Nei guai pure le coop rosse. E tra gli indagati spunta il fedelissimo di Bersani

Miro Fiammenghi, ex consigliere regionale in Emilia Romagna, chiamato in causa per la gara contestata sulla costruzione della Reggiolo-Ferrara

Roma - C'è anche un uomo del «tortello magico» di Bersani tra gli indagati dell'inchiesta «Sistema» della procura di Firenze. È «solo» un ex consigliere regionale dell'Emilia Romagna, ma non uno qualunque. Si tratta di Valdimiro Fiammenghi, detto Miro. Nome poco noto, ma tra i più vicini all'ex segretario. Talmente fedele a Bersani da essere indicato, nel 2013 come «regista» dello sgambetto a Renzi, quando il futuro premier venne «bocciato» come grande elettore dal Gruppo regionale del Pd toscano per due voti. E in una sorta di contrappasso adesso Miro, indicato come uno dei componenti del più stretto cerchio magico bersaniano insieme a Vasco Errani, Enrico Letta e Maurizio Migliavacca, è costretto a rinunciare al suo basso profilo per guai giudiziari proprio a Firenze. Indagati con lui per concorso in induzione indebita a dare o promettere utilità altri due nomi noti del Pd in Emilia Romagna: Graziano Patuzzi (già presidente della Provincia di Modena) e l'ex assessore emiliano ai Trasporti Alfredo Peri. La questione, scrive il gip, riguarda la presunta «promessa di dazione dell'incarico di direzione dei lavori» al solito Perotti da parte di Autostrada Cispadana Spa, la società (presieduta da Patuzzi) che dovrebbe costruire l'autostrada Reggiolo-Ferrara. Secondo la procura, Incalza avrebbe assicurato un percorso netto per la «grande opera» in cambio dell'incarico a Perotti. Il bersaniano di ferro Fiammenghi, però, si è chiamato fuori, precisando di «non avere mai avuto modo di occuparsi della gara contestata».

Insomma, l'inchiesta fiorentina riserva spiacevoli sorprese alla patria delle Coop che lavorano alacremente alle «grandi opere». E forse non è un caso che Perotti, romano e residente a Firenze, abbia scelto tra le sedi della sua Spm proprio Ravenna.

I compagni «non immuni»

Parlando con l'ex capo di Italferr Giulio Burchi (indagato) dell'arresto del responsabile unico del Padiglione Italia dell'Expo di Milano, Antonio Acerbo (indagato anche nell'inchiesta fiorentina), l'ex direttore di Metropolitana Milanese Pino Cozza spiega che Acerbo faceva lavorare il figlio con incarichi «mimetizzati». Cozza si chiede se Acerbo «lo faceva anche con la Lega delle Cooperative», e Burchi conferma. «Sì, era amicissimo con la Cooperativa di Modena, lui Acerbo era culo e camicia, te lo dico io, non erano immuni i compagni. Lui ci sapeva fare, il vecchietto, sai (...) su alcuni prezzi base o su quelle cose lì, eh! eh! eh, sapeva dove... no?».

Il «freddo ai piedi» di Lupi

E restando agli arresti per l'Expo, quando nel marzo 2014 a Milano viene ammanettato l'ex dg di Infrastrutture Lombarde spa Antonio Rognoni, il solito informatissimo Burchi si frega le mani. E annuncia così la notizia a un suo collaboratore: «Hanno arrestato Rognoni, quello dell'Expo e tutte quelle robe lì. A me stava sul cazzo perché sapevo che era un idiota...ah! non lo so me l'hanno detto adesso da Milano, c'è tutta Milano in subbuglio. Se hanno arrestato Rognoni ce n'è per tutti e arrivano fino ai piedi di Lupi...amico mio...Infrastrutture Lombarde e tutto quello che c'era dietro». E poco dopo ribadisce il concetto con un dirigente Anas: «Un'ora fa hanno arrestato Rognoni, quello di Infrastrutture Lombarde (...) gli hanno arrestato l'Ad, speriamo che non abbia freddo ai piedi neanche lui....freddo ai piedi l'avrà il ministro perché era un uomo di stretta osservanza di Lupi questo, eh? Ma è Comunione e Liberazione, proprio Doc».

