Il piano del Movimento per il dopo elezioni: l'alleanza con Salvini e Meloni

Secondo la Repubblica, il Movimento 5 Stelle sarebbe pronto a tradire quella parte dello statuto che vieta di fare alleanze con altri partiti

Un governo Movimento 5 Stelle - Lega Nord. È questo il retroscena svelato dalle pagine de la Repubblica.

Secondo il quotidiano romano sarebbe stato proprio Davide Casaleggio a comunicare ai suoi il progetto futuro: "Se dalla Consulta uscirà (il pronunciamento è previsto per il 24 gennaio, ndr) una legge proporzionale, allora dopo il voto vedremo quali forze saranno disponibili ad appoggiare un esecutivo cinquestelle". Conclude Repubblica: la Lega Nord di Salvini e Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni.

Perché se non ci sarà il ballottaggio, diventerà difficile, se non impossibile, raggiungere il 50 per cento dei consensi e quindi sarà necessaria un'allenza. È stato proprio Salvini che in altre occasione ha dato indicazioni di voto ai suoi: "Tra il Movimento e il Pd, io scelgo sempre l'alternativa al Pd". Quindi, il Movimento.

Nonostante lo statuto del Movimento vieti un'alleanza con altri partiti, a farsi sfuggire il progetto futuro sembrerebbe essere stato Max Bugani che, con Davide Casaleggio e David Borrelli, gestisce la piattaforma Rousseau. "Al Senato con la legge attuale si può lavorare sul programma e vedere chi ci sta - avrebbe detto Bugani - Altre forze potrebbero darci un appoggio esterno. Ovviamente il governo sarebbe del M5S, però coinvolgendo altri partiti su punti programmatici chiari e condivisibili".

A smentire il retroscena svelato da la Repubblica è il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio: "Non so chi beve e scrive queste cose, diffonde queste false notizie. Noi non facciamo alleanze, né con Salvini né con la Meloni".

Commenti
Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Lun, 23/01/2017 - 13:33

bufala

nopolcorrect

Lun, 23/01/2017 - 13:46

Se la Destra non raggiungerà il 51%...ci sono solo due alternative: cinque stelle più tutta la destra o cinque stelle più Lega e Fratelli d'Italia. Dubito che PD + Forza Italia potrebbero avere la maggioranza.

Tuvok

Lun, 23/01/2017 - 14:10

Salvini e Meloni, non fidatevi di Grillo, alla prima occasione vi accoltella alle spalle.

agosvac

Lun, 23/01/2017 - 14:39

Non sarei tanto convinto in un successo elettorale dei 5 stelle. Dopo quello che sta succedendo a Roma.......

Marcello.508

Lun, 23/01/2017 - 14:43

Non ci credo per niente ma si sa: il Pd - inchinato alla Troika - ha talmente scassato i cabbasisi che potrebbe far coagulare forze politiche che fra loro hanno pochissimi punti programmatici in comune x ricercare un'intesa sui temi più importanti per i cittadini: ad es. fermare questa vergognosa invasione, lavoro e sicurezza, aiuto ai ceti più deboli, quest'ultima "una volta" prerogativa di certa sx. Ma, ripeto, non ci credo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 23/01/2017 - 14:53

@asgovac - anch'io sono dello stesso parere. E non sono convinto che il dopo elezioni la base 5S conceda quelle alleanze. Ci sarà un bel casino, inciuci vari, compravendita di posti e poltrone. E' un periodo caotico, e i gruppi sono 3 e non 2, dove difficilmente uno avrà il sopravvento.

giovanni951

Lun, 23/01/2017 - 15:32

non sarebbe male....si va al governo.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 23/01/2017 - 16:10

Magari fosse vero! ci liberiamo in un sol colpo di berlusconi, alfano, cicchitto, verdini, verdoni, verdastri e tutta ll'allegra compagnia dei voltagabbana. Vadano col loro naturale alleato di sinistra, poi vedranno quanti elettori saranno disposti a seguirli.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 23/01/2017 - 16:11

@Tuvok perchè, berlusconi invece...

