Re Felipe "incorona" l'europeista Tajani

Premio al presidente del Parlamento Ue, che lo dà in dono ai terremotati

In passato era toccato a statisti come Helmuth Kohl, Michail Gorbaciov e Felipe Gonzalez. Quest'anno a essere insignito del premio Carlo V è il presidente del Parlamento europeo, l'italiano Antonio Tajani. Re Felipe VI di Spagna ha consegnato l'onorificenza al politico azzurro ieri, 9 maggio, Giornata dell'Europa, nel monastero di Yuste, in Estremadura, come riconoscimento per il contributo allo sviluppo dei valori e dell'integrazione europei. Nel suo discorso Tajani ha offerto uno sfoggio di europeismo, difendendo i «valori che hanno reso l'Europa la regione più libera e prospera al mondo», valori da riaffermare, sempre e senza eccezioni, «dinanzi agli egoismi nazionalisti, a chi vuole costruire frontiere, e a coloro che intendono distruggere il nostro senso di unità e la nostra democrazia». Tajani ha deciso di devolvere i 30mila euro ai terremotati del Centro Italia. «Non basta ma è un gesto simbolico per ricordare che l'Ue è innanzitutto solidarietà» ha spiegato il presidente dell'Europarlamento nel destinare i fondi ad Arquata del Tronto, Norcia e Accumoli, colpiti dalle scosse del 2016. Subito sono arrivati i ringraziamenti dei sindaci.

Commenti

fr4nk18

Gio, 10/05/2018 - 10:43

Ricevere un premio da un personaggio che e 'contro la liberta' dei popoli un fascistello da strapazzo che se non fosse di una certa famiglia sarebbe a raccogliere sabbia in mare non mi pare una cosa di essere fieri liberta' per la catalogna

Demetrio.Reale

Gio, 10/05/2018 - 11:42

«dinanzi agli egoismi nazionalisti, a chi vuole costruire frontiere» E questo sarebbe di centro destra...sembra un sermone della boldrini