Protestare stanca, Grillo pure Vicina l'eclisse dei Cinque stelle

La Rete non ha prodotto alcuna rivoluzione: i cervelli camminano sulle gambe degli uomini, e se gli uomini sono stupidi il computer non lo sa: registra una situazione, non la complessità della vita, pubblica o privata che sia

Torniamo alle origini prima di parlare della fine. In principio era il Verbo, e il Verbo era Grillo. Il quale berciava e compiva il miracolo di eccitare le folle, avendo trasferito il cabaret dai teatri e dagli studi televisivi alle piazze. La gente si divertiva un mondo ad assistere, per giunta gratis, alle performance del Grande Comico, talmente geniale da aver applicato con successo alla politica l'arte di saper divertire. Quelli di Beppe non erano infatti comizi bensì spettacoli di satira, zeppi di battute demolitorie di ogni potere consolidato.

Il linguaggio dello stravagante oratore era totalmente di rottura rispetto a quello dei tribuni tradizionali, e seduceva coloro che, stanchi delle litanie della Casta, non vedevano l'ora di essere diversamente rappresentati. Nel giro di pochi anni, il Movimento 5 stelle è diventato il secondo partito italiano. Come mai una simile esplosione? L'elettorato - che ha sempre ragione - aveva trovato il suo vendicatore, capace non solo di polemizzare grossolanamente con chiunque, ma anche di sfottere a sangue i bolsi padroni del vapore. Ascoltare Grillo che sbeffeggiava tutti, dall'ultimo onorevole al capo dello Stato, produceva un effetto catartico su chi non sopportasse i tortuosi discorsi degli addetti ai lavori.

Ogni «vaffa» aveva il suono canzonatorio di un pernacchio rivolto ai potenti, molto più efficace del gesto dell'ombrello. Ecco spiegato il trionfo dei pentastellati, specialmente del loro leader, senza il quale il Movimento non sarebbe mai nato. Nella fase dell'ascesa, tutto faceva brodo e contribuiva ad aumentare la popolarità del gruppo. Impossibile dimenticare il faccia a faccia tra Pierluigi Bersani e la delegazione grillina, ripreso in streaming, in cui il segretario del Pd tentava invano - respinto con perdita - di elemosinare un aiuto per comporre una maggioranza di governo purchessia. È stato il momento più penoso della democrazia italiana, ormai avviata al disfacimento.

Poi nel M5s è accaduto qualcosa, e il giocattolo si è inceppato, un guasto irreparabile. Grillo è andato in scena ancora con lo stesso brio, peccato, però, che le sue concioni fossero repliche delle prime esibizioni politico-cabarettistiche. Interessanti, spiritose. Ma alla fine anche il caviale, se ne mangi troppo, diventa indigesto. Beppe adesso appesantisce lo stomaco. Il sapore del suo caviale è molto simile a quello della solita minestra riscaldata.

I pentastellati, scaduto il loro pastore, hanno cominciato a sbarellare, a dare i numeri, alternando figuracce a manifestazioni di burinaggine acuta e irreversibile. Un gregge, se non ha almeno un buon cane che lo tiene unito, fatalmente si disperde. Alcune pecore sono state espulse dalla diarchia Grillo-Casaleggio, facile a crisi isteriche; altri ovini se ne sono andati motu proprio e altri ancora, desiderando non abbandonare il pascolo, sono pronti a entrare nell'ovile del Pd e addirittura in quello della Lega di Salvini. Brutti segnali. Annunciano che presto sarà aperta la procedura fallimentare, notoriamente lunga e sfiancante.

Il dato che spicca è questo: lo stesso Grillo dà l'impressione di essere disgustato dalla propria creatura. Forse la odia e pensa: io l'ho creata e io la distruggo. Finora non ha ceduto alla tentazione di sfasciare: crepi Sansone con tutti i filistei. Ma lo farà quando si sarà accorto che il suo modello politico, basato sulla Rete, è una frana destinata a precipitare nel vuoto assoluto. Internet va bene per comunicare sogni e velleità (così come i social network, esaltatori di banalità, diffusori di insulti e volgarità) ma è inidoneo quale strumento democratico cui affidarsi per selezionare personale all'altezza di entrare in Parlamento o in un Consiglio comunale.

