"Non vogliamo clandestini". Parola di immigrati regolari

I primi a rifiutare l'accoglienza indiscriminata sono gli stranieri già in Italia. Cinesi e albanesi i più legalitari

Milano - Gli immigrati non vogliono più clandestini. Gli stranieri che vivono regolarmente in Italia sono i primi a chiedere uno stop agli arrivi incontrollati, e una generale stretta all'accoglienza. Non c'è xenofobia dunque, negli umori prevalenti, ma la ragionevole richiesta di politiche diverse. I dati che lo provano arrivano dall'area più interessata dal fenomeno migratorio, la regione più popolosa e generosa d'Italia, quella Lombardia che ospita un milione e 153mila stranieri, quasi un quarto del totale (il 22%).

L'indagine è contenuta nella nota statistica semestrale dell'Orim, l'Osservatorio regionale per l'integrazione e la multietnicità istituito dalla Regione Lombardia nel 2000. A sottolinearlo, l'assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato (Fdi): «Il 55,3% degli stranieri - dichiara - accoglierebbe solo i profughi, mentre il 12,2% sceglierebbe addirittura di non accogliere nessuno. Solo il 32,5% invece accoglierebbe chiunque». A volere una «totale chiusura», nel 2018, sono il 27,4% dei cinesi, il 16,7% degli albanesi, il 14,7% dei romeni, il 13,7% degli egiziani e il 7% dei marocchini. «A sostenere l'accoglienza indiscriminata - invece - sono i gruppi africani».

Gli immigrati dunque, sono orientati a una generale riduzione dell'immigrazione incontrollata e dell'accoglienza, almeno nei confronti di coloro che non hanno diritto a forme di protezione previste per legge. Viene confermata l'idea secondo la quale un'accoglienza a maglie larghe rende più faticosa la tutela dei veri profughi e più difficili le condizioni dei migranti. Per quanto riguarda invece l'opinione degli stranieri sul rischio un peggioramento delle condizioni di chi è già in Europa a causa dell'arrivo di nuovi immigrati, solo il 20,6% si è dichiarato per nulla d'accordo, come il 58% dei cinesi, il 58,7% degli egiziani e il 56,6% dei marocchini». «Piuttosto d'accordo» con questa affermazione sono invece il 57,1% degli albanesi e il 52,4% dei romeni.

Dato che per l'assessore merita di essere messo in evidenza è quello riguardante l'ipotesi che tra i profughi si nascondano facilmente persone pericolose: «Solo il 13,2% si è dichiarato in disaccordo. Ciò significa che il restante 86,8% si è invece mostrato molto, abbastanza o poco concorde». Secondo De Corato non c'è altra lettura possibile: «I dati di Orim rendono evidente che la misura è colma persino per gli stranieri presenti nella nostra regione, che ne ospita, al primo gennaio 2018, 1.153.835». «A Milano si contano 250mila migranti, più 50mila clandestini» calcola.

Ovviamente la questione divide il centrodestra dal centrosinistra. «Il Comune promuove manifestazioni contro i muri. Il Comune viene scavalcato dal 27% dei cinesi», attacca De Corato. «L'emergenza sicurezza - avverte - non è solo degli italiani. Quando hanno accoltellato un ragazzo bengalese - spiega - i bengalesi hanno fatto una manifestazione. Chiedevano sicurezza. E io stavo andando, sarei andato a incontrarli e sostenerli». «Se escludiamo i senegalesi - rimarca - la maggior parte delle etnie è contraria a questa invasione, perché spesso gli immigrati vivono in condizione di insicurezza e disagio, esattamente come gli italiani delle periferie. Chi non capisce questo fenomeno magari vive in centro».

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 01/10/2018 - 08:47

Noi albanesi e rumeni non vogliamo più clandestini, perchè porta ad un aumento della vigilanza e noi non vogliamo essere sorvegliati.Capisci a me.

roberto.morici

Lun, 01/10/2018 - 09:08

Si potrebbe pensare che questi immigrati "regolari" siano alquanto razzisti?

ilpassatore

Lun, 01/10/2018 - 10:06

Ci sono immigrati che hanno piu' buon senso e intelligenza di tanti italiani cialtroni che parlano di razzismo e fascismo.Sono questi che dovrebbero andarsene dall'Italia.

corto lirazza

Lun, 01/10/2018 - 10:31

cifre abbastanza spaventose, infatti "favorevoli selettivi" e "favorevoli assoluti" raggiungono l'87.8 per cento!

SpellStone

Lun, 01/10/2018 - 10:51

Un grazie ai CUGINI REGOLARI, sono i benvenuti!

Mobius

Lun, 01/10/2018 - 11:33

Forse, forse... La Boldrini non aveva tutti i torti dicendo che gli immigrati ci possono insegnare molto...

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 01/10/2018 - 12:13

Era ora che i "Regolari" si svegliassero.

CidCampeador

Lun, 01/10/2018 - 12:24

CVD buon senso e' inversamente proporzionale al buonismo

lettore316

Lun, 01/10/2018 - 12:43

Non vogliamo concorrenza ... in poche parole. Ad ogni modo anche loro, come noi, dovranno vedersela con le potenti lobby dell'immigrazione.

venco

Lun, 01/10/2018 - 12:48

Hanno capito questi che se abbiamo tanti clandestini vengono malvisti anche loro stessi.

19gig50

Lun, 01/10/2018 - 13:08

Hanno ragione perchè a rimetterci per primi potrebbero essere loro.

lettore316

Lun, 01/10/2018 - 14:22

E chi vorrebbe altra concorrenza?!

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Lun, 01/10/2018 - 14:45

Se` ne andassero via tutti , regolari??/infiltratti /clandestine ect..ect..L'Italia non ha bisogno di nessuno..specialmente di immigrazione a basso IQ.Che non portate nessun beneficio anzi all'incotrario con la fuoriuscita di contante ,che mandate hai vostri paesi e senza spendere una lira , ci fate solo del male economicamente.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 01/10/2018 - 15:08

In effetti i danneggiati sono proprio i regolari, ma spiegarlo ai "salvatori" a prescindere è veramente cosa complicata.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 01/10/2018 - 15:47

Un po' di ordine piace a tutti. Sbagliato di fare un'erba un fascio. Ci sono molto immigranti che hanno 'lottato' onestamente per essere regolari nel nostro paese e che non hanno MAI creato problemi ed hanno tutto il diritto di voler veder rispettate le regole da tutti.