"Parte delle tasse al Veneto" Ora è svolta sull'Autonomia

Storico accordo tra il Mef e la Regione guidata da Luca Zaia. Trovata l'intesa: ecco cosa cambierà nei prossimi 5 anni

Si sblocca il braccio di ferro sull'Autonomia tra il governo e il Veneto. Con un accordo storico siglato tra il Mef e la Regione, al Veneto nell'arco di 5 anni verrà riconosciuta una compartecipazione alle imposte. Ad annunciare il patto tra il Ministero e la Regione è il viceministro all'Economia, Massimo Garavaglia e il ministro agli Affari Regionali, Erika Stefani in una nota congiunta. "Sui testi delle intese per l’autonomia differenziata è stato raggiunto l’accordo sulla parte finanziaria – si legge nella nota -. Si è dunque chiusa l’istruttoria con il Mef in modo positivo. L’accordo prevede l’approdo ai costi e fabbisogni standard partendo da una fase iniziale calcolata sul costo storico. La copertura sarà a saldo zero e le risorse sono garantite tramite la compartecipazione di imposte".

E adesso il governatore del Veneto, Luca Zaia si dice pronto per la firma: "C'è finalmente un documento finale sulla autonomia che, se fosse confermato avere i contenuti proposti dal Veneto, per noi è immediatamente sottoscrivibile". Infine Garavaglia e Lezzi rassicurano il Sud che protesta per un "regionalismo differenziato": "Il regionalismo differenziato è un sistema innovativo di efficientamento. Vogliamo rassicurare tutti: ogni preoccupazione sull’impianto generale dello Stato è del tutto infondata. Nessuna misura di solidarietà nazionale verrà meno e mai saranno sottratte risorse da un territorio in favore di un altro. Ricordiamo che l’efficientamento della spesa pubblica nelle singole regioni genera un beneficio a tutto l’impianto statale. L’attribuzione delle competenze è un avvicinamento dell’amministrazione pubblica ai cittadini affinché vedano e valutino direttamente il lavoro compiuto dagli amministratori. Siamo positivi".

Commenti

venco

Mer, 13/02/2019 - 19:19

Se premono sulle autonomie la lega perderà tanti voti.

Arch_Stanton

Mer, 13/02/2019 - 19:23

Tutte le regioni italiane dovrebbero avere sovranità fiscale e di bilancio, con la responsabilità del debito. Le tasse dovrebbero essere diverse in ogni regione, modellate in base a caratteristiche e necessita. Qui in Sardegna ad esempio vanno abolite tutte le tasse sui trasporti, IVA, di merci e persone per uscire dall'embargo economico imposto dallo stato italiano. Ridicolo che la legislazione fiscale sia uguale a quella di regioni come Lombardia che sono al centro d'Europa e ben collegate.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 13/02/2019 - 19:31

Troppo poco. L'autonomia deve essere totale. Cominciando dalla Serenissima. Esempio di buon governo. Siamo diventati italiani solo 150 anni fa. Per i precedenti mille siamo stati tutt'altra cosa fuorché italiani.

buonaparte

Mer, 13/02/2019 - 19:57

non è una questione di soldi in piu omeno ma di poter prendere delle decisioni come spenderli. il problema è che la sicilia che aveva questa autonomia ha fatto carne da macello ed ora ha di debiti enormi che non si sa chi pagherà. SE LI DEVONO PAGARE LORO COME AVVIENE IN AMERICA, SE LO STATO è IN DEBITO NON RICEVE SOLDI DALLO STATO CENTRALE E DEVE RIDURRE LE SPESE.

Silpar

Mer, 13/02/2019 - 20:07

1 a 0, palla al centro!!!

