Primarie Pd, effetto Gomorra: arriva la scomunica di Saviano

Lo scrittore ha invitato a disertare le urne in Campania: «È voto di scambio». Il partito costretto a inviare un controllore della regolarità. Il bassoliniano Cozzolino è favorito su De Luca

Quattro rinvii, due abbandoni per «impraticabilità di campo», l'unica donna talmente scoraggiata da ritirarsi, un eurodeputato dimessosi per protesta, un osservatore Onu, pardòn della segreteria Pd, a vegliare sulla «regolarità delle operazioni di voto». Dulcis in fundo , l'appello a non votare dell'icona della lotta anticamorra, Roberto Saviano, abitualmente di casa sulle colonne di Repubblica e stavolta invece singolarmente postato sul profilo Facebook , e prontamente ripreso dal blog di Beppe Grillo.

Terra dei fuochi (fatui) e dei fumi (tossici): benvenuti alle primarie del Pd in Campania, al loro sfumato e ambiguo set che dalla farsa nazionale che si ripete ormai con sempre maggiori problemi in ogni landa (ieri hanno votato anche nelle Marche), da queste parti diventa «reality» dai contorni quantomeno inquietanti. Ne erano consapevoli i leader nazionali, attenti a non inimicarsi le fonti di un potere sempre uguale a se stesso; è stato denunciato con i consueti toni salottieri dal leader della sinistra interna Gianni Cuperlo («scontro anomalo», ha detto). Eppure nessuno è riuscito a mettere ordine e legalità in un rito che ha officianti uguali da sempre, «cacicchi» contro i quali è sempre stato meglio acconciarsi che prendersi di petto. Così dopo un lento avvio alle 19 i votanti ai seggi erano oltre 146mila, e in tarda serata l'atteso nome dello sfidante del governatore Caldoro è uscito dalle urne come da previsione.

Segno tutto sommato che l'appello in extremis di Saviano ha fallito il bersaglio, che l'inquinamento dei voti è superiore alla cosiddetta «coscienza civile». «Non andate a votare - aveva scritto e detto l'autore di Gomorra -, i candidati sono espressione della politica del passato. Queste elezioni saranno determinate da voti di scambio. Pacchetti di voti sono pronti ad andare a Cozzolino, altri a De Luca, e saranno scambiati con assessorati; assessori i cui nomi sappiamo già. Non legittimate questo gioco!». Saviano ha espresso la delusione per un rinnovamento della classe dirigente pd che non esiste: «Entrambi i candidati maggiori sono in continuità con la vecchia politica, ci sarà una forte partecipazione dei cosentiniani, il rinnovamento non c'è stato, così com'era successo in Liguria le primarie non hanno alcun senso e per l'ennesima volta sono il meccanismo dell'ennesimo voto di scambio».

Bassoliniano il favorito, l'eurodeputato Andrea Cozzolino; afflitto dalla possibile decadenza l'ex sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, a processo per abuso d'ufficio. Terzo incomodo il capogruppo psi alla Camera, Marco di Lello. Ritiratisi all'ultimo momento dalla competizione il neo-renziano Gennaro Migliore e l'esponente dell'Idv, Nello Di Nardo. Nessuna donna in competizione, come spiega l'avversario Caldoro, perché «Angelica Saggese, una brava parlamentare, ha ricevuto talmente pressioni e scoraggiamenti da costringerla a ritirarsi in buon ordine». Pressioni indebite denunciate ancora nella giornata di ieri dal deputato udc Simone Valiante, a proposito di un vicesindaco di Vallo della Lucania (Salerno), Marcello Ametrano, sempre dell'Udc, che si sarebbe assai speso nel sostegno a De Luca. Ma i veri giochi si sono già fatti, e fatti altrove. Così che il «oggi vince la Campania» sbandierato già in mattinata da Cozzolino, pronto anche a rintuzzare le accuse di Saviano («è una risorsa importante, ma spero di smentire le sue parole con le scelte che faremo») assume un suono più che mai sinistro.