DuralexItalia

Lun, 23/01/2017 - 16:29

Guardare lo scenario politico italiano di oggi: Il PD con alleati sarebbe attorno al 35% dei votanti, Il Movimento 5 Stelle attorno al 30% in solitario, Lega Nord più FdI verso un 18% e Forza Italia verso un 10-11%. Se Berlusconi appoggia il PD per una legge proporzionale è perchè ci andrà a braccetto, resta la Lega e FdI col M5Stelle che messi assieme sfiorerebbero il 50% dei votanti attuali. Poi se tali congetture resistano alla prova della realtà è tutto da verificare, però è uno scenario probabile. Temi: euro-UE-immigrazione-fisco. Se trovano l'accordo federativo potrebbe essere l'unica novità nel panorama odierno. Vincente? Lo deciderà il popolo italiano, eventualmente...

Tuvok

Lun, 23/01/2017 - 16:37

@wilegio non ho più fiducia in Berlusconi ormai da molto tempo, però un'alleanza con lui si potrebbe valutare, o diciamo che non la escluderei del tutto, ma Grillo è improponibile, è solo un ipocrita voltagabbana. Almeno secondo la mia opinione.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Lun, 23/01/2017 - 16:39

Le 5 stelle sono una compagine raccogliticcia. Ci sono gli arrabbiati, i disillusi di destra ma la maggior parte di sinistra, la sinistra estrema, i demagoghi. Sopratutto sinistra ,per interderci quella che non ha punti di riferimento in parlamento. Che cosa ne verrá di buono?

DuralexItalia

Lun, 23/01/2017 - 16:55

@ottimoabbondante: Mi permetta, Lei sta sbagliando i calcoli: il PD veleggia attorno al 31% dei votanti, altri partiti di sinistra (SI con verdi e simili) attorno al 5% e siamo già ad un 35-36% ovvero il massimo che la sinistra abbia espresso mai in questo Paese (si ricordi il vecchio PCI al 33%). Il restante elettorato è composto di moderati arrabbiati e disillusi che o non votano o votano per protesta. Qui sta il grosso del bacino di 5 Stelle, Lega, FdI. Nel 2008 la CdL berlusconiana prese quasi il 50% con affluenza pari all'80% degli aventi diritto. Dove sono finiti tutti quei voti? Ecco li sta la chiave per vincere le prossime elezioni politiche...

Ritratto di combirio

combirio

Lun, 23/01/2017 - 17:12

Quello che dobbiamo tener presente cosa è prioritario! Abbiamo l' Italia dopo 5 anni di sinistra ai minimi termini! Portata ad un livello di anni 70. Con tutti gli indici in negativo. Cominciamo ad impostare una legge elettorale che possa dare governabilità e rappresentatività come prospettata da La Russa intervenendo in modo minimale sulla modifica dell' Italicum. In un colpo solo levarsi questa sinistra di arraffoni senza arte e ne parte. Fare piazza pulita dei Cicchetto, Alfini, Verdone, Baffino, e COMPAGNIA CANTANTE e ricominciare la ricostruzione come se ci fosse stata un guerra. Poi importante è condividere delle basi che sia Lega o m5s o Fd I il resto verrà da sé.

VittorioMar

Lun, 23/01/2017 - 17:18

....potrebbe essere "IL MALE MINORE"!!....chi ha votato M5S è un deluso....e fra delusi potrebbe nascere una "SIMPATIA CREATIVA DI INTENTI"...chissà.!!

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 23/01/2017 - 17:41

@Tuvok Certo, un'alleanza con berlusconi si potrebbe valutare... ma con quali garanzie, e soprattutto, con quale berlusconi? Quello del '94, o quello dal 2011 in poi, quando si è esibito in alcune perle come l'appoggio a monti e letta, il patto del nazareno e la rielezione del vecchio comunista (da lui proposta e caldeggiata)? Come ci si può fidare di uno così ricattabile com'è lui adesso, dal momento che i suoi stessi consiglieri e collaboratori lo stanno spingendo sempre più verso il pd? Chi mandiamo in parlamento col simbolo di forza italia? Gasparri, Totti, Brunetta, o alfano, verdini, cicchitto e compagnia? Io non ci credo più in un'alleanza con lui.