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 13/02/2019 - 20:17

Evviva l`AUTONOMIA, ed ora la Lombardia, il Piemonte e la Liguria!!! SECONDO PUNTO, """MILANO CAPITALE"""!!!

paolinopierino

Mer, 13/02/2019 - 20:18

Come sempre hanno fatto ed oggi fanno ancora questi ci fregano.

corivorivo

Mer, 13/02/2019 - 20:30

viva la mona!

mozzafiato

Mer, 13/02/2019 - 20:33

Veramente con questo EFFICIENTAMENTO, non ci ho capito una mazza ! La speranza e'quella che un vero regionalista, desidera: UN PROGRESSIVO AVVICINAMENTO CON QUELLO CHE VIENE DEFINITO IL FEDERALISMO FISCALE ! Insomma, ogni regione si deve muovere con le proprie gambe! Certo questo sistema (ahimè') non puo' essere applicato da subito, ma la speranza e' che almeno fra una decina di anni esso possa arrivare a completo regime ! Ma il colmo della perfezione lo si raggiungerebbe se questo provvedimento si potesse convenientemente inserire in quel nuovo modello di europa (regole comuni per tutti) che assicurerebbe all'italia e agli italiani il posto che compete loro (noi) sul nostro suolo ed in europa. Avanti su questa strada quindi !

Antenna54

Mer, 13/02/2019 - 20:52

Autonomia = piena applicazione di un articolo della Costituzione italiana. Specificate bene di cos si tratta e che non sono in gioco le tasse ...

perseveranza

Mer, 13/02/2019 - 21:19

Il tema autonomia è forse l'unico vero tema sul quale può cadere governo. Se non dovesse passare, la Lega farebbe bene a mollare 5stelle.

faman

Mer, 13/02/2019 - 21:59

anche l'Emilia Romagna, governata dal centro sinistra, era con il Veneto a richiedere maggiore autonomia, spero che continui su questa strada. Non è una richiesta nè di dx nè di sx, è solo ragionevole.

seccatissimo

Mer, 13/02/2019 - 22:57

Quindi: solo promesse, nulla di fatto !!!!!

faman

Mer, 13/02/2019 - 23:18

nata come movimento secessionista, vorrei proprio vedere che la Lega non faccia di tutto per fare passare le autonomie. Speriamo non faccia dei baratti coi 5 Stelle.

Ritratto di cicopico

cicopico

Gio, 14/02/2019 - 05:16

Strada giusta,votero lega io sono del sud ma sono a favore,autonomia del nord.a nord la cosa pubblica e ben gestita.qui tutto funziona,non si puo dire altrettanto a sud.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 14/02/2019 - 06:18

@seccatissimo, sei male informato , oggi 14 Febbraio c'è lìincontro Regioni-Governo ed una vlta firmato l'accordo si va in parlamento a votare l'accordo che deve diventare legge dello stato come prevede la Costituzione. L'apparato burocratico dello stato farà di tutto per mettersi di traverso perché quando le regioni dimostreranno che si possono fare le stesse cose con meno soldi, l'apparato di fancazzisti ministeriali perderà potere e poi gli toccherà lavorare per davvero.

brunog

Gio, 14/02/2019 - 08:46

Il Sud si preoccupa per un regionalismo differenziato, possono sempre mettersi alla pari rimboccandosi le maniche come nel Veneto. La tanto amata Sicilia ha uno spreco differenziato dei soldi altrui, grazie all'autonomia.

brasello

Gio, 14/02/2019 - 09:27

il Sud protesta per un "regionalismo differenziato"? ma esiste già da 70 anni: si chiama "regioni a statuto speciale" (Sicilia, Sardegna, Valle d'Aosta, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige/Südtirol). e guarda caso, 3 di queste regioni sono virtuose, le altre due no. provate a indovinare quali sono le une e quali sono le altre...

buonaparte

Gio, 14/02/2019 - 15:26

COMUNQUE IL VENETO, EMILIA ROMAGNA LOMBARDIA PIEMONTE TOSCANA E LE ALTRE REGIONI CHE HANNO CHIESTO L'AUTONOMIA DIFFERENZIATA NON AVRANNO UN SOLO SOLDO IN PIU E NON SI TERRANNO LE TASSE COME SCRITTO QUI E DETTO DA TANTI .QUELLA PARTE DI TASSE CHE PRIMA ANDAVANO A ROMA POI TORNAVANO TRAMITE I MINISTERI ,ORA RIMARRANNO QUI ,MA SOLO QUELLI CHE DAVANO ANCHE PRIMA . CAPITOOOOOOOOOO