Il Pd in cerca di firme per il voto Ma in realtà è caccia ai rimborsi

L'obiettivo è incassare 500mila euro. Ma si procede a rilento

Roma - «Basta un sì» per fare un po' di cassa. Da giorni circolano gli appelli del Pd ai militanti dem per raccogliere firme in vista del referendum costituzionale. Il tono è enfatico, una chiamata alle armi indicata come decisiva per il partito e per il governo. Ma quel mezzo milione di firme che i dem stanno cercando hanno, in effetti, soprattutto un risvolto economico.

I messaggi, molti dei quali portano la firma del vicesegretario Pd Lorenzo Guerini, calcano la mano sul fatto che «per fare il referendum la tua firma conta». Ma la realtà è un'altra, e l'ambiguità dell'appello aumenta solo la confusione. Quelle 500mila firme sono ridondanti, perché il referendum è stato già richiesto ad aprile da un quinto dei deputati, e tanto basta. Renzi però ha voluto comunque che il partito lanciasse la raccolta firme, come peraltro ha fatto anche il comitato del no. Il motivo «ufficiale» è coinvolgere e informare i cittadini sulla riforma e sul voto del prossimo autunno. Ma il vero nodo è soprattutto che, al raggiungimento delle 500mila firme richieste, il comitato promotore ottiene di diritto spazi in tv e radio e soprattutto un rimborso economico. Pari, per la precisione, a un euro per ogni firma valida raccolta. Il Pd si assicurerebbe, insomma, un tesoretto di almeno mezzo milione di euro, che arriverebbe in cassa senza alcun dubbio poiché, trattandosi di referendum costituzionale, non c'è nemmeno l'incognita del quorum.

Tutto lecito, ovviamente. Anche il comitato del «no» raccoglie firme e spera nello stesso esito, ma soldi e visibilità mediatica gli servono decisamente di più rispetto al «sì», che come è evidente ha le spalle coperte dal Pd, dalla struttura del partito, dai suoi uomini e soprattutto dai suoi soldi. Tra l'altro il «Comitato Nazionale per il Sì al referendum Costituzionale - Basta un sì», che a metà maggio ha presentato richiesta per il referendum alla Cassazione indicando come responsabile il piddino Maurizio Chiocchetti, già organizzatore di primarie e campagne referendarie per conto del partito, sul fronte della pecunia si sta portando già avanti col lavoro, e sul suo sito web raccoglie donazioni di sostenitori per «contribuire alla campagna». Fino a ieri, la somma raccolta era pari a 34mila euro, circa un terzo del «primo obiettivo», fissato in centomila euro. Non è chiaro, tra l'altro, se i volenterosi militanti dem che oltre a firmare hanno anche messo mano al portafogli verranno poi rimborsati nel caso in cui il comitato ottenga la validazione e la successiva monetizzazione delle 500mila firme. Insomma, il martellamento mediatico sugli iscritti sembra dettato più da un movente economico che da altro, visto che, come detto, il referendum non è a rischio e si andrà comunque a votare. Il problema, semmai, è che la raccolta firme starebbe procedendo piuttosto a rilento in tutto il Paese, e l'entusiasmo della base risulterebbe finora ancora non pervenuto, quando mancano solo un paio di settimane al termine di consegna degli autografi. Solo un sesto degli iscritti al Pd veneziano, per esempio, avrebbero provveduto all'incombenza. E dall'Emilia sarebbero arrivate a stento la metà delle firme attese. Ecco dunque la strategia di comunicazione che diventa «allarmista», e lusinga iscritti e militanti sottolineando l'importanza di firmare per il referendum, e tacendo che gli autografi servono, più che altro, a far cassa.

Commenti

semprecontrario

Mer, 29/06/2016 - 08:32

ecco il voto di scambio

Aegnor

Mer, 29/06/2016 - 09:31

PiDioti,accorrete numerosi e oltre alla firma,lasciate pure volontariamente,un obolo.......pensare che ci sono dei deficienti che prendono 8-900 euro di pensione e la tredicesima di Natale la lasciano al partito,poi,piangono.

Trinky

Mer, 29/06/2016 - 09:48

date i soldini al padre della boschi che poverino ne ha tanto bisogno.......

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 29/06/2016 - 11:26

Un altro "rimborso" ? Spero raggiungano la cifra di mezzo milione, ma tutte in monete da 1 centesimo - e che poi ci affoghino dentro come nelle sabbie mobili. Ma ho un'altra domanda: se il comitato promotore del NO raggiunge la cifra di 500.000 firme, avrà anch'esso diritto al "pizzo" ? E se affermativo, chi ne beneficerà ? Posso esternare un suggerimento: non andate a firmare, solo vitate NO, NO, NO ed ancora NO !