Albius50

Lun, 23/01/2017 - 18:05

Sicuramente io il voto ad M5S non l'ho darò mai se però ci fosse UN VERO ACCORDO (MA M5S SONO VIGLIACCHI CHE TI PUGNALANO ALLE SPALLE basta a vedere cosa hanno fatto a MILANO con le elezioni COMUNALI 2016)con Lega e FDI si potrebbe anche parlarne.

ziobeppe1951

Lun, 23/01/2017 - 18:13

Tenete presente che gli elettori dei 5s sono in parte vicini alla sinistra e gli insoddisfatti del cdx..destra

gyxo

Lun, 23/01/2017 - 18:27

Di Maio dice di no all'alleanza con lega e fratelli d'italia.Evidentemente a Di Maio piace rimanere all'opposizione vita natural durante.Bonjour tristesse.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 23/01/2017 - 18:28

-----a salvini non gli frega niente di essere partito di governo---la lega ha già sperimentato essere al governo ma dover seguire a ruota partiti maggiori----salvini coltiva solo la sua ambizione personale--al governo ci vuole andare da premier---ma qualcuno gli spieghi che con le percentuali del suo partito è pressoché impossibile che ciò avvenga---hasta

DuralexItalia

Lun, 23/01/2017 - 18:42

@gyxo: si ricordi che in politica tutto è vero solo quando avviene: prima vale tutto ed il contrario di tutto. Se si va a votare nel 2018, perchè dovrebbero svelare ora il percorso politico di una eventuale alleanza politica? Rischierebbero di bruciare tutto troppo presto, non le pare? Tempo al tempo...

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 23/01/2017 - 18:52

Elpirl carissimo 18e28 "PARLA" per Te NON per Salvini!!!! Amen

Tuvok

Lun, 23/01/2017 - 18:58

@wilegio, anch’io non mi fido più di Berlusconi, l’ho scritto anche nel mio post precedente. Quello che volevo dire è che anche se è molto improbabile che ci siano i presupposti per un’alleanza lascerei comunque la porta, se non aperta, leggermente socchiusa, giusto uno spiraglio. Grillo invece è secondo me una persona assolutamente mediocre, leader di un partito “finto” messo su per attrarre i delusi e arrivare al potere costi quel che costi, cioè senza un minimo di coerenza, cambiando idea sulla base di presunte convenienze, come ha fatto ad es. quanto ha mollato Farage, salvo poi dover tornare con la coda tra le gambe. E che dire del tanto sbandierato referendum sull’euro che non si può fare? E del fatto che gran parte della sua base è comunista pro-clandestini? Ha intenzione di mollarli pur di stare a galla? In ogni caso Salvini dice che sta lavorando per un alternativa a PD/M5S quindi non credo che per l’insetto ci siano prospettive.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 23/01/2017 - 19:02

In un sistema politico multipartitico, con ben tre gruppi numericamente tendenti all'equivalenza, l'alleanza preelettorale è indispensabile. Quello che lascia perplessi in merito al “nuovo” Silvio è che lui cerca voti a destra, ma punta ad un'alleanza a sinistra. L'ho seguito per oltre 20 anni, ma a sinistra NO, non ci vado, ho 76 anni di ragioni.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 23/01/2017 - 19:11

Inutile che a destra e sinistra su scandalizzino della presunta apertura anticomunista (o se preferite anti Renzi) di Grillo. Si tratta di una giusta reazione al piano di Renzi di governare il paese con una minoranza di sinistra. Ciò che meraviglia è la totale assenza di politica nel centro-destra, fatta eccezione per qualche sparata di Salvini e per la politica sotterranea di FI, tale da rimanere “sotto”, con nostra grande delusione, ma senza il nostro voto.

eolo121

Lun, 23/01/2017 - 23:30

balle di repubblicaaa fico ha appena detto nooo,, corriere della sera,, no a donald no a lega e meloni.. movimento 5 stelle .. cadenti..

cangurino

Mar, 24/01/2017 - 06:53

il problema dei 5 stelle è nel loro programma. Basta leggerlo (disponibile sul loro sito) per capire che non è un partito, ma un movimento di PROTESTA con una serie di istanze, alcune giuste, ma senza capo ne coda, senza una strategia definita (un quarto del programma è sui risparmi energetici!!!). Ecco perché un giorno sono pro Putin, pro Trump, pro Brexit, pro immigrati il giorno dopo (alcuni) l'esatto contrario. Con un movimento così non è possibile governare o stringere accordi, al massimo appoggiare alcuni provvedimenti utili all'Italia.