"Ecco perché la sinistra perde". E i dem "massacrano" Rampini

Federico Rampini ammette che la sinistra ha abbracciato il permissivismo dimenticando il popolo che vive nel degrado. Le parole non sono piaciute a Livia Turco che ha risposto al giornalista

L’attacco più duro contro la sinistra, in particolare quella che gestisce il potere in Emilia-Romagna in modo ininterrotto da decenni, arriva non da Matteo Salvini o da qualche altro esponente del centro-destra bensì da Federico Rampini, giornalista di Repubblica.

Rampini, intervenuto al programma di La7 Piazza Pulita, ha commentato le due manifestazioni svoltesi a Bologna, quella della Lega e degli anti-leghisti. Nel suo intervento, il giornalista ha sottolineato che la crisi della sinistra ha motivi ben precisi che non possono essere sottovalutati. L’essersi staccata dal suo popolo e l’aver dimenticato la questione sicurezza abbandonando chi vive in situazioni di degrado sono i fattori che hanno creato scompiglio devastato l’identità di quell’area politica.

Il giornalista ricorda i tempi in cui Bologna, realtà che conosce bene fin dalla giovinezza grazie al suo lavoro, era la vetrina del modello messo in piedi dal vecchio partito comunista: “La città meglio amministrata in Italia e in Europa con servizi sociali fantastici di cui andavamo fieri”.

Ma quelli, sottolinea Rampini, erano anche i tempi in cui lo stesso Pci si occupava della sicurezza dei cittadini e di far rispettare le regole. Oggi, invece, la situazione è radicalmente diversa. Il giornalista ammette che quando si trova in città e dorme in un albergo nei pressi della stazione, ha paura di uscire di sera perché si sente insicuro.

Questo, per Rampini, è il grande disastro compiuto dalla sinistra. Quest’ultima, infatti ha abbracciato il permissivismo senza se e senza ma con tutti quelli che delinquono, perché magari i criminali come gli spacciatori, ancor di più se nordafricani, da chissà quale degrado sociale sono mossi. Ciò però porta dimenticare il popolo che vive in quelle situazioni difficili e di abbandono.

La sinistra, per Rampini, ha dimenticato proprio quel popolo che era la sua base perché in pratica, dopo tanti anni di potere, si è fatta establishment. Una realtà difficile da digerire ma ammessa anche dai simpatizzati di Bologna che sostengono come il Pd sia diventata una macchina di potere che si è allontanata dalle sue radici proprio nella regione più rossa d’Italia.

Le parole schiette e frutto di grande onestà intellettuale proferite da Rampini non sono piaciute a Livia Turco che su Huffingtonpost ha scritto di essere sorpresa dalle frasi sulla retorica del buonismo della sinistra.

La Turco, cresciuta alla scuola del Pci, ricorda di aver contribuito a fare una legge organica sulla immigrazione “che parlava di regole, di diritti e doveri a partire dalla stella polare della dignità umana. Mi occupo tutti i giorni di immigrazione da cittadina e la gente di sinistra che incontro non fa parte di salotti ma lavora nelle scuole, negli ospedali, nei servizi sociali e nelle periferie e aiuta chi ne ha bisogno, sia italiano che straniero.

Per la Turco il dovere di giornalisti come Rampini sarebbe quello di raccontare questo popolo, ringraziarlo e farlo conoscere così da abbattere muri e far crescere legalità. Inoltre, bisogna “chiamare a raccolta popolo e intellettuali a ragionare su come costruire l’Italia e l’Europa della convivenza, su come rendere concreto il motto europeo della unita nella diversità”.

Ma non solo. Per l’ex ministro“una sinistra coraggiosa chiede che si aprano canali regolari dell’ingresso per lavoro come richiesto da alcuni settori della nostra economia, cerca di togliere dalla illegalità le migliaia di persone con la regolarizzazione ad personam, abroga i decreti sicurezza di Salvini, costruisce una nuova legge quadro sulla immigrazione” e creare le condizioni per far incontrare e conoscere italiani e immigrati.

La Turco, inoltre, sostiene che bisogna opporsi all’odio dimostrando che “insieme si può”. Il suo messaggio, ovviamente, non può terminare senza un attacco a Matteo Salvini, politico che divide e a cui “bastano gli slogan e i selfie”.

