Il Pd vuole imporre lo ius soli per capire se Renzi è di sinistra

Il governo fa di tutto per approvare la legge e scomoda pure il Vaticano. Un esame del sangue per il segretario

Chissà se un giorno ci sarà davvero uno ius soli, un «diritto del suolo», per gli immigrati. Per come s'è intrecciato il tema con le torbide vicende di fine legislatura, quel che si vede somiglia piuttosto a uno ius sanguinis, un esame del sangue cui sottoporre Matteo Renzi per capire se appartiene o no alla famiglia della sinistra. E a un elementare «diritto alla sopravvivenza» per Angelino Alfano, sempre in cerca di cittadinanza nel futuro assetto politico.

Ma se il pressing ha raggiunto i limiti dello stalking, come ironizza il deputato forzista Squeri, significa che è già partita quel «lungo lavoro pedagogico» sollecitato ieri dall'ex premier Romano Prodi, che ritiene ancora possibile, «sgombrato il campo dalla manovra», portare a casa la legge. Certo, i numeri al Senato ancora non ci sono e non è ancora chiaro se conviene alla sinistra parlarne tanto, snidare e sfidare sul coraggio il pallido segretario del Pd (interessato, come si sa, soltanto ai sondaggi che indicano il tema tra quelli più sgraditi agli elettori: 56,2% contrari contro il 34,8 favorevole, secondo l'ultima rilevazione di Tecné). Oppure, come consigliava ieri il capogruppo del Pd a Montecitorio, Ettore Rosato, «non parlarne troppo, perché più ne parliamo e più l'obbiettivo si allontana». L'ordine di scuderia arriva direttamente dal Nazareno, infastidito dalla risonanza che l'attacco sferrato da D'Alema e bersaniani abbia dimostrato nei fatti l'opportunismo di Renzi fino a mettere in dubbio la sua appartenenza morfologica alla grande storia della sinistra. «Farsi guidare dalle paure e dai sondaggi è un pessimo modo di governare - insisteva il capogruppo di Mdp, Laforgia -, questa non è una legge qualsiasi. È un atto di civiltà. Su questo, oltre che sulla legge di bilancio, misureremo il nostro rapporto con la maggioranza e il governo». Che si tratti di «un banco di prova per i nostri elettori» lo ammette anche la fassiniana, ora renziana, Marina Sereni, in una lettera a Pisapia, sia pure nella vana impresa di dimostrare che governo e Pd siano all'altezza della sfida. Ma ciò che ha fatto discutere (e indignare) ieri è stata piuttosto l'idea, abbastanza peregrina, di buttare in campo il Vaticano per convincere gli alfaniani a saltare il fosso: «se non seguono loro i dettami del Papa, chi altri?», era il presupposto della provocazione, che trovava nel titolone di apertura di Repubblica il suo (quasi risibile, se non fosse la vigilia di Porta Pia) punto di sintesi. «Intesa governo-Vaticano», era scritto, e non si capiva se lo ius soli sarà applicato Oltretevere, oppure se il Sommo Pontefice, sovrano assoluto di uno Stato estero, avesse deciso di assumere finalmente la leadership parlamentare. Sponda esagerata, sembrava quella escogitata da Gentiloni (o dai soloni di largo Fochetti?) pur di avere Alfano docile, al seguito del Buon Pastore. Ma sia la fedele ministra Lorenzin, sia lo stesso Angelino, più tardi declinavano l'offerta (forse commettendo peccato non veniale). Contrari alla fiducia, gli alfaniani vorrebbero modificare la legge. Salvataggio in calcio d'angolo, in attesa (almeno) dei risultati in Sicilia. Così, mentre i presidenti di Camera e Senato proseguivano l'opera «pedagogica», il centrodestra insorgeva contro il presunto accordo col Vaticano, minacciando già il referendum abrogativo. Interessante la prima uscita del candidato premier (in pectore) di Grillo: «È un tema da affrontare a livello europeo», diceva Giggino Di Maio. Parole pressoché indistinguibili da quelle di Antonio Tajani, presidente dell'Europarlamento e ormai riconosciuto «numero due» di Forza Italia.