Duka

Mer, 29/06/2016 - 11:57

UNA FURBATA TIPO PRIMARIE - 2 EU a voto e così il Bersanov & Co. si fanno la villa con piscina.

Giunone

Mer, 29/06/2016 - 12:05

Sento un sudore freddo soltanto a pensare cosa sarebbe successo se una "furbata" del genere l'avrebbe fatta un Centrodestra al governo????? I soliti manettari sarebbero in ebollizione.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mer, 29/06/2016 - 12:14

Scandaloso, vergognoso, inaccettabile! Che il PD chieda firme - che non servono a niente e non sono dovute - per togliere mezzo milione di Euro ai pensionati ed ai disoccupati da usareper mantenere le proprie camarille è già scandaloso e sicuramente antidemocratico, ma che, in sovrappiù, brighi per ottenere altri spazi in TV e radio è CRIMINALE! Infatti sono spazi non dovuti al PD perché devono essere usati per informare i cittadini, come è obbligato a fare il comitato per il NO spinto dal suo alto senso civico, e non per fare propaganda e disinformare con le ben calcolate falsità tipiche del renzismo. Ma questo grande articolo d'inchiesta li ha smascherati, il popolo è informato, e la manovra si ritorcerà contro i il PD. Ma mi chiedo: c'è traccia di questa sporca manovra del PD sui "giornaloni"? Non mi pare! VERGOGNA!

Ritratto di frank60

frank60

Mer, 29/06/2016 - 12:24

PiDioti,accorrete numerosi!

...SnakeJ

Mer, 29/06/2016 - 12:33

cosa sarà mai RUBARE 500 mila euro per dei siffatti LADRONI professionisti, noccioline, sono abituati a ben altro

agosvac

Mer, 29/06/2016 - 13:01

Qui c'è qualcosa che non funziona. Non era necessario che fossero i parlamentari a volere questo referendum così come non sono necessarie le firme del Pd. Questo referendum è "obbligatorio"!!!!!!! Lo è perché la riforma costituzionale non è stata fatta seguendo i dettami della stessa Costituzione che prevede almeno i due terzi dei voti di entrambe le Camere per essere effettiva senza referendum confermativo. A suo tempo anche il Governo Berlusconi fece una riforma costituzionale, tra l'altro molto migliore di questa, ed anche quella riforma subì il referendum confermativo per gli stessi motivi: mancanza dei requisiti di validità!!! Quindi non ci vengano a dire castronerie!!!!!

Ritratto di frank60

frank60

Mer, 29/06/2016 - 13:03

PiDioti,accorrete numerosi!!

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 29/06/2016 - 13:16

Se devi pagare per votare ti stanno tuffando......specialita' pd.

Duka

Mer, 29/06/2016 - 13:19

E' IL COLPO DI GENIO PER RISANARE LA BANCA DEL PADRE?

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 29/06/2016 - 13:34

"Chiedere subito un finanziamento a fondo perduto a banca etruria, tanto chi se ne frega, pagano gli Italiani". Ecco, questo è il classico modo di comportarsi de pidioti. Razza di delinquenti.

luna serra

Mer, 29/06/2016 - 14:19

si potrebbe ipotizzare la truffa ? perchè se avvisano che per la mia firma gli danno un euro uno non firma di sicuro

uberalles

Mer, 29/06/2016 - 14:50

BRICIOLE, BRICIOLE AL CONFRONTO DEI FURTI LEGALIZZATI DEI POLITICI. IN TANTI PAESI HANNO FATTA LA RIVOLUZIONE PER MOLTO MENO, QUINDI, OCCHIO!!!

unosolo

Mer, 29/06/2016 - 14:59

ladri ! dal loro insediamento cercano solo soldi dei pensionati e dai lavoratori dipendenti . ladri è poco e forse un complimento . Le sentenze non le rispettano , prendono soldi ai servizi , alla INPS , si mantengono un grande spreco istituzionale e ora vogliono più soldi di rimborso per il partito , partito che doveva avere miliardi a disposizione e non li ha in quanto i politici parlamentari e in primo il PCM non versano soldi che devono al partito , ladri , come pensionato perdo molti soldi e neanche adeguamento e rimborso del furto , la rabbia a sentire che non versano soldi e li vogliono , ladri.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 29/06/2016 - 14:59

Passeranno tra gli ombrelloni in spiaggia a urlare: "Bello, voto bello! Voto bello, bello! Gente, è arrivato il voto bello! Un euro, gente, per il voto bello!"