La Rete non ha prodotto alcuna rivoluzione; i cervelli camminano sulle gambe degli uomini, e se gli uomini sono stupidi il computer non lo sa: registra una situazione, non la complessità della vita, pubblica o privata che sia. Forse Grillo ha anticipato troppo i tempi, ha creduto nella Rete quasi che fosse una religione, una verità. Non è così. Il Movimento del resto è eterogeneo, ciascun componente va dove lo porta l'istinto (di sopravvivenza), non ha un punto di riferimento; e la mancanza di un denominatore comune impedisce compattezza e unità d'intenti.

D'accordo che le ideologie sono morte, ma qualche idea bisogna pur averla per governare. Protestare è come lavorare: stanca. E ciò che è ripetitivo nausea. Nonostante questo, i sondaggi danno ancora il M5s al 19 per cento. Però attenzione: in politica i crolli sono improvvisi, e arrivano quando meno te li aspetti. Auguri.

 

Commenti

Clobell

Mer, 24/12/2014 - 14:45

Sono uno di quelli che il voto lo cambiano ad ogni elezione. Ho scoperto che, in un certo senso, sono quelli come me che producono cambiamenti politici, non certo gli "affezionati" ad un partito. Quindi il mio voto è andato nei vari periodi, un po' a tutti: PD, Lega, FI, e anche al primo Movimento 5 stelle. Sono stato molto deluso da Grillo, probabilmente l'ho sopravalutato, non pensavo però che potesse assumere un atteggiamento così estremo e ostile nel confronto con le altre forze politiche. Per me aveva in mano l'Italia, ma non è stato all'altezza.

Azzurro Azzurro

Mer, 24/12/2014 - 20:20

vorrei capire questo analfabeta chi lo vota

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 24/12/2014 - 20:21

Potenzialmente Grillo poteva durare se ... avesse smesso di fare il buffone ed iniziato a fare il politico. La gente era, ed è, stufa degli stessi figuri, sempre. Tutti hanno promesso, nessuno ha mantenuto. M5S poteva essere quella scossa che faceva cadere il castello di carte dei poltronisti romani, ma sparare cavolate tipo reddito di cittadinanza, giusto concettualmente ma non siamo in Abu Dhabi, usare la rete come base e non come strumento, ma forse lui e l'altro ci guadagnavano sopra, urlare improperi, condivisi da tutti ma inefficaci ai fini del potere, ed altre bischerate per dirla alla Fabrizio Boschi, hanno fatto si che il pallone gonfiato si sia prontamente bucato e sgonfiato. Se voleva fare il rivoluzionario doveva assicurarsi l'appoggio delle FFAA, delle banche, delle masse organizzate capillarmente. Urlare in piazza fa venire solo il mal di gola all'urlatore.

scipione

Mer, 24/12/2014 - 20:21

Non ho mai creduto che il M5S potesse avere successo e contribuire a risolvere i problemi del paese,perche' sono stato sempre convinto che i buffoni stanno bene solo al circo.Clobel,mi scusi,ma da quello che dice,temo che non abbia valori stabili in cui crede.

Azzurro Azzurro

Mer, 24/12/2014 - 20:26

Clobell Tutte le volte che l'ho sentito parlare, da ingegnere, mi sono reso conto che e' un ignorante di tutto rispetto. Non sa quel che dice e puo' essere seguito solo da ignoranti come lui.