Commenti

valerie1972

Ven, 15/11/2019 - 22:19

Livia Turco vive nel mondo della sue allucinazioni e chiede a tutti di lavorare d'impegno anche solo per dire che però un qualche giorno da qualche parte potrebbero diventare cose reali. Dormi Livia, quando ti svegli ci racconti cos'hai sognato di bello.

killkoms

Ven, 15/11/2019 - 22:39

guai a dissentire!

GiovannixGiornale

Ven, 15/11/2019 - 22:39

I danni che ha fatto la Turco sono come quelli dell'acqua alta di Venezia. Ancora ha il coraggio di blaterare senza rispondere nel merito a Rampini, ma sproloquiando i soliti slogano buonisti senza capo né coda. Ricordo alla signora (si fa per dire) che ai suoi tempi bastava un anonimo scontrino per attestare la presenza in Italia ad una certa data del regolarizzando, con la conseguenza che quella che lei chiama regolarizzazione ad personam, era diventata in realtà la regolarizzazione a catafascio.

nino49

Ven, 15/11/2019 - 22:39

ho ascoltato il suo intervento in tv (piazzapulita ...credo)e non riuscivo a credere alle mie orecchie! Questa sì che si può chiamare "onestà intellettuale"! Pur definendomi di destra non posso che ammirare persone così!!!

Ritratto di Civis

Civis

Ven, 15/11/2019 - 22:48

La sostituzione della dimensione libertaria a quella ideologica, dopo il crollo del comunismo sovietico, ha allontanato rapidamente la sinistra dai lavoratori e l'ha avvicinata alle posizioni farisaiche delle elite.

torquemada63

Ven, 15/11/2019 - 22:48

povera donna! una radical chic ,avete esasperato la gente,l'avete derubata, sfruttata, in 70 anni ,avete distrutto la classe politica italiana,avete distrutto il lavoro, ci avete svenduto per i vs tornaconti, ed ora siete alla fine, che speriamo arrivi presto.

manente

Ven, 15/11/2019 - 23:40

Che il coma di gente come Livia Turco sia irreversibile, è testimoniato dal fatto che osano ancora parlare di "dignità umana"!

cgf

Ven, 15/11/2019 - 23:55

condivido quanto scritto da Federico Rampini, Livia Turco provi piuttosto esperienze proprie e non quelle riportate, provi a pensare che anche Mortadella ha detto +/- la stessa cosa, certo con la 'la sua propria eleganza che lo contraddistingue' ma la sostanza è che il la sinistra non si preoccupa più della gente che sta male.

mitmar

Sab, 16/11/2019 - 00:12

Ricordo perfettamente la puntata di Porta a Porta, qualche annetto fa, in cui Livia Turco ammise "forse sull'immigrazione abbiamo un po' sottovalutato la situazione" parlando proprio del fallimento della Turco Napolitano. A sinistra arrivano sempre in ritardo di un po' di anni. Dai carri di Praga al patetico revanscismo sul muro di Berlino. Rampini inizia ad arrivarci ora. Leggessero Rothbard invece di Marx ci arriverebbero prima.

nopolcorrect

Sab, 16/11/2019 - 00:16

Ma da quando in qua impedire di violare i confini della Patria a uno straniero che pretende di venire da noi senza visto e passaporto significa odiare questo straniero? E da quando in qua un Ministro come Salvini che pretende che non si violino i confini della Patria è per questo un fascista? Ma ci rendiamo conto della stupidità di tante affermazioni della sinistra? E ci meravigliamo se la Destra continua ad avanzare nei sondaggi elettorali?

Riccardo111

Sab, 16/11/2019 - 00:24

Non dite la verità in faccia alle sinistre, si offendono hahaha ricordano molto le aristocrazie alla corte di Versailles

brunog

Sab, 16/11/2019 - 01:39

Il PCI ossia la sinistra rappresenta quello che era il PNF, Partito Nazional Fascista, dal 1922 al 1945, era il potere in tutte le sue sfaccettature.

Franco40

Sab, 16/11/2019 - 04:01

Osservo ed ascolto con piacere gli interventi in TV di Rampini che mi appaiono onesti e che condivido quasi in toto. E' vero che la Sx ha abbandonato il suo popolo nella insicurezza e disordine; in pratica ha invertito i termini. Prima occorre assicurare vivibilità, sopratutto nelle periferie, ed obbligare gli irregolari a comportamenti accettabili dal popolo italiano, poi si potrà applicare il concetto d'integrazione ma soltanto per coloro che non delinquono ed non stanno qua per modificare il ns modus vivendi, ma che lo accettino.