Lo strano furto da Incalza

C'è anche il giallo di uno strano furto in casa di Incalza. E la reazione del super manager, per il gip, la direbbe lunga sull'«ambiguità» sua e dei suoi rapporti, perché Incalza aspetta un mese e mezzo per sporgere denuncia e perché, parlando con la figlia Antonia, i due sembrano avere le idee chiare sui possibili mandanti. Il colpo risale al 3 febbraio 2014. La porta blindata dell'appartamento del supermanager viene forzata, ma solo una stanza messa a soqquadro. Antonia è perplessa: «Cercavano qualcosa - dice - perché sono stati solo in camera di mammma e solo lì. Io non vorrei che fosse... mah, mi sembra molto strano, però questi sono stati mandati eh!». E il padre: «Quindi abbiamo capito chi erano... chissà che cosa volevano cercare (...) prima lettere anonime, poi il furto...io sospetto gente...poi ti dico».

Sim sicura, prete suicida

La procura rimarca come l'ingegnere genovese Giorgio Mor (indagato) era solito contattare il cognato Perotti con una sim intestata a un sacerdore genovese, Giacomo Vigo. Il prete ad agosto scorso viene ritrovato suicida nel porto di Livorno. Ma la sua scheda telefonica viene ricaricata altre due volte dopo la sua morte.

Perotti ha paura dell'ex pm

Con Renzi a palazzo Chigi, gira voce che Lupi potrebbe perdere il posto, sostituito dall'allora sindaco di Bari ed ex pm d'assalto Michele Emiliano (ora candidato Pd alla presidenza della regione Puglia). Perotti confida alla moglie di non esserne affatto entusiasta: «Il rischio è questo Emiliano, che sarebbe un magistrato che è terribile». Ma Lupi resta al suo posto.

Madia: non c'è corruzione

Stamattina nel carcere di Regina Coeli si terrà l'interrogatorio di garanzia di Incalza. «Non ha nulla da nascondere - dicono gli avvocati Titta e Nicola Madia - risponderà alle domande del gip». Per i legali, che difendono da sempre il manager uscito indenne da 14 procedimenti (alcuni per prescrizione) l'inchiesta non reggerebbe. «È un processo di corruzione in cui manca la materia prima, cioè i soldi».

Commenti

denteavvelenato

Mer, 18/03/2015 - 08:45

Ma io mi chiedo, questa magistratura politicizzata la smetterà mai di interessarsi alla politica?

Massimo Bocci

Mer, 18/03/2015 - 08:54

I compagni di merende del regime dei corrotti 47, smentisce sempre, loro mai stati comunisti,loro solo e sempre per il sociale cooperante??? Vedi, MPS,il Forteto,il Buzzi, Penati, la ASL di Massa (450milioni di ammanco)ecc.ecc. Loro cooperarono sono per costituzione, sono cooperanti??? Con gli altri LADRI i ......Catto, una lotta iniziata nel 47, 70 anni per dimostrare chi ruba di più sono sempre lì sacco dopo sacco!!!

ammazzalupi

Mer, 18/03/2015 - 08:58

PD: che il più pulito avesse la rogna... lo sapevamo da tempo; che il più onesto fosse un ladro... lo sapevamo da tempo; che avessero tramato contro la Repubblica italiana... lo sapevamo da tempo; che fossero degli infami... lo sapevamo da tempo. L'UNICA cosa che non sappiamo è il peso, in GRAMMI, del cervello di tutti i Koministi italiani messi insieme. Per votare tutta questa marmaglia di farabutti, in effetti, ci vuole un GRAN CERVELLO. SCIMMIEEEEEEEEEEE!!!!!!!

quapropter

Mer, 18/03/2015 - 09:01

Ma cosa volete che sia. Tra compagni... Mica si sono fatti fare un abito da sartoria. Questo è grave... tutto quello che riguarda coop rosse, esponenti PD, sono solo menzogne, o al più ragazzate...

Duka

Mer, 18/03/2015 - 09:14

Da Penati al compagno G alla segretaria ecc. Ma lo smacchiatore di giaguari, con le palle da battere,i galli sui tetti e molte altre scemenze simili CHI SI CREDE DI ESSERE?

hectorre

Mer, 18/03/2015 - 09:17

i sinistri una cosa la sanno fare molto bene,gestire i loro affari...coop,unipol ecc..ecc......bene bene non direi ma quando finiscono nei guai ne escono sempre puliti e senza debiti, buchi miliardari che vengono tappati con i nostri soldi!...vedi mps e surgenia.....quando gli italiani(i quelli moralmente ed intellettualmente superiori,i sinistri per intenderci) capiranno questo giochetto, fatto a nostre spese, forse e dico forse l'italia potrà finalmente considerarsi un paese normale.......bersani???...non scherziamo!!!....tutti i suoi più stretti collaboratori fanno magheggi (vedi penati) ma lui non si accorge di nulla...ingenuo,furbo o tonto????...mah....