Miraldo

Mer, 24/12/2014 - 20:34

M5S= Incapaci lavativi e morti di fame.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 24/12/2014 - 20:46

piano piano si stanno spegnendo :-) ed ersola continuerà a scrivere le sue scemenze senza nemmeno rendersi conto di quanto sia diventato ridicolo! e comunque, le mie previsioni iniziali (febbraio 2013) si sono rivelate azzeccate e prevedibili! al contrario quelle vostre fanno solo cagare :-)

@ollel63

Mer, 24/12/2014 - 20:51

ancor più burini, direi "somari" , sono l'esercito sbarellato di coloro che per protesta hanno sprecato il loro voto mandando in parlamento tali asini (questi sì si son riempiti ben bene la pancia e le tasche, per il resto della loro vita, alla faccia dei loro creduloni babbei elettori e purtroppo di tutti noi italiani). Quanto siamo stupidi! Non abbiamo eguali al mondo. In questo siamo imbattibili.

CALISESI MAURO

Mer, 24/12/2014 - 20:58

Si hanno fatto molti errori, e forse il loro target non e' chiaro, ma se li confrontiamo con l'accozzaglia che ha portato il Paese alla bancarotta, forse sono il meno peggio. D'altronde loro le leve del potere mica le hanno sfiorate. La colpa e' ben definita, quindi non spingerei troppo sulle colpe del movimento. Vediamo se il Salvini riesce a fare qualcosa di buono a parte far vedere il torso villoso. Certo che una alleanza Lega 5 stelle darebbe del filo da torcere all'attuale potere. Stiamo a vedere.

magnum357

Mer, 24/12/2014 - 21:24

Questo non ha capito niente di politica !!!! Le sue fobie contro la partecipazione dei suoi adepti agli usuali mezzi di comunicazione (tv, radio) lo hanno fottuto e si è scavato la fossa da solo !!!! Ormai è troppo tardi, con tutte le defezioni che ci sono state tra i 5Stelle!!!! Amen e buon Natale a tutti !!!!!

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mer, 24/12/2014 - 21:35

Certo, la burinaggine è tanta. Non manca anche negli altri partiti, vedi Lega e F I, ma nei 5 Stelle è a livelli allarmanti,( senza giungere alle vette del sindacato ed in particolare della CGIL). Qui si pone un quesito: peggio burini o peggio ladri?. Un cosa è certa: dalle altre parti i burini sono pure ladri. Non risulta, per il movimento 5 Stelle.

Ritratto di .MAFIAcapitale...

.MAFIAcapitale...

Mer, 24/12/2014 - 22:57

la fine del M5S farebbe piacere ai ladri, ai mafiosi, ai lobbisti, agli affaristi, ma purtroppo per loro il M5S è solo all'inizio del suo lavoro, ripulire l'italia dallo sterco

BruceHarperWayne

Mer, 24/12/2014 - 23:24

Come faccia questo pseudo partito ad essere ancora oggi indicato nei sondaggi attorno al 20% rimane un mistero. Sono degli scappati di casa, sognano ancora di governare da soli col 51% senza accordi o alleanze.

19gig50

Gio, 25/12/2014 - 00:04

Il fatto è che vogliono i soldi e per questo vogliono scaricare il Guru… dalla pancia piena.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Gio, 25/12/2014 - 00:10

Urlare ti fa solo sentire dagli altri. Ma non risolve niente. Anche nel lontano (aimè) 1947 ci fu un tale Giannini che inventò il movimento politico "l'Uomo Qualunque" che ebbe, alla sua prima tornata elettorale, un certo successo che però non resse la seconda volta. Il movimento sparì nel nulla. Questa cosa io la dissi l'indomani della apparizione del Movimento5Stelle. Forse sono stato buon profeta.

Ritratto di sempreforzasilvio#

sempreforzasilvio#

Gio, 25/12/2014 - 00:50

Ormai i 5stelle continuano a dividersi e vanno verso il declino. Non come noi di Forza Italia, ups Forza Italia e La Destra, ups PDL, ups PDL e Futuro e Liberta', ups PDL e Fratelli d'Italia, ups PDL e Forza Italia, ups Forza Italia e NCD, ups Forza Italia, NCD e prossimopartitodiFitto.

