Noi fumatori, tassati e insultati dallo Stato spacciatore

Siamo al paradosso. Lo Stato ingrassa vendendo morte consapevolmente e si lava la coscienza e la fedina penale avvertendo i clienti che la sua merce fa la bua

Dalla fine del corrente mese, i fumatori avranno il piacere di essere trattati da scemi a proprie spese, e non avranno la possibilità di reagire a chi li insulta. E così si compirà un altro passo avanti nell'annullamento della buona creanza nel nostro Paese, già abbastanza maleducato. Non per questo ci stracceremo le vesti; desideriamo soltanto far notare ai villani di Stato alcune loro incongruenze. Riassumiamo la vicenda per maggiore chiarezza. Il ministero cosiddetto della Salute ha promosso una campagna contro il consumo di tabacco che riguarda 10 milioni di italiani (su 52 milioni), 6 maschi e 4 femmine.

Essa consiste in uno spot che sarà immesso subito in rete, poi trasmesso dai tradizionali mezzi di comunicazione, nel quale Nino Frassica, attore siciliano, riferendosi a un fumatore esclamerà: «Ma che, sei scemo». Da anni, i nemici delle sigarette e affini sostengono convintamente, e avranno le loro ragioni, che il «vizio» (meglio, l'abitudine) di aspirare le nuvolette azzurre provoca il cancro, danneggia il prossimo e conduce a morte precoce.

Ciò, se preso alla lettera, porta a pensare che in effetti i fumatori siano scemi, praticando l'autolesionismo e uccidendo amici, familiari e colleghi. Si dà però il caso che il cancro colpisca chiunque sia sfortunato, compresi coloro che non hanno mai messo in bocca una cicca. Qualunque essere umano, presto o tardi, per innumerevoli cause, tira le cuoia. Quindi, attribuire al tabacco la forza micidiale della bomba atomica ci sembra quanto meno una forzatura. Ma facciamo finta di niente. D'altronde, per quanto scemi, non abbiamo la pretesa di affermare che due belle boccate di Marlboro facciano meglio dell'aerosol. Gradiremmo tuttavia, noi tifosi del decesso prematuro, di non essere insolentiti dalla ministra Beatrice Lorenzin, che non è medico e neppure infermiera. Oddio, se ella allo scopo di coprirci di improperi utilizzasse soldi suoi, saremmo addirittura in grado di esercitare la virtù della tolleranza. Poiché, invece, attinge fondi dalle casse pubbliche, ci corre l'obbligo di farle presente che commette varie scorrettezze. Solo il Monopolio di Stato è abilitato a produrre sigarette e a venderle a prezzi da esso stesso fissati. Prezzi gonfiati a dismisura da una tassazione esorbitante (su ogni pacchetto l'incidenza delle imposte è vicina a due terzi).

Cosicché di fatto il fumatore è un prezioso cliente di un'azienda pubblica nonché contribuente speciale dell'erario, eppure a titolo di ringraziamento, il governo, di cui Lorenzin è membro, gli dà dello scemo. Se l'ingiuria è lanciata dal cittadino comune, passi; ma se è l'autorità a offendere si rende indegna del posto che occupa. Qualcosa non quadra. Lo Stato spaccia sigarette speculando ferocemente e, non soddisfatto, denigra chi le acquista non certo per tenerle in tasca bensì per «piparsele». Per di più, su ogni confezione di qualsivoglia marca vi sono scritte terrificanti. La più gentile è: «Il fumo uccide». Ucciderà tua sorella, forse. O tua nonna.

Siamo al paradosso. Un ente ingrassa vendendo morte consapevolmente e si lava la coscienza e la fedina penale avvertendo i clienti che la sua merce fa la bua. Ma se fa la bua perché chi la prepara e la mette in commercio non è in galera? Come vedete, cari lettori, qui la lista degli scemi si allunga assai. Tra l'altro, un fumatore può smettere, mentre gli scemi che lo oltraggiano non possono smettere di essere scemi, perché lo sono a tempo indeterminato.

Commenti

macchiapam

Gio, 17/09/2015 - 16:14

Caro Feltri: sono anni che mi batto contro gli abusi a danno dei fumatori. E' il comportamento del bravo Pierino nell'imitazione dei fanatici americani. E non le pare strano che invece s'inneggi al vino e agli alcoolici, quando, obbiettivamente, sono assai più nocivi del fumo? Il tutto, condito dalle bufale di quel gagà del prof. Veronesi, che va proclamando l'effetto diretto del fumo sul tumore al polmone, quando le sue stesse statistiche lo smentiscono (se lo credesse, gliene darei dimostrazione). Tanti cari fimosi saluti.

orso53

Gio, 17/09/2015 - 18:00

Egregio Direttore, da fumatore sospeso (mai dire ex) da oltre 10 anni, non posso che darLe ragione. Ognuno dovrebbe essere libero di fare le proprie scelte (anche di morte) senza vessazioni e/o proselitismi. Professare il principio che la libertà dell'uno termina dove comincia quella dell'altro è sempre più difficile. E non credo di essere qualunquista ......

kericjang

Dom, 20/09/2015 - 23:15

Lo Stato spaccia tabacco, fregando soldi su soldi al drogato, per poi contemporaneamente dirgli che " fumare fa male ". C'è, come giustamente fa notare Feltri, qualcosa di profondamente storto nel comportamento dello Stato. A questi infatti converrebbe coerentemente non avvertire il tossicodipendente dei rischi che corre, perché così i fumatori muoiono prima e lo stato risparmia soldini in ospedalizzazioni, medicine e soprattutto pensioni. Giustamente bisogna chiedersi se chi fuma abbia abbastanza sale in zucca. Poi, se non fumasse...

kericjang

Dom, 20/09/2015 - 23:43

Lo Stato spaccia sigarette, fregando soldi su soldi al drogato, per poi dirgli che fumare fa male. C'è qualcosa di profondamente ambiguo in ciò. Coerenza gli suggerirebbe cinicamente di non avvertire sui pericoli del tabacco. Così i fumatori muoiono prima, e lo Stato risparmia ancora sulla sua pelle, in fatto di opspedalizzazioni, medicine e soprattutto pensioni. Alla luce di tutto ciò c'è da chiedersi se chi fuma abbia abbastanza sale in zucca. Se egli non fumasse, non darebbe più soldi a quello Stato che già gliene sottrae abbastanza su altri fronti.

kericjang

Dom, 20/09/2015 - 23:44

Non consumando porcherie avrebbe tale fumatore più salute e meno bronchiti, problemi di cuore, turbe circolatorie, tumori polmonari e di altro tipo, impotenza, cute brutta, aria invecchiata ed alito puzzolente. Avrebbe 1500 euri o più in tasca a fine anno, per sciare a Cervinia o per sostenere Radio Padania. La signora Lorenzin ha su questo tema tutto il mio sostegno, come ebbe all'epoca il buon ministro Sirchia. Caro Sig. Feltri, apprezzo molto la sua scrittura e la passione. Comprendo anche come la nicotina le sia di aiuto e stimolo nel suo lavoro. Provi al posto della sigaretta la gomma da masticare alla nicotina o il cerotto. Investa nella sua salute, mi dia retta da medico: smetta di fumare! Abbiamo bisogno di lei ancora per tanto tempo.