Ritratto di sbuciafratte

sbuciafratte

Sab, 16/11/2019 - 07:18

Un politico raffinato come Togliatti diceva unità nella diversità, ma anche stare ad un passo avanti rispetto alle masse non due. Ora il PD è a mio avviso a 50 passi rispetto alla classe lavoratrice e anche alle masse. Ora il PD è strange in the night, straniero nel buio e dire che lo votavo quando era un compagno solare

VittorioMar

Sab, 16/11/2019 - 08:09

..se lo ascoltassero di PIU'...forse si RIPRENDEREBBERO IL MANCATO CONSENSO...!!...HA ESPERIENZE INTERNAZIONALI che andrebbero "UTILIZZATE"..non i Filosofi limitati di CASA NOSTRA...!!

GeoGio

Sab, 16/11/2019 - 08:41

Beh gli slogan di Salvini sono molto chiari, mentre la Turco, dall álto della sua pensione d'oro ha parlato mezzora per dire che si occupa di immigrazione come cittadina insieme a non si s chi, che vuol dire che non fa niente se non ignorare il degrado e la bomba sociale che stanno innescando con la loro demagogia folle

Ritratto di Risorgeremo

Risorgeremo

Sab, 16/11/2019 - 08:45

Al di là del fatto che in Italia l'onestà intellettuale è un optional che dà solo fastidio (sia da una parte che dall'altra), e al di là del fatto che Rampini non ha detto niente di speciale, se non constatare la semplice realtà, alla Turco e a tutti quelli come lei, incapaci della benché minima autocritica, continua a sfuggire la questione di fondo, ineludibile e inesorabile: la perdita di consenso del PD e l'incredibile avanzata della destra nella loro regione. Come rimedio (?) continuano a riproporre instancabilmente il buonismo e il multiculturalismo che hanno portato al disastro sociale davanti agli occhi di tutti e le cui conseguenze non vengono pagate nei salotti o a Capalbio (lì i migranti li vogliono solo di bronzo), ma nelle periferie e dal popolo. I dirigenti del PD sono come i Lemming.

hectorre

Sab, 16/11/2019 - 08:52

hanno cambiato bandiere e sigle ma arrivano tutti dalla scuola comunista!!..inutile inserire le parole “democratico” o eliminare la falce e martello, comunisti erano e comunisti sono rimasti!...la loro sete di potere non è mutata negli anni, i loro modelli erano e sono governi totalitari, infatti usando il paravento di una costituzione vecchia di decenni, odiano le urne e gli avversari!!!...nel dopo guerra hanno ingannato le classi meno abbienti e istruite per racimolare consensi, ora puntano sullo ius soli per indottrinare un nuovo elettorato...la classe operaia ora è istruita e consapevole, da una sinistra che va a braccetto con industriali e banche non otterrà mai nulla.

lappola

Sab, 16/11/2019 - 08:53

La Turco dice che ha contribuito a fare una legge organica sulla immigrazione “che parlava di regole, di diritti e doveri" POI chiede che si aprano canali regolari dell’ingresso per lavoro, POI abroga i decreti sicurezza di Salvini. Ma questa ci è o ci fa? ma si può succhiare e soffiare contemporaneamente? chiedetelo a lei, intanto arriva il 26 Gennaio e se non si sbriga, affonda.

MOSTARDELLIS

Sab, 16/11/2019 - 08:53

Questo è il classico esempio di due visioni del mondo partendo dalla stessa base. Rampini che oggettivamente vede le cose come stanno oggi e la parabola fortemente discendente dei comunisti italiani, e la visione della comunista Turco, sempre impregnata di ideologia sinistra, che non ha mai pensato ai milioni di morti ammazzati dal comunismo e ai milioni di clandestini che ci stanno invadendo con il suo aiuto.

Calmapiatta

Sab, 16/11/2019 - 08:54

La sx é ormai completamente avulsa dalla realtà. Non la vedrebbe neanche se ci sbattere il naso sopra....

Mdecaroli

Sab, 16/11/2019 - 08:56

Io sono modenese eh Livia che bello quei tempi in cui il partito era unito e forte la gente lo votava a prescindere, le coop pompavano soldi a più non posso e il mondo per voi era sempre bellissimo! Chissà adesso come sono i tuoi sogni notturni ....incubi forse!

