Il Pd avvisa gli alleati grillini: "Basta con l'antipolitica o ci saranno problemi"

Il dem Andrea Orlando avverte il Movimento 5 Stelle: "Se non la smette di avere queste fiammate, finirà per autodistruggersi"

"La prima condizione per governare è smetterla con l’antipolitica". La posizione di Andrea Orlando è chiara. Il vicesegretario del Pd ha lanciato un avvertimento agli alleati del Movimento 5 Stelle: "Se loro continuano ad avere queste fiammate di antipolitica alla fine distruggono loro stessi". Il che potrebbe rappresentare un problema anche per il governo: "Rifletterebbe una luce negativa sulla sua azione". Nell'intervista rilasciata al Corriere della Sera, ha fatto degli esempi concreti: "Se la politica viene associata in automatico alla corruzione, se il Parlamento viene associato allo spreco, alla fine tutto questo racconto peggiora la percezione della realtà degli italiani - che già non è positiva - e quindi finisce per generare quelle paure che vengono cavalcate da Salvini". Non solo: in tal modo si rischia di depotenziare "i risultati che si riescono a mettere in campo con questo governo".

L'ex ministro del Partito democratico ha rivendicato la discontinuità rispetto al Conte I, soprattutto per quanto riguarda il posizionamento in Europa: "Gentiloni non ha esattamente lo stesso profilo e approccio alle istituzioni europee di Centinaio". A suo giudizio l'Italia ha riguadagnato "un ruolo e una funzione nel contesto europeo che il governo precedente aveva perduto". E ritiene differente anche la manovra rispetto quella targata M5S-Lega: "La legge di bilancio è una legge che è l’opposto della logica della flat tax. È una legge che prova, seppur in condizioni molto difficili, a redistribuire".

Elezioni e congresso

Mancano solamente 11 giorni al voto in Emilia-Romagna. Orlando si è detto ottimista, grazie anche all'entrata in scena da parte delle sardine: "Il partito sta facendo un lavoro enorme: c’è una mobilitazione eccezionale e credo che le sardine abbiano migliorato il clima". La partita resta comunque apertissima, come testimoniano gli ultimi sondaggi: "Dovremo fare più fatica che in passato, però ci sono tutte le condizioni per vincere".

Si parla di un possibile congresso, ma al momento l'obiettivo principale del Pd è quello di "fare il punto sulla situazione che è completamente diversa rispetto a quella del passato congresso". L'intento è "costruire un campo anti-sovranista più largo, che forse sarebbe riduttivo continuare a chiamare centrosinistra, e questa costruzione richiede anche una nuova elaborazione". A questo si sono aggiunte anche "delle spinte della società civile", che rendono necessario "un passaggio che abbia anche caratteri rifondativi".

Commenti

DRAGONI

Mer, 15/01/2020 - 09:30

MA A CHI CREDE DI METTERE PAURA?SI SOPRAVVALUTA E NON TIENE CONTO CHE I GRILLINI SONO ALL'ULTIMA SPIAGGIA CHE NON ABBANDONERANNO PERC HE' SI TROVANO TRA L'INCUDINE , TROMBATA ELETTORALE, E IL MARTELLO LA DISOCCUPAZIONE POST TROMBATA.

vinvince

Mer, 15/01/2020 - 09:55

Il pupone si è espresso ... brrrr !!!

baio57

Mer, 15/01/2020 - 10:24

Con quella faccia un po' così ....quell'espressione un po' così ....che abbiamo noi sinistrati del pidiii...

bernardo47

Mer, 15/01/2020 - 10:56

orlando non ha tutti i torti. Grillini devono sgranchirsi le ossa......troppo irrigiditi....

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 15/01/2020 - 11:15

Ma questo che lavoro fa?

Popi46

Mer, 15/01/2020 - 11:22

La politica è compromesso per suo motivo di essere, perché se io desidero bianco e tu nero o ci incontriamo sul grigio o ci facciamo la guerra. Ergo la Politica è arte nobile. I guai, quelli veri, cominciano quando i canovacci mettono in scena un mercato delle vacche, perché gli autori di meglio non sono in grado di concepire

corto lirazza

Mer, 15/01/2020 - 11:29

adesso ci pensa zingaretti con la fusione fredda fra cinquestelle e kompagni

lucio66

Mer, 15/01/2020 - 11:29

La solita filosofia politica spicciola e mai chiara del maneggione,alle ultime elezioni ha sentito che tirava aria di"vattene a casa" nel suo luogo natale e ha pensato bene di andare a rifugiarsi in Emilia per continuare a non fare nulla,non ha mai lavorato e neanche studiato ha solo frequentato i locali del PCI prima e del PD poi ,fa politica all'ombra del potente di turno rimane sempre un comunista che tiene un basso profilo anche quando per vuoto politico gli conferiscono incarichi,insomma la solita classe politica italiana,il solito dirigente del nulla che non si assume mai le pesanti responsabiltà di un vero politico.La sua analisi è condivisibile come la nazionale fatta al bar.

Iacobellig

Mer, 15/01/2020 - 11:36

Buffoni PD, avete approvato tutte le proposte del gassosaro per la poltrona conquistata senza consenso e ora volete mostrare i muscoli? Buffoni incapaci.