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 18/03/2015 - 09:21

Ci risiamo. Tanto ormai lo hanno capito anche i sassi, i COMUNISTI, trinaricuti (ossia quelli con la supplementare narice di "scarico" ben definita dall'immortale Giovannino Guareschi, li puoi girare, e rivoltare come vuoi ma sempre di volgari farabutti si tratta. Ovviamente i PEGGIORI ancora altezzosamente in circolazione in Italia.

eglanthyne

Mer, 18/03/2015 - 09:26

"Oh ragaSSSSSi , tranquilli son TUTTE cattiverie!"

mifra77

Mer, 18/03/2015 - 09:28

Finirà come in tutti gli altri episodi in cui è coinvolta la marea rossa di procacciatori di furti. Renzi questi episodi,li mette in pasto a qualche insignificante magistrato per fare ombra ad episodi ben più gravi e circondarsi di pappagalli che non avendo cervello ma solo fede politica, ripetono a cantilena le battute che lui gli insegna.

linoalo1

Mer, 18/03/2015 - 09:40

Prima o poi,doveva accadere!Credo proprio solo perché è finita la Sabbia!Si,perchè,a furia di insabbiare,a cominciare da Mani Pulite,è ovvio che,prima o poi,la sabbia doveva finire!Lino.

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Mer, 18/03/2015 - 09:43

Ogni tanto tra le notizie di scandali di rilievo spuntano fuori nomi di fedelissimi di Bersani, questa volta è il turno di Miro Fiammenghi, l'ultima volta era uscito fuori il nome di Penati oggi tra i ricercati del prgramma "Chi l'ha visto?" il cui caso venne convenientemente, con la solita astuzia della sinistra in collusione di quella parte di magistratura politicizzata, protratto fino alla sua prescrizione.

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 18/03/2015 - 09:45

insomma questi qua sono sempre intorno a baffetto, bersani..e gli indefessi pm non colpiscono mai al "bersaglio"..

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 18/03/2015 - 09:47

Qualcuno "spunta" sempre per il semplice fatto che non si tratta di casi isolati, ma di sistema. Gli scandali recenti non fanno che continuare in progressione geometrica quelli passati e denunciano l'esistenza di una fame di quattrini che tortura la casta insaziabile dei politici. Il susseguirsi degli scandali di questi ultimi anni ne è la prova e la riprova. Basta scorrere le incriminazioni piovute sui consiglieri regionali, fra i quali c'è chi è arrivato ad addebitare allo stato, addirittura lo scontrino che documenta il suoi bisogni fisiologici in un gabinetto pubblico. Quel genere di politici sono quelli che in realtà hanno minori possibilità di rubare, possibilità che cresce a dismisura per chi siede dietro le scrivanie da cui si ordinano e si approvano le spese. Però al riguardo non mi sembra il caso di buttarla squallidamente in politica: il morbo contagia tutti, basta che arrivino al potere. Viva l'Italia, abbasso i ladri e chi è in mala fede.

coccolino

Mer, 18/03/2015 - 10:00

Mi pare che anche penati, tangenziale (ops.....tangenti) Milano - Serravalle, fosse un fedelissimo di gargamella.....che fine ha fatto? sicuro non è in galera.....

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 18/03/2015 - 10:02

Tutti indagati, tutti in galera...vuoi vedere che l'unico che si salva è Berlusconi?

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mer, 18/03/2015 - 10:14

Mi chiedo sempre come mai le cooperative, paghino meno della metà delle tasse che pagano tutte le altre aziende. La magistratura a cui tanto piace mettere il naso nella politica perché non chiarisce il principio d'uguaglianza per tutti di fronte alle esigenze dello stato. Una cosa è fare una Coop per fini sociali per una decina di persone ma quelle rosse sono mega aziende che,con la scusa d'essere Coop. non pagano le tasse.

fiducioso

Mer, 18/03/2015 - 10:15

Deve essere un cerchio veramente "magico" quello del bersani. Si continua a colpire il contorno, ma mai il centro. Anzi, sembra che il centro (il bersanov) non venga mai preso di mira. Potere Coop?? Sembrerebbe di sì, più si ruba e meno si viene toccati.