Savoiardo

Sab, 16/11/2019 - 09:15

C' e' il razzismo sociale ( oltre a quello contro i neri, gli Ebrei ecc.) che e' quello delle elites dominanti politicamente corrette contro chi non la pensa come loro,in particolare diretto verso coloro che lavorano. Ne e'stato un esempio il socialista presidente francese Hollande che ha chiamato gli operai in sciopero Gli SDENTATI come hanno riferito i media.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 16/11/2019 - 09:19

Ho sempre condiviso poco pensieri di Federico Rampini, tuttavia la lucidità con cui ultimamente esprime il proprio pensiero su "deficienze" politiche della sx italiana, le trovo corrette, motivate.” La sinistra, per Rampini, ha dimenticato proprio quel popolo che era la sua base perché in pratica, dopo tanti anni di potere, si è fatta establishment. Una realtà difficile da digerire ma ammessa anche dai simpatizzati di Bologna che sostengono come il Pd sia diventata una macchina di potere che si è allontanata dalle sue radici proprio nella regione più rossa d’Italia.” Come reagisce la sx quando qualcuno si "disallinea" dal proprio augusto pensiero? Rampognando! Normale direi, per una come “mento al vento” poi..

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 16/11/2019 - 09:19

Mi spiace per il signor Rampini ma il Bel Paese è famoso per aver ripetutamente dimostrato la validità della frase: NEMO PROPHETA IN PATRIA.

maxfan74

Sab, 16/11/2019 - 09:21

Il Sig. Rampini, fa un'analisi corretta e critica di quello che succede alla Sinistra Italiana, la fa con gli occhi di chi conosce l'Italia, ma anche di chi a volte la vede dall'esterno, e quindi ha un'acutezza maggiore di un semplice politico italiano. Sentire parlare di Papeete, di accoglienza senza capire dove si vuole arrivare, di tasse che si alzano mentre l'economia gira se si abbassano vedesi Trump in America e la loro ripresa di Borsa dal 2010, fa capire che il Governo vive fuori dal Mondo, o per lo meno in un Mondo tutto loro che non è il nostro. Altrimenti perchè la classe operaia ha cominciato a votare destra, solo per ripicca? No, perchè dove governa governa bene e le cose funzionano, soprattutto nel controllo del territorio e nella sanità. La Sinistra se va avanti così, perderà giorno dopo giorno voti, e senza anima e senza meta e va dolcemente verso un'inesorabile il declino.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 16/11/2019 - 09:26

Livia Turco in auge da quando arrivarono i primi migranti, anzi meglio dire i primi invasori, i primi clandestini, che furono gli albanesi, Che condannarono i blocchi delle nostre guardie costiere dopo quel fatto dell'affondamento di un a nave albanese piena di clandestini.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 16/11/2019 - 09:28

Bella faccia tosta la Turco. Aiutare i deboli non vuol dire assistere chi vuole farsi assistere, facendolo pagare a chi onestamente se li suda i quattrini.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 16/11/2019 - 09:37

Le spiegazioni della signora Turco sono formalmente ineccepibili, il problema è che sono simili ad una paradisiaca isola tropicale in mezzo ad un oceano in perenne tempesta quello che ha rimarcato il sig.r Rampini che dichiara di non "essere più italiano" quando cammina per le strade della "sua giovane" Bologna.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Sab, 16/11/2019 - 09:42

Grande Rampini. Uno dei pochi - di sinistra? - che capisce come stanno effettivamente le cose. E, uno che capisce le durature cose, evidentemente non può essere definito di sinistra. Perché capire le reali cose del mondo ed essere di sinistra è atto di per sé inconciliabile. Lo sentenziano Logica e Storia.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 16/11/2019 - 09:44

Noi potremmo lavorare solo 6 ore al giorno ed anche meno per chi guadagna molto, e potremmo andare in pensione a 60 anni, ma per mantenere la moltitudine di parassiti che lei chiama, i deboli, prima si continua a lavorare molte ore al giorno e poi non si sa quando vorrebbero che andassimo in pensione, per dare la possibilità di darla anche a chi non ha mai contribuito.

giovanni951

Sab, 16/11/2019 - 09:49

sto lggendo “la morte della sinistra” e dico che la veritá fa male si sa...,ma se uno fosse un tantino intelligente ne farebbe tesoro e prenderebbe provvedimenti. Ma la sinistra e l’intelligenza nella stessa frase confliggono.

