A piedi dopo l'alcoltest, falciati lungo la strada

Erano stati fermati a un posto di blocco. Arrestata una 21enne: era al volante dopo aver bevuto

Milano - Erano da poco scesi dalla propria auto, salvati con ogni probabilità da un alcol test dal rischio di farsi del male alla guida o di far male a qualcuno. Mentre camminavano sul ciglio della strada però sono stati travolti e uccisi da un'altra vettura. Al volante una giovane risultata anche lei ubriaca.

La tragedia si è verificata nella notte di venerdì a Bellusco, non lontano da Monza. Intorno alle 2 i carabinieri del Nucleo radiomobile di Vimercate hanno fermato una Seat Ibiza per un normale controllo. Il ragazzo al volante, un marocchino di 29 anni, è stato trovato positivo all'alcol test. È stato quindi multato e gli è stata ritirata la patente. Anche i due amici a bordo con lui erano in stato di ebbrezza, non era quindi possibile che si mettessero alla guida. L'auto è stata sequestrata e i tre uomini non hanno potuto fare altro che avviarsi per rientrare a casa a piedi. Un paio di ore dopo, l'incidente. Due dei ragazzi marocchini stavano camminando sulla strada Provinciale 2. È sbucata una Lancia Y, la cui guidatrice non deve aver visto i pedoni. Che sono stati falciati e uccisi.

La ragazza alla guida della Y si è subito fermata e ha chiamato i soccorsi. Sono intervenuti i vigili del fuoco, il 118 e i carabinieri. Per i pedoni travolti però non c'era nulla da fare. Una delle due vittime è stata ritrovata sul luogo dello scontro, mentre l'altra era stata sbalzata in una scarpata e sono servite alcune ore per rinvenire il corpo. Si tratta di Aziz Oukhanekch, di 38 anni, e Youssef Oujaa, di 33. In un primo momento sono partite le ricerche anche per il terzo uomo del gruppo, si credeva che fosse insieme agli amici e che fosse stato investito con loro. Invece il 29enne, quello che guidava la Seat, è stato rintracciato altrove. Era illeso. Dopo il sequestro della sua vettura aveva deciso di separarsi dai due amici e ha percorso un'altra strada. Abita nel Milanese. Tutti e tre i cittadini marocchini sono in regola con il permesso di soggiorno.

La 21enne che ha investito le due vittime, un'italiana che risiede a Ornago, è stata subito portata all'ospedale di Vimercate. Era in un grave stato di choc. Dopo il ricovero la giovane è stata sottoposta come da prassi ai test anti alcol e anti droga. Le analisi hanno rivelato che si era messa al volante dopo aver bevuto. È stata arrestata con l'accusa di omicidio stradale e ora si trova ai domiciliari. Le indagini sono affidate ai carabinieri di Vimercate, che dovranno ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La causa del duplice investimento potrebbe essere la scarsa visibilità o la scarsa lucidità della guidatrice. Così come l'imprudenza delle vittime, che essendo ubriache potrebbero aver invaso la carreggiata.