MarcoE

Mer, 18/03/2015 - 10:32

In ogni indagine che si rispetti i 'rossi' ci sono sempre dalla Sicilia al Tirolo ... Non dico altro su quello che penso di questi soggetti

Ritratto di ilmax

ilmax

Mer, 18/03/2015 - 10:32

lo smacchiatore di giaguari non è riuscito a smacchiare B. ma è abilissimo a smacchiarsi, vedi Penati.

sbrigati

Mer, 18/03/2015 - 10:48

Ma noooo, è tutto un sbaglio, impossibile che un compagno rubi, sarà sicuramente scagionato.

ammazzalupi

Mer, 18/03/2015 - 10:55

Ricordo che Bersanov diceva: ehi ragassssi, noi siam mica qua a pettinar le bambole! E ti credo: i komunisti non perdono tempo a pettinar le bambole! Loro PETTINANO le... PALANCHE...!!!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 18/03/2015 - 11:24

LA COSA NON DOVREBBE DESTARE IL MINIMO SCALPORE. E' ARCINOTO CHE TUTTI SONO IMPLICATI IN FACCENDE POCO PULITE.

unosolo

Mer, 18/03/2015 - 11:24

vuoi vedere che tutti questi nomi noti che figurano ( vero o falso è da accertare ) sono quelli che fanno e facevano dal tempo del governo Craxi , scoperti e denunciato il sistema si sono coalizzati per mantenersi il giro delle poltrone facendo terra bruciata intorno al Craxi. man mano ne escono fuori delle belle.

eolo121

Mer, 18/03/2015 - 11:37

gnammmmm xe magna sempre in itaglia e il popolo vota sempre gli stessi...

Marcuzzo

Mer, 18/03/2015 - 11:42

@Anna17. Lei si chiede perché la Coop supermercati pagano la metà delle tasse rispetto alle altre società che gestiscono i supermercati ?? Glielo spiego subito : mentre i privati che gestiscono i marchi degli altri supermercati a fine anno si spartiscono utili e dividendi, Coop supermercati ed ipermercati, gli utili annuali gli reimpiegano nel l'apertura di altri punti vendita creando posti di lavoro oltre che servizio e, in più , non si spartiscono manco un euro dei dividendi . Adesso le è più chiaro ?

Rossana Rossi

Mer, 18/03/2015 - 12:03

Tranquilli....nessuno di loro si chiama Berlusconi......vuoi vedere che per salvarsi il c..o troveranno le prove che in fondo è sempre e ancora colpa del Berlusca?...........

fiducioso

Mer, 18/03/2015 - 12:11

Marcuzzo, dalla tua risposta ad Anna17 si evince quanto sei ingenuo. Forse è per questo che rimani comunista.

Ritratto di panteranera

panteranera

Mer, 18/03/2015 - 12:20

Ma guarda, dopo Errani, Solaroli, addirittura la sua stessa segretaria personale Zoia Veronesi (tutti indagati per truffa aggravata), adesso quest'altro, e naturalmente lo smacchiatore di giaguari (fallito) - in quanto di sinistra - "poteva non sapere"...

Marcuzzo

Mer, 18/03/2015 - 12:25

@Fiducioso. Lasci perdere il comunismo. Lei non conosce le normative vigenti e non e ' autorizzato a dare patenti di ingenuità a chicchessia. Anzi chiuda la bocca e semmai la riservi per mangiate un tramezzino. Non affatichi le mandibole, bananas.

gianni.g699

Mer, 18/03/2015 - 12:27

Erano gli anno 70 e una casa del popolo (come tante allora) gestiva anche un locale da ballo ... ero poco più che adolescente amavo fare il dj, ho cominciato da quella casa del popolo lavorando gratis e comprandomi i dischi, avevano sempre il tutto esaurito, ma a fine mese (di tutti i mesi di apertura !!!) mancavano sempre i soldi per far quadrare il bilancio e per pagare i dischi ...

amedeov

Mer, 18/03/2015 - 12:32

Non dite cattiverie. In fondo sono solo ragazzi che cercano di passare la giornata nel miglior modo possibile.E se per caso la colpa fosse di BERLUSCONI?