Ritratto di gangelini

gangelini

Gio, 25/12/2014 - 01:58

A vedere l'epilogo dell'avventura di Grillo mi viene in mente il film Forrest Gump; quoziente intellettivo molto al di sotto della media (in sintesi un cxxxxxo). Ad un certo punto si mette a correre e lo fa senza sosta per giorni, settimane, mesi. Moltissima gente presa dalla curiosità e dall'ammirazione iniziano a correre dietro a questo strano personaggio. Ad un certo punto Forrest si ferma e dice "Sono un po' stanchino !" e tutta la sua avventura, pubblicizzata in modo palese dai mass media di tutta l'America, svanisce. Grillo è una persona molto intelligente ed abile; i Forrest Gump, con il quoziente intellettivo al di sotto della media (in sintesi dei cre..ni), sono quelli che lo hanno votato. Prima Di Pietro, adesso Grillo. Ma la gente che cosa ha nella testa ? Segatura ?

tristanorivalen

Gio, 25/12/2014 - 04:02

Credo che grazie a questi imbecilli del M5S che ci ritroviamo governati dall'ebetino... non era difficile capire da subito che erano dilettanti allo sbaraglio... questo spiega che la "massa" non è stata oggettiva... e credo proprio che il livello sia sempre uguale.

liberanosamalo

Gio, 25/12/2014 - 07:49

Sig. Feltri, lei scrive che protestare stanca, ebbene io invece sono più stanco di quello che fanno i nostri politici in parlamento e fuori. Quindi, essendo il Movimento 5 Stelle l'unico movimento che combatte contro questo tipo di politica, avrà il mio voto. Semplice logica.

gigo52

Gio, 25/12/2014 - 07:59

BIASINI: tu naturalmente sei orgogliosamente del M5S e fiero della "onestà culturale", perchè noto casualmente che nella burinaggine hai incluso oltre che al movimento 5Stelle solo FI e Lega, i sindacati dovrebbero essere un' altra cosa dai partiti o movimenti che siano. complimenti per le tue convinzioni e buone feste!

Clobell

Gio, 25/12/2014 - 17:48

E' evidente, caro Scipione, che non ho valori stabili in cui credere, per il semplice motivo che di valori non ne vedo. Alla fine tutti i vari "mercanti" da Berlusconi a Renzi, a Grillo, non hanno fatto altro che vendere la loro merce. E' ovvio che questa gente attira il voto degli "infedeli" come me, però, come stiamo constatando, non vivono a lungo. Purtroppo sto ancora aspettando il "Messia".

Ritratto di sempreforzasilvio#

sempreforzasilvio#

Gio, 25/12/2014 - 18:53

@gangelini se vuoi incontrare persone con quoziente intellettivo AL DI SOPRA della media, ti consiglio di andare ai comizi del PDL. Li' ne trovi quanti ne vuoi, altro che quegli stupidi grullini ahah

giuditta

Gio, 25/12/2014 - 21:50

Illuso ! Come tutti i movimenti neonati, M5S ha un problema di selezione della rappresentanza. Peraltro marginale, atteso che la ragione fondante del movimento è il suoeramento della democrazia rappresentativa. Quando quei meccanismi di selezione saranno collaudati ogno problema sarà risolto. Rassegnatevi ! Cariatidi della prima e seconda repubblica ! Per voi non c'è futuro.

SCIPIONEMILIANO

Gio, 25/12/2014 - 22:12

COME SEMPRE UN'ANALISI DA GRANDE MAESTRO.GRILLO E' AL TRAMONTO NON AVENDO RAGGIUNTO IL 51%. MA DIMMI QUANDO E COME RIUSCIREMO A LIBERARCI DEL POTERE ASSOLUTO DELLA SINISTRA CHE OGGI COL 25% DEI CONSENSI HA TUTTI I POSTI DI COMANDO?

Ritratto di sempreforzasilvio#

sempreforzasilvio#

Ven, 26/12/2014 - 13:34

Feltri tornatene a casa tua, in Austria. Grazie