Commenti

istituto

Mar, 19/09/2017 - 08:54

No il PD vuole imporre lo IUS SOLI per ottenere più voti dai diversamente italiani (= per niente italiani) e per distruggere il Paese ,cosa nel quale il PD è imbattibile.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mar, 19/09/2017 - 08:59

Non è ne di destra ne di sinistra è di rignano sull'arno, ma sa che lo ius soli sara' la carta perdente.

Nick2

Mar, 19/09/2017 - 09:14

Lo ius soli e la tutela dei diritti individuali sono una questione di destra e sinistra soltanto in questo paese sottosviluppato. Diciamo la verità, Renzi prima e Gentiloni ora stanno attuando un programma di governo spiccatamente di centrodestra. La destra, per differenziarsi, punta tutto sulla pancia della popolazione più debole (e spesso più becera), e caldeggia la negazione dei diritti per le persone che classifica come DIVERSE o NON NORMALI. Fondamentalismo e oscurantismo sono un grosso pericolo per la democrazia, ci allontanano dall’Occidente e ci avvicinano all’islam…

DRAGONI

Mar, 19/09/2017 - 09:55

SI!!SULLA PELLE DEGLI ITALIANI TRATTATI COME PARCO BUOI.

ginobernard

Mar, 19/09/2017 - 09:56

Anche se ci vorrebbero far credere che l'emergenza è la approvazione dello ius soli invece la vera e epocale emergenza è la immigrazione selvaggia che questo governo sembra addirittura aver promosso. Agli italiani la scelta. Il rischio è enorme.

maurizio50

Mar, 19/09/2017 - 09:59

PD?? Partito di im.bec.1ll1.Votato da super im.bec.1ii1.Governato da ultra im.bec.1ii1!!!!!!!!!!!!!E DISONESTI!!!!!!!!!

Ritratto di nando49

nando49

Mar, 19/09/2017 - 10:15

Se fosse veramente così bisogna riaprire i manicomi !

antoniopochesci

Mar, 19/09/2017 - 10:16

Lo capiscono anche i bambini: a chi lo propugna con una nauseante ossessione, lo jus soli non frega un tubo. E' solo uno strumento di lotta fratricida tra i caporioni del PD e cespugli vari,un'arma da brandire sulla pelle dei migranti, ridotta ad un'arena dove combattere per afferrare il trofeo della "sinistritudine" più ipocrita. Con una politica migratoria basata sulla "pulizia etnica", sulla deportazione cioè di questi disperati nei ghetti delle periferie, ove i radical chic non metterebbero mai il nasino per non contaminarsi tra i Brutti Sporchi e Cattivi, come si può pensare che il popolo sovrano non percepisca che è una legge nata solo per sollevare fumo sui veri problemi della gente?

fedeverità

Mar, 19/09/2017 - 10:30

Questo voi non lo fate...METà ITALIANI SE NE ANDRANNO DALL'ITALIA!

maxfan74

Mar, 19/09/2017 - 10:33

Non è la sinistra che decide è il popolo. Questo è quello che vi farà perdere elettori a fiumi.

Cheyenne

Mar, 19/09/2017 - 10:41

NON SI CAPISCE IL PERCHE' UNA LEGGE ABERRANTE E INUTILE SIA DI SINISTRA. DIMENTICAVO I PDIOTI NON HANNO CERVELLO

Ducario

Mar, 19/09/2017 - 10:41

Lo Ius Soli è il suicidio della cultura, del popolo e dell'Italia come la conosciamo. Se malauguratamente questi "stolti" sinistroidi la approvassero andrebbe immediatamente indetto un Referendum per abrogarlo!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 19/09/2017 - 10:53

Si pensi a come liberare il paese da tutti i delinquenti d'importazione. Altro che ius soli. La gente comune, anche di fede Dem , non ne può più. Ed a questo, non ad altro, è ascrivibile l'astensionismo di sinistra. Con buona pace delle fantasie psicoanalitiche di Bersani.

