Poletti: "La disoccupazione cresce perché c'è la ripresa"

I dati parlano chiaramente di un aumento della disoccupazione, ma il ministro afferma l'esatto contrario

"I numeri di giugno confermano, che siamo di fronte a dati soggetti a quella fluttuazione che caratterizza una fase in cui la ripresa economica comincia a manifestarsi". Lo afferma il ministro del lavoro Giuliano Poletti in merito ai dati diffusi dall’Istat sull’occupazione. "Il tasso di occupazione resta sostanzialmente invariato", aggiunge. Secondo Poletti, infatti, i dati registrati a giugno vedono un tasso di occupazione "sostanzialmente invariato" mentre il calo degli inattivi "è un segno della crescente fiducia dei cittadini sull’incremento delle opportunità nel mercato del lavoro". Tuttavia, annota ancora, anche a fronte di una sostanziale stabilità "è evidente un processo di cambiamento nella qualità e nella composizione dell’occupazione": nei primi 6 mesi, infatti, sono saliti di 250 mila attivazioni, +36%, i contratti a tempo indeterminato, passando dalle 696 mila del 2014 alle 947 mila del 2015, a fronte di un limitato incremento delle cessazioni che passano da 633 a 664 mila, +4,9 %.
Rispetto allo scorso anno, dunque, la quota dei contratti a tempo indeterminato sul totale delle attivazioni cresce così dal 16,1 % al 21,9 %.

Non solo. Il Welfare sottolinea anche come si registri "un robusto incremento" delle trasformazioni dei contratti a termine in contratti a tempo indeterminato, che nel periodo gennaio-giugno passano dalle 129 mila del 2014 alle 183 del 2015 (+41,8 %).
Ma la visuale del ministro Poletti si allarga anche ad altri segnali di cambiamento del clima economico che definisce "significativi di un cambiamento del clima economico": l’aumento di 2 punti percentuali, , da inizio anno, della produzione industriale; la crescita della fiducia delle imprese tornata da maggio a livelli pre-crisi; la ripresa degli acquisti delle imprese del "Made in Italy" che ristrutturano e investono in nuovi macchinari; l’aumento del 40% degli acquisti di macchinari nel settore edile.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 31/07/2015 - 14:28

Che dire? Lui è ministro delle finanze! A me sembra alquanto "strano". Forse glielo ha suggerito Renzi?

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Ven, 31/07/2015 - 15:06

Ma che dice? Il caldo fa brutti scherzi! I contratti a tempo indeterminato aumentano e la disoccupazione aumenta, chi ciula nel manico?

Ritratto di alex7777

alex7777

Ven, 31/07/2015 - 15:21

Ma negano anche l'evidenza. Come Stalin, che ha fatto condannare a morte per 'catastrofismo' chi gli aveva fatto presente che in Ucraina c'era la carestia e muorivano a milioni. BASTA CON STI COMUNISTI DI MERDA!!!! Ma e' possibile che ci sono ancora tanti COGLIONI che gli credono??

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 31/07/2015 - 16:27

Come dire che l'erezione è deficitaria perchè c'è un'inflazione di steroidi sessuali...

Ritratto di gianpaolo.barsi

gianpaolo.barsi

Ven, 31/07/2015 - 19:59

C'è ancora qualche sprovveduto che crede a questa gente? è questo il vero grande problema. Sparatele sempre più grosse, più grossje che potete. Molti occhi si apriranno. In alto i cuori!

Gioa

Ven, 31/07/2015 - 20:49

COME CHIACCHIERA QUESTO POLETTI DI SICURO NOI CHE NON SIAMO POLITICI FACCIAMO MEGLIO. FIN QUI TUTTI CI ARRIVIAMO!!. DATTI ALL'IPPICA E CONFIDA NEL CAVALLO SANO!!

Gioa

Ven, 31/07/2015 - 20:51

SIGNOR POLETTI DA QUANDO MAFIA CAPITALE TI HA CHIESTO: PERCHE' E' ANDATO A CENA CON BUZZI?...IL RISULTATO E' CHE TI SI E' PRESA LA FISSA DELLA CENA "BUZZIANA"!! MANGIA MENO CHE SEI GRASSO!!

Ritratto di pinox

pinox

Ven, 31/07/2015 - 23:22

la disoccupazione cresce perchè c'è la ripresa, il debito pubblico aumenta perchè lo stato spende meno di quello che incassa, così come il livello di tassazione aumenta perchè lo stato ha sempre meno bisogno di entrate......ma va a scòla sumàr!!!!

swiller

Sab, 01/08/2015 - 08:43

Ma si può essere così imbecilli.

seccatissimo

Ven, 28/08/2015 - 08:55

Questo tizio sta a dimostrare, se ciò fosse ancora necessario, che in Italia coloro che vengono scelti per le cariche pubbliche più elevate sono come minimo ignoranti come capre e normalmente hanno un QI bassissimo!

augusto14

Gio, 03/03/2016 - 13:03

Molto, ma molto estroso!