Ritratto di panteranera

panteranera

Mer, 18/03/2015 - 12:35

@Anna 17 Le consiglio la lettura di "Falce e carrello" di Bernardo Caprotti, ci troverà tutte le risposte, e sappia inoltre che in tali cooperative lavorano solo tesserati PD o comunque amici degli amici (obbligatoriamente di sinistra)...

Vero_liberista

Mer, 18/03/2015 - 12:36

Certo Marcuzzo, e magari aggiunga: 1)che anche le altre catene di supermercati aprono nuovi punti vendita e creano lavoro, versando il doppio delle tasse rispetto alle coop a parità di fatturato e utili; 2) Che anche le coop distribuiscono utili e dividendi (mica sono onlus), messi spesso a bilancio come compensi amministratori per abbattere ancorpiù le imposte...3)che i supermercati concorrenti non hanno come amministratori funzionari di partito ex dirigenti degli enti locali il cui posto è preso da un collega di partito per continuare l'assegnazione favoreggiata di appalti, permessi di costruzione, assegnazione di licenze ecc. ecc.. 4) Le coop sono nate con agevolazioni fiscali in virtù del proprio mutualistico in un'Italia con un'economia agricola, basata su sussidiarietà e volontariato, semianalfabeta ed arretrata. Oggi tali macinano fatturati di migliaia di miliardi e operano come multinazionali della finanza, altro che mutualità dei poveri. Le è chiaro adesso?...

gianni.g699

Mer, 18/03/2015 - 12:39

Marcuzzo ... a parte il piccolo particolare che con le loro politiche di soppressione dei piccoli esercizi e indotto vario, i posti di lavoro li hanno tolti e non creati !!! , che strozzano i fornitori , che si permettono l'utilizzo dei depositi di contanti dei soci , che ... etc .... etc ... Condivido in pieno quello che dice Anna 17 ... e si prega svegliarsi al mattino altrimenti meglio restare a dormire si fanno meno danni !!!

Marcuzzo

Mer, 18/03/2015 - 12:51

@Vero liberista. Se invece di raccontarci menzogne, ci spiegasse il perché , allora , tutti quanti gli altri non trasformano le loro societa in cooperative, ci farebbe estremo piacere. Sa perché non lo fanno ?? Perché non è come dice lei . E lei lo sa , bananas !!

Vero_liberista

Mer, 18/03/2015 - 14:15

Marcuzzo, lei non ha contraddetto, fatti e atti alla mano, uno solo degli argomenti che ho citato. Oppure potrebbe contestare atti, fatti e documenti citati ad es. nel libro Falce e Carrello di Capriotti, Cosa che lei non è in grado di fare essendo capace solo di sparare insulti gratuiti senza nessuna argomentazione. Tanto basta per dimostrare che io ho ragione e che lei è un ignorante in materia, non occorrono altre prove. Quindi la saluto.

gedeone@libero.it

Mer, 18/03/2015 - 15:50

Marcuzzo, queste favolette vada a scriverle da un'altra parte...

Azzurro Azzurro

Mer, 18/03/2015 - 16:07

cHE BERSANI SIA COLPEVOLE E' MANIFESTO

Azzurro Azzurro

Mer, 18/03/2015 - 16:12

mARCUZZO, CARO KOMPAGNO, PRIME DI DIRE FESSERIE INSORMATI. A dimenticavovo, saluto a Stalin kompagno komunista

unosolo

Mer, 18/03/2015 - 17:59

come mai nessuno tira monetine ? i tempi cambiano ma il sistema resta.

mifra77

Mer, 18/03/2015 - 18:19

@COMPAGNO MARCUZZO, le sue spiegazioni in malafede, naturalmente non comprendono l'operato globale della lega delle cooperative! Se lei parla dei supermercati alimentari, qualche ragione ,sebbene con tanti dubbi, potrebbe accamparla; ma se mi parla del sistema coop, o è ignorante in materia oppure racconta boiate (come tutto il branco dei comunisti dal cxxo rosso)

Duka

Mar, 31/03/2015 - 17:08

Anche il PENATI era ed è un fedelissimo dello smachiatore: COME E' FINITA ??? p r e s c r i z i o n e