Tommaso_ve

Sab, 16/11/2019 - 09:55

Sfido Livia Turco a ripetere queste parole ai cittadini di Amatrice e dintorni. Senza vergogna.

fergo01

Sab, 16/11/2019 - 10:02

questi kompagni sono decisamente diventati degli arroganti presuntuosi: nemmeno quando qualcuno dei loro, com'è stato detto, con onestà intellettuale, spiega i motivi della crisi della sinistra, riescono ad avere un minimo di umiltà. loro sono sempre i migliori a prescindere. non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, mai adagio fu piu azzeccato

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 16/11/2019 - 10:12

Due personaggi da bannare.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 16/11/2019 - 10:34

...."La Turco, inoltre, sostiene che bisogna opporsi all’odio dimostrando che “insieme si può”...."YES WE CAN"!Fino a quando gli "italiani" continueranno a votare partiti "accoglienti"?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 16/11/2019 - 11:01

Ecco un'altra anima bella e sinistra. 10, 100, 1000 Turco! Gli dei accecano coloro che vogliono perdere.

vince50

Sab, 16/11/2019 - 11:09

"dimenticando il popolo che vive nel degrado".Si continua a non capire,e sopratutto a non capire l'ideologia rossa.Non si sono affatto dimenticati del popolo nel degrado,anzi esattamente l'opposto.Ne hanno estremo bisogno per illuderli di essere i loro eterni difensori.Li amano talmente tanto da crearne sempre di nuovi,soltanto in questo si renderanno utili

Ritratto di adl

adl

Sab, 16/11/2019 - 11:44

....elogio a Rampini, che in definitiva dice alla sua stessa parte politica gli errori commessi ragionando in termini di comune di buon senso. Ergo la democratica Livia Turco, non lo dice se non tra le righe ma lo reputa come un "becero" sovranista divisivo alla Salvini, e non accetta le pur giuste critiche del giornalista repubblicomane. E' la solita democrazia polpottiana di SINISTRATISSIMA SINISTRATIA della inclusività ANTI ITALIANA con i portafogli e con i sacrifici degli xenofobi razzisti fascisti.

Ritratto di illuso

illuso

Sab, 16/11/2019 - 11:47

Mah... diversi giornalisti opinionisti di centro sinistra scrivono o ammettono quello che ha asserito Rampini. La direzione del PD cambierà direzione? Forse si tra una decina d'anni. Arrivano sempre in ritardo come la coda dell'asino.

linea56

Sab, 16/11/2019 - 12:11

Un sinistro che ammette le colpe della sinistra:chapeau Giuseppe

caren

Sab, 16/11/2019 - 12:15

Questa è nuova. Adesso per la Sig.ra Turco, la sicurezza si garantisce con le belle parole, le iniziative lodevoli, abolendo il Dl sicurezza di Salvini, e via dicendo. Ma i fatti, e i risultati di certa politica, stanno a zero.

Ritratto di ateius

ateius

Sab, 16/11/2019 - 12:53

non riescono a capirlo. non sono capaci. neanche se a spiegarglielo è un un vecchio lucido giornalista dell'ex partito comunista.- no n ci resta che attendere che sia la Storia a cancellarli definitivamente con il voto popolare.- e nel frattempo impedirgli in tutti i modi possibili di fare altri disastri.-

mozzafiato

Sab, 16/11/2019 - 13:07

Non conoscevo approfonditamente Rampini: ho imparato ad apprezzarlo nella trasmissione serale dell'ottima Palombelli: lui è la prova vivente che persino la sinistra può partorire intellettuali capaci sapienti ma soprattutto obiettivi! Ovvio che non condivido tutto ciò che Rampini afferma ma non posso non apprezzare le sue opinioni, su molti giudizi che esprime: ovvio che pure lui, (ad esempio, come G. Pansa ed il grande comunista R.De Felice) non può sottrarsi impunemente alla legge stalinista del "kompagno traditore" se solo osa SCRIVERE VERITÀ STORICHE E NON, SCOMODE "AL PARTITO"! Ora il vento a sinistra è tornato a spirare dalla vecchia cara unione sovietica e la mano del grande padre stalin è tornata a farsi pesante!

aldoroma

Sab, 16/11/2019 - 13:49

Rampini dice solo LA VERITÀ

GeoGio

Sab, 16/11/2019 - 15:47

La pensionata dóro Turco fa del volontariato pro invasione. Che non si annoi