Rossana Rossi

Mar, 19/09/2017 - 11:01

E' cosa gravissima che i nostri pseudo-politici abusivi cerchino alleanza in un altro stato che con i fatti italiani non dovrebbe nemmeno entrarci. Non sanno più cosa fare questi vergognosi incapaci politicanti per far approvare questa legge rovinosa che creerebbe ulteriore degrado in questo povero paese già abbastanza rovinato. ITALIANI SVEGLIATEVI.........

clapas

Mar, 19/09/2017 - 11:02

Come detto da qualcuno, siamo allo stalking, una pressione mai vista, facessero lo stesso per salvaguardare i diritti degli italiani sarebbero da elogiare... L'obiettivo vero dell'assurdo ius soli sono i voti e il business delle coop e dei cattocomunisti pseudo cattolici, con bergoglio e i suoi sgherri in prima fila

Ritratto di mina2612

mina2612

Mar, 19/09/2017 - 11:03

Ma se invece di regalare questo Paese a chiunque NON voglia essere cittadino italiano, perchè le prove generali non le fanno direttamente su Renzi stesso? Se non hanno ancora capito quale sia il suo Dna politico perchè l'hanno votato a loro segretario? ... i soliti CdM!

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Mar, 19/09/2017 - 11:10

Poveracci... non sanno più come e dove racattare voti. Ormai sono zombi che tentano di reggersi con la complicità delle istituzioni, della magistratura, del Papa e dei vari "soccorsi rossi". Sono morti, ma non se ne sono ancora accorti.

glasnost

Mar, 19/09/2017 - 11:11

Mi sembra corretto quello che dice Di Maio. Lo ius soli nella sola Italia significherebbe che tanti immigrati diventerebbero europei e liberi di andare nella nazione che scelgono (oltre a tante donne incinte di altri paesi che verrebbero a partorire in Italia). Quindi la normativa deve essere omogenea in tutta Europa. Ci sarebbe un risvolto interessante : finalmente potrò far nascere mio figlio a San Marino o a Malta e pagare li le tasse, non più in Italia.

Andrea_Berna

Mar, 19/09/2017 - 11:14

Ma perche' questa ossessione per renzi su questo giornale? Sempre a difenderlo, sempre a presentarlo come la povera vittima di macchinazioni altrui. Renzi ha governato 2 anni e ha sfasciato il paese definitivamente: di lui si ricorda l'abolizione degli ultimi diritti dei lavoratori, i voucher e l'invasione di clandestini a livelli mai conosciuti prima. Di che stiamo parlando? Dobbiamo rivalutarlo perche' ha contro D'Alema o Prodi? Sono tutti della stessa pasta, dello stesso partito che sta distruggendo l'Italia per conto terzi, tra derive gender, immigrazionismo d'accatto e guerre ideologiche vecchie di 100 anni. Un partito votato all'autodistruzione e alla rovina del Paese. Del destino dei singoli (renzi in questo caso) non ce ne deve fregare niente. Sono tutti parte della stessa melma. A meno che l'obbiettivo sia una grande coalizione in ottica anti-grillo. Che condannerebbe definitivamente l'italia a 5 anni di nulla cosmico.

chiara63

Mar, 19/09/2017 - 11:38

Lo ius soli è un atto di civiltà, ma la destra razzista racconta palle agli italiani per alimentare una paura che non ha ragione di essere. La mancanza di questo diritto, esistente negli altri paesi civili, relega il ns. paese all'arretramento

leopard73

Mar, 19/09/2017 - 12:50

SONO COSE VOLUTE DAI SOMARI DI SINISTRAE SONO TANTI TANTI.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 19/09/2017 - 14:24

#chiara63- 11:38 Tutti progressisti. Prima di finire in ospedale con le ossa rotte e/o la lingerie sgualcita.

Ritratto di mina2612

mina2612

Mer, 20/09/2017 - 15:20

@chiara63, 11.38- La destra NON è razzista, è semplicemente razionale, come lo sono TUTTE le nazioni civili che non attuano questa demenziale imposizione per coloro che NON vogliono essere cittadini di quel Paese. Secondo lei come verrebbero identificati quei bambini i cui genitori hanno un'altra nazionalità? Forse figli di N.N. anche se non è più di moda? O dovranno essere sottratti ai loro genitori dai servizi sociali perchè sarebbero allevati in contrasto con le leggi italiane? E non mi parli di diritti sanitari perchè TUTTI (rom,clandestini,delinquenti,i senza nome...) già li godono.. far funzionare il cervello e non parlare solamente per stereopiti, nooo, è troppo?