! Questa povera banca l'hanno sempre usata o come un bancomat o come rifugio per i loro raccomandati. Il risultato è quello che si sta vedendo.

marygio

Gio, 21/01/2016 - 14:12

i pdioti qua si giocano tutto. se fanno cxxxxxe dopo un adc da 3mld vanno a casa e spariscono dalla scena.

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Ven, 22/01/2016 - 10:40

intanto ieri, andando short (e sbagliando per troppa prudenza, col senno di poi) ho portato a casa circa 900 €. Ringrazio tutti i deficienti che gufavano contro MPS.